Il primo sito di Annunci erotici italiano, scambio coppie, racconti ed esibizionismo.       Siamo 507.614        Ora online 24.860        WebCam Chat: 236
Entra




Torna all'indice dei Racconti Erotici orge

orge


GIOCHI EROTICI DI GRUPPO

           di sottodite

 Scritto il 25.08.2010    |    Letture: 27.354  |    Votazione 4.5:

"Solo che quel sabato erano un po’ svogliati ed avevano tutti e otto voglia di vivere qualcosa di nuovo..."
Erano quattro coppie di amici: un militare di carriera di 32 anni, Giovanni con la bella moglie dai ricci capelli neri, Carmela; un direttore di banca: Giuseppe ed Orietta, la sua bionda compagna coetanea di 36 anni, dalla pelle bianchissima ed immacolata; Oreste, di 41 anni, un operaio meccanico di carrozzeria, molto macho e volgare, con Elena, la bella moglie castana, di 25 anni, molto più giovane di lui, molto sottomessa; Daniele, di 35 anni, con Luisa, una splendida ragazza bionda di 23 anni. Giovanni era un ragazzone bruno e riccioluto, allegro e divertente, romanissimo, robusto e virile, aveva 47 di piedi, pur non essendo molto alto. Giuseppe, un monello calabrese dalla pelle scura, magro e ossuto, occhi nerissimi, piede 46. Oreste, varesotto, alto, magro, brizzolato, con occhialini da intellettuale, l’intellettuale perverso del gruppo, piedi 48. Ed infine Daniele, veneto di Padova, completamente calvo, con barbetta, occhi verdi e maliziosi, altissimo, piedi 49, enormi! Spesso si ritrovavano, al sabato, a casa di una delle coppie, per vivere situazioni erotiche di gruppo, pur essendo molto diversi per gusti ed estrazione sociale, ma proprio questa diversità arricchiva le loro fantasie erotiche e scambio delle rispettive donne. Erano, infatti, molto amici e molto affiatati anche nel sesso. Solo che quel sabato erano un po’ svogliati ed avevano tutti e otto voglia di vivere qualcosa di nuovo. Oreste, il più depravato e volgare di tutti, un vero tamarro, essendo anche il più avanti d’età, dette lo spunto: aveva visto in Internet in un sito particolare, un gioco di gruppo, dove dei maschi dovevano gareggiare e far venire, insieme, una donna, masturbandola solo coi piedi. Poteva essere un gioco nuovo da provare quella sera, con premi e punizioni finali per i perdenti. Dettarono le regole: a sorte, ognuno di loro, scambiandosi le rispettive donne, a coppia, dovevano con tutti e due i piedi, far venire una sola donna prima dell’altra, masturbata e titillata a sua volta dai due piedi dell’altra coppia di maschi. La donna doveva cercare di resistere e cercare di venire il più tardi possibile, sebbene sollecitata dai piedi dentro la figa. Coi piedi sarebbe stato più difficile trovare il punto sensibile nel fondo della fregna.
Vennero quindi scelte Orietta e Luisa, che erano le più difficili e lunghe a venire nell’orgasmo. Le altre due, Carmela ed Elena, sarebbero state il premio dei vincitori, da spupazzarsi a proprio piacimento; mentre la coppia di maschi perdente sarebbe stata umiliata, dovendo prenderlo nel culo dai due maschi vincenti e infine spompinarli, cosa che sarebbe stata la prima volta a succedere nel gruppo. Accettarono tutti con molta voglia ed eccitazione. Si formarono le coppie di maschi: Giovanni, piede 47 fece coppia col perverso Oreste, piede 48, l’intellettuale fantasioso macho e volgare; mentre il calabrese Giuseppe, piede 46, si mise per lavorare di piedi con Daniele, il veneto, piedi enormi 49! Una bella sfida. Vennero sorteggiate le donne: Orietta toccò a Giuseppe, suo marito, e Daniele, mentre Luisa a Giovanni ed Oreste. Le due donne, completamente nude, con in bella mostra le fessure dorate delle belle fregne, perché erano bionde, si misero ritte in piedi davanti ai due uomini preposti al loro trastullo, i quali, toltisi le scarpe e le calze, nudi anch’essi, preparavano i grossi piedoni, sgranchendosi i diti, pronti per lo sforzo ginnico al ma sturbamento. Al via, le due donne, che sarebbero state le prede dei vincitori, iniziarono a prendere il tempo col cronometro: i maschioni iniziarono, coi grossi piedi, a titillare le fregne davanti a loro; Giovanni ed Oreste, consultatisi prima sul da farsi, optarono per una tattica sottile e perversa, nello stile di Oreste: Giovanni coi diti di un piede, aprì la fregna di Luisa, e tenutala slargata il più possibile, iniziò a penetrare prima coll’allucione dentro, poi pian piano, il più possibile, immerse anche uno ad uno gli altri diti, fino a far sprofondare nella figa quasi tutto l’enorme piede 47, mentre i diti dei piedi di Oreste titillavano e stuzzicavano il clitoride di Luisa, che iniziò a bagnarsi. Invece, Giuseppe e Daniele puntarono sulla grandezza e l’enormità dei loro piedoni: insieme aprirono coi loro piedi la fregna di Orietta, fino a slargarla il più possibile, poi insieme immersero i loro altri due piedoni dentro fino in fondo il più possibile, cosicché Orietta dovette contenere, e si sentiva tutta riempita dai due enormi e lunghi piedi che la masturbavano e la sgranavano, aprendola e slargandola fino all’inverosimile. I quattro maschi si divertivano da matti a vedere le loro donne squartate, riempite, sgranate e bagnate dall’eccitazione, e si davano da fare a muovere i loro piedoni dentro le fighe riempite di buona lena, per cercare di farle venire il prima possibile, e ridevano sadici anche del dolore che procuravano, in quanto contenere dei piedi così enormi non era cosa da poco per due fighe normali come quelle delle due povere femmine. Le donne cercavano di resistere, anche se erano sbattute e si agitavano irrefrenabilmente ai movimenti forsennati e violenti dei piedoni dei loro maschi immersi nella profondità delle loro vagine aperte. Luisa, sollecitata anche dai diti dei piedi di Oreste sul clitoride era la più eccitata e resisteva a stento per non venire, essendo sollecitata in due punti della sua vagina slargata. Le due donne erano bagnatissime e gli umori femminili sgorgavano in abbondanza, bagnando i piedi immersi dentro, ed uscendo fuori a bagnare anche le cosce e le gambe delle femmine. Le due donne iniziarono a gemere di piacere e di dolore, sdilinquendosi. I maschioni erano soddisfatti del piacere che stavano provocando alle proprie femmine ed erano eccitatissimi, le loro nerchie si ergevano dritte, dure e puntute verso l’alto, enormi e pronte all’uso, già bagnate sulla punta e pronte per sborrare! Era uno spettacolo eccitantissimo!!
Ad un certo punto, anche Oreste, penetrò coll’altro piede dentro la figa di Luisa, continuando, però a titillare il suo clitoride lo stesso, e immergendo fino in fondo il piedone nella fregna, dentro a gara con Giovanni, unì il suo piede con quello di Giovanni, cercando di farsi posto dentro la fregna, cosicché i due piedoni dentro, quello di Oreste e quello di Giovanni si trovarono accanto a gareggiare e a pompare insieme nella fregna sgranata. Ma ebbero la meglio i due piedoni di Giuseppe e di Daniele, che avendolo enorme, 49! ed in più avendo due piccoli e duri calletti sui diti, uno sull’alluce, l’altro al lato del medio, giocò soprattutto con la durezza dei due calletti, a sfregare senza pietà l’interno della fregna di Orietta, torturandola per bene, ma proprio per questo sollecitandola all’orgasmo con più sottile dolore e riuscirono a far venire prima Orietta, che si accasciò, lasciandosi andare al violento orgasmo, e bagnandosi a più non posso. I due vincitori, spietati ed esaltati dalla vittoria, non smisero di pompare dentro la figa di Orietta, appena venuta, e la sollecitarono ancora con prepotenza, mentre Daniele continuò a sfregare i calletti sui diti dei piedi dentro la pelle sensibile della fighetta in calore, tanto che la fecero venire ancora subito un’altra volta, facendola gridare dall’immenso piacere. Vittoria!!! Avevano vinto loro e toccava a loro punire i vinti Giovanni ed Oreste! Si presero con violenza le loro prede, eccitatissimi e con le enormi nerchie in tiro, sfondarono le fregne di Carmela ed Elena, mentre costrinsero i vinti, Giovanni ed Oreste, umiliandoli, a leccare i loro piedoni sudati, stanchi e bagnati di umore femminile, fino a completa pulizia, mentre pompavano le due donne, fino a sborrarvi dentro. Daniele con gusto sadico, si fece ciucciare dai due maschi umiliati i calletti sui diti dei piedi, provando un immenso sollievo misto a strano e mai provato piacere, visto che si faceva omaggiare per la prima volta da due altri maschietti umiliati e sottomessi. Finito questo, incularono i maschi vinti, non con un po’ di fatica, dato che per loro era la prima volta a prenderlo dentro il culo. Dopo che ebbero eiaculato dentro i culi sverginati dei maschi umiliati, che gridavano dal dolore e dall’umiliazione provata per la prima volta nella loro vita, si fecero anche spompinare e facendo ingoiare tutto in gola il loro sperma colloso e ancora abbondante, nonostante fosse la terza sborrata. Li costrinsero a bere tutto, poggiando i loro piedoni vincitori sulla loro testa ed obbligandoli così ad un’ulteriore umiliazione e sottomissione. Questa fu la loro prima esperienza coi piedi, che continuarono a vicenda ad esercitare, perché molto li aveva eccitati e divertiti, ed ogni volta che si incontrarono in futuro per fare le orge di gruppo, non mancarono di continuare a gareggiare nella masturbazione delle donne coi piedoni, a rotazione, e vincendo a turno, scambiandosi i ruoli nell’accoppiarsi, nel vincere e nel sottomettere gli altri maschi vinti, inculandoli e facendosi sempre spompinare coll’ingoio.


P. S. Se qualche gruppo di coppie volesse provare a fare un’esperienza del genere, per la prima volta o anche volesse provare con me, scriva subito a [email protected] ed io sarò sottomesso ai vostri voleri e ai vostri giochi di coppia!!!
.


Votazione del Racconto: 4.5
Ti è piaciuto??? SI NO


Disclaimer! © Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore.
Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.



Commenti per GIOCHI EROTICI DI GRUPPO:




Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in orge:



SexBox




Sex Extra