Il primo sito di Annunci erotici italiano, scambio coppie, racconti ed esibizionismo.       Siamo 508.563        Ora online 40.446        WebCam Chat: 140
Entra




Torna all'indice dei Racconti Erotici trio

trio


Al mare con il mio amico e relative mogli.

           di francy_1952

 Scritto il 06.01.2012    |    Letture: 18.551  |    Votazione 8.9:

"" " E perché non ti sei fatta inculare ? " " Perché sono tua moglie, e ho dei doveri nei tuoi confronti che sei mio marito, e volevo che fossi presente..."
Mi chiamo Guido ho circa 50 anni, sono sposato con Francy di circa 10 anni più giovane di me, bella donna che cura molto il suo aspetto, come tutte le vere femmine è esibizionista e quindi dimostra di essere molto più giovane, non disdegna le attenzioni di altri uomini, anzi, direi che se le cerca, la qual cosa a me non dà per niente fastidio, anzi, sono orgoglioso, del fatto che piaccia anche ad altri e che qualche volta li faccia anche godere, per soddisfarli e dimostrare le sue potenzialità, facendomi vedere quanto è puttana. Quell’anno eravamo andati in ferie al mare con una coppia di vecchi amici nostri coetanei, Michele e Giada, ma la sera appena arrivammo Giada ebbe una telefonata dai suoi genitori che non stavano bene, per cui doveva tornare indietro. Michele voleva accompagnarla, ma Giada disse a Michele di restare, e non rovinarsi le ferie anche lui anche perché era certa che dopo uno o due giorni sarebbe ritornata da noi. La sera,
dopo aver cenato, andammo a letto e siccome io e Francy avevamo voglia di scopare, come al solito, per eccitarci prima di scopare cominciammo ad immaginare che a fianco a Francy non ci fossi io ma un altro. Questo tipo di eccitazione la usiamo sempre, in quanto a mia moglie piace immaginare di scopare con un altro usando me, e a me piace vederla troia fino al punto da essere usato da lei per immaginare di scopare con altri, più di suo gradimento. E quella sera, forse perché in casa eravamo solo in tre, mentre stavamo scopando, Francy mi chiamava Michele incitandomi a chiavarla e a dargli il cazzo, e per giustificare il suo essere zoccola, arrivava al punto da dire che io come marito a letto non valevo un cazzo e che ce lo avevo anche piccolo per una donna come lei, e che quindi per godere aveva bisogno del suo cazzo, riempiendomi di corna. Anche lo scorso anno lo avevamo fatto immaginando di scopare col bagnino che le piaceva tanto, ma poi si fece scopare veramente, prima da sola nella cabina del bagnino, e poi se lo portò a casa dicendomi di lasciarle la casa libera per poter scopare liberamente, scopate che poi mi raccontava dettagliatamente facendo sborrare anche me, poi cominciò con il farmi assistere soltanto alle sue scopate e io sborravo per terra, poi cominciò col farmi avvicinare per avere dentro di sè due cazzi insieme e si faceva sborrare da tutti e due insieme. Infatti quest’anno era tornata sperando che ci fosse ancora lui, rogrammando un sacco di scopate sia da sola con lui, che con me presente soltanto, o partecipante anche. Quando finimmo di scopare gli chiesi
" Veramente hai goduto immaginando Michele al mio posto ? "
" Certo, mi sarebbe piaciuto molto di più, con te ormai è minestra riscaldata, invece con lui avrei certamente provato cose nuove, sai, un cazzo nuovo che entra nella mia fica può toccare delle parti che magari non sono mai state toccate, e poi sentirmi trattata da puttana anche da lui che conosciamo da anni sarebbe eccitante, perché tutte le volte che verrebbe a trovarci certamente non perderebbe occasione di toccarmi o farsi toccare o magari chiavarmi proprio "
" Sei proprio una grandissima zoccola "
" Hai qualcosa da dire ? mi hai messa in croce per anni perché diventassi una troia e ora hai da ridire ? "
" Ma no amore cosa hai capito ? ti sto facendo un complimento, lo sai che ti voglio bene proprio perché sei una grandissima zoccola "
" Ma ora con Michele come la mettiamo ? come credi di farti chiavare anche da lui ? "
" Domani quando andiamo al mare, vista che non c’è quel troione della moglie, intanto mi metto quel costumino da puttana che mi comperasti "
" Quale ? quello che a malapena ti copre i capezzoli? e lo slip è talmente sgambato che ti va a finire fra le labbra della fica mettendola tutta in vista con tutto quel bel pelo e da dietro c’è solo un filino e ti si vede anche il buco del culo ? "
" Certo proprio quello "
" Figurati come si arraperà ? "
" E non è quello che vuoi ? "
" Certo e poi ? "
" Poi io ti chiederò di spalmarmi l’olio abbronzante, tu mi dici che non vuoi sporcarti, e lo chiedo a lui e ti farò vedere come e dove me lo farò spalmare, e poi vedrai che tutto verrà in automatico "
" Ma gli dirai che io sono d’accordo ? "
" Non cominciare a rompere i coglioni ora, prima me lo scopo da sola, al limite ti avviso e ci vieni a spiare, e poi vedrò come coinvolgerti "
" Ok "
Ci mettemmo a dormire, il mattino dopo, ci alzammo e poi cominciò a prepararsi per andare a mare, si mise proprio quel costume, buona parte dei peli spesso uscivano, e lei chiese a Michele, se stava bene, e Michele disse
" Sai a quanti glielo farai diventare duro con quel costume ? "
" Ma me piace vedere il cazzo degli uomini che diventa duro come mi vedono e anche a mio marito. immagina, lo scorso anno c’era un bagnino che tutte le volte che mi vedeva gli diventava duro ed era costretto ad aggiustarselo negli slip, io lo vedevo e lo facevo apposta facendogli vedere ora i seni e ora la fica, aveva anche un bel cazzo lungo e duro, e glielo feci notare anche a mio marito, insomma alla fine
con questo ci ho scopato e mi ha fatto sborrare l’intera estate, ma quest’anno purtroppo non c’è."
" E tu Guido non dicevi niente che tua moglie si faceva scopare dal bagnino mettendoti le corna ? "
" Ma no, non erano proprio corna, perché sì una decina di scopate se le sono fatte da soli, però poi mi raccontava tutto. Poi mia moglie volle che fossi presente alle loro chiavate, e una volta mi ricordo che mentre il bagnino se la inculava a me fece un bocchino, tanto, se io non avessi voluto, lei avrebbe comunque trovato il modo per chiavarselo vero amore ? "
" Certo, e che mi perdevo una mazza del genere ? "
Dopo si ciò ci avviammo al mare, Michele di tanto in tanto gli diceva di aggiustarsi il costume, ora perché i capezzoli uscivano, ora perché usciva un labbro della fica con tutti i relativi peli. Arrivati al nostro ombrellone io mi sedetti sulla sedia e lei si distese a prendere il sole, ma con il costume composto che copriva giusto i capezzoli e le labbra della fica.
Poi mi chiese di spalmargli l’olio abbronzante e come d’accordo gli dissi di no, e lei si rivolse a Michele che non se lo fece ripetere. Michele stava disteso accanto a mia moglie, ma al contrario, e quindi per lui fu facile passargli l’olio sulle gambe, e volevo vedere quando arrivava all’inguine, vidi che il quel punto si soffermava di più, poi feci finta di addormentarmi e vidi che mentre Michele stava con le dita nel suo inguine, mia moglie spostò gli slip e disse in silenzio “mettimele dentro quelle dita vedi come ce l’ho bagnata“. Michele lo fece e poi se le leccò, a lei la cosa piacque e la posizione in cui stavano distesi al contrario, la facilitò nell’allungare una mano nello slip di Michele prendendogli il cazzo in mano già duro, tant’è che la cappella era uscita da fuori da sola, lei lo tirò tutto fuori, lo scappellò e disse
" Lo sapevo che avrei trovato le prime goccioline di sborra che sono le più saporite "
" Ma dai se si sveglia tuo marito cosa penserà ? "
" Non preoccuparti non si sveglia continua a farmi quel meraviglioso ditalino che mi stai facendo e affondale nella fica quelle due dita ti prego dai che sborro dai daiii ah che bella sborrata, qui in presenza di tutti e sopratutto in presenza di questo cornuto che non fa altro che dormire. "
" Ma tu pensi che se si fosse svegliato, m’avrebbe detto qualcosa vedendomi con le dita nella fica della moglie mentre la stavo masturbando e mentre mi incitavi ad affondarle di più ? E poi vedendoti anche scappellare il mio cazzo ? "
" No Michele, te l’ho detto gli avrebbe fatto piacere. "
Io facevo sempre finta di dormire e sentii mia moglie dire a Michele, senza che gli altri se ne accorgessero, “ dai avvicinati un’altro po’ a me che riesco anche a leccartelo “ e Michele lo fece, era eccitante vedere in pubblico mentre Michele aveva le dita nella fica di mia moglie e mia moglie che glielo stava leccando, dicendo che era buono. Ad un certo punto Michele disse
" Andiamo in acqua e ti faccio vedere una cosa"
Si alzarono, lei ormai il reggiseno non ce lo aveva più, si aggiustò il pezzo di sotto e mano nella mano si avviarono verso il mare, il bello era che lo facevano spudoratamente, nonostante i nostri vicini sapevano benissimo che io ero il marito, infatti cominciarono a guardarli in modo strano, e guardavano in modo strano anche me, che facevo finta di dormire, e credo che mi indicarono come un cornuto con la moglie puttana in quanto vidi uno di loro che mentre parlava di me, fece il segno delle corna e mentre indicava mia moglie faceva il segno di chiavare a pugno chiuso. Li vidi entrare in acqua, poi, quando l’acqua arrivò all’altezza della vita, vidi mia moglie che si mise di fronte a Michele, lo abbracciò e lo baciò a lungo, poi evidentemente si punse il piede con qualcosa, in quanto la vidi abbracciarsi a Michele avvolgendosi con le cosce alla sua vita, ma vidi anche che si muovevano in modo strano, quasi come se stessero chiavando, ma non poteva
essere in quanto ogni tanto qualcuno gli passava accanto, poi vidi mia moglie che si stringeva di più a lui lo abbracciava forte, poi da come aveva la bocca sembrava che stesse godendo e vedevo Michele che sembrava stesse dando colpi di bacino verso la fica di mia moglie, poi si baciarono ancora e vidi mia moglie che mise i piedi per terra si aggiustò il pezzo di sotto del costume, forse in quella posizione si era
spostato da solo e mi venne incontro, mentre Michele sembrava che avesse il cazzo in mano forse si stava masturbando, forse mia moglie non aveva voluto masturbarlo perché c’ero io, poi mia moglie mi raggiunse e disse
" Sta arrivando Michele tu fai finta di dormire, perché noi ce ne andiamo in stanza che vogliamo chiavare meglio "
" Come chiavare meglio ? "
" Non hai visto che mi ha chiavata in acqua ? "
" In acqua ? "
" Non hai visto quando stavo abbracciata a lui ? e il suo cazzo dove stava ? "
" Nel suo costume suppongo, o l’ha tirato fuori quel porco ? te lo ha fatto vedere ? "
" Dai non fare il coglione, che già quando stavamo qui e mi stava spalmando la crema, cosa credi che non me ne sia accorta che facevi finta di dormire per lasciarci fare i cazzi nostri ? e mi hai vista benissimo con il suo cazzo in mano e poi quando gliel’ho succhiato, mentre lui aveva due dita nella fica di tua moglie "
" E in acqua invece cosa ha fatto ? "
" Ti sta eccitando la cosa vero ? lo vedo dal tuo cazzettino che ti sta diventando duretto "
" Allora me lo vuoi dire dove stava il cazzo di Michele quando stavate in acqua ? "
" Nella fica di tua moglie, guarda cornuto, dalla fica mi sta uscendo acqua e sborra di Michele, ora fai finta di dormire che sta arrivando e ti lasciamo qui e andiamo in camera a chiavare."
Arrivò Michele e gli disse
" Il cornuto dorme ancora ? "
" L’importante che stia sveglio tu, dai andiamo in stanza non ce la faccio più, voglio sedermi con la fica sul tuo cazzo e sentirlo tutto dentro, prima in acqua mi è piaciuto sopratutto perché anche gli altri hanno capito che stavo chiavando con te nonostante avessi mio marito a pochi metri, ma non riuscivi a ficcarmelo tutto dentro."
Sentire mia moglie che parlava come una grandissima zoccola mi eccitava da morire, non vedevo l’ora che andassero via per saperla e immaginarla a godere seduta sul cazzo del mio amico. Dopo circa un’ora li vidi tornare sorridenti, e un po’ stanchi mia moglie mi venne vicino mi baciò stranamente sostando con la lingua nella mia bocca che aveva un sapore strano e poi indicando Michele disse:
" Amore sai cosa ha fatto questo monello ? "
" Cosa ? "
" E si, tu dormi sempre "
" Amore io mi sono addormentato mentre Michele ti stava passando l’olio abbronzante e poi mi sono svegliato poco fa e non vi ho visti ".
" Allora hai visto Michele come stava disteso accanto a me ? al contrario di come stavo io ? "
" Certo "
" Hai visto che mi stava passando l’abbronzante sulle cosce ? "
" certo "
" poi hai visto che mi metteva anche due dita nella fica ? "
" ma dai amore, tu stavi a cosce spalancate, e poi con l’olio è facile che siano scivolate nella fica "
" sì ma lui ha cominciato a farmi un ditalino "
" mbè se lo ha fatto vuol dire che ha visto che ti stava piacendo "
" questo sì, perché stare qui in tua presenza, con le dita del tuo amico nella fica, mentre anche qualche altro stava vedendo la scena, giudicando me una grandissima zoccola che si faceva masturbare dall’amico in presenza del marito e te un grandissimo cornuto che mi lasciavi fare, era eccitante."
"Quindi come vedi non è colpa sua, è stata la circostanza, vabbè e poi ? "
" Poi lui si è avvicinato di più con il cazzo vicino alla bocca e gliel’ho leccato un po’"
" E poi ? "
" Vedi Michele che mio marito non sta dicendo niente che te l’ho preso in bocca ? vedi come gli sta diventando duro sapendo che tu avevi le dita nella fica della moglie che ti stava leccando il cazzo in pubblico con il pericolo che mi vedessero anche gli altri e lo giudicassero un grandissimo cornuto ? "
" Vabbè vai avanti "
" Poi avevamo troppa voglia e siamo andati in acqua e me lo ha messo tutto nella fica e mi ha fatta sborrare tre volte in acqua."
" E vi ha visti qualcuno ? "
" Sì "
" Quindi si sono accorti che sei una zoccola, e poi ? "
" Poi siamo venuti qui, tu dormivi e noi siamo andati in camera e lì ha voluto che gli facessi un bocchino con ingoio e poi mi ci sono seduta io con la fica suo cazzo e mi ha fatta sborrare ancora."
" Quindi ora sei sazia, dovresti ringraziarlo Michele e non rimproverarlo. "
" Sì ma lui ora vuole mettermelo anche nel culo "
" E tu non vuoi ?"
" Io non vedo l’ora di farmi aprire il culo da lui."
" E perché non ti sei fatta inculare ? "
" Perché sono tua moglie, e ho dei doveri nei tuoi confronti che sei mio marito, e volevo che fossi presente."
" Amore mio ti amo, quindi ora non vedi l’ora di prendertelo nel culo ? "
" Certo, infatti siamo venuti qui per invitarti a venire con noi e vedermi mentre me lo faccio sbattere nel culo da Michele. "
" E allora che stiamo aspettando andiamo no ? "
Mi alzai e con loro mi avviai verso casa, mentre camminavamo mia moglie indicandomi un bel ragazzo disse
" Vedi quello che si sta toccando il cazzo e mi sta sorridendo ? "
" Certo "
" Quello lo sa che sei un cornuto "
" E come fa a saperlo ?"
" Perché prima mi ha vista in acqua mentre mi stavo facendo scopare da Michele, poi mi ha vista con lui che stavo mano nella mano che stavamo andando in casa a chiavare e avevo il seno completamente da fuori e buona parte dei peli della fica che erano rimasti fuori mentre Michele mi chiavava in acqua e ora mi sta vedendo con il tuo braccio sulla spalla, e lo sa che sei mio marito, e accanto a me c’è quello con il quale ho appena finito di chiavare. E sinceramente quest’anno se non ci fosse stato Michele, visto che il bagnino dello scorso anno non c’è, mi sarei fatta chiavare da lui, anche se farmi chiavare da lui e da Michele insieme non mi dispiacerebbe, magari mentre tu mi fai delle foto."
" Mbè non sarebbe male."
" Sei proprio un cornuto, hai visto Michele quant’è cornuto mio marito ? "
" E tu Michele hai visto quanto è zoccola mia moglie ? "
" Ma voi due state bene insieme, siete veramente una bella coppia."
" Lo so, per questo ne vado orgoglioso di mia moglie, proprio perchè tutti i coloro i quali se la sono chiavata, sono rimasti tutti contenti "
Arrivati in casa mia moglie si sedette sul letto con i seni fuori, chiamò Michele in piedi accanto a sé, gli tirò il cazzo fuori e cominciò a leccarselo dicendomi
" Amore hai visto com’è lungo ? Vedi come glielo faccio diventare duro slurp slurp slurp e buonissimo amore, visto che sta diventando duro anche a te vedendomi con il cazzo del tuo amico in bocca, avvicina anche il tuo che ve li lecco insieme "
Vedere la propria moglie con due cazzi in bocca, di cui uno è anche il tuo è una cosa eccitante al massimo, presi la macchina fotografica e cominciai a fotografarla mentre ce lo leccava e succhiava. Passava con naturalezza da una cappella all’altra ma non lo lasciava mai dalle mani, mentre uno lo sbocchinava con l’altro si accarezzava la guancia e poi se li scambiava in bocca, ce lo fece diventare durissimo a tutti e due, se ne accorse e ci chiese di sborrargli in bocca e in faccia insieme, e noi lo facemmo, mentre insieme a Michele gli dicevamo
“ Bevi puttana, tieni zoccola bevi tutto “
E gli spruzzi della nostra sborra gli andavano a finire in faccia, su i capelli, sugli occhi mentre lei posizionava la bocca, perché almeno uno di noi due gli sborrasse in bocca e alla fine aveva la bocca e la lingua bianca di sborra mia e di Michele e il viso colava sborra da tutte le parti e volle che la fotografassi così come un gran puttanone. Dopo di ciò ci baciò a tutti e due passandoci un po’ di sborra nostra in bocca e andò in bagno a lavarsi il viso. Quando tornò, io e Michele stavamo commentando come ci sapeva fare mia moglie a letto e le
soddisfazioni che dava, e ci mettemmo d’accordo per continuare queste cose anche quando saremmo tornati dalle ferie. Si mise sul letto con noi e prese in bocca il cazzo di Michele e cominciò a sbocchinarlo di nuovo invitandomi a vedere se mi piaceva come lo stava sbocchinando, poi quando lo vide duro fece alzare Michele, lei anche si alzò e si mise alla pecorina dando il culo a Michele che stava dietro di lei, lei si piegò alla pecorina e poggiò le mani sul letto stando alla pecorina davanti al cazzo di Michele, mentre io continuavo a stare disteso a letto e a gustarmi la scena Michele glielo puntò sul buco del culo e lei " Dai Michele faglielo vedere a mio marito come fai sparire tutta quella mazza che hai fra le gambe, nel culo della moglie dai comincia a poggiarmi la cappella sul buco del culo che non vedo l’ora di sentire tutta la mazza dentro. Michele cominciò a spingere mentre gli diceva che era una puttana e lei sentendosi chiamare puttana anche da Michele si eccitava di più e spingeva il culo verso il cazzo di Michele ad un certo punto sentii
" Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh amore Michele mi ha rotto il culo, amore la cappella sta dentro, la vedi ? io la sento, è bellissima amore, Michele mi ha rotto il culo, sì Michele, ora comincia a spingere piano piano voglio sentire tutta l’asta dentro, dai spingi sì spingi di più, di più, di più "
" Tieni zoccola, sì sei una zoccola, sei una puttana, tieni ora te lo riempio il culo e tu cornuto guarda come mi sto inculando tua moglie te la sto riempiendooooooooooooooo "
" Si amore ha ragione Michele guarda come si incula tua moglie guarda quella grandissima zoccola di tua moglie come si fa inculare in tua presenza, dai Michele spingi spingi si si si si si si si cornuto sto sborrandooooooooooooooooooooooooo, dammi il tuo cazzo in bocca dai che ho bisogno di un cazzo in bocca mentre sborro con il culo "
Me lo prese in bocca e me lo succhiò come non mai, sembrava che se lo ingoiasse il cazzo, fa sempre così quando glielo metto in bocca e qualcuno se la sta inculando. Dopo di ciò ci stendemmo sul letto, ci riposammo un po’, e poi sazi ritornammo in spiaggia, però Francy volle quelle foto che le avevo fatto mentre io e Michele le stavamo sborrando in faccia come una puttana, e mentre Michele se la inculava e
aveva il mio cazzo in bocca, pensai che voleva vedersele in spiaggia con calma. Mentre camminavamo naturalmente vedemmo quel ragazzo che ogni volta che passava mia moglie si toccava il cazzo come se volesse digli che voleva scoparsela, e a mia moglie caddero le foto, io mi stavo piegando per prenderle e lei mi disse di lasciar stare e di andare all’ombrellone insieme a Michele e di aspettarla lì, non capii ma lo feci, dopo un po’ vidi quel ragazzo che le raccolse, naturalmente le vide e gliele dette e restarono un po’ a parlare mentre stava facendo vedere le foto a quel ragazzo, e pensai “ quanto è puttana come lo sta facendo arrapare “ quando tornò ci disse che dopo aver visto le foto gli aveva detto
" Vedo che vi siete divertiti "
" Certo stiamo qui in ferie e veniamo per divertirci "
" E qualche volta non potrei sostituire uno di questi due "
" E perché ? "
" Perchè deve essere un bel divertimento "
" Ma perché vuoi sostituire e non vuoi aggregarti a noi tre ? "
" E come faremmo ? "
" Non vedi che in questa foto ho solo due buchi tappati? vedi il mio amico me lo ha messo tutto nel culo, in quanto un cazzo del genere merita il mio culo, il cazzettino di mio marito ce l’ho in bocca, e ho la fica libera? non ti sarebbe piaciuto riempirla tu in quel momento? "
" Sei proprio una vera femmina e sei anche una grandissima zoccola "
" Ce n’è voluto, ma alla fine te ne sei accorto "
Poi mettendogli una mano sul cazzo ormai duro disse
“ Tienilo pronto in questi giorni che ora ne parlo con quel cornuto di mio marito e con il mio bull se qualche giorno facciamo partecipare anche te, anche per cambiare un po’"

Eventuali commenti a [email protected]
.


Votazione del Racconto: 8.9
Ti è piaciuto??? SI NO


Disclaimer! © Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore.
Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.



Commenti per Al mare con il mio amico e relative mogli.:




Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in trio:



SexBox




Sex Extra