Siamo 534.310         Online 38.574
   Iscriviti
Racconti Erotici > Lui & Lei > Dimmi cosa vuoi 2
Lui & Lei

Dimmi cosa vuoi 2


di GabryArcangeli
26.02.2019    |    2.687    |    3 9.9
"Sai che non posso trattenermi a lungo..."
Alle tue parole sogghigno ed afferro le tue gambe quasi con violenza, le apro e ti tiro verso di me, bacio il tuo corpo, strofino la lingua sulla tua pelle stuzzicandoti e solleticandoti. Seguendo i miei movimenti le tue mani guidano la mia testa dove vuoi. "Dimmi quello che vuoi," bisbiglio contro il tuo stomaco mentre la mia lingua serpeggia sulla tua pelle. "Dimmi cosa vuoi e lo farò. Qualunque cosa tu voglia...tutto ciò che devi fare è dirmelo," allargo ancora di più le tue gambe e mi sistemo in mezzo a loro comodamente, trattengo le mani sulle tue anche mentre cerco di attirarti ancora più vicino.
"Fammi venire..." ti lamenti trattenendo il fiato. "Per favore." "Non è sufficiente, amore...dimmi come," ti dico con calma. "Vuoi che usi le dita?" La mia mano scende a toccarti, usando le dita divido le pieghe bagnate della tua micia calda e ne faccio scivolare dentro uno per stuzzicarti.
Le tue anche si impennano per cercare di farmi toccare più a fondo. "O vuoi che usi la lingua?" e te ne do un esempio aprendo leggermente con la punta della lingua le tue labbra bagnate. Ti lamenti e cerci di avvicinarti di più, ma il mio braccio ti ferma. "Devi dirmi cosa vuoi." Prima che finisca l'ultima parola afferri la mia mano e la porti fra le tue gambe aperte, boccheggi "Le dita...
toccami." Immediatamente obbedisco al tuo comando, con una mano ti tengo aperta e con l'altra tocco la liscia, gonfia carne calda.

Alzi le anche per permettermi un miglior accesso e ti apri ancora di più. "Strofinami il clitoride..." miagoli contorcendo le anche. Con la punta del dito faccio quello che ordini, mi muovo lentamente intorno alla piccola protuberanza, di tanto in tanto ne tocco dolcemente la punta. Gemi il mio nome, rantoli per il piacere. Guardando il tuo corpo ti vedo boccheggiare, il viso arrossato, i capezzoli più duri di quanto non fossero precedentemente, le tue mani stringono e rilasciano il lenzuolo. "Toccati le tette," ordino con voce rauca. Le tue mani eseguono immediatamente il mio ordine, stringi e strofini i capezzoli, gemi il tuo piacere. Improvvisamente spingi di nuovo le anche verso l'alto. Ti guardo e vedo che mi stai osservando con intensità.

"Usa la lingua, amore... fammi venire, Gabriele." comandi. Sorrido, abbasso la testa per fare quanto richiedi. Con la lingua mimo i movimenti che prima facevo con le dita, ti stuzzico, finché ringhi verso di me, mi afferri testa, la alzi perché ti guardi negli occhi. "Non stuzzicare... succhia... e attento ai denti..." richiedi con voce ansante, spingi la mia testa dove la vuoi e piombi sul cuscino. Usando la lingua in profondità, tiro il tuo clitoride nella mia bocca e lo succhio dolcemente, colpendo leggermente la tua protuberanza con la punta della lingua. Lanci un urlo e ti strofini sul mio viso. "Oooh, proprio lì... siiii... continua... di più." borbotti. "Fammi venire."

Continuo a fare quello che desideri aumentando la pressione, portandoti verso il limite. Improvvisamente le tue mani lasciano la mia testa e raggiungono la testata del letto, l'afferrano con forza per poter spingere di più le tue anche contro la mia bocca. Con un grido spingi le tue anche definitivamente, vieni con un bagliore accecante contro la mia bocca. Il tuo dolce succo fluisce sopra la mia lingua. Continuo nella mia azione mentre rabbrividisci e ti dibatti fra le mie braccia, finché lasci la testata del letto e rilassi il tuo corpo teso. La tua mano scende e dolcemente allontana la mia testa da te.

Abbandono i tuoi fianchi, lascio che la tua schiena affondi dolcemente sul letto, mi sdraio su di te appoggiando il mio peso al mio braccio. Il tuo braccio avvolge la mia schiena e mi tiri verso di te mentre avvolgi le gambe intorno alla mia vita. "Mi dai un minuto per riprendermi, ok?" domandi sottovoce. Ripasso le ultime cose che hai fatto. Leccandomi le labbra, mi chino al tuo orecchio bisbigliando "Hai un buon sapore, Teresa." Dolcemente lecco e bacio il tuo collo. Ti sento rabbrividire tra le mie braccia, non perché non ti piaccia o per paura, ma per eccitazione. Non faccio alcuna mossa per penetrarti lasciando che il tuo corpo si riprenda dopo quell'intenso orgasmo. Presto cominci a contorcerti fra le mie braccia.

Ti guardo con un sorriso diabolico, "Siamo impazienti? Conosci le regole..." Attiri la mia testa verso di te, ti sollevi e mi bisbigli, "Conosco le regole... Se ti dico quello che voglio tu lo fai..." "Così cosa vuoi che faccia?" Stringi le tue gambe intorno a me, mi attiri più vicino. Senti la mia rigidità pigiata tra di noi contro la tua pancia. "Voglio che tu mi fotta, ora." "Sì signora." Sorrido. Facendo scivolare più in basso il mio corpo uso una mano per alzare un po' di più la tua coscia intorno alla mia vita. Catturo la tua bocca con un profondo bacio mentre spingo profondamente nel tuo corpo, sento con piacere un piccolo anelito nella mia bocca mentre entro nel tuo stretto calore umido. Abbandono la tua bocca, mi ritraggo un poco per guardare il tuo viso rosso per il desiderio.

Le mani sulla mia schiena sentono i muscoli che si preparano a muoversi, ma tu mi schiacci contro di te, "non muoverti... non ancora... è così bello sentirti dentro di me." Sento le tue dita strisciare sulla mia pelle, le tue unghie graffiare dolcemente la mia schiena. Il mio bisogno di muovermi diviene più pressante. Sai che non posso trattenermi a lungo. Stringi le gambe sempre più, alzi le anche per spingermi più profondamente dentro di te. "Ok... ora ti puoi muovere." Gemendo comincio a spingere lentamente.
Mi lasci continuare per alcuni minuti, i tuoi occhi sono chiusi, ti delizi della sensazione di sentirmi dentro di te, ma sai che muovermi lentamente è un sforzo per me. Apri gli occhi, mi vedi osservarti in attesa che tu mi dica cosa vuoi. "Più forte..." sussurri. "Per favore..." Non ho bisogno di altro incoraggiamento. Comincio a immergermi più profondamente e con più forza nel tuo corpo così ben disposto. Qualsiasi intenzione tu abbia di parlare ancora sparisce mentre mi muovo sempre più velocemente alzandoti i fianchi per penetrare sempre più profondamente nel tuo calore.

Ad ogni colpo ti lamenti e ti sforzi di prendermi tutto. Il piacere sale rapidamente in tutti e due. Le tue mani abbandonano la mia schiena ed afferrano le lenzuola in una stretta mortale. Voglio vederti come eri prima e prendo le tue mani e ti costringo ad afferrare la testata del letto. "Non toglierle," ringhio. "Stringila." Porto le mani al tuo corpo ed allargo ancora di più le tue cosce mentre spingo sempre più. Non riesci a formulare altro pensiero coerente che non sia il mio nome, e continui a mormorarlo. "Gabriele fammi venire." gridi. "Basta giochi, bambina. Resisti, non lasciarti andare...non ancora" Bisbiglio accarezzandoti la pancia, porto la mano dove tu desideri maggiormente. Accarezzandoti il clitoride con le dita ti spingo oltre il limite, sento che mi stringi sempre più forte mentre vieni con forza, urli il tuo piacere mentre continuo a muovermi dentro di te.

Lasci la testata del letto, le tue mani mi raggiungono e mi tirano verso di te. Do un'ultima dura spinta, vengo nella tua micia calda, fiotti caldi e densi ti riempiono l'utero, sento che ti agiti ancora contro di me in estasi.
Crollo su di te, esausto, aspetto che tu torni sulla terra.
Gemi, lentamente giri la testa verso di me e mi sorridi.

Gabry
[email protected]
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.

Votazione dei Lettori: 9.9
Ti è piaciuto??? SI NO



Commenti per Dimmi cosa vuoi 2:


 L'Autore
GabryArcangeli, singoli Emilia Romagna
:-)
3 settimane fa
fasialterne1976, singoli Valle d'Aosta
Semplicemente emozionante..
2 settimane fa
kaiatizio, coppie Puglia
Bellissimo racconto.....e molto..eccitante...scambiarsi....frasi..che fanno e fanno provare......piacere....che esaltano il desiderio..la complicità....oh..di il..stupendo...y .B
6 giorni fa


Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in Lui & Lei:





Sex Extra



® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.
Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni