Il primo sito di Annunci erotici italiano, scambio coppie, racconti ed esibizionismo.        Siamo 522.296        Online 55.335        WebCam Chat: 76
Entra




Torna all'indice dei Racconti Erotici Lui & Lei

Lui & Lei


L'incontro

           di Snoopy1966

 Scritto il 09.01.2017    |    Letture: 3.067  |    Votazione 7.4:

"Si strinse a me schiacciando i suoi puntuti capezzoli sul mio petto..."
Un racconto di fantasia partorita da una mente neanche troppo audace e/o perversa? No, Storia vera! Qualcosa che, forse, molti anelano, ma non osano sperare ... una "avventura" che, inaspettatamente, è accaduta a me.

Camminavo, intento nei miei pensieri, per la via del mio quartiere, con passo spedito alla meta della commissione verso cui ero diretto.
Distrattamente, in un vicolo, scorsi due ragazze: non erano bellissime, ma attraenti; specie una delle due; quella che, vedendo il mio sguardo indugiare su di lei, iniziò a sbracciarsi, invitandomi ad avvicinarmi a lei.
Tirai dritto per qualche passo ancora, cercando di dare l'impressione di non essermi avveduto dell'invito.
Mi voltai ... erano giunte all'incrocio alle mie spalle e, la tipa, ancora una volta mi fece cenno di raggiungerla.
Curiosità e timore mi assalirono: Avevo l'impressione di aver già conosciuto quella giovane donna ... mi tornò alla mente un episodio simile vissuto, forse un anno prima. Forse era la stessa ragazza che nei pressi della stazione ferroviaria della città, mi chiese se avessi voglia di fare sesso con lei. Allora, impaurito, con cortesia rifiutai.
Mi avvicinai ...

Io: "Dicevi a me?"
Lei: "Si"
Io: "Ci siamo già conosciuti?"
Lei: "Si"
Io: "Dove"
Lei "In stazione, mi sembra"
Io: "Volevi dirmi qualcosa?"
Lei "Vuoi fare?"
Io: "Cosa?"
Lei: "Sesso ... Ti piacerebbe scoparmi?"

Imbarazzato, cercai un diniego gentile: "Mi piacerebbe molto! Ma vado di fretta."
Mi guardò negli occhi e mi disse: "Ti do il numero di telefono e lo facciamo quando puoi ... Quando vuoi!"

Accettai; non mi costava nulla ... ma aggiunsi: "Non ho soldi ... se non vuoi essere pagata, va bene; dammi il tuo numero e ti chiamo."
Rispose: "Non voglio soldi ... voglio ... essere scopata!"

Aggiunse: "Me lo dai un bacio?"
Io: "Si, certo! Perché no?"

Mi avvicinai per baciarla, ma prima che lo facessi mi disse: "La vuoi toccare?"
Senza aspettare la risposta, si girò e facendomi segno di seguirla, mi disse: "Vieni ...
ti faccio vedere e toccare."

L'amica era accanto a noi e mi guardava incitandomi a seguirla.

Si infilò in un vicolo meno frequentato ... La segui e con me anche l'amica.
Trovò una rientranza dove c'era l'ingresso di una villetta; un rapido sguardo intorno e si allargò la scollatura della maglietta ...

Tirò fuori il seno e chiese: "Ti piace?"
Era sodo ... grosso ... con i capezzoli turgidi: aveva voglia; almeno così sembrava!

Ero incredulo e riuscii a dire solo "Si"

Poi si allargò i Pantacollant e vi infilai la mano.

Era bagnata come può esserlo solo chi sta per godere!

Il dito medio affondò facilmente nella fessura; gemette ... Si strinse a me schiacciando i suoi puntuti capezzoli sul mio petto.
Con le labbra sfiorò il lobo del mio orecchio; lo mordicchiò e lo leccò.

Il mio dito, ora, accarezzava delicatamente la sua clitoride e lei ansimava sul mio collo.

L'avevo fatto tante volte, ma era sempre piacevole sentire quella nocciolina gonfia, sul mio polpastrello.

Certo avrei preferito titillarla con la lingua, e giocare variando continuamente il ritmo ... ma non c'era molto tempo; eravamo in strada e da un momento all'altro poteva giungere qualcuno!

Sussurrò "Si ... così!" Poi trattenne il fiato.
Certo poteva aver finto l'orgasmo (c'è chi lo fa e sicuramente qualcuna l'avrà fatto anche con me!); Ma ... Li sotto senti pulsare e stringermi il dito: Era così brava da simulare anche quello?

Per un uomo è sempre una grande soddisfazione quella sensazione di aver dato piacere, ma lo è ancora di più non dover chiedere!

Mi guardò negli occhi ... e la sua mano si posò sul "pacco".
Sorrise compiaciuta, sentendolo "vivo" e duro.
Ero eccitato: il mio cuore batteva forte e anche il mio strumento pulsava!

Tirò giù la lampo ... Si accovacciò ... Lo tirò fuori ...
La mano scivolò sull'asta, tirando giù la pelle e scoprendo la cappella ...
Roteò attorno la sua lingua; poi fece scorrere le labbra e lo infilò nella sua bocca.
Muoveva con sapienza la lingua e quelle labbra morbide e calde che scorrevano su e giù erano più accoglienti di una calda e fradicia fregna.
Non ci volle molto ... del resto era difficile resistere in quella situazione.
Il fiotto fu potente ed abbondante e lei ingoiò con voluttuosa avidità tutto il nettare caldo!
Poi leccò ancora e succhiò ...

Sentii lo scatto della serratura del portoncino alle mie spalle ...
Pochi attimi ... Appena il tempo di ricomporci che sull'uscio apparve un vecchietto:
Chissà cosa avrà pensato, quando mi affrettai a giustificare la nostra presenza li, con la banale scusa che avevamo bisogno di un appoggio per scrivere un appunto.

Non capivo più nulla: Avevo goduto così, forse, solo la prima volta che lo avevo fatto!
E come la prima volta, anche ora, mi sentivo frastornato, appagato ... come allora, poi avrei camminato dieci centimetri al di sopra della strada!

Mentre scriveva il numero ed il nome su un bigliettino, chiesi all'amica: "Anche tu ...?"
Non so se capì che volevo scopare anche lei, magari insieme all'amica ... una cosa a tre, insomma!
Disse "SI".

Presi il bigliettino ... ci salutammo con un sorriso e la promessa che avrei chiamato e ci separammo.

Feci le mie commissioni e la giornata riprese il suo corso normale, ma per tutto il giorno percorsi e ripercorsi quei momenti.
Mi era piaciuto davvero! La volevo rivedere ... volevo scoparla ... la volevo ancora e ancora!

Si chiamava Cristina (quello era il nome che mi aveva scritto!) e la sera, tornato a casa, la chiamai.
Fu davvero una grande delusione quando al telefono una voce mi avvisò che quel numero era inesistente.
Provai e riprovai, cambiando i numeri che, magari, leggevo male ... ma il risultato fu sempre uguale.

Non l'ho più rivista, ma da allora, quella via che percorrevo sporadicamente, divenne la strada di tutti i giorni..

Votazione del Racconto: 7.4
Ti è piaciuto??? SI NO



Disclaimer! © Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore.
Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.



Commenti per L'incontro:




Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in Lui & Lei:



 SexBox




Sex Extra