Racconti Erotici > Lui & Lei > ...e lui dorme.
Lui & Lei

...e lui dorme.


di Membro VIP di Annunci69.it Oldpig49
11.03.2024    |    415    |    1 9.2
"Non esisteva più nulla intorno a me se non il corpo morbido e profumato di questa donna che, incurante del marito che dormiva a poca distanza da noi, si..."
Da un paio di mesi ero tornato ad essere singolo essendomi separato da mia moglie, Marina, dopo dieci anni di fidanzamento e un anno di matrimonio, avevo subito allacciato una relazione con la cognata della mia ex, Anna, alla quale, confidenze fra cognate, aveva confessato che i nostri rapporti sessuali avevano una notevole durata, visto il mio problemino: un notevole ritardo ad eiaculare, che rendevano le nostre scopate lunghe e alquanto piacevoli. Anna era rimasta incuriosita dai racconti di Marina e voleva “toccare con mano” quanto gli era stato riferito, con Franco, il fratello della mia ex e marito di Anna, eravamo amici fin dai tempi della scuola e non si sarebbe mai sognato di interrompere la nostra amicizia ora che non ero più suo cognato, quindi una sera mi invitò a cena a casa sua insieme ad una coppia di amici comuni.
Durante il convivio ebbi una piacevole sorpresa , Anna, che era seduta alla mia sinistra, cominciò pian piano a farmi piedino, io , che sono stato sempre un po’ porcellino, stetti al gioco incominciando a poggiare pesantemente la mia coscia sulla sua, poi le misi una mano sulle cosce, cosce sode e tornite, accarezzandole con lentezza, la mia mano si intrufolò fra le sue gambe che lei strinse con forza in una piacevole morsa di carne calda.
Finita la cena ci spostammo sui divani a chiacchierare del più e del meno finché Franco, scusandosi con gli ospiti, si ritirò, palesemente stanco e assonnato, lasciandoci a parlare con sua moglie, io non vedevo l’ora di restare solo con Anna ma gli altri ospiti non davano segni di stanchezza.
Si era fatta ormai mezzanotte e finalmente la coppia di amici tolse il disturbo, mai così appropriata fu la frase, lasciandomi solo con la mia ex cognata che dopo aver fatto una capatina in camera da letto per vedere se Franco continuava a dormire, tornò verso di me che ero rimasto seduto sul divano, si avvicinò lentamente alzandosi la larga gonna e mostrandomi le statuarie cosce abbronzate, il mio cazzo divenne velocemente duro, si mise a cavalcioni su di me e cominciammo a baciarci mentre la sua figa strusciava sul mio pacco gonfio, si muoveva ritmicamente su di me che eccitatissimo, come uno stallone da monta che sente l’odore della giumenta, dimenticai immediatamente il pericolo di essere scoperti.
Anna si mise in ginocchio davanti a me e cominciò a massaggiare quello che ormai era diventato un asso di bastoni attraverso la patta dei pantaloni, mi slacciò la cintura , aprì la cerniera e si impossessò dell’oggetto dei suoi desideri scappellandolo, leccandolo e succhiandolo come una forsennata, la sua calda e morbida lingua torturava piacevolmente la mia cappella gonfia e umida di umori, poi si alzò e con gesto repentino si sfilò le mutandine nere di pizzo trasparente, si era preparata bene all’incontro, io mi calai i pantaloni fino alle caviglie e lei si pose nuovamente a cavalcioni su di me mentre si slacciava i bottoni della bianca camicetta lasciando mettendo in mostra le magnifiche poppe incorniciate dal nero reggiseno di pizzo anch’esso trasparente, affondai il viso fra i seni agguantandola per i fianchi, con una mano feci uscire un morbido seno dalla coppa e cominciai a succhiarle il capezzolo duro mentre sentivo il calore della sua figa bagnata che cercava di catturare il mio cazzo duro all’inverosimile, cominciai a muovere il bacino per agevolare l’ingresso della mia cappella nella sua figa e dopo una serie di piacevoli tentativi andai a segno.
Sentii la sua vulva bagnata aprirsi sotto la mia spinta e il mio randello scivolò con facilità dentro di lei, avevo le mie mani sulle sue chiappe tonde e sode che aiutavano dolcemente le movenze del suo bacino che andava avanti e indietro come se cavalcasse a pelo un puledro, le nostre labbra si ritrovarono e le nostre lingue affamate cominciarono ad esplorare vicendevolmente le nostre bocche, la sua pelle era morbida e calda, il suo respiro si fece più forte e mugolando di piacere aumentò la velocità dei suoi movimenti.
Non esisteva più nulla intorno a me se non il corpo morbido e profumato di questa donna che, incurante del marito che dormiva a poca distanza da noi, si concedeva seminuda cavalcandomi come un ossessa, le nostre bocche erano ancora unite in un lungo e impudico bacio quando cominciò a rallentare il ritmo fino a fermarsi completamente mentre il mio ventre si bagnava degli umori copiosi che la sua vagina emetteva.
Immobile con il mio cazzo ancora duro nella sua figa fradicia, mi accarezzava i capelli sussurrandomi con un fil di voce che da molto tempo aveva sognato questo momento e che avrebbe desiderato scoparmi ancora, la baciai di nuovo con passione rassicurandola che anch’io avevo il desiderio di amarla ancora ma a casa mia senza la paura che suo marito si potesse svegliare.
Fummo amanti per diversi anni, ogni volta che poteva mi veniva a trovare a casa e ogni volta il piacere del suo corpo mi ubriacava di lussuria, Anna è stata forse la più focosa e impudica amante che abbia mai avuto..
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.2
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per ...e lui dorme.:

Altri Racconti Erotici in Lui & Lei:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni