Siamo 549.085         Online 71.325
   Iscriviti
Racconti Erotici > Scambio di Coppia > L'inquadratura perfetta
Scambio di Coppia

L'inquadratura perfetta


di mikirn82
10.01.2019    |    8.717    |    12 9.4
"Barbara ancora lecca i due falli di silicone, contorce la schiena per il piacere..."
Guardo dentro il piccolo trolley rosso della Benetton, ci sono i costumi e un cambio per la cena, non ci serve altro. Mentre sto per chiuderlo Anna mi chiama.
-Dimentichi questo.
Mi porge un sacchetto, dentro ci sono un paio di giochini e il lubrificante. Sorrido e lo infilo nella valigia, chiudo e la porto all'ingresso. Per il nostro anniversario le ho regalato una notte al Ferretti Beach, un albergo 4 stelle di Rimini. Ho prenotato la camera panoramica, con vasca idromassaggio da quattro persone e vista sull’Adriatico. Ci ho aggiunto la cena e l'ingresso in spa, considerando il periodo non dovrebbe esserci molta gente.
Anna è splendida, le affero i glutei prima che si metta il cappotto. Li stringo mentre le sussurro nell'orecchio quanto mi piace, piega la testa all'indietro e chiude gli occhi. La bacio sul collo, improvvisamente si gira e si appoggia al muro. Con le dita sposto i ciuffi di capelli dal suo volto, mi spingo contro il suo corpo e la bacio.
Mi eccita sentire i suoi seni contro il mio petto, nelle mutande l'uccello inizia a puntare verso l'alto. Anna mi tiene contro di se, le nostre lingue si intrecciano, i nostri piercing si scontrano.
Mi stacco e la guardo, ha quello sguardo da maiala che adoro.

L'albergo è molto curato, il personale particolarmente gentile. Non c'è molta gente in giro, i tavoli apparecchiati nel ristorante sembrano pochi. La registrazione è veloce, prendiamo l'ascensore per salire fino al quarto piano. La camera è spaziosa, la vista stupenda. Il mare d'inverno ha un fascino incredibile, a differenza dell'estate la vita scorre lentamente. Anna mi chiama dal terrazzo, la raggiungo e vedo la vasca idromassaggio. Togliamo la pesante copertura, l'acqua è limpida e calda. Le chiedo se vuole fare subito il bagno, mi risponde che prima preferisce fare un giro nella spa. Torniamo in camera per mettere il costume, appena rimane nuda non resisto alla tentazione. Mi fiondo su di lei e la sbatto sul letto, con la faccia affondo nei suoi seni. La sento ridere, con le mani mi sfrega i capelli. Ha i capezzoli di marmo, li ciuccio come fossero Zigulì.

Indossato il costume mettiamo l'accappatoio dell'albergo, chiudiamo la porta e scendiamo al piano terra. La spa rimane proprio dietro alla hall, quando entriamo un'onda di aria calda ci travolge. Camminiamo lungo un piccolo corridoio, alla nostra destra una gigantesca vetrata mostra la piscina idromassaggio. Ci sono due signori anziani dentro, ci fissano mentre passiamo. Una volta girato a destra siamo nella zona centrale, ci sono diversi appendiabiti e sedute morbide. A destra c'è l'ingresso della piscina e la sauna, a sinistra la porta appannata del bagno turco. Non ci sono accappatoi appesi, oltre a quelli dei due signori. Davanti a noi la doccia emozionale, chiedo ad Anna da dove vuole iniziare.
-Ci facciamo una tisana, così entriamo nel giusto mood, poi doccia.
Mentre si accomoda riempio due tazze, prendo una manciata di mandorle e mi siedo insieme a lei. Bevo e chiudo gli occhi, sento il calore entrarmi nell'anima.

Anna si alza e appende l'accappatoio, guardo le sue forme sparire dietro al muro della doccia. Indossa un costume azzurro con una fantasia floreale, rigorosamente a due pezzi. La seguo, è bellissima sotto la luce della doccia. La circondo con le braccia, la sento farsi piccola contro il mio petto.
D'improvviso il rumore delle pompe idro cessa, la porta si apre e i due anziani escono. Ci salutano e si rivestono, in breve rimaniamo soli. La doccia si spegne, Anna mi prende per mano e mi guida verso il bagno turco. Una volta dentro ci sediamo, apre le gambe e si appoggia allo schienale. Con le dita sposto il costume, trovo una situazione decisamente umida. Mi piego e inizio a leccarle il clitoride, prima che possa iniziare a godere sentiamo delle voci nella zona centrale. Mi fermo e mi metto seduto, un'ombra passa davanti alla porta.
-Cosa dici, approfittiamo della piscina libera?
È una voce maschile che domanda, quella femminile risponde di sì. Guardo Anna, sorridendo mi sussurra che potrebbe essere interessante. Dopo qualche secondo le pompe della piscina ripartono, io mi piego nuovamente tra le gambe della mia compagna prima che il caldo diventi eccessivo.

Passati dieci minuti decidiamo di uscire, Anna dice che adesso ci aspettano dodici minuti di sauna. La sala centrale è ancora vuota, attraverso la porta opaca della piscina vediamo le sagome della coppia. Ci sediamo sulle doghe in legno della sauna, entrambi sul piano inferiore. Restiamo composti, non c'è più la coltre di vapore a proteggerci.
-Non vedo l'ora di essere sul terrazzo, nella vasca, nudi.
Che porcellina la mia Anna, mi avvicino per baciarla, quindi mi siedo al piano superiore. La porta della piscina si apre, esce un uomo che si dirige verso la doccia. Dopo qualche secondo sotto l'acqua prende l'accappatoio e si asciuga, apre la porta in vetro ed entra nella sauna.
-Salve.
Ricambiamo il saluto, sistema un asciugamano sulle doghe e si siede di fronte ad Anna. Approfitto dei primi secondi di silenzio per guardarlo, sembra avere una sessantina di anni. Non è molto attraente nel fisico, ha però uno sguardo deciso e magnetico. È calvo e porta una lunga barba bianca, la voce è molto profonda.
-Io sono Vittorio, molto piacere.
-Anna, lui è Michele, il mio compagno, piacere nostro.
-Mi sembra di sentire un accento locale, siete della zona?
-Sì, siamo di Rimini. Ci siamo concessi una giornata dedicata al vizio, è il nostro anniversario.
Guardo Anna mentre parla, è rapita da Vittorio, posso sentire il suo clitoride pulsare. Anche lui ha occhi solo per lei, continuo ad osservarli dall'alto.
-Auguri allora! In quale camera siete?
-Panoramica, la conosce?
-La conosco, e per piacere dammi del tu.
-Ok Vittorio. Sei qui con tua moglie?
-Sì, Barbara è in piscina adesso.
-Da dove venite?
-Veneto, Rovigo per la precisione. Veniamo spesso qui al Ferretti.
-Come mai?
-Conosco bene il proprietario, quindi mi fa sempre un ottimo prezzo. Si sta molto bene qui, specialmente quando non c'è nessuno come oggi.
Vittorio si gira e mi guarda.
-E tu Michele, non dici nulla?
-Ho visto che c'era un bel feeling, non volevo intromettermi.
Dico sorridendo.
-Caro mio, molto spesso è mettendosi in mezzo che si trova il piacere.
Sono colpito dalle sue parole, eleganti e per nulla volgari.
-Hai proprio ragione Vittorio, posso chiederti quanti anni hai?
-Certo che puoi, ne ho 52. Tu invece?
-36, Anna 35.
-Beh ragazzi, li portate molto bene. Pensavo aveste l'età dei miei figli.
-E quanti ne hanno loro?
-Giulia ne ha 28, Matteo invece 30.
-Scusa Vittorio, ma qui il nostro tempo è scaduto, andiamo in piscina. Ci vediamo dopo.
Proprio in quel momento la moglie di Vittorio entra nella sauna, Anna si alza e le stringe la mano. Barbara ha dei lunghi capelli biondi, leggermente mossi. Il viso mostra un piccolo ritocco, sembra più giovane di quanto sia in realtà. Il corpo è magro e tonico, segno di impegno quotidiano.

L'acqua in piscina è a 36 gradi, si sta d'incanto. Mentre Anna si rilassa sotto la cascata, faccio il giro e accendo tutti i getti, quindi scelgo il posto migliore e mi fermo. Quando la mia compagna mi raggiunge le chiedo cosa pensi di Vittorio, mi dice che ha il suo fascino, anche se non è particolarmente bello. Mi domanda cosa penso io di Barbara, rispondo che è davvero una bella signora, aggiungo che secondo me a letto ha poche inibizioni. Parlarne mi eccita, nel costume il cazzo mi diventa velocemente duro. Prendo la mano di Anna e me la metto tra le gambe, lei sorride e inizia a segarmi. Appoggio la testa sulle piastrelle e chiudo gli occhi, godo pensando a quello che potrebbe succedere.
Dopo qualche minuto Barbara e Vittorio escono dalla sauna e ci raggiungono in piscina, continuiamo a essere solo noi nella spa. Mentre Vittorio e Anna chiacchierano, io parlo con Barbara.
-Allora Michele, mi ha detto mio marito che siete di Rimini. Non siete sposati?
-No, ma è come se lo fossimo. Stiamo insieme da 13 anni, conviviamo praticamente da subito.
-Figli?
-Per il momento non sono in programma, in futuro si vedrà.
-Cosa fai per vivere?
-Sono un piastrellista, ho una ditta mia.
-Quindi lavori sui cantieri, chissà quante storie interessanti.
Guardo verso Anna, continua a parlare con Vittorio, il rumore dei getti copre le parole. Mi piego verso Barbara e abbasso la voce.
-Molto interessanti.
Mi fissa, schiude le labbra e mi appoggia una mano sulla gamba.
-Mi piacerebbe sentirle, ma immagino che Anna non le conosca.
-In effetti no.
-E dimmi, fai le cose solo di nascosto?
-No, mi piace anche condividere.
Gli occhi nocciola di Barbara mi entrano dentro, la sua mano scorre verso il mio inguine. Guardo alle sue spalle, Anna sta parlando a Vittorio nell'orecchio, mi fissa con sguardo complice. Ho l'uccello che pulsa dalla voglia, torno a guardare Barbara mentre le sue dita cercano la mia cappella attraverso il tessuto sintetico.
-E con me cosa faresti?
-Ti condividerei con Anna, sembri avere energie per entrambi.
Sorride e mi accarezza l'uccello duro sotto al costume, poi si gira verso la mia compagna e la prende per mano. Insieme nuotano sulla seduta di fronte alla nostra, quindi si attorcigliano e iniziano a baciarsi. Guardo Vittorio, ha lo sguardo compiaciuto, Barbara tocca e stringe i seni di Anna. Si staccano e tornano da noi, in quel momento alle nostre spalle vediamo entrare i due anziani nella spa. Vedo la voglia negli occhi della mia compagna, prendo l'iniziativa.
-Cosa ne dite di venire a provare con noi la vasca sul terrazzo? È freschino fuori, ma l'acqua è bella calda.
-Molto volentieri Michele, io e Barbara passiamo un attimo in camera e vi raggiungiamo.

Apro la porta della camera, non tengo più il cazzo nel costume per l'eccitazione. Prendo Anna per i fianchi, la bacio e la tocco dappertutto. Le chiedo di cosa ha parlato con Vittorio.
-Mi ha detto che sono molto bella, e che gli piacerebbe guardarci fare sesso.
-A noi due?
-Tre, con Barbara.
-Ma lui non partecipa?
-A lui interessa solo guardare.
Racconto ad Anna quello che mi ha detto quella porca di Barbara, le dico che mi arrapa tantissimo il suo sguardo sicuro. Bussano alla porta, Anna si morde le labbra. Apro e lascio entrare i nostri ospiti, Vittorio ha in mano una bottiglia di vino.
-Ho portato una bottiglia del mio vino, è un Soave del 2016. Chiamo il servizio in camera e faccio portare quattro calici.
Mentre alza la cornetta Barbara viene verso di me e si apre l'accappatoio, sotto è completamente nuda. Guardo i suoi piccoli seni, i capezzoli sono grossi e duri. Mi piego e li lecco, la donna sorride verso il soffitto. L'afferro per i glutei e la bacio, con la coda dell'occhio vedo Anna fissarmi eccitata. Le mani di Barbara esplorano la mia schiena, il marito posa il telefono e apre il vino.
-Meglio lasciarlo respirare prima di servirlo.
Appena sento bussare alla porta mi stacco dalla donna, mi giro e apro. Il cameriere mi porge il vassoio con i calici, Vittorio gli allunga una mancia e lo saluta.
Con i calici al vento brindiamo al nostro anniversario, Anna si dice felice di avere due ospiti così speciali, Barbara esige di tuffarsi nella vasca.

Esco per primo e accendo l'idromassaggio, gli altri mi seguono con i bicchieri. Barbara lascia cadere a terra l'accappatoio e si infila nella vasca, Anna fa lo stesso. Una volta dentro si toglie il costume e lo appoggia sul bordo, senza perdere tempo iniziano a baciarsi. Mi spoglio anche io, l'uccello punta dritto verso la vasca.
-È un problema se non voglio togliere il costume?
-Certo che no, Vittorio.
Raggiungiamo le nostre donne, immergersi è davvero piacevole. Prendo il bicchiere e mi godo lo spettacolo, con la mano libera mi massaggio il membro.
-Anna ti ha detto di cosa abbiamo parlato?
-Sì Vittorio, per me va bene così. Trovo che tua moglie sia davvero eccitante, mi piace l'idea di condividerla con Anna.
-Sono contento che ti stia bene, anche voi siete molto belli, mi piace guardarvi.
Appoggio il bicchiere e gli do una pacca sulla spalla, quindi mi allungo verso le ragazze. Si allargano e mi lasciano mettere in mezzo, allungo le braccia per farle mie. Anna mi bacia sul collo, Barbara mi lecca l'orecchio e intanto mi massaggia l'uccello. Sentirmi al centro dell'attenzione mi piace, prendo Barbara dietro alla nuca e la bacio. Ha delle labbra morbide e calde, appena sente il mio piercing apre gli occhi. Mi monta addosso, ho i suoi seni davanti agli occhi mentre si struscia sopra di me. Colgo l'invito e mi ci fiondo sopra, gioco con la pallina d'acciaio intorno ai capezzoli turgidi. Con la coda dell'occhio vedo Anna che ci guarda, con le mani si tocca freneticamente i seni.
-Bravo Michele, fai godere la mia Barbara.
Sollevo la donna di peso, grazie all'acqua mi riesce molto facilmente. L'appoggio sul bordo della vasca e le apro le gambe, con le dita allargo le labbra e stimolo il clitoride con la lingua. Barbara gode rumorosamente, il dito di Anna gioca intorno al mio buco. Con le mani sento il corpo di Barbara raffreddarsi, con la stessa energia usata in precedenza la prendo e la butto in acqua. Gli schizzi finiscono dappertutto, ci facciamo una grossa risata. Torno a sedere di fianco a Vittorio, prendo nuovamente il bicchiere e riprendiamo a chiacchierare, le donne ricominciano a toccarsi.

Usciti dalla vasca indossiamo subito gli accappatoi, lo sbalzo termico è notevole. Corriamo dentro, ho lasciato il condizionatore sparato a 25 gradi, il caldo ci avvolge. Barbara si spoglia e si sdraia sul letto a gambe aperte, Anna le si getta con le labbra sulla fica. Vittorio sistema due sedie ai piedi del letto.
-Hai voglia di lasciare iniziare loro, Michele?
-Volentieri, lasciami prendere una cosa.
Apro l'armadio e tiro fuori il sacchetto dei giochi dal trolley, prendo lo strapon doppio e lo butto sul materasso. Barbara gira la testa e sorride, lo prende e inizia a leccarlo. Appoggio il lubrificante sul comodino e mi siedo di fianco a Vittorio, indossa ancora l'accappatoio. Guardare la testa di Anna tra le cosce di Barbara è uno spettacolo unico, mi prendo l'uccello in mano e lo massaggio fino ai testicoli.
-La tua compagna sa muoversi bene tra le gambe di una donna.
Lo guardo senza parlare.
-Barbara è completamente passiva, le piace farsi sbattere in tutte le posizioni.
Mi parla senza guardarmi.
-Sento la tua voglia crescere, ti chiedo di non toccarti e lasciarti guidare.
Metto le braccia lungo i fianchi.
-Adesso concentrati sul letto, lo spettacolo è lì.
Lo fisso ancora per qualche secondo, guarda le due donne come cercasse la perfetta inquadratura.

Il culo carnoso di Anna punta dritto verso di me, si muove sensuale come a chiamarmi. Barbara ancora lecca i due falli di silicone, contorce la schiena per il piacere. Vittorio dice alla moglie di passarmi lo strapon, poi si gira e mi chiede di metterlo alla mia compagna. Lo prendo e mi metto in ginocchio sul letto, proprio dietro ad Anna che nel frattempo continua a leccare il clitoride di Barbara. Tasto il buco con le dita, è completamente bagnato. Infilo uno dei falli nella fica di Anna, non faccio nessuna fatica. La invito ad alzare il bacino, faccio girare i lacci e stringo. Guardo Vittorio, mi fa un cenno di approvazione, torno a sedere di fianco a lui.

Anna si alza e tira su le gambe di Barbara, con la mano libera guida il suo uccello dentro la fica della signora.
-Bravissima Anna, adesso fammi vedere come ti scopi mia moglie.
Non vedo l'ora che tocchi a me.
Barbara allunga le braccia e stringe il lenzuolo, Anna la scopa da subito con ottimo ritmo. Vedere la mia compagna in quella posizione è troppo eccitante per resistere, mi prendo il cazzo in mano e riprendo a segarmi. Vittorio si gira e mi guarda pieno di comprensione.
-Dai qualcosa da succhiare a mia moglie.
Sorrido e mi alzo, vado a posizionarmi in ginocchio di fianco alla faccia di Barbara. La guardo mentre si allunga per prenderlo in bocca, appena sento il caldo abbraccio delle sue labbra mi giro verso Anna. È bellissima in tutta la sua foga, mi fissa compiaciuta per il potere che ha. Apre le gambe di Barbara e si piega verso di me, con la mano mi prende dietro alla nuca e mi tira a se. Ci baciamo, è come un'esplosione. Allungo le mani e le stringo i seni, so quanto le piace. Mi piego e le bacio i capezzoli, li mordo e li lecco.
Intanto Barbara dimostra tutta la sua esperienza con la lingua, poche volte il mio uccello è stato trattato così bene. Si muove con leggerezza intorno al filetto, la salivazione è abbondante come piace a me.
-Vieni Michele, devi mettere questo.
Vittorio mi chiama a se, con la mano sventola un preservativo.

Sul letto Anna ha girato Barbara, mentre indosso il condom la sbatte a pecora. Rimango un po’ seduto sul bordo del materasso, sono così belle che è un peccato interromperle. Quando la mia compagna esce dalla fica della signora, scivolo sotto il corpo di Barbara. Mi sorride e mi bacia, con la mano guido l'uccello dentro di lei. Entra in un istante, dentro è caldo e bagnato. La prendo sui fianchi, ha una pelle molto morbida. Si alza e inizia a cavalcarmi, con le braccia si fa forza sul mio petto, non sembra avere bisogno che le detti il ritmo. È molto bello guardarla, ha lo sguardo di una bambina felice. Con la coda dell'occhio vedo Anna in ginocchio di fianco a Vittorio, lui le parla indicando verso il letto. Torno con l'attenzione su Barbara, la tiro verso di me e le ciuccio i capezzoli. Le piace e me lo dice, con la mano mi preme la testa contro i seni.

Barbara si ferma, ha bisogno di un secondo per rifiatare. Non esco da lei, mi alzo e la bacio su tutto il petto. Anna prende il lubrificante, si bagna per bene l'uccello e si mette dietro a Barbara. Stringo le gambe per agevolarla, con le dita ancora bagnate lubrifica il culo della signora. Mi stendo, Barbara sopra di me, Anna avanza e piano piano entra nel buco libero. Sento il cazzo di silicone strisciare contro il mio, lentamente cerchiamo la sincronia. Vittorio ci dice di non aver paura, Barbara gode e ne chiede di più. Troviamo il ritmo, per qualche minuto ci muoviamo come una cosa sola. Tengo la signora sulle natiche, le mani della mia compagna sono sopra le mie.
Sono in estasi.
Urlo che sto per venire, come sempre gli ultimi colpi sono i più belli, i più profondi. Anna e Barbara crollano sopra di me, bacio prima una poi l'altra. La mia compagna esce e si toglie lo strapon, intanto la signora scivola al mio fianco e poggia la testa sul mio petto. Anna si mette dalla parte opposta, mi bacia e raggiunge Barbara sul mio torace. Guardo Vittorio, ha lo sguardo di chi ha apprezzato quanto visto. Gli sorrido e chiudo gli occhi.











.
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.

Votazione dei Lettori: 9.4
Ti è piaciuto??? SI NO



Commenti per L'inquadratura perfetta :


noemi63, coppie Puglia
Bellissimo
4 mesi fa
TODEM63, singoli Lazio
Mmmnmmm.m fantastico
4 mesi fa
Dinodino65, coppie Lazio
Molto molto bello
E eccitante
4 mesi fa
Alx68, singoli Lazio
Ottimo racconto
Molto eccitante
4 mesi fa
Membro VIP di Annunci69.it inlove87, coppie Veneto
Bel racconto scritto molto bene
4 mesi fa
hansleduc, singoli Sicilia
non male, ottima situazione e storia...bravo
4 mesi fa
semplici2018, coppie Emilia Romagna
Intrigante ed eccitante
4 mesi fa
jacdap, gay Emilia Romagna
non male?... scritto molto bene?... diciamo pure che è scritto da dio...
4 mesi fa
Michelangelo69, singoli Trentino
Bel "taglio" di scrittura, sintetico e diretto senza risultare volgare.
Un piacere leggerlo!

Michelangelo.
4 mesi fa
superextra21, singoli Sicilia
Uhauuuuu
4 mesi fa
Membro VIP di Annunci69.it alexwriters, gay Emilia Romagna
Bentornato! Cm sempre sai regalare forti emozioni confezionate con classe e perizia, la tua scrittuea é superlativa....
4 mesi fa
Ckik, coppie Veneto
Mi hai bagnare.. Bravo 👏 👏
3 mesi fa


Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in Scambio di Coppia:





Sex Extra



® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.
Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni