Siamo 549.087         Online 70.290
   Iscriviti
Racconti Erotici > Scambio di Coppia > Un viaggio nella neve
Scambio di Coppia

Un viaggio nella neve


di Kygerlitor
09.02.2019    |    7.694    |    11 9.3
"Tu sotto di lei emetti i tuoi rantoli di godimento e mi dico che deve essere uno spettacolo bellissimo vedere il mio cazzo entrare ed uscire dal culo di Anyta..."
Finalmente stiamo tornado a casa dopo questa intensa giornata di macchina; sono le 17 ma è già buio pesto.
Inverno di merda.
Il tempo si mette al brutto e peggiora; mancano almeno 150 km. per Bologna, l’autostrada è ancora scorrevole ma temo che presto, arrivati a Firenze, ci saranno i soliti problemi.
Autostrada di merda.
Come se tutto fosse previsto dal karma o da Murphy e le sue leggi del cazzo, comincia a nevicare di brutto.
Te pareva? Avevi appena detto che fortuna che piove solamente.
Scherziamo sul fatto che sicuramente sia meglio non dire nulla che sennò si scatena la buriana.
Per cui chiudi la bocca!
Col tuo sguardo da troia, che percepisco anche nel buio della cabina, mi dici che per tenere la bocca chiusa sarebbe meglio che ci fosse qualcosa che te la facesse chiudere ….
Intanto stai smaniando sul sedile e si vede che non ne puoi più.
Il tempo di un battito di ciglia e sei già con una mano tra le mie gambe e l’altra tra le tue.
Mi fai morire quando sei così.
E lo sei spesso, per fortuna.
Un’altro battito di ciglia che mi slacci i pantaloni, li abbassi come puoi e fai uscire il mio cazzo già duro.
Cominci a toccarmi le palle, l’asta ed il glande; intanto hai infilato una mano dentro i tuoi leggins e stai toccandoti la figa nuda.
Troia da morire come solito, non porti l’intimo.
Intanto il traffico si intensifica e i cartelloni ci dicono che la variante di valico è chiusa per incidente; è già un bordello per cui si va sulla vecchia panoramica.
Fanculo tempo di merda!
Non ti fermi neppure un secondo, non ti sei neppure accorta che dobbiamo cambiare strada.
Sei fatta così quando sei eccitata, non fai caso a quello che ci capita intorno.
Continui a menarmi il cazzo ed ansimi sempre più forte.
Hai tirato giù i tuoi pantaloni, hai allargato le gambe il più possibile e sei scivolata sul sedile quanto più potevi data la costrizione delle cinture di sicurezza.
Che spettacolo! Hai la figa tutta aperta e sei, ormai, vicina all’orgasmo e si sente….. tanto si sente ……
La cabina si riempie del tuo profumo intimo, si sente perfino lo sciacquio dei tuoi fluidi vaginali tra le tue dita.
Intanto mi stringi il cazzo come se fosse un palo di sostegno, come se dovessi cadere e fosse il tuo solo punto d’appoggio.
Sai che mi piace quando me lo stringi.
Hai sempre paura di farmi male ma stai tranquilla; mi fai solo piacere.
Non ti accorgi neppure che stiamo rallentando sia per la neve sia per la mole di auto e camion sul percorso.
Chissà dove sei con la testa, chi ti sta masturbano, se sia uomo o donna, se siano magari più di uno …
È tanto tempo che ci perdiamo in questi sogni.
Vai sempre più veloce con le tue dita e cominci a smaniare come una forsennata urlando tutto il tuo piacere.
Vieni, finalmente …. Ti contrai su te stessa incapace di controllarti e ti accorgi di aver schizzato un piccolo fiume di “ciprigno succo della dea Afrodite”.
Non hai mollato la presa dal mio cazzo che è sempre più duro.
Ti slacci la cintura di sicurezza e ti sporgi sul tunnel centrale, mettendoti quasi in ginocchio sul sedile, per arrivare ad imboccare il mio cazzo.
Ti dico che è pericoloso, che sto guidando, che c’è neve per terra e traffico intenso.
Neppure mi ascolti, sei partita per la tangente ed hai voglia di cazzo in bocca.
Mi dici solo di stare zitto e continuare a fare quello che faccio che al resto ci pensi tu.
Chi sono io per oppormi? Quando donna comanda uomo esegue.
Continuo, a fatica, a guidare intanto che mi succhi l’anima.
Il traffico rallenta fino a fermarsi e tu, imperterrita continui a pomparmi.
Hai addirittura ricominciato a toccarti la figa.
La mia troia è scatenata.
Non ti accorgi che siamo affiancati ad un autoarticolato e che stai offrendo al camionista uno spettacolo del tuo culo e della tua figa esplorate dalla tua manina.
Non credo che a lui faccia dispiacere e a me piace esibirti.
Alla fine non ce la faccio più e spruzzo una quantità incredibile di sborra nella tua bocca vorace.
Non ne sprechi una goccia, da brava pompinara quale sei.
Intanto vieni un’altra volta.

Onestamente non avevo mai incontrato una donna che godesse al solo sentire lo sperma in bocca.
É stata un piacevole sorpresa, trovare una ragazza che gode anche perché sta facendo godere il suo partner.
È cosa non da poco, rara perfino.
Raccolta l’ultima goccia di sborra dopo avermi ripulito il cazzo, ti alzi e mi baci profondamente, facendomi sentire parte del mio succo che ti è rimasto in bocca e sulla lingua.
Solo adesso ti accorgi che siamo fermi e hai dato spettacolo ai mezzi vicini.
In un primo momento rimani attonita e pervasa dalla vergogna.
Cerchi di ricomporti senza pensare che ormai almeno un paio di camionisti ed altrettanti automobilisti hanno visto la tua prestazione hardcore.
Praticamente ti impedisco di rivestirti e solo le mie parole, che ti esprimono il mio piacere a condividere le tue grazie con altri, ti frenano dal ricomporre la tua persona.
Stai nuda ancora un poco cosicché io possa godere, con la mano, del lago che hai tra le gambe.
A forza di toccarti ti faccio rimontare la voglia di godere; anche il fatto di sapere di essere guardata da estranei, sono sicuro, ti stimoli di più.
Che spettacolo che offri, mi immagino ed immedesimo in coloro che guardano all’interno dell’abitacolo rischiarato dalle luci delle auto ferme.
Uno spettacolo così vicino ma così lontano, chiuso nell’intimità della nostra cabina a loro inaccessibile ma pur cosi palese.
Quel vedere, aldilà del vetro, una donna nella sua massima espressione di godimento ed immaginare la sua voce che quasi ulula il suo piacere….. sublime …..
E poi vieni … più di prima… squirti e bagni il sedile come se avessi fatto pipì.
Amo quando riesco a farti perdere il controllo, ormai succede sempre più spesso.
Ripartiamo finalmente ma continua a nevicare come non ci fosse un domani.
E probabilmente il domani lo passeremo in macchina se continua così.
Ti sei rimessa in ordine e hai messo qualcosa sul sedile per non bagnarti il culo.
Come se non fosse già tutto bagnato lì sotto.
Somigliante ad un lungo bruco luminoso, la fila di veicoli si inerpica verso il Passo della Futa con una lentezza esasperante.
Passiamo Barberino con tempi pari a quelli di un’era geologica; nei pressi di Roncobilaccio la situazione si fa disperata, l’ora è tarda, siamo stanchi e decidiamo di uscire per cercare una camera nell’albergo appena fuori dal casello.
Fortuna che avevamo dei panini ed almeno la fame non c’è.
Sempre rispettando le leggi di Murphy circa un milione di persone deve aver fatto la nostra pensata.
Riusciamo a fermarci all’albergo e scendo per chiedere se hanno una camera, naturalmente sono murati dalle 999.998 persone prima di noi.
Cortesemente la ragazza (molto carina invero) alla reception mi fornisce l’indirizzo ed il contatto telefonico di un B&B li vicino che altri non è che una signora sua mezza parente di non so quale grado parentale.
Ringrazio ed esco per raggiungerti.
Decidiamo di provare o sennò ci rimetteremo in viaggio, sono già passate le 23 ma proviamo lo stesso a telefonare al Bed & Breakfast.
Ogni tanto la fortuna arride anche a noi, evidentemente.
Hanno un camera tripla libera se ci va bene … e ci va bene! Cazzo!
Diamo i nostri nomi ed in 15 minuti arriviamo a destinazione; in un posto che DEVI sapere che c’è per sapere che c’è e solo allora ci accorgiamo che siamo stati seguiti da una macchina apparentemente straniera.
Usciamo dal tepore della nostra auto sotto un’intensa nevicata e perplessi ci appropinquiamo all’entrata per comunicare il nostro arrivo
Intanto, dall’altra auto, esce un coppia che si avvicina a noi.
Sono una coppia austriaca, deduco dalla targa con l’aquila rossa del Tirolo, sicuramente sono più giovani di noi anche se non si capisce di quanto visti gli indumenti invernali, il buio e la neve che cade copiosa.
Lui ci dice, in un italiano neanche tanto male, che ha sentito la mia conversazione con la receptionist e ha deciso di seguici per tentare la fortuna ma che, comunque, riconosceva l’ordine d’arrivo … ubi major minor cessat !
Finalmente ci aprono e la gerente ci fa entrare al caldo.
Si, la camera c’è ma è una sola ed è nostra perché abbiamo telefonato.
Mi volto verso l’austriaco per solidarietà ed in quel momento vedo la sua “Fräulein” e mi accorgo che anche tu l’hai notata.
Una bella biondina non altissima, piacevolmente formosa (ma sotto il piumino non si può dire) con due occhi grigio azzurri che sembrano laghi alpini in primavera.
Non so ancora come e perché ma sento la mia voce dare corpo ad un pensiero che non mi ero neppure accorto di aver avuto.
“Possiamo condividere la camera!” - Mi sento dire.
Siamo tutti stupiti di quello che ho detto, io per primo e cala un attimo di attonito silenzio.
In quel mentre tu mi guardi e hai quel tuo sorriso che mi ha ammaliato 40 anni fa sul pullman della scuola al ritorno dalla gita a Perugia.
Hai deciso che va bene, non ti dispiace condividere, sei sempre stata generosa tu.
Gli austriaci spalancano gli occhi per la sorpresa e per la gioia; si erano già visti di dover rimontare in macchina e ripartire in quella bolgia della A1 innevata.
Ci ringraziano per la gentilezza sorridendo e stringendoci calorosamente le mani, ci scappa pure un piccolo abbraccio solidale con bacio sulla guancia partito dalla biondina.
Se l’era vista brutta ….
La gerente ci dice che se per noi va bene così per lei è tutto ok.
Noi non abbiamo bagaglio, doveva essere un viaggio breve, una toccata e fuga ed invece è diventato altro.
A loro spunta fuori un piccolo trolley (ma dove lo avevano) con, credo, solo il minimo sindacale per la notte.
Salendo le scale, intanto che parlo con lui, assisto allo spettacolo dei vostri culi che si muovono nei pantaloni.
Li riempite in maniera eccellente ambedue.
Infine arriviamo nella camera ed io sono un subbuglio di pensieri, non so cosa mi ha spinto a condividere una camera con due perfetti sconosciuti che intanto si sono presentati come Anyta, che poi scopriamo avere 39 anni, e Volker che ne ha 45 (che però si pronuncia Folker … tedesco di merda …).
Apriamo la porta ed entriamo.
L’ambiente è pulito, caldo ed accogliente.
Un letto matrimoniale molto largo ed un letto singolo …. Molto singolo, quasi da ragazzino.
Comunque sia siamo qui e comincia ad esserci un poco di imbarazzo tra noi.
In quel mentre, Anyta, dice che deve andare urgentemente in bagno e lo dice nel classico italiano parlato da un tedesco … roba da film italiano anni ’70 … forse questo rompe il ghiaccio e ci fa fare una risata “condominiale”.
Come fosse stato un incipit per la tua vescica anche tu senti il bisogno impellente di fare pipì e ridendo le dici di fare presto che sennò devi andare fuori in giardino a farla.
E con la neve hai paura di congelartela …. Si hai proprio detto così …. Congelarmela ! Ma come parli agli sconosciuti? Amore mio…
Ed è qui che comincia a succedere qualcosa di inatteso …. Anyta ti prende per mano e ti dice che potete andare assieme in bagno.
Una la fa nel water l’altra nella doccia o nel bidet. Semplicità teutonica.
Non ci pensi un secondo, ti lasci portare da lei in bagno ed io e Volker ci guardiamo con un misto di stupore e divertimento.
Essendo l’ultima ad entrare lasci la porta aperta e noi uomini possiamo udire chiaramente lo scroscio delle vostre minzioni che colpiscono la ceramica seguite dal normale sospiro liberatorio del rilassamento dei muscoli detrusori compressi per così tanto tempo.
Il mio cazzo prende vita e la mia mente parte a tavoletta, lo sai come sono e sai che quello che hai fatto mi eccita al massimo.
Dal bagno si sentono le vostre risa e le parole di divertimento che vi scambiate, sembra vi conosciate da sempre.
Istintivamente Volker ed io ci avviciniamo al bagno e vi cogliamo letteralmente con le braghe calate … Anyta seduta sul water, tu sul bidet accanto, poste una in senso opposto all’altra come su un poltrona dell’amore a S.
La mano di Anyta è sulla tua coscia, appoggiata lì intanto che ridete come matte per un piccolo peto che le è scappato.
Una scena che mi eccita nella sua semplicità e nella sua immensa sensualità.
Volker ed io ci scambiamo un’occhiata che ritengo essere di profonda intesa, Anyta si pulisce con un poco di carta e si alza …
La sua figa, con la una rada peluria bionda, fa bella mostra di se nel suo candido splendore.
Amo i nordici che non hanno pudore della loro nudità!
Forse stimolata dal suo comportamento anche tu, dopo essertela sciacquata, ti alzi, ti giri e ci offri la tua meravigliosa intimità perfettamente depilata appena lavata.
Siamo più anziani di loro ma evidentemente hai colpito il segno, vedo Volker che ti guarda intensamente tra le gambe.
Anyta prende il tuo posto sul bidet e si lava a sua volta in fronte a noi offrendoci lo spettacolo del lavaggio della sua intimità.
Ci guarda tutti tre con occhi che emanano un luce strana, nel bagno non si sente volare una mosca se non il rumore dell’acqua che sgorga dalla rubinetteria del bidet.
Io sono appoggiato ad uno stipite della porta, Volker all’altro, tu sei in piedi con la figa all’aria e tutti guardiamo la bionda che si sta lavando … lavando …. Forse prima, ora sembra più una carezza intima che altro.
Il suono del telefono della camera ci strappa da quel momento estatico che ci aveva così profondamente rapiti.
Con un balzo sono a rispondere: è la gerente che si era dimenticata di dire che la doccia ha poca acqua calda per via di non so quale problema dovuto a non so che cosa.
Non so come faccio a rimanere cortese nel risponderle dopo che ci ha strappato da un così bel momento di condivisione emotiva.
Passo la comunicazione ai coinquilini e chiedo come intendano sviluppare la cosa.
Qui tu dici e proponi una cosa che non mi aspettavo, che mi stupisce, che mi arriva inattesa come un fulmine a ciel sereno.
“Potremmo fare la doccia tutti assieme … risparmieremmo acqua e tempo ….” - dici candidamente indicando con un’alzata di testa il fondo della stanza.
Nel guardare Anyta e te, assise sulle ceramiche, non mi ero reso conto di quanto fosse spazioso e ben disposto il bagno.
La doccia si presenta come uno spazio immenso probabilmente ricavato dove prima c’era una vasca da bagno normale.
Ok, ora è ufficiale! Stai partendo per la tangente! Stai facendo uscire l’altre te stessa, quella che mi rapisce e mi appaga!
C’è un breve momento dove ci guardiamo tutti negli occhi reciprocamente, intensamente e per tutta risposta Anyta fa di nuovo il primo passo.
In una sola mossa plastica e sensuale si toglie maglia e maglione mostrandoci un seno naturale di tutto rispetto, non grosso ma bello sodo con capezzoli che sono duri e protesi e le aureole raggrinzite.
É eccitata o è il freddo? No, ci saranno 22 o 23 gradi in bagno; quindi …
La sua pelle è candida come il latte e il suo corpo è un bel complesso di curve da percorrere a mano o a lingua.
Poi si toglie completamente anche i pantaloni rimanendo nuda davanti a noi che siamo intenti a guardarla.
“Und dann?” - ci dice in tedesco. “E allora?” - Ci ripete in italiano teutonico
Noi maschi siamo ancora tutti vestiti, solo tu non hai i leggins che ti eri tolta prima di metterti sul bidet e hai la figa esposta.
In men che non si dica ti togli tutto il resto e sei anche tu nuda come Anyta.
“Fieni Kristin” - dice Anyta germanizzando il tuo nome e nel contempo, porgendoti le mani, indietreggiando per raggiungere il vano doccia.
I vostri occhi sono incollati gli uni in quelli dell’altra. Il verde dei tuoi si riflette nel grigio azzurro dei suoi.
Tu sorridi e la segui mestamente, mano nella mano, occhi negli occhi.
La distanza tra voi diminuisce e vi ritrovare all’entrata della doccia praticamente seno contro seno.
Ed è in questo momento che esplodi ed osi spingerti dove non sei mai giunta prima; le prendi il viso tra le mani e le posi delicatamente le tue labbra sulle sue, come se avessi paura di farle male.
Le vostre lingue timidamente fanno capolino e si toccano un prima volta, sempre delicatamente e timidamente.
Le vostre mani cominciano ad accarezzare le altrui forme.
Prima i seni, poi i fianchi, la schiena ed i glutei, per poi ritornare in senso inverso fino in cima e di nuovo in giù verso la precedente posizione.
Comincio a credere che ormai Volker ed io non esistiamo più nel mondo di Cristina/Anyta
Questo gioco di delicati baci e di tenere carezze continua per qualche minuto che pare diventare un’eternità.
Noi uomini siano attoniti ed ancora completamente vestiti, stiamo guardando in religioso silenzio due meraviglie della natura scambiarsi delicatezza e sensualità.
In perfetta sincronia vi staccate da quel lungo abbraccio saffico; girate la testa verso di noi “imbambolati” e con un sorriso complice vi dirigete verso di noi.
Tu verso Volker, Anyta verso me. Come se vi foste parlate telepaticamente
Lui ed io siamo praticamente spalla contro spalla siamo praticamente alti uguali, ciò che lui vede io vedo, ciò che tu fai a lui io vedo …
Ti appoggi a lui e gli fai sentire le tue rotondità sul suo corpo, lui china la testa per raggiungere la tua bocca che si dischiude al suo tocco.
Ecco ora, veramente, non si torna più indietro.
Anyta non è da meno e come copia carbone imita i tuoi atti.
Stai conducendo tu i giochi.
Abbassi le mani e cominci a slacciare i pantaloni di Volker sempre continuando a baciarlo, lui prende vita e comincia a palparti dove riesce, quasi con frenesia.
Stacchi la bocca da lui e ti giri a guardare cosa stiamo facendo Anyta ed io.
Sto approfittando largamente delle sua tette e del suo bel culetto liscio.
Mi guardi, ti guardo. Come solito non servono parole tra noi.
Impugni il cazzo di Volker come hai impugnato il mio ore prima in macchina.
Lui rimane stupito dalla veemenza del gesto ma si vede che gli piace.
Sembra diventare più lungo e grosso, è onestamente un cazzo di tutto rispetto, più lungo e grosso del mio, duro come sono sicuro ti piaccia e con una cappella che presto sarà nella tua bocca.
Anyta, intanto ha estratto la mia asta e si è inginocchiata ingoiandola tutta fino in fondo, godendosi millimetro per millimetro.
Quasi gelosa della biondina anche tu ti inginocchi in fronte all’obelisco di carne dell’austriaco e lo lecchi come se fosse un gelato.
Poi scendi alle palle e le lecchi e le succhi da brava bambina operosa.
Volker ha le gambe un poco larghe per facilitarti il compito e tu ne approfitti per fargli quello che a me manda giù di testa.
Arrivi al suo perineo che lecchi con ardore e ti spingi al suo ano che cominci a leccare e cerchi di penetrarlo con la lingua.
Evidentemente non è abituato a questo (1 a 0 per Cristina) e gli scappa qualcosa in tedesco che io non capisco ma che capisce Anyta che si stacca dal mio cazzo e vi guarda estasiata spostando lo sguardo da te che hai la faccia col suo cazzo in fronte le palle sul naso e la bocca in mezzo alle sua gambe a leccargli il culo.
Sei una contorsionista, cervicale no grazie! Per il cazzo questo ed altro, eh?
In tutto questo siamo a due donne nude e due uomini arrapati con i pantaloni ai piedi.
Non c’è senso d’equità.
Mi spoglio tirandomi via tutto in sol gesto ed intanto che stai affondando la lingua in culo a Volker anche lui raggiunge la condizione adamitica.
Vi staccate da noi e ci lasciate come due babbuini eccitati, li impalati coi cazzi protesi in avanti.
Anyta comanda di entrare in doccia ed eseguiamo con piacere.
Pur essendo largo, il vano doccia non è proprio per 4 persone adulte ma è anche il suo bello.
Pelle contro pelle, deretani femminili che strisciano tra loro e che si scontrano con virilità maschili erette.
Non servono spugne, la nostra pelle funge a tal scopo, comincia una danza di corpi insaponati che strisciano su corpi.
Il bagno schiuma profumato e l’acqua che scende calda sono solo un modo per rendere ancora più ricco di sensazioni il momento.
Corpi che vengono usati più che altro per aumentare l’aspettativa di quanto accadrà dopo che per lavarsi.
Corpi che sprigionano voluttà e desiderio e si toccano senza soluzione di continuità in un ambito ristretto che non permette altro che addossarsi gli uni agli altri.
Naturalmente anche Volker ed io giungiamo a contatto e se da prima c’era ritrosia tutto muta in breve termine.
Tutti toccano tutti e vengono toccati da tutti.
Mi ritrovo la tua mano nel solco del mio culo che cerca lo sfintere per penetrarlo come mi fai sempre quando facciamo l’amore.
Intanto stai toccando con l’altra mano la figa di Anyta che a sua volta ha in una mano il cazzo del suo uomo e nell’altra il mio intenta a farci una doppia sega.
Io tocco le tette di Anyta intanto che con l’altra mano penetro la tua figa.
Volker ti sta mettendo un dito in culo e ti sta tirando i capezzoli con la mano libera.
Non so come ma questo Tetris funziona a meraviglia.
Tu vieni all’improvviso per la doppia penetrazione e li lasci di stucco quando squirti come prima in macchina.
Altra espressione in tedesco di cui non capisco nulla ma ne afferro il senso.
Stupore e apprezzamento (2 a 0 per Cristina).
Volker dice di averlo visto solo nei filmini porno che girano su internet ma di non aver mai assistito dal vero ad un evento simile.
Tu gli dici che io potrei riuscire anche su Anyta se lei lo desidera.
L’ho fatto con te le prime volte sul letto e adesso lo fai autonomamente quando sei molto eccitata, come adesso insomma.
C’è un breve scambio di battute tra gli austriaci e poi Anyta gira la testa verso di me (senza mollare i cazzi neppure un secondo) e nel suo buffo italiano mi chiede di provare se non mi dispiace.
Sai che dispiacere biondina, hai invitato il lupo a cena nell’ovile …
Ci risciacquiamo velocemente e ci asciughiamo l’un con l’altra soprattutto a coppie invertite.
Ti porti un asciugamano in camera e rispondi al domanda di Anyta, sul perché te lo sia portato dietro, con un semplice sorriso, un tenero bacio sulle sue lebbra e le sole parole “vedrai tesoro, ti servirà”.
Scopriamo il letto matrimoniale e ci mettiamo in ginocchio tutti assieme abbracciandoci e baciandoci.
Di nuovo la nostra pelle entra in contatto multiplo ed è gioco forza che anche i medesimi sessi vengano a stabilire una connessione tra loro.
Ormai non ci facciamo più caso.
Dopo aver steso il telo da bagno sul letto vi faccio adagiare Anyta sopra, le faccio aprire le gambe come se dovesse ricevere il suo amante e comincio ad accarezzarla sul seno.
È tesa, lo sento benissimo. La novità e l’aspettativa la rendono nervosa.
Ti chiedo di fare quello che non hai ancora fatto con nessuna, leccarle la figa. Finalmente.
È un’iniziazione per lei come per te, siete alla pari.
Ti metti con la testa tra le sue gambe e ti poni a 90 gradi come se dovessi prenderlo alla pecora.
So perché ti sei messa in quella posizione.
È una istigazione nei miei confronti, sai che mi piace vedere le linee del tuo culo aprirsi e creare l’effetto di due dolci colline arrotondate.
Inoltre la tua figa si dischiude come un mitile bivalve e si bagna copiosamente in attesa della copula.
Io e Volker cominciamo a leccare le tette di Anyta e a morderle i capezzoli.
Tre persone per lei, intente a farle raggiungere uno dei più begli orgasmi della sua vita.
Ti stai dando da fare egregiamente, si vede che ci metti passione in quello che fai.
La tua lingua, dapprima incerta, ha trovato in maniera autonoma, le giuste posizioni e le giuste intensità di tocco.
Vedo che stai incamerando eccitazione e sento il tuo odore sopra gli altri.
Sei al limite, ti conosco.
Stai muovendo il culo come simulando un amplesso.
Attiro l’attenzione di Volker, voglio condividere con lui questa estasi visiva.
Siamo il tuo pubblico.
Tra i gemiti della bionda ed i tuoi chiedo all’altro uomo di fare il bravo e coscienzioso ragazzo e di chiavarti.
Tacitamente mi ringrazia e si pone alle tue terga accarezzandoti il culo.
Ti accorgi a stento di quello che succede tanto sei compresa nella tua missione di far godere la tua nuova amica.
Ti “risvegli” e lanci un piccolo urlo, quando il cazzo dell’austriaco ti entra nella figa tutto di colpo.
Sei bagnata a dovere e non è dolore quello che hai provato ma appagamento; la sensazione di riempimento che il bel cazzo di Volker ti fa sentire aumenta, se possibile, la tua eccitazione.
Lo vedo dai tuoi occhi, lo sento dai tuoi ansiti, lo sento dagli odori che emani, lo sento dal rumore di figa bagnata quando lui ti mette tutto dentro il suo lungo e grosso cazzo.
Finalmente sono riuscito a regalarti un altro cazzo che ti sta facendo impazzire.
E difatti godi.
Godi in maniera completa.
E non sei mai paga di ricevere il nerbo nel tuo ventre caldo.
Sei talmente presa che ti dimentichi della tua amica bionda che giace supina vicina alla tua bocca che non la lecca più.
Povera piccola. È il momento di provare a farla venire in modo completo.
Mi alzo in ginocchio e mi metto al suo fianco destro
Con la mano destra comincio a toccarle la delicata intimità, sfiorandole il clitoride e sentendo che è gonfio per il trattamento ricevuto dalla tua lingua.
Lei continua a guardarvi scopare accrescendo la sua eccitazione, apre di più le gambe come se stesse partecipando attivamente alla tua monta, con la mano libera le continuo a toccare il seno e a tirarle i capezzoli.
Il tuo viso è a pochi centimetri dalla mia mano e ti vedo mentre la guardi muoversi sulla peluria bionda.
È ora. Introduco il medio e l’anulare nella profondità di Anyta, l’indice ed il mignolo sono lungo l’interno delle sue cosce.
Vado dentro e fuori per farla abituare alla presenza della mia mano ed intanto col palmo le passo sul clitoride che è ben pronunciato.
Voi continuate la monta e sei venuta un’altra volta, che troia che sei, ti amo per questo.
Gli chiedi di mettertelo nel culo.
Lui, in un primo momento, non capisce poi tu glielo fai capire in modo inequivocabile.
Passi una mano sotto le tua gambe, ti sfili il suo cazzo dalla figa e te lo punti al buco del culo.
Il cazzo è talmente bagnato che è lubrificato a sufficienza ma il tuo uomo temporaneo ti aggiunge un poco di saliva sputandoti sul buco del culo.
Non può immaginare che ti piace sentire la saliva calda colarti sullo sfintere.
Spinge lentamente ma costantemente finché l’anello di muscoli non cede di botto e ti entra tutto dentro.
Sborri, minchia se sborri.
Solo per aver preso in culo un cazzo sborri; si d’accordo è un bel cazzo ma proprio così troia?
Si, tu sei così e ti amo anche per questo. Sei vera e senza limiti.
Anche Anyta ha spalancato la bocca quando il suo lui ti è affondato dentro, come se ci fosse lei al tuo posto.
Sento la sua figa stringere le mie dita forte forte.
Con la sua mano mi afferra il cazzo che le sbatte sul fianco e me lo stringe forte quasi come quando me lo fai tu, ha potenzialità la piccola.
Decido che è umano farla venire e aumento un poco il movimento piegandomi a suggere il clitoride.
Viene dopo pochi colpi di lingua, abbondantemente direi.
Dice che le è piaciuto ma che non crede di poter fare come Kristin (ancora in tedesco).
Povera piccola, non ha capito che era solo un ditalino normale e non una masturbazione da squirting?
Prima che possa realizzare l’idea piego ad uncino le dita dentro la sua figa fino a raggiungere quel delicato “tappeto rugoso” che sta sotto il monte di venere.
Beccata! Al primo movimento, Anyta, spalanca la bocca come fosse in apnea.
L’ho colpita nel punto giusto!
Comincio il movimento che spero la porti dove voglio.
Non più delicatamente dentro e fuori ma violentemente su e giù muovendo in contemporanea le dita ad uncino sul punto sensibile.
Intanto tu e il frontaliero ci date dentro con l’inculata.
So che sei vicina a venire ancora e stavolta di culo.
Sei multi orgasmica mica per nulla eccheccazzo! Mica sei una principiante!
Più continuo il movimento dentro la figa della bionda più lei mi stringe il cazzo, ma che forza che ha nelle mani sta troietta... mi fa diventare la cappella viola tanto lo stringe e mi ferma il flusso sanguigno.
Poi succede. Dopo pochi decine di secondi di “trattamento” Anyta comincia a tremare come fosse presa dalle convulsioni, apre la bocca in un urlo afono, mi stritola il cazzo con la mano e finalmente ecco che espelle un getto di liquido che colpisce il tuo viso che è rimasto sempre lì in prossimità.
Sei piena di lei e in quel mentre il suo uomo non ce la fa più a resistere all’eccitazione e ti riempie di sborra il culo.
Cosa fai tu, vieni ancora.
D’altronde fai sempre così.
Senti la sborra in bocca e vieni, la prendi in figa e vieni, la prendi in culo e vieni.
Intanto io non mi fermo e continuo la mia azione sussultoria nella figa austriaca, lei comincia a dire qualcosa in tedesco, sembrano parolacce ma all’interno ci sono molti YA e NEIN ma visto che uno annulla l’altro continuo ancora ed ancora.
La riporto al punto di prima, la impossibilità di reagire.
Stavolta riesce ad articolare qualcosa e ricomincia a spruzzare liquidi su te e il suo uomo che si è unito a te vicino alla figa della sua ragazza. Visto a cosa serviva l’asciugamano bella bionda?
“Wunderbar” - dice estasiato.
Questo lo so anche io cosa vuole dire; “meraviglioso”.
Tolgo le mie mani da Anyta che fa fatica a riprendersi, trema tutta come se fosse fuori al freddo ma è solo per l’intensità dei due orgasmi consecutivi che ha avuto.
Tu non resisti e ti fiondi a leccarla ancora intanto che il suo uomo si china sul suo viso e la bacia amorevolmente.
Non riesco a muovermi dalla mia posizione perché lei ha ancora il mio cazzo nel suo pugno e lo tiene saldamente.
Osservo te che le lecchi la figa rorida d’umori non per farla venire ma per gustarne il sapore.
Poi ti alzi anche tu e vieni a baciarmi.
Mi fai assaggiare tramite la tua lingua i suoi sapori.
Abbassi lo sguardo e vedi il mio cazzo imprigionato nella sua mano; la cosa è talmente paradossale da essere perfino comica.
Un quasi 58enne ostaggio nella morsa di una biondina quasi 40enne sdraiata di schiena in stato semi catatonico dopo aver innaffiato gli astanti come fosse un idrante che si bacia appassionatamente con il suo uomo 45enne che ha appena farcito di sborra il culo della bella troia 58enne.
I due “giovani” si stanno parlando nel loro incomprensibile idioma, saranno anche parole dolci post coitali, non lo nego ma sembrano tutt’altro.
Finalmente Anyta si accorge di avere il mio cazzo in mano da parecchio e allenta la presa.
Il sangue comincia a rifluire nei miei dotti cavernosi, era ora, rischiavo una evirazione per cancrena.
Volker ci dice che la sua amata è vergine di culo e che, a parte qualche rara volta in cui si è fatta infilare un dito e piccoli sottili oggetti, non ha mai voluto essere penetrata analmente provando più fastidio che altro.
Durante l’incursione del suo ragazzo nel tuo condotto rettale lei è rimasta sconvolta dall’apparente facilità con cui hai “digerito” il palo di carne del suo maschio.
Ma soprattutto di come ne hai goduto intensamente durante il rapporto.
Ti avvicini a lei, le baci le labbra che sono state appena baciate dal suo uomo, le sprofondi la lingua nella bocca per pochi attimi.
Ti stacchi quel minimo che basta per guardarvi negli occhi, con parole ben scandite e lentamente in modo che lei capisca.
Le spieghi che le sensazioni che si provano in un rapporto anale consenziente sono diverse e complementari a quelle del rapporto vaginale; col tempo e con la pratica diventano imprescindibili uno dall’altro.
Con una adeguata preparazione lei avrebbe potuto accedere al mondo del sesso anale con gioia e partecipazione.
Poi non le sarebbe più bastato.
Più se ne prende e più se ne prenderebbe.
Lei ti chiede di aiutarla, si sente tranquilla con te, vuole provare.
Tu acconsenti ad una sola condizione.
Io devo essere colui che le toglierà la verginità anale.
I due austriaci ne hanno già discusso tra loro in quel intermezzo di tenerezza di poco prima ed era già loro intenzione chiedermi se avessi voluto essere il suo primo cazzo in culo in quanto le mie dimensioni normali la stimolavano a provare.
A volte non avere il cazzo esagerato ha il suo perché .... a volte ..... onestamente non è la prima che mi dicono che ho il cazzo da culo.
“Hai giusta misura per godere e non guaire” - diceva una mia trombamica di tanto tempo fa.
E culo sia.
Iniziamo a baciarla ancora una volta tutti assieme, l’accarezziamo, la lecchiamo, ci dedichiamo a lei insomma.
Tu, golosona, non disdegni una leccatina al cazzo di Volker che sta ridiventando duro alternandolo al mio.
Io e lui ci occupiamo della bionda finché tu non lasci i nostri membri e cominci a leccare con rinnovato vigore la figa di Anyta.
Vuoi farla venire, le hai detto che dei buoni orgasmi aumentano la voglia e la predisposizione al sesso anale.
Sei un’esperta, ne hai presi diversi di cazzi in culo, e nessuno ti nega la docenza in inculologia...
Intanto che prosegui il cunnilingus muovi le dita dalla sua figa al buco del culo, portando sempre più liquido vaginale sulla zona prossima ad essere deflorata.
Applichi sapientemente leggere pressioni al muscolo anale alternate con massaggi alla rugosità della zona.
Lei gode sempre di più, lo si vede.
Raggiungi il tuo obiettivo, riesci ad infilare senza fatica un primo dito; la fai abituare all’intrusione continuando a leccarle la figa sempre più bagnata.
È giunto il momento di provare con due dita, fai avanti ed indietro col primo dito sempre facendo colare liquido sull’ano; capisci che è pronta anche a questo.
Spingi facendo accompagnare il secondo dito dal primo; sono entrati tutti due.
Anyta gode sulle tue labbra con le tue dita in culo; sei diventata brava a leccare la figa. E ti piace pure tanto.
Volker è allibito da quello che ha visto e ti chiede di continuare.
Fai mettere Anyta su di te a 69, fosse la volta buona che ti restituisce il favore; ricominci a leccare la figa per tenerla in caldo e intanto mi fai avvicinare e mi fai mettere dietro di lei per essere in posizione corretta.
Mi prendi il cazzo e lo fai entrare prima nella sua figa per “ammorbidirla” un po’ ... ha una figa stretta che mi munge il cazzo in maniera pericolosa ..... ho paura di sborrare e allora addio inculata almeno per il tempo di “ricarica”, ho già un’età io.... continui a fotterle il culo prima con una poi con due dita, vuoi che sia pronta.
Capisco dai tuoi gemiti che lei ha cominciato a renderti il favore del bacio saffico, meno male vah!
Volker è davanti alla bocca della sua fidanzata con il glande a pochi millimetri.
Ci vuole poco che, anche se ha una posizione scomoda, grazie alla lunghezza del suo cazzo riesce ad infilartelo nella figa che accogliente si apre alla penetrazione.
Riesci a dare solo qualche leccata al mio cazzo che entra ed esce dalla figa di Anyta prima di venire ancora.
Sento la vagina della bionda stringersi sempre più, sta per venire anche lei, minchia se stringe, che cazzo di muscoli ha?
Quanta ginnastica di Kegel fa al giorno sta crucca?
Lei viene con un piccolo scroscio d’umori che ti cola sulla bocca aperta sotto di lei.
Io riesco a resistere all’impulso di venirle dentro, estraggo il mio cazzo e mi avvicino al suo ano che ha ancora le tue dita dentro.
Faccio colare un mare di saliva sulle tue dita che entrano sempre più agevolmente.
Intanto hai ricominciato a leccarle la figa e lei si rilassa ancora di più.
Il tempo delle decisioni irrevocabili è ormai giunto! (Disse qualcuno) ti tolgo le dita e appoggio al loro posto il mio glande ancora bagnato dal suo potente orgasmo di prima.
Spingo delicatamente, la sento contrarsi ed irrigidirsi, le dita sono una cosa ma un cazzo, anche se non esagerato, rimane un cazzo.
Fortunatamente tu non smetti di leccare e riutilizzi le dita che avevi nel suo culo inserendoli nella sua figa.
Ottima mossa, il culo quasi si apre per la penetrazione vaginale e per il piacere ricevuto.
In un amen il glande è dentro. Lei lancia un piccolo urlo ma però resiste al dolore.
Io mi fermo per farla abituare e non è facile con Volker che ti pompa la figa e fa muovere l’intera scultura di carne che abbiamo assemblato.
Spingo ancora e ne entra un bel pò, non credevo si aprisse così velocemente, merito della tua lingua e delle tue dita sicuramente.
Comincio ad andare avanti ed indietro affondando sempre più nel suo intestino fino a trovarmi con le palle sulla tua faccia.
Sono dentro tutto e credo lei lo stia dicendo in tedesco al suo uomo che comincia e spingerti sempre più forte il cazzo dentro la figa.
Rompo gli indugi e prendo un ritmo dapprima lento, poi più veloce quando, con piacere, mi accorgo che la bionda gode del trattamento anale.
Tu sotto di lei emetti i tuoi rantoli di godimento e mi dico che deve essere uno spettacolo bellissimo vedere il mio cazzo entrare ed uscire dal culo di Anyta visto a pochi centimetri di distanza.
Quando le mie palle ti arrivano a tiro le lecchi o le mordi portandomi ancora di più vicino al punto di non ritorno.
Lecchi lei, lecchi me, sditalini lei e sei chiavata da un bel cazzo, che ci vuole di più ?
In un attimo di lucidità lo trovi tu cosa ci mancava.
Con la mano libera incominci ad accarezzarmi un gluteo, poi fai scorrere le dita curiose nel solco fino a raggiungere il mio ano e cominci a fare pressione sull’anello.
Riesci ad inserire il dito fino in fondo dandomi una sferzata incredibile; il mio cazzo si gonfia improvvisamente regalando a Anyta un qualcosa di inatteso.
Non resisto più, riempio il condotto rettale dell’austriaca con una copiosa bordata di seme.
Il tuo dito nel mio culo me lo fa rimanere duro ed anche lei, tra la sensazione di calore della mia sborra e la turgidità del membro, può venire con un doppio orgasmo di culo e di figa quasi contemporaneamente.
In quel mentre, Volker, ti regala un autotreno di spermatozoi che dilagano nella tua vagina facendoti venire, ancora una volta, come la gran troia che sei.
Crolliamo tutti sul letto gli uni sopra gli altri senza dar conto di chi sia il vicino.
Ci scambiamo coccole a 4. Che pieno di sensazioni.
A poco a poco i nostri respiri si fanno regolari e nessuno pronuncia una parola, sono ormai le 4 di mattina, spegniamo le luci, complice la dura giornata di viaggio e la ancora più sconvolgente nottata, scivoliamo nel sonno allacciati tutti assieme come se fossimo un solo essere.
Sono poco più delle 11 quando apro gli occhi e realizzo che non sono a casa. Immediato è il ricordo di quello che è successo poche ore prima.
Mi giro nella penombra della stanza e vedo te dormire sul fianco sinistro leggermente a cucchiaio con Volker che ti abbraccia da dietro con il suo cazzo duro infilato tra le tue gambe.
Provo per un nano secondo un pelo di gelosia ma è solo una reazione aliena che sparisce nel medesimo tempo in cui è nata.
Anyta dorme a pancia in giù con la testa girata verso me.
Non resisto e le carezzo le rotondità marmoree del suo deretano. Che pelle liscia e calda che ha. Deve avere il sonno leggero perché apre un occhio e mi guarda.
Anche lei realizza dove si trova e quello che è successo, bene è tutto reale piccola.
Lei fa un dolce sorriso che pare racchiudere il riassunto degli eventi della notte precedente; allunga una mano verso di me e mi tocca il torace.
Mi accarezza un poco il capezzolo a cui riesce ad arrivare per poi far scendere la mano verso il mio inguine.
Non mi ero accorto di essere in erezione.
Lei si tira su e si appoggia col seno sul mio torace accavallando la sua coscia sul mio inguine, arriva alle mie labbra e me le bacia con gentilezza.
Ha belle labbra, delicate, umide.
Si scosta appena, si porta al mio orecchio e mi ringrazia per tutto; per averle fatto provare cose che non aveva mai neppure pensato.
Intanto con una mano ha afferrato la mia virilità ed ha cominciato a segarmi continuando a baciarmi.
Tu sei vicina a me stai dormendo girata dall’altra parte con un altro uno avvinghiato a te, che cazzo di situazione.
Anyta mi scivola sopra e arriva a toccare con la sua vagina il mio glande, perfino così sento quanto è bagnata.
Lei comincia a muoversi strusciando il suo sesso contro il mio in una sorta di masturbazione preparatoria alla penetrazione che tra breve avrà il suo epilogo.
Le nostre bocche sono incollate e le mi mani corrono sulla sua schiena percorrendone avide ogni centimetro quadrato.
Finalmente decide che è ora di prenderlo in figa, si struscia ancora più profondamente tanto da permettere alla mia cappella di puntarsi in maniera corretta nel sua antro dell’amore.
Un semplice suo affondo porta a compimento l’operazione; siamo una sola cosa adesso. La parte di me che è libido in questo momento gioisce ma la parte chi me che è razionalità mi spinge a girare la testa verso te e Volker che state dormento allacciati.
Che dualità comportamentale e sentimentale che provo; un dicotomia vera e propria.
Sono scopato da una bionda soda, bagnata e vogliosa e guardo te che sei a mezzo metro da me anelando la tua presenza.
Senza di te presente e vigile mi sento solo, mi sembra di tradirti quasi.
Intanto Anyta comincia a muoversi più audacemente e rumorosamente sul mio cazzo, tanto che i suoi gemiti e l’ondeggiamento del letto svegliano il suo maschio che gira la testa e con sorpresa si accorge che non è lei quella a cui ha dormito abbracciato.
Ben svegliato nel nuovo mondo amico mio!
Dopo un qualche secondo di sana incoscienza post risveglio tutto pare apparirgli più chiaro.
Ebbene si, anche lui realizza che ha un ragazza un pelino troia; ancora ben svegliato e benvenuto nel nuovo mondo!
Lei se possibile aumenta la velocità della monta, le tocco le magnifiche tette tirando i capezzoli …. sta godendo e anche bene direi.
Ansima come un mantice e parla in tedesco, molti più YA che NEIN stavolta, quindi andiamo bene.
All’improvviso si blocca sul mio cazzo e si irrigidisce come uno stoccafisso contraendo i muscoli vaginali in maniera potente e mi crolla addosso.
Ma questa ragazza fa sollevamento pesi con la figa per avere muscoli così forti?
Che orgasmo che ha avuto, guardo preoccupato Volker che sta facendosi una lenta sega guardandoci, gli chiedo se è normale per lei.
“Si” - dice “ogni tanto perde quasi conoscenza”, grazie al cazzo lo avevo notato quando ha squirtato ieri sera ma era sdraiata di schiena e non poteva crollare.
Sono ancora piantato dentro di lei o, per meglio dire, lei avvolge il mio sesso perché è lei a dominare la situazione, ha continuamente contrazioni muscolari alla vagina che mi sta letteralmente mungendo il cazzo; praticamente mi sta facendo una sega con la figa…
Volker ha aumentato il ritmo della sua sega quando mi viene in mente un cosa; Anyta è ancora sdraiata su di me col mio cazzo ben piantato dentro, il suo culo non ho mai smesso di accarezzarlo ed è un momento solo che scendo a toccarle lo sfintere.
Comincia a muoversi per sentire meglio la pressione delle mie dita, mi sussurra all’orecchio l’ennesimo YA; mi autorizza a farlo.
Non perdo l’occasione e le infilo delicatamente il medio nel caldo condotto anale.
È come se le avessi fatto un’iniezione di caffeina, spalanca gli occhioni chiari ed apre la bocca come a cercare aria che non arriva ai polmoni, un sensuale filo di bava scende da un lato delle labbra.
La penetrazione anale la porta a ricominciare a muoversi sul mio arnese, Volker sta sparandosi una sega coi fiocchi e credo sia prossimo a sparare in aria il suo corredo cromosomico, sarebbe un delitto.
Lo richiamo all’ordine e gli dico, quasi perentoriamente “vieni ad inculare questa troia!”, ormai sta imparando l’italiano e capisce il verbo che gli ha permesso di riempirti di sperma il culo ieri sera.
Lei sta scopandomi, io ho messo un secondo dito in culo e ho spostato l’altra mano sulla sua chiappa con l’intento di allargargliela per facilitare la penetrazione anale al suo ragazzo.
Volker si mette dietro Anyta che ha capito che cosa sta per succedere al suo sfintere e che ha deciso che VUOLE essere inculata … anche.
Lui si avvicina col glande al buco ancora impegnato dalle mie dita, è un attimo ed il suo cazzo tocca la mia mano.
Come fosse una corrente elettrica che corre alla velocità della luce nel mio sistema nervoso realizzo che, seppur accidentalmente, ho toccato il cazzo di un altro uomo e non mi ha dato fastidio.
Trattengo le dita nella posizione in cui erano nella speranza di ripetere il contatto con suo pene.
Che cazzo mi succede? Ho voglia di toccarglielo di sentirlo in mano, perfino in bocca per provare quello che provate voi donne quando ce lo succhiate.
Ma non vorrei rovinare tutto e quasi desisto dal proposito finché non sento Volker che sputa sul buco della sua ragazza per lubrificarla.
Approfitto della situazione e mi metto passare un paio di dita sull’ano della bionda per poi infilarle nuovamente dentro al vano oggetto del desiderio del suo uomo.
Lui si riavvicina e complici i movimenti di Anyta che non ha smesso di muoversi sul mio cazzo, la mia mano torna in collisione col cazzo di Volker.
Rompo gli indugi, lo afferro lo tiro verso la sua amata; lo sto impugnando forte e deciso, mi sto godendo il cazzo di un altro in mano e pare che non dispiaccia neppure a lui, infatti mi sembra si sia ingrossato se possibile.
A fatica per la posizione non riesco a fare al bel cazzone più che un falsa sega mascherata con l’ausilio a trovare l’entrata del culo della ragazza.
Certo lui lo vede meglio di me visto che è dietro ma neppure lui cerca di sottrarsi al mio tocco.
Anyta dice qualcosa in tedesco, lui risponde e lei spalanca gli occhi guardandomi con un sorriso compiacente, le ha sicuramente detto che ho in mano il suo cazzo.
La bella bionda interrompe la scopate e comincia a muovere il bacino per sentire il cazzo del suo uomo guidato dalla mia mano toccarle diversi punti sensibili.
Decido che è ora di far fare il culo a questa maialina, muovo l’asta fino ad impuntare il glande dell’austriaco all’anello anale e contemporaneamente lui comincia a spingere.
Io non tolgo la mano dal suo cazzo, me lo faccio scorrere intanto che affonda inesorabile nelle carni di Anyta, godo dal sentirla inculata e godo a tenere il suo cazzo in mano, praticamente gli sto facendo un sega intanto che lui si incula la sua ragazza.
Lei gode come un matta. Un cazzo le scava le viscere, un cazzo le riempie la pancia e sente che il cazzo che la incula viene toccato in in maniera esplicitamente sessuale.
Un odore mi arriva alle narici. TU!
Mi vergogno ad averti “abbandonata” mentre noi tre stiamo facendo sesso.
Giro la testa dalla tua parte e ti vedo li a gambe aperte: con una mano ti tiri un capezzolo fino ad allungarlo di più del doppio della sua lunghezza, con l’altra stai masturbandoti come quando eravamo in macchina.
Ci stai guardando e stai godendo di noi. Mi chiedi se ho in mano il cazzo dell’austriaco e quando ti dico di si urli il tuo piacere e godi. Godi per la situazione e perché sai che abbiamo abbattuto un altro nostro limite.
Anche i nostri due coinquilini momentanei si girano verso di te sentendo il tuo rantolo di piacere e tutti tre ti vediamo e sentiamo gridare il tuo orgasmo.
Anyta continua a muoversi come può sul mio cazzo costretta dal peso di Volker e dal suo palo che la trafigge analmente.
È, però, sufficiente per farle avere un orgasmo annichilente pari a quello di prima.
L’austriaco estrae la sua verga dal culo della ragazza e questo fa si che anche io perda la presa su quello che era diventato un mio piacevole compagno.
Ti si avvicina e ti crolla addosso quasi schiacciandoti e nel contempo aprendoti le gambe.
Vuole scoparti, è chiaro … vuole piantarti il suo cazzo fino alla cervice e vuole sfondarti.
Un grido di compiacimento ti esce dalla gola quando hai finalmente tutti i suoi tanti centimetri nella pancia, lui comincia una danza veloce e possente dandoti grandi e lunghi affondi.
Il suo glande ti sbatte in fondo alla figa e anche se, dapprima, ti provoca un poco di dolore poi te lo muta in piacevole supplizio.
La mia troia è entrata in modalità “inarrestabile”! Lo inciti a dartelo più in fondo, a spaccarti la figa, a farti sborrare … e lo fai … almeno una volta ogni 3 o 4 minuti di botte di cazzo!
Volker è inarrestabile, io e Anyta ancora con i sessi interconnessi, vediamo il palo di carne che ti apre e riempie la vagina ad ogni botta.
E tu godi, sei avvinghiata alla sua schiena con le gambe così da essere più aperta possibile, per facilitare la monta di quel magnifico cazzo che ho imparato ad apprezzare anche io.
Lo vuoi in culo anche tu come lo ha preso Anyta, vuoi essere scopata ed inculata nel medesimo momento, proprio come prima Anyta.
Detto fatto, la bionda si disarciona dal mio membro e tu la sostituisci prontamente in sella; scendi di botto, Volker ti ha aperta ben bene e credo ci vorrà almeno qualche minuto per fartela ritornare normale.
Mi baci e ci scambiamo le nostre parole d’amore; i tuoi occhi parlano per te, sei soddisfatta, felice di questa inattesa esperienza che ci stiamo godendo a fondo, sei in continua tempesta ormonale (e menomale che le donne in menopausa hanno un calo della libido … puttanate), sei insaziabilmente troia.
Mentre ci baciamo un lingua esplora il tuo sfintere anale e cala a lambire il tuo perineo, il mio cazzo rimasto all’esterno della tua vagina, le mie palle.
Sono i due nostri amici che si stanno impegnando a fondo, lui ti ammorbidisce il culo lei si occupa delle altre posizioni.
Voglio ripetere la cosa di prima, voglio essere io ad incuranti col suo cazzo nella mia mano, quando vedo che lui ti ritiene pronta alla monta mi faccio forte dell’eccitazione e gli chiedo se possiamo fare come prima.
Accetta immediatamente senza ritrosie, allora gli è piaciuto … meno male, mi sarebbe spiaciuto rovinare quel qualcosa di cosi bello che è creato tra noi.
Sta per offrirmi la sua verga da traghettare nel tuo culo quando ancora un volta mi sorprendi e mi chiedi se mi fido di te … che cazzo di domanda, ma certo che mi fido di te! Ti amo più della mia vita … giri la testa indietro e chiedi a Volker di metterti il cazzo in bocca prima di essere inculata.
Intanto che Anyta continua il suo meraviglioso lavoro sulle nostre intimità, il suo maschio viene a porgerti la verga da imboccare, prendi in mano la sua verga e amabilmente ma con lentezza esasperante te lo infili fino all’ugola, così lo ecciti al massimo e lo si vede da come gli pulsa l’uccello.
Io sono steso sotto di te e ho il cazzo a poca distanza dalle mie labbra … la tentazione è forte … vedo il suo scroto che si muove e si contrae in base alle sensazioni che la tua esperta bocca gli trasmette.
Tirandolo per il cazzo con la mano fai in modo che le sue palle siano sempre più vicine alla mia bocca … ho capito cosa vuoi che faccia … sai che voglio farlo … spero solo di non rovinare tutto.
Mi butto; timidamente faccio uscire la mia lingua che arriva a lambire il sacco scrotale. Non mi da fastidio come credevo, anzi mi piace.
Lui quasi non se ne avvede immediatamente perché è preso dalla tua bocca e dalla tua mano, e non realizza che ci sono troppe lingue in gioco ora; quando si “risveglia” ormai sto succhiamogli le palle e tu il glande.
Gli lecco dove posso, come posso, quanto posso … arrivo a leccare il perineo e il suo buco del culo, alzo le mani che finora erano a toccare le tue chiappe e le porto sulle sue.
Riesco cosi ad ancorarmi saldamente al suo culo che lecco con gusto, il mio cazzo si gonfia nella tua vagina, siamo ancora fermi, uno dentro l’altra, da quando stavamo per facilitare la tua inculata.
Sento la tua figa bagnarsi, stai godendo da ferma troia? Lo percepisce anche Anyta che lecca con più ardore allargandosi anche al tuo culo. Lei non si ancora accorta di quello che stiamo facendo al suo uomo.
Ecco che esplodi! E quando dico esplodi intendo che spruzzi dove puoi essendo tappata dal mio cazzo ed appoggiata sul mio pube.
Però lo fai lo stesso, squirti di brutto, sento il tuo liquido uscire a pressione da sotto i nostri corpi con Anyta che diventa matta per cercare di prenderne il più possibile.
Godendo hai staccato la bocca dal cazzo di Volker ma non la mano che continua a stringerlo come un regina stringe il suo scettro.
Lui dice qualcosa a Anyta che si stacca da noi e arriva a vedere cosa facciamo. Io non vedo nulla, ho il culo di lui sulla mia faccia e alterno le visite della mia lingua dal suo ano alle palle ed ora anche al rachide penino. “Wunderbar” - dice lei stavolta vedendomi alle prese col cazzo di Volker.
Lui si sposta un poco indietro togliendomi la possibilità di continuare la mia azione emolliente ma non va via, anzi.
Si ritira solo per fare in modo che io possa leccare anche tutta la parte inferiore del suo cazzo, alla parte sopra ci stai pensando egregiamente tu.
Anyta si sposta e si pone in modo da prendere in bocca il glande … a questo punto Volker inizia a muoversi avanti ed indietro simulando un normale amplesso, io e te fungiamo da pareti di una strana vagina la sua donna è il fondo della stessa.
Eccitata cominci a muoverti lentamente sul mio cazzo duro come non mai, sento le pareti della tua vagina che lo fasciano come un guanto.
Io, a bocca aperta, cerco di succhiare l’asta virile intanto che mi scorre tra le labbra lubrificata dalla tua copiosa salivazione che sgorga dalla tua bocca mentre compie il medesimo mio lavoro nella opposta parte.
Il nostro amico comincia ad andare più veloce, si vede che non ce la fa più … noi tre addetti al suo pene facciamo di tutto per aumentare le stimolazioni che possiamo dargli.
Per aumentare il suo godimento provo a fargli quello che facciamo sempre tra noi, voglio infilargli un dito in culo.
Li è ancora tutto bagnato e viscido per la precedente serie di colpi di lingua che gli ho propinato, con un paio di dita lo accarezzo sul sacro per poi scendere sul grinzoso ano e passando al perineo, continuo questo movimento come fosse una ditalino sulla labbra di una figa.
Ad un certo punto, passando sul suo ano durante il mio particolare ditalino, lo sento rilassato e ritengo sia pronto a provare l’ebbrezza di un dito in culo durante un pompino.
Giro il dito sullo sfintere in cerchi sempre stretti aumentando la pressione esercitata dal polpastrello, spingo un’ultima volta ed entra la prima falange.
Lui non dice nulla ma accelera il suo moto copulatorio facilitandomi la pratica dell’inserimento del dito nella sua profondità … gli piace … ho sempre e solo infilato dita in culo a donne so cosa posso sentire quando lo faccio ma qui sono in territorio alieno …
Conosco la biologia e la fisiologia umana, devo cercare la prostata, per stimolargliela come mi fai sempre tu quando mi inculi.
Sento un punto che pare essere una piccola protuberanza quasi impercettibile … comincio a muovere il dito che quando lo faccio a te nella figa per farti squirtare.
Funziona, cazzo! Volker aumenta la velocità e tutti tre percepiamo l’ingrossamento e l’indurimento del suo pene … emette una nota continua di godimento che non lascia dubbi sul suo piacere.
Praticamente si sta incollando da solo col mio dito tanto forte va avanti ed indietro … so, per esperienza che con un dito in culo i tempi per giungere al termine si riducono drasticamente.
Difatti pochi secondi dopo ecco l’esplosione!
Un fiume di sperma fuoriesce dal suo meato con ripetuti e violenti schizzi che quasi soffocano la povera Anyta.
Da brava troia samaritana ti sostituisci a lei per raccogliere il frutto dei lombi del nostro amico, quale spirito altruista ti pervade amore mio … io comincio a dare piccoli morsi al dorso inferiore del cazzo di Volker che non perde turgore, ho ancora il mio dito in culo e sto ancora massaggiando quel punto magico.
Tu acceleri il movimento sul mio cazzo per arrivare ad un ennesimo orgasmo intanto che non molli la presa sul glande del nostro cazzuto amico.
Ormai non passo darti torto ora che ho provato anch’io … dopo poco ti stacchi finalmente da lui e vieni a baciarmi con la bocca piena della sua sborra che ci dividiamo con passione.
Mi stacco dal culo del nostro amante per dedicarmi solo a te, siamo solo noi per noi adesso.
Percepiamo la presenza dei nostri scopamici che fanno la medesima nostra cosa, ricompongono la coppia per un ultima copula d’amore.
Tu mi scopi gustandoti il mio cazzo dentro senza mai staccare la tua bocca dalla mia, sono tuo ostaggio e godo di questo.
Gli ansiti di 4 persone che stanno per raggiungere l’estasi parossistica riempiono la stanza che ci ha ospitati, i nostri ultimi orgasmi ci lasciano spossati e felici.
Come se telecomandati ci cerchiamo tutti 4 e ci troviamo a guardarci negli occhi senza dire nulla ma dicendoci tutto.
Ci alziamo abbracciandoci e baciandoci tutti assieme senza scelta di sesso d’appartenenza, ormai sarebbe sciocco erigere tabù dopo quello che è successo tra noi.
Ci spostiamo in bagno dove tutto è cominciato per farci un’ultima doccia assieme, non solo per lavarci ma per chiudere un cerchio che si è aperto inaspettatamente per merito di una inattesa nevicata sull’autostrada..
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.

Votazione dei Lettori: 9.3
Ti è piaciuto??? SI NO



Commenti per Un viaggio nella neve:


comewithus, coppie Liguria
Splendido !
3 mesi fa
 L'Autore
Kygerlitor, coppie Emilia Romagna
grazie 1000.
3 mesi fa
fullsex, coppie Toscana
Wunderbar!! ;-)
3 mesi fa
 L'Autore
Kygerlitor, coppie Emilia Romagna
siamo contenti sia piaciuto
3 mesi fa
Hombre72, singoli Sicilia
Bel racconto
3 mesi fa
 L'Autore
Kygerlitor, coppie Emilia Romagna
Grazie Hombre!
3 mesi fa
ciak63, singoli Campania
Leggervi è con e scopare li con voi...
2 mesi fa
ciak63, singoli Campania
Leggervi è con e scopare li con voi...
2 mesi fa
Membro VIP di Annunci69.it biondapelleliscia, coppie Veneto
Fantastica avventura 💕💕💕💕
2 mesi fa
EVAeADAMO, coppie Emilia Romagna
Bellissima avventura, siete stupendi
1 mese fa
Aureliana, singole Emilia Romagna
L ho letto tutto di un fiato!! wow che coppia, che intensa perfetta.
Oltre tutto dritto bene e ben contestualizzato con tanto di nomi di passi e casello manca soltanto la nota su cosa passava la radio e la colonna sonora è fatta.
Un bacio Aureliana
1 mese fa


Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in Scambio di Coppia:





Sex Extra



® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.
Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni