Racconti Erotici > trio > Scritto da lui: Spiata
trio

Scritto da lui: Spiata


di Membro VIP di Annunci69.it Cpcuriosa60
17.10.2023    |    6.334    |    18 9.6
"Lory sa che sono geloso, ma la mia gelosia mi fa eccitare tantissimo..."
Lory sa che sono geloso, ma la mia gelosia mi fa eccitare tantissimo.
Amo vederla scopare con un altro, mi eccita quando chiede di essere inculata, è uno spettacolo sublime.
Sa che vorrei qualcosa di diverso, che mi dia una scossa, che mi faccia ingelosire, per poi raccogliere i frutti.
Lory questa volta prende da sola l’appuntamento dell’incontro, non so se si tratti di una coppia o di un singolo, spero in qualcosa di diverso, ovvero una singola.
E’ un gioco nuovo questo di lasciarle il comando, mi diverte vederla decisa, un po’ Padrona nei miei confronti.
Arriviamo all’indirizzo che mi ha dato, ad aprirci un signore distinto che si presenta come Osvaldo.
Entriamo in casa e subito il mobilio mi fa capire che è una persona molto raffinata; ci sediamo e ci porta da bere, parliamo della casa e del piacere che ha avuto nell’arredarla.
Dopo mezz’ora di conversazione Osvaldo si alza e invita Lory a seguirlo in cucina per mostrargliela.
Io rimango in salotto ma poco dopo Lory ritorna con gli slip in mano e li posa sul tavolino, si risiede nella poltrona e rimane con le cosce un po’ aperte.
Osvaldo le si avvicina e le passa una mano tra le gambe, facendole aprire in modo da mostrarmi la mano che passa sulla figa.
Le fa i complimenti perché si accorge che è eccitata e bagnatissima.
Lui la prende per mano e la porta verso un’altra stanza.
Lory, prima che la porta si chiuda, mi dice di rimanere lì seduto e aspettare che mi chiami.
Così faccio, li sento bisbigliare ma non capisco cosa si stiano dicendo.
La porta si chiude del tutto e non riesco a sentire più niente.
Non resisto che un minuto: mi avvicino alla porta e guardo dal buco della serratura.
Vedo Lory inginocchiata su una poltroncina culo al vento e Osvaldo che glielo lecca.
Dopo un minuto Lory gli dice di chiamarmi e chiedermi di portare la borsettina che aveva con sè.
Mi affretto a tornare sul divano, Osvaldo entra e mi dice di prendere la borsetta di Lory e seguirlo.
Così faccio, entro nella stanza che scopro essere adibita ad ufficio.
Lory mi dice di prendere il lubrificante dalla borsa e spalmarlo sul suo buco del culo, mi dice di prendere il plug nero e metterglielo nel culo.
Vedo Osvaldo spogliarsi completamente e infilarsi il preservativo con molta facilità, perchè è davvero poco dotato.
Subito dopo Lory mi invita ad uscire e tornare in salotto.
Mi rimetto a sedere sul divano, la gelosia mi rode ma sono parecchio eccitato.
Mi spoglio e inizio a segarmi piano, piano, pensando a cosa stiano facendo, la curiosità è tanta quindi ritorno a spiare dal buco della serratura.
Vedo Osvaldo che le toglie il plug dal culo e lo sostituisce col suo cazzo.
La sta possedendo con una certa delicatezza, le dice che il suo culo è accogliente e abbraccia il suo cazzo in maniera perfetta.
Vanno avanti un paio di minuti, poi Osvaldo dice a Lory che sta sborrando.
Le si sfila, si gira, gli sfila il preservativo e si fa sborrare in bocca.
La vedo alzarsi, venire verso la porta, io scappo subito e mi risiedo sul divano.
Sono lì con il cazzo duro, Lory viene avanti a bocca chiusa ma con un sorriso sornione, poi mi bacia.
Sento un gusto strano nella sua bocca, ci limoniamo per qualche secondo, poi mi dice: “Ti è piaciuto vedermi mentre mi inculava? Ti ho sentito che ti sei avvicinato alla porta e sapevo che stavi spiando dal buco della serratura; ecco ti ho portato il piacere di Osvaldo da assaggiare. Ora vieni con me.”
Entro nell’ufficio e vedo una telecamera che inquadrava la porta da dove spiavo, capisco perché sapeva che la stavo guardando.
Osvaĺdo è disteso su un divanetto e il suo cazzo è ancora in tiro.
Mi dice di aiutarlo a spostare il divanetto al posto della poltroncina usata per l’inculata e che potevo osservare dalla serratura. Sopra è ancora appoggiato il preservativo usato: è il simbolo del loro amplesso e la gelosia torna a prendermi la gola.
Lory mi dice di infilare il preservativo ad Osvaldo e che adesso si farà scopare nella figa.
Obbedisco, il gesto non mi infastidisce anzi mi eccita e mi fa pregustare un altro spettacolo.
Lory mi intima ancora di uscire dall’ufficio e guardarla dal buco della serratura.
Li vedo scopare nuovamente: Osvaldo è molto eccitato e dopo pochi colpi dice a Lory che sta per venire.
Lei gli sfila il preservativo e gli dice di sborrarle sulla figa.
Osvaldo ubbidisce, la sua capacità di ripresa mi ingelosisce ancora di più.
La sento dirmi di entrare e di farla venire come io so fare.
La sua figa è coperta di sborra: gliela spalmo anche sul culo e inizio a farla godere, gli orgasmi si susseguono ma io continuo finchè la vedo sfinita e sembra quasi perdere i sensi.
Respira appena, la bocca è semiaperta, il corpo abbandonato, gli occhi chiusi.
La sorveglio, toccandola piano, finché non riapre gli occhi e mi sorride.
Sono in paradiso.
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.6
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Scritto da lui: Spiata:

Altri Racconti Erotici in trio:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni