Il primo sito di Annunci erotici italiano, scambio coppie, racconti ed esibizionismo.       Siamo 503.534        Ora online 39.627        WebCam Chat: 54
Entra




Torna all'indice dei Racconti Erotici Gay & Bisex

Gay & Bisex


Il venditore ambulante

           di marcello63

 Scritto il 21.05.2013    |    Letture: 6.708  |    Votazione 9.6:

"Si ingrossa sempre di più fino quasi a soffocarmi..."
Ho poco più di 50 anni e rappresento in pieno lo stereotipo della checca gay milanese. Ho una camminata sculettante, adoro i pantaloni colorati, le camice sgargianti e i foulards avvolti intorno al collo e, per completare l'opera, possiedo un delizioso cagnolino yorkshire con relativo fiocco sulla testa.
Detto questo vi racconto cosa mi è capitato tempo fa.
Da qualche mese è posizionato in prossimità di una piazzola di sosta sulla provinciale che collega il mio paesetto al capoluogo un furgone che ha visto sicuramente anni migliori. Davanti ha un cartello scritto a mano in un italiano un po improbabile che recita: "frutta e verdura di stacione, tutta del Sud. Produzione propia". La grammatica Italiana ringrazia.
Ho sempre preferito acquistare dai contadini invece della grande distrubuzione, trovo i prodotti più freschi e saporiti. Essendo un divoratore di verdure decido di fermarmi sin dal primo giorno. Parcheggio ma non c'è nessuno. Provo con il tipico finto colpo di tosse. Funziona.
Una voce proveniente da dentro il furgone e con un forte accento napoletano dice "...aspettate nu momento mo vengo..". "Faccia con comodo, do un'occhiata alla merce intanto". Lo sento arrivare, alzo lo sguardo e mi trovo davanti uno splendido esemplare di maschio di 25/30 anni, due spalle larghe e quadrate, alto circa 180 cm e dalla carnagione scura dovuta più al lavoro nei campi che alla natura.
Indossava un paio di pantaloncini in jeans appena sopra il ginocchio, una camicia nera completamente sbottonata che metteva in bella mostra un petto villoso con due pettorali da urlo e un ventre piatto con accenno di tartaruga. La patta dei pantaloni aveva la zip abbassata evidenziando un bel paio di slip rossi e un certo gonfiore dovuto al fatto che molto probabilmente mentre sonnecchiava aveva avuto un'erezione interrotta dall'arrivo del sottoscritto.
Ero paralizzato alla vista di tanto ben di Dio. "Cosa vi posso dare?", esordisce. Io non riuscivo a togliere lo sguardo dalla sua patta e dal suo petto e a mala pena balbettando riesco a dire "..una cassetta di spinaci, grazie..". "Sono gli spinaci più buoni d'Italia, li coltiviamo io e mio fratello come tutta la frutta che vedete qua". Mentre parla si abbassa per riempire una cassetta e i jeans si spostano all'ingiù per una decina di cm regalandomi la vista del suo culo sodo a stento contenuto negli slip rossi. Si vede distintamente la leggera peluria all'inizio della linea che separa i glutei. Noto che con la coda dell'occhio mi sta guardando e indugia per un altro po di tempo, forse troppo, forse voluto. "Ecco qua, e visto che è la prima volta che venite da me vi voglio fare un regalo. Voi la mangiate l'Insalata?", "ma certo", rispondo io. "Allora aspettate nu poco, mo torno". Per qualche secondo scompare dietro il mezzo per poi riapparire con un grosso cetriolo che tiene stretto con una mano come farebbe con il suo cazzo intostato. Mi sento svenire. "Ma a voi piace il cetriolo?", mi dice sorridendo. Oddio, mi ha sgamato, penso tra me e me anche se con i miei pantaloni fucsia con camicia gialla al seguito c'era davvero ben poco da sgamare. "Io adoro i cetrioli, starei a mangiarli per tutto il giorno" gli rispondo accentuando la mia parlata già di per se effemminata. "Questo è un cetriolo napoletano e quelli napoletani sono i migliori". "E cosa hanno di diverso quelli napoletani?" gli chiedo con tono malizioso. Lui sta al gioco e dice " sono più grossi e saporiti e durano di più, un po come il pesce. Mentre lo dice fa scivolare una mano sul pacco". "Il pesce?" dico io facendo finta di non capire. "Si il pesce, 'o cazz". E con la mano stringe il suo membro. Quando toglie la presa noto che il gonfiore si è accentuato. Si sta eccitando pure lui. Mi faccio una grassa risata accompagnata da un "aaahhh ecco". "Comunque io mi chiamo Carmine e voi come vi chiamate?" , "io mi chiamo Paolo, piacere di conoscerti, Carmine".
Mi stordisce con un secco "A voi le femmine non vi piacciono, vero?". "Eh no, rispondo io". "Tengo tanti amici come a voi. Siete simpatici ma tenete sono una cosa in mente....'o pesce anzi 'o cazzo". Parlavamo come se ci conoscevamo da sempre invece solo 30 minuti prima ne ignoravo l'esistenza. "Ma perchè, scusa, tu non pensi sempre alla fica?" continuo io. Oramai eravamo un fiume in piena, parlavamo di sesso stuzzicandoci a vicenda. " E' 'o vero, tengo sempre la capa la. Quando vedo una guagliona con la minigonna il pesce mi si ingrossa all'istante. Adesso sono quasi 15 giorni che non faccio niente e la notte mi devo fare almeno tre pippe per svuotarmi sennò non riesco a dormire. Ieri ho fatto una spruzzata che è finita quasi a due metri dal camion". "Esagerato!! A due metri dal camion, addirittura!". "Ve lo ggiuro, pure la mia guagliona mi dice che ho uno schizzo esaggerato". Il bastardo sapeva che così dicendo mi faceva eccitare ancora di più. Mamma mia, stavo impazzendo. Tra me e me pensavo che era venuto il momento di provare a lanciarmi e così gli dico sorridendo e con tono un po malizioso " ..senti un po, se stasera non hai altri impegni ti va di venire a mangiare a casa mia? stai tranquillo, non ho secondi fini e non ho intenzione di drogarti x approfittare di te. O si o no. Se non ti va non fa niente, in fondo non ti conosco nemmeno". Avevo le gambe che mi tremavano, mai mi ero spinto così avanti con una persona che conoscevo da così poco tempo. Si volta, appoggia la gamba su una ruota del camion mettendo in bella vista quello che sembrava essere un grand bel pacco, e mi dice "...sentite nu poco, mettiamo subbito le cose in chiaro, a me mi piacciono le femmine. Non vi mettete cose strane nella capa perchè sennò mi incazzo. Voi mi sembrate una persona simpatica e mi fate fiducia. Vabbuò, ci sto...però mi dovete venire a prendere qui. Io chiudo il camion alle 20. Vi chiedo un altra cosa, stasera gioca il Napoli, e la partita la devo vedere. Non ho finito, sono due giorni che non mi faccio una doccia, me la fate fare da voi?". Non riuscivo a credere alle mie orecchie. Non solo aveva accettato ma voleva pure farsi una doccia. Oltretutto prima mi ha pure detto che è da quasi due settimana che non fa sesso. Ero stordito. A stento ero riuscito a balbettare un banale "..benissimo. Alle 20.30 sarò qui, preferisci che ti cucino qualcosa in particolare?". "..Non ti preoccupare, io mi mangio tutto".
Mi rimetto in macchina e corro a casa a preparare una bella cenetta, un primo, una bistecca con patatine e una bottiglia di vino. In un batter d'occhio si fanno le 20. Ero agitatissimo. Stava per andare a prendere uno dei maschi più maschi di sempre.
Mi metto in macchina per percorrere i poco più di 2 km che mi separavano da lui. Il cuore era a mille. "Stai calmo, stai calmo" continuavo a ripetermi. Arrivo e non lo vedo. Comincio a pensare che forse aveva cambiato idea. Invece una voce proveniente da dietro di me dice "..Eccomi qua Paolo, scusate il ritardo ma stavo al telefono con la guagliona.." Eccolo, pantaloni di jeans lunghi avvolgevano il suo splendido culo e una magliettina di cotone bianca aderente esaltava ancora di più il fisico statuario. Non so come non mi sia venuto un infarto. Si è seduto con le cosce aperte. Una mano sul poggiatesta del mio sedile e l'altra fuori dal finestrino. Un tronco di fisico. "Allora, che mi hai fatto di buono?".
"Aspetta e vedrai, sono bravo in cucina", gli dico. "La partita comincia alle 22, mi faccio subbito na bbella doccia, mangiamo e poi ci vediamo 'oNapule, vabbuò?".
"Per me va benissimo", gli dico. Arriviamo sotto casa e parcheggio. Io vivo in una graziosa mansarda, piena di candele accese e di oggetti provenienti da varie parti del mondo. Entriamo e lo faccio accomodare. "Weee, ma che bella casa tenete". "Se vuoi farti la doccia il bagno è la prima stanza a destra. Gli asciugamani puliti sono di fronte alla doccia". "Grazie, allora io vado. Ci metto solo pochi minuti, voi intanto cominciate a preparare, tengo na fame....". Mi sembrava di vivere in un film, ero in stato di semi incoscienza. Sentivo lo scorrere dell'acqua e il rumore tipico di che si sta insaponando e sciaquando. Decido di avvicinarmi al buco della serratura. La voglia di vederlo nudo è fortissima. Dalla piccola feritoia non si vede quasi niente, solo il vapore della doccia, ma ad un certo punto sento aprire la porta a vetro e vedo comparire lui, o meglio la parte dal petto in giù. E' di spalle. Il culo è di marmo e ricoperto da una bella peluria nera, così come le gambe. Comincia ad asciugarsi e si volta verso la porta. Il cazzo è maestoso, con una cappella enorme e due coglioni sodi e gonfi. Ha una erezione parziale, dovuta probabilmente al caldo. Mi sento le vene del collo esplodere. Decido di tornare in salotto ed aspettarlo li. Eccolo apparire con un asciugamano avvolto attorno alla vita, ancora umido e con la protuberanza del suo menbro ben visibile sotto il telo. "Paolo, non li tieni un paio di pantaloncini corti o una tuta?". "Ma certo, Carmine, aspetta un attimo che vado a prenderli". Gli porto una tuta ma lui si mette solo i pantaloni e rimane a torso nudo. "Fa troppo caldo, guaglio', mi dice come per giustificarsi.
Gli offro un bel bicchiere di vino, un Cannonau sardo di 16 gradi. Vedo che gradisce e se lo tracanna in un solo colpo. Me ne chiede un altro e un altro. Mangia gli spaghetti al pomodoro in un colpo e divora la bistecca. In pochi minuti aveva finito. "E' bbuono sto cazz 'e vino", dice con una voce impastata. E' brillo. Si alza, si prende la bottiglia di vino e si siede sul divano. La partita sta per cominciare. Si versa un altro bicchiere colmo di vino e se lo beve in un fiato. Lui guarda la partita e beve, io guardo lui, le sue spalle, il suo petto e il suo splendido pacco. Sembra accorgersi che a me della partita non interessa niente e che il mio sguardo è sempre e solo fisso su di lui. Si sistema ancora più comodo, allunga e allarga le gambe tanto che la tuta si abbassa mostrando l'inizio dei peli pubici e il tatuaggio di una testa di serpente. Colgo la palla al balzo e azzardo "..ma hai un tatuaggio? Io adoro quelli tribali e le rappresentazioni animali". Ha uno sguardo vitreo, il Cannonau ha fatto il suo dovere e biscicando mi dice "..si m'aggio fatto nu serpente" e mentre lo dice abbassa con una mano la tuta per mostrarmi il tatuaggio. Non si è messo gli slip e insieme al tatuaggio compare il suo membro semi intostato. Sembra che stia dormendo. La cappella è tutta fuori dalla pelle, è di un rosso fuoco e il tronco è avvolto in un groviglio di vene. Un cazzo meraviglioso. "Ti piace il serpente?" mi dice e io senza pensarci su due volte aggiungo "..è davvero bellissimo e anche i colori sono vivi sembra quasi vero", esagero. Lui sorride compiaciuto e poi dice "...e pure l'altro serpente ti piace, vero?..". Detto ciò si prende il cazzo con una mano e con l'altra mi prende la testa e me la appoggia sui coglioni. Mi sembrava di vivere in un sogno. Comincio piano piano a leccargli le palle e poi salgo su su fino alla cappella che faccio sparire nella mia gola. Sento il suo cazzo ingrossarsi dentro la mia bocca. Si ingrossa sempre di più fino quasi a soffocarmi. Con entrambe le mani mi tiene la testa portandola su e giu. " Il culo, ti devo sfondare il culo" dice quasi urlando di piacere. Non fa in tempo a togliermi il cazzo di bocca che un getto caldo e dolce di sborra mi inonda la gola, un altro mi riempie la faccia e prima del terzo schizzo mi rimette il serpente in bocca. Non finiva più di sborrare. "Mo aspetta, ci vediamo la fine della partita e poi ti sfondo il culo, vabbuò?". Non ci volevo credere. Durante tutta la partita è stato nudo e si teneva il cazzo con la mano menandoselo lentamente. Quando toglieva la sua mano mettevo la mia e continuavo io. Alla fine della partita, vittoria del Napoli sul Catania per 2 a zero, mi dice "..voltati..". Ubbidisco. Sento uno sputo caldo di saliva centrare in pieno il mio buco del culo già abituato a ricevere cazzi. Con entrambe le mani mi allarga le chiappe, mi appoggia la cappella sull'orifizio umido di saliva e con un solo colpo me lo spienge dentro. Il dolore all'inizio è fortissimo. Nonostante sia abituato a prendere cazzi, il diametro di questo napoletano è esagerato. Lo sento dimenarsi dentro di me. Mi sbatte con colpi secchi facendo entrare ed uscire completamente il membro per tutta la sua lunghezza. Il piacere è spettacolare. Ad un certo punto me lo sfila, mi fa girare verso di lui e mi schizza in faccia una quantità di nettare inimmaginabile. "Carmine, avevi ragione. Fai spruzzi di sborra incredibili". Lui ride compiaciuto."Mi posso fare un'altra doccia?". "Puoi fare quello che vuoi", gli rispondo io. Si è fatto tardi e dopo aver declinato l'invito a dormire da me lo riaccompagno al furgone. "Ci vediamo domani per le verdure" gli dico mentre lo lascio davanti al suo mezzo. "A domani, Paolo" mi dice e aggiunge sorridendo , "..ti dispiace se sabato vengo ancora a mangiare da te?.."
Marcello 63.


Votazione del Racconto: 9.6
Ti è piaciuto??? SI NO


Disclaimer! © Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore.
Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.



Commenti per Il venditore ambulante:


Antares10, gay Trentino il 21.05.2013 alle 13:47:11 ha scritto:

E bravo. Così hai verdura fresca e pesce naturale. ....


succhioNola, gay SOSPESO il 21.05.2013 alle 14:39:56 ha scritto:

Cretino gli ignoranti ci sono anche al nord ... Tu pensa ai tuoi invece di parlare degli atri ;) razzistadelcazzo !


succhioNola, gay SOSPESO il 21.05.2013 alle 14:53:05 ha scritto:

Cretino gli ignoranti ci sono anche al nord ... Tu pensa ai tuoi invece di parlare degli atri ;) razzistadelcazzo !


 L'Autore
marcello63, gay Lombardia il 21.05.2013 alle 17:51:52 ha scritto:

Ma certo che siamo pieni di ignoranti pure qui, ci mancherebbe!!! Era per rendere il "maschio" piu "maschio". Per me un accento meridionale da un tocco di arrapamento in piu. Evitiamo di etichettare subito come razzista chi non lo e' affatto. Dai, un po di umorismo...


 L'Autore
marcello63, gay Lombardia il 21.05.2013 alle 17:56:13 ha scritto:

Il prossimo racconto giuro che sara' con uno scaricatore di porto veneto


 L'Autore
marcello63, gay Lombardia il 21.05.2013 alle 18:24:47 ha scritto:

Comunque chiedo scusa se posso aver offeso la sensibilita' di qualcuno. Non era nelle mie intenzioni.


rajo, singoli Lazio il 21.05.2013 alle 21:12:51 ha scritto:

dai che marcello ha ragione, il randello napoletano ha tutto un altro sapore :)


malatempora, gay Emilia Romagna il 22.05.2013 alle 11:26:53 ha scritto:

bel racconto....peccato che gli ambulanti che incrocio io siano sempre sovrappeso...hahahah comunque condivido il dialetto napoletano, come quello romano sono molto eccitanti...non centra nulla il razzismo!


PECORA2010, gay Campania il 22.05.2013 alle 13:22:39 ha scritto:

Razzisti o non razzisti, polentoni o terroni, vorrei vedere chi di voi davanti a un bel cazzo e/o a un bel culo a disposizione, prima di poterlo provare gli chiede le origini geografiche............................bha!
complimenti bel racconto




Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in Gay & Bisex:



SexBox




Sex Extra