Il primo sito di Annunci erotici italiano, scambio coppie, racconti ed esibizionismo.        Siamo 533.975        Online 37.610        WebCam Chat: 60
Entra





Prime Esperienze


Ormai ci siamo...mi sposo

           di Candida69

 Scritto il 29.12.2016    |    Letture: 14.205  |    Votazione 5.6:

"Mi sollevo, gli prendo la cappella e la punto all inizio della mia fessura, osservo Carlo che intanto e incollato alla vetrata e finalmente entro dentro e mi..."
Erano ormai le 10 e mezza di sera e a parte il solito minimarket notturno,il resto della via era completamente silenziosa e isolata.
I parcheggi erano tutti occupati e la mia auto sostava davanti all unica saracimesca ancora aperta.
Scendo dall auto,posso abbandonarla li davanti senza problemi, e mi avvicino al portone lussuoso del laboratorio di antiquariato che da li a poco mi avrebbe accolta come insolita ospite.
Quattro colpi con le nocche delle dita al primo dei quadratoni di cristallo (come da accordo) della porta,seguito da un soffio caldo di alito sul gelido vetro il quale non tarda ad appannarsi,mi volto indietro per un ultimo istante e mi godo una piacevole elettrizzante eccitazione,la lascio pemetrare dentro e non la rifiuto.(anche se dovrei).
Devo aspettare ben poco tempo la fuori perche Ivan e gia ad un passo da me,la penombra non aiuta..cosi mi ritrovo catapultata in men che non si dica nel suo mondo.
Ci scambiamo due silenziose frasi di circostanza che rimbombano come un eco conditi da un insolito imbarazzo da parte mia.
Il suono metallico della serratura sancisce la mia definitiva arresa,non serve dire nient altro.
La stanza e calda per fortuna e ora gli oggetti di valore che circondano la stanza riempendola in modo casuale prendono improvvisamente vita,Ivan modula con un gesto delle dita sul potenziometro la luminosita quel tanto che basta da rendere l ambiente piu vivo ed accogliente.
"Spogliati,ho poco tempo" portando le sue labbra carnose e calde sopra le mie sottili e umide,ricambio istintivamente ma non provo nulla.
Sono confusa e senza piu alcun pensiero razionale a darmi forza.
Ivan mi osserva senza creare un minimo di intimita o comunqie un timido e galante approccio.
Sono in piedi ferma e impalata davanti a Lui che ora e seduto e si appresta gia a levare scarpe e calzini.
Il mio corpo non reagisce alla sua volonta,alla sua totale mancanza di tatto ma anche se la mia mente per qualche istante e altrove mi ritrovo con le dirta operose a sbottonare misteriosamente uno ad uno i bottoncini dei jeans.
"Senti il preservativo allora..?",non rispindo.
Ha gia i pantaloni sopra il divano e il suo cazzo libero e non piu costretto dalle mutande,lo osservo e per la prima volta sento una scossa che
Mi colpisce come una tiepida sferzata sulla schiena,sono una porca che reagisce alla sola vista
Del sesso di un uomo sconosciuto.
Ormai ho le dita intemte a slacciare gli scarponcini quando Ivan si avvicina e si para davanti a me con il suo cazzo tozzo e ricurvo che non e ancora in tiro.
Mi sfiora le labbra,mi sporca il mento e mi accarezza la nuca con la sua mano dalle dita cicciottelle e villose Non sono pronta ancora e glielo faccio notare.
"No cosi no Ivan".
" Lo sapevo,sei solo..."
In pochi istanti ritorno rapidamente al punto di partenza l,ormai i jeans sono sollevati e il cappotto e allacciato ma mi sento nuda e sporca e quasi come se luii avesse gia sbattuta come una puttana.
Resto ferma,sono andata oltre e so che questo passo ne potra regalare altri forse in futiro,attendo che lui mi apra la porta e injzio a scrivere sul cellulare.

"Aspetta..." afferrandomi per un braccio..."aspetta non te ne andare".mi volto e mi lascio trasportare:"sai ne scopo tante di moglii e fidanzate ma..."respira affannoso,mi penetra con il suo sguardo quasi come se i suoi occhi color cenere e il suo aspetto ride e virile ma ben poco attraente potessero in qualche modo persersi nel nulla,in realta sapevo che la mia bellezza associata alla mia candida finta innocienza erano un mix esplosivo per gli uomini cosi il messaggio lo inviai lostesso...

Lo spigolo del muro solcava la mia schiena,i polsi mi facevano male ile le ginocchia pure ma i fari di un auto avevano richiamato la nostra attenzione.
Anni di fidanzamneto e l imminente matrimonio alle porte non avevano piu alcuna importanza,ora Carlo era gia li inchiodato alla vetrata cercando di rapire qualche magine nella penombra.
Ivano era sotto di me,sdraiato con la schiena a terra mentre io ero nuda dallla pancia in giu.
Carloi fissava con uno sguardo eccitato e spaesato ed io ero pronta con le cosce aperte rivolta verso di lui a farmi impalare da quel semisconosciuto.
Mi mordo le labbra e ripenso a come sia possibile che siamo arrivati a tanto ma intanto
mi siedo sopra il suo cazzo subito dopo averlo inumidoto con la saliva in un gesto sensuale,lostesso per la fessura stretta della mia vagina rasataa a dovere per l occasione.
"Aspetta,facciamolo entrare il cornuto".Mi blocco e senza alcuna risposta da parte mia rimando la penetrazione e mi soedo invece sulla sua pancia sdraiandomuli sul suo petto.
Il mio collo ora e a portada della sua bocca.
" toccami Ivani"perdendomi con lo sguardo altrove.
Il movimento lento del mio pugno chiuso sulla sua asta robusta e venosa fanno da controaltare al suo dito paffutello e sporco dei miei umori.
So che il mio futuro maritino ora scoppiera dalla voglia di segarsi...li fuori impotente di fronte alla porta alla situazione non sotto controllo e all ambiente esterno.
"Ha ferma ferma ferma')" lo faccio e mi compiaccio di aver fatto perdere il controllo ad un bull eaperto e intanro
Ansimo sorrido e vengo una prima volta indipendentemebte dai suoi movimenti dentro di me,lascio che le sue dita sporche dei miei abbondanri umori accarezzino a turno la mia bocca e il suo cazzo.
Ho la fica aperta e gli occhi serrati,sono catapultata in un altra dimensione e la voglia di andare oltre e insopportabile.
Mi sollevo,gli prendo la cappella e la punto all inizio della mia fessura,osservo Carlo che intanto e incollato alla vetrata e finalmente entro dentro e mi lascio scivolare su quel pezzo di carne che mi divora ogni millimentro di pelle facendomi gemere come una puttana.
Aspetto che si assesti per bene,cado su e giu offrendo alla vista di carlo solo cio che piu di ogni altra cosa desoderava...ed io pure.
Ho il maglioncino ancora indosso ma,lo sfilo mentre continio a fare su e giu con le coace che iniziano ad indolenzorsi ma il piacere e di gran lunga siperiore.
I nostri corpi ora nudi sono fusi insieme,le mie braccia protese indoetro e le mie cosce aperte verso di Carlo,non voglio fare l amore con Ivam e ,non posso guardarlo ma l unico desiderio e di vedere finalmente il viso del mio futuro maritino quando sul finire dei mie spasimi incontrollatii mi lascio riempire dallo sperma del nostro sogno ad occhi aperti.


12 giorni dopo Ivan si unira al grido di "viva gli sposi" regalandomi un dolce bacio sulla guancia e una esperta palpatina sotto il vestito...tra le risate inconsapevoli dei nostri piu cari e...inconsapevoli amici.

Votazione del Racconto: 5.6
Ti è piaciuto??? SI NO



Disclaimer! © Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore.
Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.



Commenti per Ormai ci siamo...mi sposo:


amici60, singoli Puglia il 04.01.2017 alle 00:17:18 ha scritto:

E sempre cuck,il tuo maritino??? Spero che e sì, cosi mi invitate!!! sono un uomo di 46 ,serio pulito riservato!!! Un kiss


Giannisesto, singoli Liguria il 07.01.2017 alle 21:08:52 ha scritto:

Bella situazione


xbisex, gay Emilia Romagna il 09.01.2017 alle 18:02:20 ha scritto:

gran bel racconto ... eccitante al punto giusto !


bolognaopen, singoli Emilia Romagna il 13.01.2017 alle 23:13:52 ha scritto:

bravissima..


roberto69, singoli Puglia il 18.01.2017 alle 11:43:58 ha scritto:

zeppo di errori che bloccano inevitabilmente lo scorrere della lettura! molto confuso anche nelle descrizioni,nn invoglia per nulla ad immaginare...resta arido! unica cosa che inizialmente mi ha convinto a leggere e' la situazione...ma tutto il resto nn va! perdona la mia sincerita',ma mi incattivisco quando mi aspetto molto di piu' e invece non trovo manco molto di meno.....ma trovo il nulla!


dammelox, singoli Abruzzo il 26.01.2017 alle 13:45:45 ha scritto:

troppi errori di grammatica che non invogliano affatto la lettura .




Per lasciare un commento fai il login o unisciti a noi, è gratis!


Altri Racconti Erotici in Prime Esperienze:



 SexBox




Sex Extra