Racconti Erotici > Scambio di Coppia > dopo l'aperitivo, con la bocca piena.
Scambio di Coppia

dopo l'aperitivo, con la bocca piena.


di Membro VIP di Annunci69.it Eden_2020
14.04.2024    |    8.060    |    5 9.7
"A chi arrivano costine di maialino con patata cartoccio e panna, a chi invece stinco di maiale con insalata, a chi brasato di manzo con barbabietola..."
"Sento che ancora ti piace usare il vibratore che sembra un rossetto… Geneviève, sei un lago! Sento la tua fichetta così rilassata da poter accogliere senza la minima resistenza il bel cazzone di Jeorge." le dice Helga, poi volge lo sguardo verso Nina e aggiunge: "Sai com’è… tra colleghi ci si conosce bene dopo qualche anno." A questo punto Nina si offre volontaria per sperimentare quel simpatico oggettino e afferma: "Quel rossetto mi ha molto incuriosita, vorrei provarlo, si può?"
"Certo che si può, ti faccio provare l’effetto sulla fica." E, aprendo delicatamente le gambe della ragazza, lo posiziona alla massima intensità di vibrazione sul clitoride. Nina si morde il labbro inferiore e fa una smorfia molto sensuale. "Mi spiace" - fa Helga - "l’assaggino è terminato. Per il mio doppio premio ora tocca ai maschietti. Voglio leccare la punta dei cazzi di ciascuno di voi. Solo a chi ne avesse voglia, e solo a chi ha il cazzo pronto." E così si avvicina a Luca, gli prendo il cazzo con la mano sinistra e lo porgo a Helga, che lo lecca solo sulla punta. Gennaro si siede alla mia destra, gli prendo il cazzo con l’altra mano, stesso servizio per lui. Non tolgo le mani dai loro cazzi mentre Helga si dedica ad Andrea.
Jeorge è rimasto vestito, Francesca gli si avvicina e gli abbassa slip e pantaloni. Come avevamo intuito sfodera un cazzo enorme: lungo quasi il doppio del normale, ma soprattutto largo. Francesca lo prende con entrambe le mani, una davanti all'altra e non riesce a stringerlo tutto, resta fuori ancora un pezzo e la cappella, anch'essa enorme. Non penso le entri in bocca. Ma invece Helga si inginocchia e prende tutta la cappella in bocca. A questa immagine sono eccitatissima, stringo tra le mani i due cazzi e apro la bocca…
Ne vorrei altri, uno per ogni buco, almeno uno in bocca. Nina mi vede, si avvicina e si inginocchia davanti a me, le sue labbra sono a un centimetro dalle mie, si passa la lingua sulle labbra. La voglio. Lei mi provoca, mi lecca un labbro, poi si ritrae. Mi mette l’indice in bocca, lo succhio e non voglio ridarglielo, lo tira fuori a forza, si riavvicina e inizia a baciarmi, sento la sua saliva nella bocca, ha un sapore buonissimo. Sto godendo con un bacio: non mi era mai successo. Continuo a stantuffare i due cazzi. Nina avvicina il dito al mio buchino dietro e senza chiedere permesso lo infila tutto dentro. Non fa fatica a entrare. Continuo a godere, il ditalino nel culo mi provoca un secondo orgasmo. Mi sussurra all’orecchio: “Non sai quanto mi piaci, ti ho desiderata dal tuo primo sguardo, appena sei arrivata."
Helga continua a ciucciare.
Sento che i cazzi di Luca e Gennaro stanno per venire, si alzano dal divano e appoggiano i loro cazzi alle nostre guance, Nina continua a provocarmi, godo e apro la bocca, la spalanco. Il messaggio è chiaro, Luca che mi conosce bene, punta il suo cazzo verso la gola: sa quanto mi piace la sborra. Continuo a menarglielo con la bocca aperta, lo sento pulsare sulla mano e sento gli schizzi dentro la bocca. Vorrebbe spingermelo dentro e farselo ripulire: quella ultima succhiatina lo fa impazzire. Ma io invece stavolta gli tengo il cazzo in mano e lo spingo nella bocca di Nina, che si gusta un ultimo schizzo. Resto con la bocca aperta e mi porto il cazzo di Gennaro vicino la bocca; lo guardo negli occhi, sento che non resiste più. Ma mentre viene con la mano indirizzo il suo cazzo verso le tette di Nina. Lei capisce al volo e sbottona ancora di più la camicetta e scopre il seno. Faccio una smorfia di meraviglia: ha delle tette bellissime, non me ne ero accorta, tonde molto sode con due capezzoli scuri che svettano. Ho fatto bene a farlo sborrare sulle sue tette, già pregusto che tra poco mi chinerò a leccare fino all’ultima goccia…
intanto vedo il cazzo di Jeorge che vibra, i suoi muscoli si tendono. Guardo Helga mentre ho la bocca ancora aperta, tra donne ci si capisce al volo, Helga prende in mano la verga di Jeorge, aumenta il ritmo e la rivolge verso la mia bocca. Jeorge inizia a venire: una sborrata enorme, non finisce mai, mi riempie la bocca e non riesco a tenerla tutta dentro. Afferro il braccio di Helga con la mano e la avvicino a me. La sua faccia a pochi centimetri dalla mia. Inizio a colare la sborra di Jeorge e di Luca dalle labbra, Helga apre appena la bocca e inizia a leccarmi avidamente per condividere con me quel latte gustosissimo, sembra non volerne lasciare neanche una goccia. Io un po’ lo ingoio e un po’ lo lascio uscire per donarlo a lei che, da vera maiala, ripulisce il mio viso alla perfezione e ingoia tutto ciò che lecca.
Non abbiamo ancora finito, Le tette meravigliose di Nina sono ancora piene di crema e Nina non aspetta altro. Io ed Helga ci dedichiamo ciascuna a una tetta. Lecchiamo, ciucciamo, e ancora lecchiamo. Come mi piacciono queste tette! Nina mi guarda e mi implora: "Serena, fammi venire!" Ha gli occhi pieni di desiderio, non posso negarmi, devo organizzare qualcosa di molto godurioso per lei. Chiamo Geneviève e le dico di chinarsi tra le sue cosce. Nina indossa una gonna di velluto nero attillata e corta sopra il ginocchio chiusa davanti da una fila di bottoncini sotto una camicetta grigia di tessuto molto leggero, quasi trasparente; porta calze a rete color carne autoreggenti. Le sfila le mutandine e le mette in bocca a Luca. Sono mutandine di pizzo nero, fradice e profumate.
Chiedo a Luca di aiutarmi a farle un ditalino. "Fallo come piace a me" - gli dico - e lui le mette l’indice in bocca e poi, dopo averlo bagnato bene, nel culo. Io infilo medio e anulare nella fica, la sento colare, Geneviève avvicina le labbra e succhia il clitoride, io e Luca ci alterniamo sapientemente con le dita: lui entra e io esco, io spingo e lui esce. Intanto con Helga continuiamo a ciucciare le tette. Nina è al limite. chiamo Andrea e gli dico: "Falla godere anche dalla bocca." Andrea ha un bel cazzo, eccitato già da Helga poco fa e dalla scena che si sta gustando, lo infila in bocca a Nina e gli cresce ancora di più fino a farsi molto duro. Non è grosso come quello di Jeorge e riesce a infilarlo in gola, Nina strabuzza gli occhi gode e viene, vorrebbe urlare e invece ciuccia con foga e Andrea in pochi istanti le viene in bocca. Nina spruzza in faccia a Geneviève una abbondante squirtata. Poi mi ringrazia e mi bacia con lussuria.
Non aveva ingoiato nulla la troietta, che sembrava tanto timida, prendo per mano Geneviève e la avvicino a noi, ci baciamo in tre; i sapori si mischiano. Tanto mi disgustano le persone poco pulite, tanto mi eccitano questi profumi.
Ci ricomponiamo, Jeorge ci passa delle salviette di stoffa umidificate e tiepide (che lusso!) e ci rivestiamo.
Saliamo in camera a vestirci per la cena, indosso un vestito lungo rosso bordeaux, molto scollato e sblusato davanti. Mi piace che si intravedano i capezzoli quando mi chino in avanti. Un reggiseno a balconcino e al posto dell’intimo un plug anale con un brillantino. Sistemo il trucco, rossetto lucido e orecchini pendenti in tinta con il vestito, una collana appariscente. Luca si è fatto una doccia, camicia blu e pantaloni grigi. scendiamo.
Troviamo Francesca con un abito bianco lungo completamente trasparente: è uno schianto e le sue piccole tettine risaltano sotto la stoffa di seta. Carlotta indossa pantaloni lunghi aderentissimi di pelle nera sotto una camicetta bianca aperta fino all’ombelico. Poco dopo arrivano Nina e Gennaro. Lui sportivo in camicia bianca, lei un abito azzurro, scollato sulla schiena ma molto abbottonato sul davanti, non capisco se indossa l’intimo, e credo che se mi siederò vicino a lei, sotto al tavolo con le mani indagherò. Mancano ancora Andrea e Annalisa, ma intanto che arrivano ci sediamo a tavola.
Ci spostiamo al ristorante per cena, ci hanno apparecchiato un bel tavolo tondo, grande, al centro del tavolo troviamo gli antipasti: speck, salsa di mirtilli, carciofi su fonduta formaggio. Arriva Annalisa, indossa una gonna di lana sottile beige che le avvolge i fianchi e scende fin sotto al ginocchio con due piccoli spacchi laterali simmetrici e maliziosi. Una blusa leggera color petrolio arriva a metà del suo bel sedere generoso e sodo e la scollatura piuttosto profonda lascia intravedere sotto un reggiseno di pizzo bianco. Sopra la blusa un delizioso giacchino di pelle che regala un lieve tocco di aggressività che le dona molto. Ai piedi delle decolté nere con punta arrotondata e tacco largo. Andrea le cammina a fianco e le sfiora la mano. Lui indossa dei jeans sensualmente e volutamente rovinati che lasciano immaginare delle gambe muscolose da sportivo e una camicia grigia casual di ottima qualità. Sneakers bianche ai piedi a completare questo outfit casual ma ricercato.
Ci sediamo e, come speravo, sono tra Nina e Carlotta. Noi ragazze parlottiamo: stiamo cercando di capire che genere di film possa accontentare tutti i gusti…
Carlotta ci chiede: "Ce lo vediamo ognuna vicino al proprio/alla propria partner oppure giochiamo a mischiarci durante la visione e poi quel che accade accade?"
Tutte quasi in coro: "No dai, iniziamo in coppia magari vicini ad altre coppie… poi si vede."
Helga propone: "E se facessimo come facemmo con i mondiali di calcio, usando il proiettore che è nella piscina?"
Arrivano i primi, un tris di gnocchi di patate con tartufo, risotto alle mele e speck, ravioli ripieni. Io osservo: "Beh la bocca è accontentata… per ora!"
Andrea ribatte: "Mmh le premesse sembrano buone per un ottimo dopo cena."
Nina mi appoggia una mano sulle gambe, fingo di non accorgermene, distratta dalla conversazione.
Arrivano i secondi, non capiamo perché ma il maître ha deciso di servire a ciascuno un piatto diverso. A chi arrivano costine di maialino con patata cartoccio e panna, a chi invece stinco di maiale con insalata, a chi brasato di manzo con barbabietola. A me arriva filetto di cervo, crema di mele con mandorle tostate. Mi spiegano che qui la regola è che fino a mezzanotte non si può dire: "No, grazie." La regola numero due è che chi vuole provare qualche pietanza che vede negli altri piatti chiede e il ‘titolare’ del piatto gli porge l’assaggio con le sue mani direttamente in bocca. Nina mi chiede di assaggiare una mandorla, gliela infilo delicatamente in bocca e non tolgo le dita ma indugio, finché Nina non mi ha pulito le dita completamente. Carlotta fa lo stesso con Annalisa, in breve è miscuglio di mani in bocca e di cibi succulenti.
Arrivano i dolci. Il menù prevede: Crema al mango, Tris di piccole bombe tirolesi alle tre creme, gelato cremoso al caffè.
Helga si avvicina a Luca: "So che a te piace il caffè, vuoi assaggiare?" Si mette tra me e lui si gira e mette un cucchiaio di sorbetto sul capezzolo, che ha scoperto abbassando il vestito, poi all'orecchio mi fa: "Assaggia anche tu, da questo altro…"
Nina prende un krapfen, il primo lo mette tutto in bocca, resta così con la bocca piena che non riesca a masticare e deglutire, le esce un filo di cioccolata dalle labbra, Francesca le dà un bacetto per ripulirla. Poi si gira verso di me e mi propone di dividere quello alla crema. Non aspetta la risposta, lo mette per metà in bocca e con la bocca si avvicina alla mia. Prendo in bocca l'altra metà, ma non scosto la bocca da quella di Nina. La crema esce abbondante dalle nostre bocche vicine. Francesca si avvicina e allunga la lingua sulle nostre labbra e lecca la crema, poi mi sussurra all’orecchio: "Poi mi farai assaggiare altra crema dalle tue labbra?" E io: "Vedrai che ci divertiremo molto, te lo assicuro!"
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.7
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per dopo l'aperitivo, con la bocca piena.:

Altri Racconti Erotici in Scambio di Coppia:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni