Racconti Erotici > Prime Esperienze > Una cena finita a letto...
Prime Esperienze

Una cena finita a letto...


di Couplefans79
27.05.2024    |    14.095    |    22 9.6
"È stata una bella sorpresa scoprire che l'amica aveva un bel piercing sul capezzolo che già lasciava immaginare come giocarci..."
Eravamo stati invitati da una coppia di amici, lui collega di mia moglie, ad una cena in casa loro, la sua compagna molto solare e simpatica, frizzante.
La serata è partita subito con aperitivi, alcool, battute e sguardi, si percepiva molta intesa ed affiatamento tra tutti.
Una bella compagnia allegra, cena a base di frutti di mare e tanto buon vino.
Mia moglie già visibilmente calda aveva una scollatura che le faceva venire fuori le tette, per l'occasione aveva indossato un body in pizzo nero leggermente trasparente, tanga nero con bordi in pizzo, un reggiseno leggero che le tirava su le sue belle tette, gliele potete vedere in foto profilo, le sue sono grosse e vogliose, i suoi capezzoli adorano essere succhiati e gingillati con la lingua, la compagna del nostro amico un vestito lungo a fiori, leggero, quasi trasparente.
Dopo cena, tra un ultimo calice di prosecco e qualche limoncello, abbiamo cominciato a giocare a carte, di quei giochi semplici dove si cerca l'intesa col partner, io ero in coppia con la compagna del nostro amico e mia moglie col suo collega, ad ogni manche ogni coppia che perdeva doveva togliere un indumento, prima le maglie poi i pantaloni, poi le gonne e i reggiseni.
In poco tempo ci siamo trovati soltanto in mutande e le donne solo in perizoma e a seno nudo. È stata una bella sorpresa scoprire che l'amica aveva un bel piercing sul capezzolo che già lasciava immaginare come giocarci.
Noi uomini già in tiro come tori non toglievamo più gli occhi dai seni delle nostre donne. Ci siamo ricercati tanto con lo sguardo, desideravamo mettere le lingue ovunque, avidi e affamati di sesso e di tradimento reciproco.
La serra è andata avanti un po' e notavamo i capezzoli delle nostre donne sempre più turgidi e dritti. Un invito per le nostre bocche e le nostre lingue.
Lei collezionista di collane ad un certo punto della serata ci ha invitati in camera per mostrarci la sua collezione e da quel momento ritrovarci tutti nello stesso letto è stato un attimo....
Pochi attimi e pochi movimenti sono bastati per ritrovarsi con le natiche al vento, la nostra amica nel piegarsi per prendere una scatola vicino al letto, forse anche con un po' di malizia, si è ritrovata con il sedere rivolto verso di noi quasi ad essere a pecorina, a quel punto il suo compagno con fare molto scaltro le ha sfilato in un'attimo il perizoma lasciandola con la figa al vento e le natiche già divaricate, disponibile per essere guardata e desiderata da me e mia moglie che non le toglieva gli occhi dalla sua figa in bella mostra.
Abbiamo tolto senza indugi il resto, io ho cominciato a succhiare i capezzoli di mia moglie che non ne vedeva l'ora, gemiti e movimenti avevano già scaldato l'aria.
La coppia di amici aveva già iniziato un mega pompino, lei gemeva come una gatta in calore, non aspettava altro, mia moglie con la bava dalla voglia succhiava il mio cazzo avida e famelica.
In una serie di sguardi ed intese io ed il collega capiamo che le donne volevano rimanere un po' da sole, decidiamo di uscire dalla stanza a fare un ulteriore brindisi e per poterle guardarle in uno scambio Lesbo che non lasciava nulla all'immaginazione.
Le loro lingue si incrociavano, le mani cercavano il piacere in ogni piega della carne. Si sono baciate, leccate, abbracciate e bagnate a vicenda.
Belle, nude una sopra l'altra a baciarsi e toccarsi con le fighe che si sfioravano e si cercavano, mani lingue e corpi sudati avvinghiati in un amplesso Lesbo fantastico.
Non abbiamo resistito a tanta ingordigia e lussuria e siamo rientrati, ognuno con la propria compagna. Abbiamo iniziato a scopare tanto forte, caldi, violenti, lussuriosi.
Si sentivano benissimo i colpi sui glutei delle donne dati dall'inguine quando si sbatte a pecora ed ad ogni colpo partivano gemiti ad alta voce, urla e suggerimenti di lussuria: sbattimelo, sborra, godi, vieni che ti sbatto, fammi venire, vengo tutto dentro, sborro, si godi tutto, che bello ficcartelo in figa, dammelo voglio succhiartelo con loro...quante frasi, quanto sesso, le tette sbattevano facendo un rumore di carne sudata che lo faceva divenire ancora più duro e turgido nelle loro fighe.
Lui molto timoroso aveva tanto timore a toccare mia moglie che le si apriva davanti in ogni posizione, gliela faceva vedere, annusare, gliela apriva davanti alla faccia come a sbattergliela, avida di cazzi e lingue, lui invece mi prendeva le mani e le posava sulla sua compagna, in ogni posto, figa, buco del culo, seno, ad ogni carezza la sua compagna mi guardava e sorrideva complice con la linguetta tra le labbra, come una vera porca!
Ad un certo punto la nostra amica era stesa supina con le gambe divaricate e il suo compagno era a cavalcioni sulla sua faccia con il cazzo in bocca a farsi fare un pompino infinito, glielo infilava tutto in gola, lei mugugnava di goduria e con le gambe spalancate e la figa aperta e bagnata è stato solo un invito...le ho infilato la lingua in figa, succhiato il clitoride, glielo sbattevo con la lingua mentre con due o tre dita la masturbavo cercando di provocarle tutto il piacere che aveva dentro, non ricordo quanto ci sono stato ma ha goduto fino a sbrodolarmi tutta la faccia con un getto caldo e copioso e bagnando tutte le lenzuola.
Mia moglie, nel mentre sazia di cazzo dopo aver scopato con me, guardava il cazzo del suo collega, duro e turgido in bocca mentre le veniva in bocca ed intanto ammirava anche la mia lingua che leccava ormai la figa fradicia della nostra amica, voleva godere quel momento di tradimento consensuale, mi accarezzava il cazzo amorevole, mi masturbava cercando di darmi ancora più piacere in quel triangolo imprevisto e lussurioso. Penso che avesse voluto anche lei unirsi a quel pompino carico di sperma.
Compiaciuta ed eccitata mia moglie ha voluto concludere con l'ennesima scopata, giratasi di spalle mi ha chiesto una ulteriore pecorina. Le ho sborrato dentro come se non ci fosse un domani e dopo me lo ha ripulito e succhiato tutto come non aveva fatto mai. Grazie, mi ha detto dopo l'orgasmo, grazie tesoro!
Abbiamo riso tanto dopo, stesi ancora nudi ad asciugarci gli umori e dallo sperma. Serata unica mai più ripetuta nella realtà ma ogni volta ci ritorna alla memoria e nei desideri con la speranza di realizzarla con altri amici💦💞
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.6
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Una cena finita a letto...:

Altri Racconti Erotici in Prime Esperienze:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni