Racconti Erotici > tradimenti > Cornuto sì....ma mica mazziato!
tradimenti

Cornuto sì....ma mica mazziato!


di Membro VIP di Annunci69.it Daty79
15.02.2023    |    5.856    |    10 9.6
"Sfinito dall’eccitazione, senza pulirmi, mi misi il berretto sulla faccia per proteggermi dal sole e mi addormentai..."
Ripubblico un mio vecchio racconto che avevo già pubblicato con il mio vecchio profilo:

L’estate scorsa, al momento di prendere una decisione sulle ferie, io e mia moglie ci siamo ritrovati in forte disaccordo: entrambi venivamo da un periodo molto stressante che ci aveva logorati nel fisico e nella mente e sentivamo la necessità assoluta di ricaricare le batterie.

Lei per farlo disse che sarebbe dovuta andare una settimana in alta montagna, nella quiete più totale, circondata solo dalla natura e da null’altro; io per contro ribattei che per me non poteva esserci relax senza mare e sole quindi, dopo interminabili discussioni, arrivammo serenamente alla conclusione che la soluzione più rilassante sarebbe stata per entrambi fare per la prima volta in vita nostra le vacanze ognuno per conto suo...probabilmente questo ci avrebbe anche permesso, alla fine, di ritrovarci più vicini ed affiatati.

Lei decise di andare a passare una settimana in una casa di montagna di proprietà di amici dei suoi, vicino al suo paese di origine, mentre io al momento di prenotare un bungalow all’interno di un camping in Croazia, trovando tutto esaurito, mi trovai costretto a prenotare un piccolo bungalow nella sezione nudista del camping: nessun problema da parte mia che da anni al mare, ove consentito, praticavo il nudismo.

Siccome la prudenza non è mai troppa, prima di partire installai di nascosto sul telefono di mia moglie un software che mi permetteva di visualizzare dal mio telefono tutto ciò che avveniva sul suo whatsapp, foto, conversazioni e vocali...negli anni non mi aveva mai dato motivi di sospettare di lei, ma l’avevo vista un po' troppo raggiante riguardo a queste vacanze separate.

Arrivato il giorno della partenza, dopo poche ore di viaggio, arrivai al camping, presi possesso del mio piccolo bungalow e mi misi in tenuta adamitica adatta ad affrontare la settimana; notai che nella zona destinata all’ fkk gli alloggi erano tutti molto vicini e quello confinante con il mio era occupato da una coppia tedesca piuttosto matura.

Al primo incrocio approfittai dei miei studi in tedesco per salutarmi e presentarmi: Gerd e Renate erano lo stereotipo della coppia tedesca di una certa età: entrambi con una mimica facciale che sprizzava simpatia, lui con i baffi, la pancia, un cazzo di dimensioni normali (perlomeno a riposo), ma uno scroto di dimensioni assurde, cosa che mi colpì moltissimo; lei di contro era abbastanza snella, anche se con un accenno di pancetta rilassata tipica delle donne di quell’età, tette di medie dimensioni piuttosto cadenti e un cespuglio piuttosto folto di peli grigi.

Dato che si erano rivelati da subito cordiali e disponibili chiesi loro un consiglio su quali fossero i posti migliori per prendere il sole, specificando che non essendo un habituè dei campi nudisti, avrei preferito un posto appartato per evitare l’imbarazzo dovuto alle inevitabili erezioni che avrei avuto durante il giorno: loro si offrirono di farmi da ciceroni e mi accompagnarono nel posto che occupavano solitamente: era un posto piuttosto appartato in quanto anche loro non volevano problemi qualora avessero avuto voglia durante il giorno di scambiarsi delle effusioni.

Una volta giunti alla spiaggia ci salutammo, io li lasciai alla loro privacy e mi spostai di una cinquantina di metri...la temperatura perfetta, il sole caldo e la brezza che arrivava dal mare mi davano l’impressione di essere in paradiso.

Poco dopo l’ora di pranzo mi venne in mente dell’app che avevo installato sul telefono della moglie che già dalla sera prima era arrivata in questa specie di “baita”: non appena aprii l’app capii che avevo fatto fin troppo bene a tener sotto controllo la moglie...infatti sin dalla sera precedente aveva avuto un infinito scambio di messaggi con tale Pietro, che dalla conversazione capii essere il figlio dei proprietari di casa, di qualche anno più giovane di mia moglie e con il quale in passato evidentemente c’era stato qualcosa.

La conversazione partiva in modo innocuo con dei convenevoli ma nel prosieguo (avevano cominciato a chattare alle 20 e avevano finito alle 2 e mezzo di notte) diventava piena di allusioni piuttosto esplicite a livello sessuale...lessi che mia moglie raccontava di essersi stancata di un rapporto monogamo e che aveva architettato tutta la storia delle vacanze separate con l’intento di concedersi qualche svago...ovviamente Pietro subito si era offerto di farle compagnia in quanto anche lui stava passando un brutto periodo con la moglie; i due si erano lasciati dandosi appuntamento per pranzo il giorno successivo.

Io,che a dispetto di quanto evidentemente pensava mia moglie, avevo sempre desiderato vederla alle prese con un altro uomo, mi ritrovati con il cazzo duro come il marmo e iniziai a masturbarmi rileggendo in continuazione la chat di mia moglie.
Mentre mi segavo le scrissi chiedendole come andava e lei mi rispose che era tutto ok, che finalmente si stava rilassando e mi confermò che se fossi andato anch’io mi sarei ammazzato dalla noia...le dissi che anch’io stavo bene (lei non sapeva che ero in un camp nudista), l’acqua era fantastica e ne stavo approfittando per leggere un sacco.

Sapere che lei in quel momento era a pranzo con Pietro e che mi stava spudoratamente mentendo mi eccitò ancora di più, mi stesi sul materassino, diedi gli ultimi due tre colpi e venni in modo abbondantissimo ricoprendomi la pancia di sborra.
Sfinito dall’eccitazione, senza pulirmi, mi misi il berretto sulla faccia per proteggermi dal sole e mi addormentai.

Circa un’ora dopo delle voci mi svegliarono, tolsi il cappello dalla faccia e vidi i miei vicini che mi guardavano e parlavano tra loro sorridendo; mi alzai facendo finta di non essermi accorto di avere la pancia tutta imbrattata di sborra e loro ridendo ed indicando la mia pancia mi avvisarono che stava colando tutta...io reagii con fare sorpreso ma rimasi ancora più sorpreso quando lei, senza dire niente prese il suo asciugamano e mi ripulì completamente, rimettendolo poi nella sua borsa da spiaggia...mi salutarono e proseguirono nella loro passeggiata senza che io fossi in grado di spiaccicare parola.

Passai il pomeriggio controllando l’app ma tutto taceva, segno che probabilmente mia moglie e Pietro erano ancora assieme, poi dopo cena, mentre nudo leggevo sotto il portico, sentii dei mugolii provenire dal bungalow di Gerd e Renate….immaginandomi che stessero scopando riposi il libro e mi avvicinai con passo felpato alle finestre del loro alloggio...le finestre erano aperte mentre le imposte alla veneziana mi permettevano di sbirciare all’interno senza farmi scoprire; la scena che vidi mi provocò una erezione istantanea : Renate era seduta carponi e leccava l’asciugamano che aveva usato per ripulirmi la sborra dalla pancia mentre Gerd, di fianco a lei, la penetrava con un grosso cazzo di gomma...lui aveva il cazzo moscio e lei con una mano gli massaggiava le palle strizzandole con forza: il tutto visto da esterno era veramente perverso e molto eccitante.

Lei dopo un po' che veniva penetrata si sfilò, cominciò a strusciare la figa sull’asciugamano ed annunciò il suo orgasmo cercando di soffocare l’urlo….non appena si rilassò vidi che iniziò a fare pipì sull’asciugamano e Gerd, al quale nel frattempo aveva martoriato i coglioni, cominciò a sborrare abbondantemente sul pavimento (era la prima volta che vedevo un uomo sborrare senza avere un’erezione).

Tutta la scena mi sconvolse, inutile dire che da un pezzo mi stavo segando dietro alla finestra, tornai di corsa nel mio alloggio con l’intento di farmi una super sborrata; verificai ancora una volta l’app per spiare il whatsapp di mia moglie e vidi che lei e Pietro avevano ricominciato a scambiarsi messaggi: dal tenore di questi era chiaro che fosse successo qualcosa tra loro, probabilmente non avevano scopato, ma sicuramente c’era stato del sesso orale, il tenore delle frasi scritte da mia moglie mi lasciava basito, non la riconoscevo, lei sempre così attenta a non essere volgare scriveva frasi come “mi son slogata la mandibola a furia di ciucciartelo” “di solito non mando giù la sborra ma la tua era buonissima” e tutto ciò mi eccitava ancora di più, quindi approfittando dell’oscurità uscii sotto al portico e nel giro di pochissimi minuti raggiunsi l’orgasmo.

Ne approfittai per fare un breve punto della situazione: in un giorno e mezzo avevo scoperto di avere una moglie che aveva voglia di cazzi nuovi, così come avevo spesso sognato, avevo come vicini di bungalow una coppia tutto sommato attraente in cui il marito era chiaramente impotente e la moglie altrettanto chiaramente aveva voglia di cazzo e si era appena leccata il mio sperma dall’asciugamano mentre il marito la penetrava con un dildo...sicuramente la settimana mi avrebbe dato molte soddisfazioni.

Il mattino successivo, appena sveglio, chiamai mia moglie per un saluto e per sentire come stava: “tutto bene, mi annoio un po' perché son sempre da sola, ma è ciò che cercavo”. Mi stava mentendo alla grande e questo mi eccitava, era la prima volta in vita via (o perlomeno la prima volta che lo sapevo) che ero cornuto e se da un lato non vedevo l’ora di tornare a casa per capire che sensazioni mi avrebbe dato rivederla, dall’altro avevo anche il desiderio di lasciarla fare e di concludere qualcosa con Gerd e Renate.

Questa occasione arrivò prima di quanto mi aspettassi, in quanto la sera stessa mi invitarono a bere un bicchiere di vino sotto al loro portico: eravamo ovviamente tutti nudi h24 e più osservavo Renate più si accendeva il desiderio di averla, desiderio che si manifestò in maniera evidente con una erezione che non riuscii proprio a controllare. Lei, sorridendomi in modo molto tenero, mi disse “povero, lontano dalla mogliettina, deve arrangiarsi da solo”, io risposi “non vedo altre soluzioni”….in quel momento dopo un cenno d’intesa tra i due Gerd si alzò, si posizionò di fronte a me, si inginocchiò e con un movimento rapido me lo prese in bocca ed iniziò un pompino strepitoso: era la prima volta che un uomo mi faceva un pompino, la sensazione era strana ma piacevole, resa ancora più eccitante dal fatto che lei ci guardava fumando ed accarezzandosi in modo delicato la fica.

Le feci cenno di avvicinarsi, le presi la testa tra le mani e cominciai a baciarla con passione in bocca. Vi assicuro che baciare una donna mentre il marito vi fa un pompino manderebbe fuori di testa chiunque. Lei poi aveva una salivazione molto abbondante e mi fece dei giochini pazzeschi.
Dopo qualche minuto fece cenno al marito di spostarsi per potersi sedere sul mio bacino….dapprima iniziò a strusciarsi sul mio cazzo che ormai stava scoppiando ed andò avanti finché non arrivò una prima volta all’orgasmo, dopo di chè finalmente se lo infilò dentro...era già molto bagnata e ad ogni affondo un po' del suo piacere colava sulle mie palle.

Nel frattempo Gerd reclamava la sua parte di piacere quindi mentre Renate mi scopava glielo prese in bocca chiedendomi di aiutarla nel pompino; io mi dissi “è il giorno delle prime volte quindi perché no?” ed iniziai a leccare assieme a lei quel cazzo che non voleva proprio saperne di diventare duro e quello scroto enorme.

Dopo un po' lei, probabilmente stanca di avere il marito in mezzo ai coglioni, cominciò a stritolargli lo scroto ed in pochi secondi lui scaricò un’abbondante sborrata sui nostri petti; messosi da parte Gerd, io e Renate proseguimmo la nostra scopata fino a che non riuscii più a controllarmi e le scaricai dentro tutta il piacere che avevo in corpo.

Lei, non ancora soddisfatta mi disse di essere vicina ad un altro orgasmo, quindi iniziai a leccarle figa e culo finché anche lei non godette...non contenta mi fece sdraiare a terra e iniziò a farmi la pipì sul cazzo.

Alla fine di questa indimenticabile serata tornai in bungalow, ebbi la forza di controllare l’app un’ultima volta e trasalii quando vidi la foto che Pietro aveva mandato a mia moglie con il commento “domani questo è tutto per te” : era la foto di un cazzo enorme, grosso e lungo….a palle svuotate iniziai a temere che questa settimana si sarebbe potuta rivelare molto pericolosa….
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.6
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Cornuto sì....ma mica mazziato!:

Altri Racconti Erotici in tradimenti:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni