Racconti Erotici > Lui & Lei > La fine dell’estate…
Lui & Lei

La fine dell’estate…


di Membro VIP di Annunci69.it Braviragazzi17
27.09.2023    |    373    |    6 10.0
"E poi inizio a baciare la caviglia il dorso del piede, schiudo le labbra e la mia lingua passa fugace sulla tua pelle, che buon sapore, accarezzo le tue..."
Questa storia è scritta da un caro amico del sito: Lupus42, che ci ha autorizzato a pubblicarla anche sul nostro profilo. Buona lettura…
… la fine dell’estate è sempre un periodo particolare, un velo di tristezza pervade molte menti, misto alla voglia della nuova stagione di godere del fresco delle serate di settembre, di scrollarsi di dosso la sabbia delle nostre splendide spiagge e raccontare agli amici le nostre tanto agognate vacanze. Ci sono poi quelle cose che devi tenere per te che non puoi raccontare nemmeno al più fidato dei tuoi amici perché riguardano quella parte di noi che vive nascosta dietro la maschera della falsa moralità e del perbenismo, quella parte che spinge a volte per venire fuori, ostacolata dai troppi ragionamenti, dall’apparire piuttosto che essere, dal soffocare invece che lasciare che i sensi prendano il sopravvento e l’istinto che tante volte tendiamo a nascondere ci renda per quelli che siamo, “esseri umani”.
Cosi ricevo l’invito per una festa di fine stagione presso il lido dei miei amici, ma si ci vado; del resto anche se tristi, le feste di comminato di qualcosa sono sempre momenti da vivere per poi raccontare, e poi loro sono cosi gentili e simpatici potrebbero prendersela se diniego il loro cortese invito. La loro location è molto elegante e bella, su quella fetta di spiaggia un po' isolata dal resto della confusione di tutti i giorni, curata nei particolari, in legno la struttura coperta, midollino per i divanetti e le poltrone, il bianco negli arredi, nei tendaggi e nei cuscini rendono soprattutto di sera quell’atmosfera dai tratti orientali, grandi cuscini e narghilè negli angoli, Lisaci bianche e calde, candele sui tavoli protette da grandi boule in vetro con dentro conchiglie bLisae, incensi accesi agli angoli, l’atmosfera perfetta per un addio o forse un arrivederci.
E li seduto in un angolo con il mio drink tra le mani a godere della brezza marina che scompiglia i capelli ma allo stesso tempo inebria le narici con i profumi del mare, il mare che questa sera è calmo e piatto e all’orizzonte inizia ad inghiottire quella grande palla infuocata, rossa che sta per cedere il passo a sua sorella minore la Lisana. Iniziano ad arrivare gli invitati, effettivamente come mi avevano accennato nella telefonata di invito non sarebbe stata una festa di addio all’estata caotica e confusionaria, ma per pochi distinti amici, riconosco alcuni con cui spesso mi sono soffermato in questi mesi estivi a chiacchierare e passare qualche bel momento, mi alzo e gli vado incontro saLisatandoli come mio costume.
E poi vedo te, non ti ho mai vista nel lido quest’estate; non mi sarebbe sfuggito uno sguardo cosi sensuale, il tuo sorriso ammaliante, gli occhioni cosi espressivi. Indossi un abito scuro nero sulla tua bella pelle abbronzata, coperto davanti e scollato, molto scollato dietro, un paio di sandali aperti e soprattutto un grande charme. Parlo con gli amici saLisato, rido scambio battute ma il mio occhio perennemente va alla ricerca di questa creatura cosi sensuale uscita chissà da dove e che a volte sparisce chissà dove, nonostante la location non sia cosi dispersiva e con un attento giro di sguardi si può tenere d’occhio l’intero plesso, ma tu non ci sei più.
A volte il fato ci mette lo zampino in un senso o nell’altro cosi per caso mentre mi appresto a prendere un altro drink ti vedo, sei li, cammini sulla Lisanga pedana che porta al mare e poi alla spiaggia, bianca e fresca, ti vedo mentre sorseggi dal tuo bicchiere, camminare con i pensieri persi nel vuoto, i tuoi capelli che svolazzano nell’etere accarezzati dal vento, vedo il tuo capo sporgersi verso l’alto per godere sul tuo viso del tocco inconsapevole e leggero di Eolo, sei bellissima con su lo sfondo il sole che arranca prima di cadere nelle profondità del mare.
E cosi di impeto decido di venire verso di te, un po' guascone forse lo sono ma allo stesso tempo non posso esimermi dal provare a corteggiare questa creatura cosi sensuale.
“E’ bello il tramonto oggi vero? Oh, mi scusi, l’ho spaventata”, questa mia frase di soppiatto non ti ha spaventata ma ti ha riportata qui sulla terra mentre tu immersa nei tuoi pensieri vagavi per mondi di fantasia e misteriosi, “no affatto non mi ha spaventata, e si il tramonto è bellissimo, è la parte della giornata che amo di più, ti fa pensare ma allo stesso tempo ti svuota la mente”, “cmq io sono Tommy piacere e mi scusi se l’ho disturbata nei suoi pensieri”, “nessun disturbo piacere sono Lisa”, “è un vero piacere Lisa” ti rispondo porgendoti la mano per prendere la tua e simulare un baciamano. “sei galante tommy il baciamano non si usa più e cmq è molto gradito”, e cosi continuiamo a passeggiare sulla pedana dirigendoci verso la spiaggia, una delle cose che più amo è camminare a piedi nudi in riva la mare, con la sabbia compattata dall’acqua e le onde che lente ma inesorabili ti accarezzano di tanto in tanto, e cosi mentre silenziosi ci avviciniamo alla riva ad un tratto con la coda dell’occhio ti vedo barcollare “ahi, ahia”, un urletto sconquassa il suono del vento e del mare, “aiutami ti prego ho preso una storta”, mi dici poggiandoti al mio braccio, “aspetta Lisa, ti aiuto eccomi”, ti faccio passare un braccio al mio collo e tenendoti ben stretta a me ti accompagno verso un lettino posto alla nostra sinistra, inevitabilmente entriamo con i piedi sulla sabbia, la quale entra nelle mie scarpe e mi appesantisce la camminata, ma dopo pochi metri ti faccio sedere sulla stessa, “cavolo che sbadata”, mi dici con una smorfia di sofferenza in viso, “permettimi di dare un’occhiata Lisa” e cosi mi accovaccio ai tuoi piedi, sollevo la tua gamba e poggio il piede dove hai preso la storta sulle mie di gambe, involontariamente ma inevitabilmente nel fare queste operazioni, complice anche la brezza, il tuo vestito si è sollevato, non potevo non ammirare le tue bellissime e sensuali gambe fin quasi all’altezza dell’inguine, e si, ho ammirato palese davanti a me la tua lingerie molto sensuale, nera in pizzo, ricamata e direi notevolmente striminzita, ti sorrido mentre tu in preda al dolore nella sua fase peggiore, hai gli occhi chiusi, i gomiti poggiati sul lettino ed il capo all’indietro. “Devo toglierti la scarpa Lisa e massaggiare la caviglia, posso?” “ fai pure ti prego mi fa parecchio male”, ed è li che non posso non notare un particolare, direi un particolare che non so per quale strano motivo mi era sfuggito fino ad ora, ed ammetto non è da me, indossi una bella cavigliera penso in argento, e fin qui nulla di strano, anche se in realtà molti attribuiscono vari significati ed io malizioso quello di disponibilità al corteggiamento da parte di extra coniugi, per molte è solo un monile di bellezza sfoggiato soprattutto nella stagione estiva, per questo in passato onde evitare spiacevoli equivoci ho omesso di cercare di “abbordare” le varie portatrici se non dopo attento esame della situazione o in periodi non estivi, ma la tua ha un particolare, ha un scritta molto allusiva che mi fa pensare che non sia solo un semplice monile di vanità indossato in estate, sulla tua campeggia un ciondolo scritta “HW” acronimo di Hot Wife. Lo ammetto a me stesso sono eccitato e questo è un dato di fatto in considerazione del notevole rigonfiamento che ho tra le gambe ma che cerco di nascondere alla tua vista per non passare per l’ultimo dei pervertiti.
“Ti fa male qui Lisa?” ti dico dopo aver tolto il tuo sandalo dx e aver iniziato a massaggiare la caviglia delicatamente, “si tommy è proprio li, ahi ahi sii va meglio ora grazie”, continuo il mio massaggio, la tua pelle profumata mi inebria la testa, la tua pelle morbida, curata, i tuoi piedini cosi sexy con lo smalto scuro messo con cura e senza nessuna sbavatura, e poi come non resistere ad ammirare le tue gambe slanciate che mi si palesano davanti obbligando i miei sensi a viaggiare in mondi fantasiosi? Continuo a massaggiarti la caviglia facendomi sempre più audace, notando che il mio trattamento è molto gradito, cosi le mei mani salgono sui tuoi polpacci, li accarezzo li sfioro su e giù sempre più sensualmente, adesso ti sei completamente stesa sul lettino, gli occhi chiusi, sei meno tesa, me ne accorgo da come ti sei lasciata andare, ti ho tolto anche l’altro sandalo cosi da farti stare più comoda ed ora con le mie mani accarezzo entrambe le tue caviglie. Ancora più audace ed eccitato faccio salire le mei mani accarezzando le tue belle gambe fino a sfiorare le cosce, sento sui dorsi delle mani il tessuto del tuo abito farmi un lieve solletico che mi eccita, ancora scendo lentamente accarezzo i piedini, le dita, massaggio il plantare poi osando oltre inizio a baciarli. Un primo bacio timido le mie labbra sulla tua pelle, un attimo fugace…. Non dici nulla immersa nei tuoi pensieri viaggiando forse in mondi sconosciuti agli altri, accarezzandoti ancora bacio l’allluce adesso in maniera più decisa, con la coda dell’occhio ti osservo anche per capire se questo trattamento è a te gradito o meno. E poi inizio a baciare la caviglia il dorso del piede, schiudo le labbra e la mia lingua passa fugace sulla tua pelle, che buon sapore, accarezzo le tue gambe deciso adesso sollevando la tua gonna che complice il mio movimento ed il vento ti accarezza il petto. Sollevi le gambe sul lettino le tue ginocchia unite per chiudermi la visione del tuo ventre, accarezzo le gambe e le cosce e lentamente le vedo schiudersi davanti a me, con la bocca bacio il tuo interno cosce, lecco, accarezzo, sfioro, accarezzo con la mano la tua figa sopra il perizoma nero che la copre, la sento bollente sotto i miei polpastrelli, ormai audace ed eccitato mi avvicino con la bocca al tuo sesso, ne sento il profumo, ne sento il calore ne sento la voglia e la passione, scostando il perizoma mi ubriaco della tua essenza, slinguazzo il clitoride e li ti sento sussultare e gemere, ma con sempre gli occhi chiusi, sembri assente, quasi addormentata in preda ad un piacevole sogno lussurioso, cosi con un movimento rapido ma delicato ti sfilo il perizoma appoggiandolo sul lettino, tu mi aiuti sollevando il bacino, aprendo le gambe ad offrirmi la visione del tuo paradiso. La mia lingua ormai impazzita assapora la tua calda e già bagnata vulva di piacere, slinguazzo il clitoride succhiandolo, sento i tuoi tenui gemiti di piacere, ti accarezzi il viso mordendoti un dito mentre le mie labbra si congiungono con le tue grandi labbra, mmmmm sapore di “femmina”, dolce e mieloso, copiosa grondi piacere ed io come assetato nel deserto mi ubriaco di piacere mentre immerso tra le tue gambe godo nel darti quel piacere orale che tanto amo. Accarezzo le gambe con le mani mentre la mia bocca assapora i tuoi gemiti il tuo piacere finchè un urlo strozzato le tue cosce che mi stringono quasi a farmi perdere il respiro ed un intenso e lungo orgasmo smuove il tuo corpo che vibra come un violino e copiosa inondi la mia bocca.
Mi sollevo affannato le mie labbra umide dei tuoi umori che ingordo finisco di assaporare, rientri in te, guardandoti intorno, ti sistemi alla meglio rimettendoti le scarpe, “perdonami se ho osato Lisa”, non mi rispondi mi guadi con un sorriso malizioso ed ingenuo allo stesso tempo, “andiamo Tommy mio marito mi starà cercando”, “tuo marito?”, “si dai vieni te lo presento, tranquillo abbiamo fatto solo una semplice passeggiata”, rientriamo poco dopo nel lido, e li mi presenti tuo marito, passiamo la serata allo stesso tavolino, scherzando, parlando e stuzzicando qualcosa, il tuo sorriso cosi impresso nella mia mente, si è fatto tardi e cosi inevitabilmente dobbiamo salutarci, “è stato piacevole passare la serata con voi siete una bellissima coppia”, “anche per noi tommy”, mi dice tuo marito, “a tommy grazie per il massaggio la mia caviglia ora sta alla grande”, “ di nulla Lisa, quando vuoi ripetiamo la seduta”, e con una bella risatina da parte di tutti e tre ci salutiamo riproponendoci di vederci presto e scambiandoci i numeri di telefono.
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 10.0
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per La fine dell’estate… :

Altri Racconti Erotici in Lui & Lei:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni