Racconti Erotici > Prime Esperienze > 5 gradi di sfida
Prime Esperienze

5 gradi di sfida


di Membro VIP di Annunci69.it Cesc
16.04.2024    |    6.959    |    2 8.0
"Giulia accostò la sua berlina color argento al marciapiede e la parcheggiò proprio dietro l'angolo della banca..."
Giulia accostò la sua berlina color argento al marciapiede e la parcheggiò proprio dietro l'angolo della banca. Abbassò lo specchietto dell'aletta parasole per controllare i capelli, spostando distrattamente le ciocche castano chiaro di lato. Fece un respiro profondo e raccolse il coraggio prima di aprire la porta e uscire. Era nervosa, su questo non c'erano dubbi. Scese dall'auto e la chiuse a chiave, poi si spazzolò l'elegante gonna grigio chiaro, intonata alla giacca, appena sopra le ginocchia. Dio, era nervosa. Per poco non risalì in macchina e partì, ma non lo fece e invece si mosse dal punto in cui sembrava paralizzata e si diresse sulla strada principale verso la banca.
Era ora di pranzo e la strada era trafficata, ciò la rendeva ancora più nervosa. Cercò di raccogliere intelligenza e coraggio mentre camminava lungo la strada, con i tacchi alti che tintinnavano rumorosamente sul marciapiede. Salì i tre gradini di pietra fino alla riva e le porte di vetro si aprirono automaticamente verso l'interno ed entrò nel suo destino.
C'erano tre impiegati allo sportello, ognuno dei quali serviva un cliente, e una fila con almeno dieci persone. Dall'altra parte c'erano quattro persone su comode sedie in attesa dei colloqui con i funzionari della banca. Qualunque persona lì presente potrebbe essere il Daremaster. Le era sembrato un nome così stupido sette giorni prima, quando l'aveva contattata sul sito per adulti in cui era elencato il suo annuncio:

"Una single perversa di 33 anni cerca un maschio dominante per divertirsi online e dal vivo. Disposta a provare qualsiasi cosa Avanti, sfidami!"

Si guardò intorno, poteva essere uno qualsiasi di loro. Si unì alla coda e aspettò che avanzasse lentamente. C'erano nove persone davanti a lei.
Era sempre stata una civettuola e totalmente senza vergogna, anche da bambina. Andare a scuola non faceva altro che consolidare la situazione e lei si stancò molto presto delle relazioni stabili con ragazzi "noiosi" che non la entusiasmavano. Ma lei li eccitava eccome, il suo bell'aspetto, la sua figura straordinaria e il suo appetito sessuale significavano che aveva lasciato dietro di sé una scia di uomini distrutti quando le sue relazioni (di solito duravano da una settimana a un mese, quel tanto che bastava perché Giulia potesse sperimentare tutto quello che avevano da offrire in camera da letto) inevitabilmente cessavano. E i suoi gusti erano diventati più amplificati col passare del tempo sperimentando situazioni sempre più estreme. Voleva sempre qualcosa di nuovo, qualcosa di stimolante, qualcosa che la eccitasse e la emozionasse. E non poteva negare che tutto ciò fosse elettrizzante e non poco spaventoso. E come aveva detto nel suo messaggio proprio la sera prima, questo era solo il primo test, se fosse riuscita a soddisfare la sfida, le cose sarebbero diventate più selvagge molto rapidamente.
Resistette all'impulso di strofinare la vagina bagnata attraverso il tessuto sottile della gonna, sapendo che sarebbe stato fatale per come si sentiva in quel momento. Adesso c'erano sei persone in fila davanti a lei. Sarà meglio che inizi a prepararsi.
Fin dalla sua prima risposta, Giulia, aveva avuto la sensazione che questo tizio fosse diverso, che sapesse esattamente cosa faceva scattare gli interruttori e la eccitava. Era distaccato, arrogante ed esigente nei messaggi, insistendo affinché lei svolgesse una serie di compiti prima ancora di degnarsi di parlare con lei.
Chiarì subito a Giulia che non l'avrebbe vista né le avrebbe parlato senza prima avergli dimostrato che valeva il tempo e lo sforzo attraverso una serie di compiti stravaganti. L'avrebbero "messa alla prova, eccitata e umiliata" in egual misura, affermò. Era pronta per questo? C'era qualcosa nello sfidante e nelle sue missive che le diceva che era un vero affare e che probabilmente avrebbe mantenuto le sue promesse. Si era toccata anche mentre premeva il pulsante di invio dicendogli che era disposta a tutto ciò a cui lui aveva in serbo per lei.
Adesso c'erano cinque persone in coda davanti a lei.
Quando aveva letto per la prima volta la sua 'sfida' era rimasta stupita. Più ci pensava, più si eccitava e la prospettiva di fare cose ancora più estreme era un incentivo ancora più grande e invece di rifiutare la sfida dopo un'accurata meditazione (e giocando con la sua vagina) accettò la sfida. Le istruzioni erano state così specifiche, così dettagliate che era sicura che lui si stesse organizzando per tenerla d'occhio e aveva avuto la sensazione che avrebbe immediatamente riconosciuto chi era. Poi fu scossa dai suoi pensieri, un grande salto in avanti mentre due persone lasciavano la fila e si dirigevano verso altri sportelli. All'improvviso Giulia era la terza persona in prima fila.
Si morse il labbro inferiore, era ora, ora o mai più. Aprì leggermente le gambe, sentendo un po' di aria fresca salire dalla gonna fino alla vagina rasata (come le era stato detto, non indossava mutandine) poi cominciò a sforzarsi. Per un momento sembrava che avesse preso paura del palcoscenico ma poi, all'improvviso, arrivò la pipì e cominciò a pisciarsi addosso in questo luogo pubblico.
Sentì il liquido caldo diffondersi lungo le sue cosce tornite, lasciando striature scure e umide sui bordi inferiori della gonna grigio chiaro. Da lì cadeva verticalmente sul tappeto leggero e, almeno per Giulia, risuonava come un tuono quando la sua pipì colpiva il pavimento da quell'altezza. Non avrebbe dovuto fare pipì tutto il giorno secondo le istruzioni. Sentì un'immensa ondata di sollievo attraversare lo stomaco e la vescica insieme ad un sentimento ancora più forte di vergogna e imbarazzo per quello che stava facendo. La macchia scura tra i suoi piedi diventava sempre più larga e lentamente alcune persone nella banca si rendevano conto di quello che stava succedendo: una giovane donna elegantemente vestita e sexy si stava pisciando addosso accanto a loro. Giulia non sapeva dove guardare e, rossa dall'imbarazzo, voleva correre verso la porta, ma aveva un disperato bisogno di spremere fuori l'ultimo piscio, quindi rimase lì e continuò.
Alla fine il flusso si fermò gocciolante e rimase paralizzata per un momento guardando la macchia scura che si allargava ai suoi piedi. Non riusciva a guardare in faccia qualcuno o a incrociare il suo sguardo. Fuggì immediatamente dalla scena al suono di lamenti, sussurri mormorati e sguardi disgustati mentre si dirigeva verso l'uscita. Una volta tornata sulla strada illuminata dal sole, si affrettò a tornare alla sua macchina, e non solo per la sospetta macchia scura su tutta la sua gonna chiara e l'odore sgradevole che emanava da quella zona, no, voleva fare qualcos'altro con urgenza. E una volta raggiunta la relativa sicurezza della sua macchina, lo fece: infilò la mano sotto la gonna e cominciò a strofinarsi furiosamente la vagina unta.
Dio, era così eccitata, e non le importava che nonostante fosse una strada piuttosto tranquilla in cui aveva parcheggiato, chiunque guardasse abbastanza da vicino l'avrebbe vista impegnata nella masturbazione selvaggia. Ma aveva un demone nella fica, e doveva esorcizzarlo. Farlo, pisciarsi addosso in pubblico, l'aveva eccitata come mai prima d'ora e aveva bisogno di venire. La prospettiva che questo sconosciuto creatore di sfide l'avesse vista mettersi in imbarazzo la eccitava ancora di più e non ci volle molto per farla cadere oltre il limite di un orgasmo urlante che macchiò ulteriormente la sua gonna. Giulia non sapeva nemmeno se qualcun altro l'avesse vista o sentita nella sua macchina, ma non importava, dato che si sistemò velocemente e tornò a casa, più eccitata che mai di leggere i messaggi.
Ma quando arrivò a casa non trovò nulla di nuovo e si limitò a leggere per la milionesima volta quello di mercoledì.

Prima Sfida

"Sarai in banca venerdì a mezzogiorno. Di venerdì è sempre affollato, quindi dovresti metterti in coda. Quando sei in testa alla coda voglio che ti pisci addosso. Non pisciarti nei pantaloni perché non ne indosserai. Indossa un tailleur elegante, di colore chiaro in modo che le macchie siano evidenti. Vedrò se hai soddisfatto la mia sfida e, in tal caso, possiamo passare alla seconda sfida.

Giulia aprì la portiera della macchina ed entrò nella luce del sole splendente che inondava il piccolo parcheggio alla fine del parco. Come la prima volta, era piena di energia nervosa ma anche come quella volta era estremamente eccitata da quello che stava per fare qui. Seduta in auto con la portiera aperta allungò la mano per togliersi le comode scarpe da ginnastica con cui era arrivata fin lì. Poi dal portaoggetti tirò fuori un paio di scarpe di pelle con i tacchi a spillo di almeno sedici centimetri. Sarebbero stati davvero scomodi anche solo per stare in piedi. Non aveva idea se era in grado di camminare per tutta la lunghezza del parco. Li allacciò e si alzò in piedi barcollando mentre chiudeva la portiera della macchina e si preparava per il suo compito.
Era una giornata davvero calda e tra quegli incredibili tacchi alti e il lungo trench beige che indossava, Giulia si sentiva così appariscente. Ma come era successo nessuno nel parcheggio le prestava molta attenzione, quindi riuscì goffamente a uscire dal parcheggio e sul lungo e tortuoso sentiero alberato che portava alla sua destinazione finale. Naturalmente, avrebbe dovuto sudare indossando un abito così lungo e pesante, ma non lo era, perché sotto quel cappotto tutto ciò che indossava erano un paio di calze a rete nere e nient'altro. Beh, a meno che non si voglia contare lo spesso rossetto rosso scuro che aveva disegnato sul suo ventre piatto la parola "TROIA" in lettere maiuscole.
Raggiunse la staccionata all'inizio del sentiero e si fermò per un attimo. Stava iniziando a trovare l'equilibrio su quei trampoli impossibili, ma muoversi rapidamente non sarebbe stato facile. Erano stati consegnati a casa sua durante la notte, lasciati in una semplice scatola sui gradini, il che significava che l'uomo che la stava sfidando a fare quelle acrobazie sempre più rischiose sapeva dove viveva. Ma invece di preoccuparsi, quella prospettiva la eccitava, soprattutto quando vide quanto fossero stravaganti quelle scarpe. Ma in pratica era una seccatura camminare mentre intraprendeva il percorso.
Era un mercoledì pomeriggio. I bambini erano a scuola e la maggior parte degli adulti era al lavoro. Tutte le istruzioni le avevano lasciato un certo margine di manovra.

"Indosserai un lungo trench sbottonato ma terrai le mani nelle tasche per tenere uniti i fianchi mentre cammini lungo il sentiero, solo quando incontrerai un gruppo di due o più maschi sopra i diciotto anni ti fermerai, sorriderai e lascerai il cappotto aperto per almeno cinque secondi difronte a loro."

Abbastanza specifico e Giulia si chiedeva se avrebbe dovuto farlo davvero. Poi vide il suo obiettivo in lontananza e non riusciva a immaginare di superare tutto questo senza essere vista (o forse senza una caviglia slogata con quei maledetti tacchi).
Si avviò lentamente. Forse la sua mancanza di velocità era dovuta solo alla cautela nel suo passo ma forse anche perché voleva essere sicura di incontrare un gruppo che si adattasse alle sue esigenze.
Per i primi cento metri non incontrò nessuno, nemmeno un'anima viva, e questo fece aumentare la tensione in lei. Gli uccelli cinguettavano e si sentivano i rumori dei veicoli in lontananza, poi vide qualcuno sul sentiero che veniva verso di lei. Si trattava di una giovane madre che spingeva una carrozzina accompagnata da un'amica coetanea. Stavano chiacchierando animatamente mentre si avvicinavano a lei, ma entrambe si ammutolirono quando videro i tacchi e il trench. Le passarono accanto e Giulia poté quasi giurare di aver sentito sussurrare la ragazza che spingeva la carrozzina "chi è 'sto zoccolone?!", alla sua amica, per poi ridacchiare. Le guance di Giulia arrossirono di un rosso brillante e la sua fica già umida divenne un po' più bagnata e lei desiderava toccarla ma sapeva che non poteva. Non solo per ragioni di decenza, ma perché le era stato ordinato di non farlo. E ancora non sapeva se il suo "amico di penna" l'avrebbe vista quel giorno, dopotutto l'aveva evidentemente vista in banca.

"Sei stata brava, Giulia, hai lasciato un bel po' di bordello in banca, c'era anche un bel po' di trambusto quando sei filata via. Hai causato un bel fetore, letteralmente. Sei pronta per il secondo round, spero?"

Poi più avanti apparve alla vista un gruppo di tre uomini anziani e all'improvviso Giulia si trovò di fronte a ciò che doveva fare. Quasi perse l'equilibrio mentre si fermava e aspettava mentre si avvicinavano lentamente a lei. Non c'era nessuno dietro di lei quindi afferrò nervosamente i lati del cappotto e attese.
Tutti e tre gli uomini anziani sembravano essere sulla sessantina o all'inizio dei settant'anni. Quando furono a soli dieci metri, lei colse l'attimo e con uno svolazzo aprì i lati del suo cappotto e fece sussultare i tre, rivelando loro il suo corpo nudo, seducente e ben fatto, completo di quella parola cruda sul suo stomaco. Non sapeva quale reazione si fosse aspettata, ma quello che ottenne fu uno stupore sgomento da parte dei tre vecchietti. Giulia era davvero in forma, le sue tette adorabili e sode, la sua fica ben curata e il suo ventre piatto. I talloni la costrinsero a stare molto dritta ed eretta e a spingersi verso di loro e loro la guardarono stupiti per i cinque secondi necessari prima che lei chiudesse il cappotto con sicurezza e li oltrepassasse senza una parola di spiegazione. Rimasero lì semplicemente chiedendosi se avessero condiviso una meravigliosa, anche se perversa, illusione.
Giulia era più che felice di averlo fatto e stava diventando ancora più bagnata mentre camminava, il desiderio di intingere la mano nella sua fica e strofinare con furia era totalmente travolgente ora ma lei continuava a reprimere lo stimolo atroce. Le persone successive che aveva beccato erano altri due gentiluomini più anziani ma questi sembravano meno contenti della cosa, uno agitava il suo bastone verso di lei e la derideva mentre l'altro le lanciava uno sguardo così di rimprovero che Giulia ne rimase mentalmente colpita. Non aveva ancora finito di mostrarsi quando un gruppo di cinque ragazzi arrivò lungo il sentiero, tutti poco più che ventenni, questa era una vera sfida per lei ma non poteva tirarsi indietro.
Evidentemente i ragazzi stavano andando o tornando da una partita di calcio mentre uno di loro palleggiava con un un pallone e ridevano e scherzavano. Giulia sentiva l'orribile sensazione alla bocca dello stomaco che qualcosa sarebbe potuto andare storto se si fosse mostrata. Mostrarsi nuda ad un gruppo in quel modo con quello che aveva scritto sulla pancia. Ciò potrebbe finire in una brutta situazione molto velocemente. D'altra parte era probabile che uno di questi ragazzi potesse essere il suo sfidante e lei non osava non farlo altrimenti non avrebbe superato la prova. All'ultimo momento possibile lo fece, aprì il cappotto. Non tardarono a commentare o ad esprimere la loro opinione.
"Amore, che belle tette!"
"Cazzo, che gnocca!"
"E tu sei? Una troia?"
Nei cinque secondi successivi chiuse il cappotto e cercò di superarli in tutta fretta (maledizione a quei tacchi!). Rimasero intorno a Giulia continuando con i commenti e chiedendo, se non implorando, di dare un'altra occhiata. Lei tenne la testa bassa e cercò di proseguire e fu fortunata perché un trio di vecchie signore si stava dirigendo lentamente verso di loro e al loro avvicinarsi i ragazzi decisero che probabilmente avevano visto tutto e continuarono per la loro strada. Giulia ora poteva sentire l'umidità sull'interno delle cosce. Ma mentre proseguiva, finalmente, la sua destinazione divenne visibile.
Erano i bagni pubblici del parco. Era un vecchio edificio di pietra grigia, coperto di graffiti e per niente attraente. Ancora lottando sui talloni, si incamminò lungo il sentiero verso di loro, grata che nessun altro fosse in vista. Passò nervosamente davanti al lato più vicino dell'edificio (quello che ospitava la parte femminile dei bagni) ed entrò timidamente nella sezione maschile. I suoi infernali tacchi tintinnavano rumorosamente sul pavimento piastrellato ed echeggiavano nella squallida stanza.
Era lì che tutto sarebbe potuto andare storto, ma per fortuna non c'era nessuno in quel posto freddo, umido e puzzolente e Giulia entrò nel primo dei tre cubicoli della fila. Il suo cuore batteva forte e si prese un momento per riprendere fiato prima di infilare la mano nella tasca destra e tirare fuori un grosso pennarello nero indelebile.
Secondo le istruzioni, Giulia si tolse il cappotto, e stando lì nuda, godendosi la sensazione di una brezza fresca che saliva da sotto la porta sprangata contro la sua carne nuda, scrisse a grandi lettere in grassetto "GIULIA BRUNO È UNA TROIA SUCCHIACAZZI" su uno spazio libero della parete del cubicolo. Fece un passo indietro per ammirare il suo lavoro e non poté impedire che la sua mano cadesse sulla sua fica fradicia e ci giocasse.
In qualche modo si fermò, aprì la porta e con il cappotto sul braccio si intrufolò nel cubicolo successivo. A questo mancava la serratura, aumentando il fattore di rischio, ma questo la eccitava ancora di più e la sua mano sinistra era quasi interamente nella sua vagina mentre scriveva sul muro di questo secondo cubicolo il seguente messaggio. "A GIULIA BRUNO PIACCIONO I GROSSI CAZZI NEL CULO, NELLA FICA E IN BOCCA. TUTTI IN CONTEMPORANEA.
Proprio mentre smise di scrivere sentì dei passi nei bagni e qualcuno che evidentemente si dirigeva verso la fila di orinatoi direttamente di fronte ai cubicoli. Giulia si inginocchiò nel cubicolo, cercò il clitoride e cominciò a pizzicarlo al suono della pipì che colpiva la ceramica a pochi metri di distanza. Alla fine, l'uomo finì, si lavò le mani e proprio mentre i passi si udirono fuori dai bagni, Giulia raggiunse un orgasmo esuberante. Sgorgò, coprendosi le mani e sparando il suo liquido caldo su tutto il pavimento sporco e macchiato della toilette e dovette mordersi forte il labbro per impedirsi di gridare di sollievo sessuale.
Quando finalmente si riprese si guardò intorno e scoprì che non c'era carta igienica nel WC e quindi sarebbe dovuta tornare alla sua macchina con l'odore di sesso su tutta la parte inferiore del corpo. Con un ultimo sguardo mesto alle parole crude che aveva scritto su se stessa sulle pareti del bagno, scomparve dai bagni dopo aver superato con successo la seconda sfida.

La sfida numero tre era la più difficile, su questo non c'erano dubbi. In realtà dubitava che sarebbe andata fino in fondo. Nonostante tutto quello che aveva passato e fatto finora nelle prime due sfide, non sarebbe stato sorpresa di finire con quest'ultima. Sperava di no, però. Le precedenti erano state perverse, senza dubbio, ma questa era malata ma voleva vedere le profondità in cui era disposta a sprofondare. Ed eccola lì che usciva di casa pronta per una serata in città, pronta a tentare.

"Sembri una puttana, una vera e propria troia, il tipo di ragazza che si lascerebbe scopare da due perfetti sconosciuti allo stesso tempo. Se hai i vestiti adatti (ne sono sicuro) allora indossa i tuoi o esci e comprane di nuovi, assicurati che solo guardandoti, ogni uomo e donna sappia che sei il tipo che brama l'attenzione del cazzo."

Quella parte della sfida era abbastanza esplicita e mentre guardava Giulia Bruno uscire di casa quel sabato sera era chiaro che era più che preparata ad affrontare quella particolare sfida. Il suo abbigliamento lo indicava.

"Vai in città e rimorchia due uomini, qualunque uomo andrà bene. Qualsiasi colore, qualsiasi età, qualsiasi tipo, non importa. Tutto ciò che conta è che farai sesso con loro sabato sera alla stessa ora, uno nella fica e uno in bocca: sarai un pollo allo spiedo, se preferisci."

Guardare e comportarsi come una troia il sabato sera non era una novità per la promiscua Giulia. Anche provare a intrappolare un paio di ragazzi volenterosi per un rapporto a tre forse non andava oltre i suoi limiti, ma questa sfida non era proprio così semplice.
Si ritrovò in un bar alla moda nel centro della città, la media del posto era piuttosto bassa e sembrava che ci fossero molti candidati (maschi e femmine) che cercavano di fare amicizia con qualcuno per la notte. Ma non aveva fretta, si appoggiò al bancone, ordinò una vodka e scrutò il bar, osservando tutti. Questo non era il suo primo drink della serata, ma ne aveva bisogno per trovare il coraggio di farle fare ciò a cui era stata sfidata. Anche adesso, mentre esaminava le possibili prospettive, non era del tutto sicura di voler andare avanti. E poi li individuò. Erano seduti a un tavolo anche loro, due ragazzi giovani e presuntuosi. La loro gestualità le diceva che sarebbero stati pronti. Il modo in cui i loro occhi seguivano ogni ragazza che passava davanti a loro, gli sguardi intensi che lanciavano che suggerivano che avrebbero voluto divorare ogni paio di gambe femminili che si muovevano nel bar e il modo in cui scherzavano tra loro attraverso il tavolo, tutto indicava che potevano essere perfetti per ciò che Giulia voleva.
Erano entrambi belli e non lo sapevano. Il solito sport del fine settimana era quello di setacciare pub e club alla ricerca di una scopata facile e stasera Giulia era la scopata più semplice immaginabile se fossero stati disposti a condividere il luogo. Li aveva contrassegnati come potenziali bersagli e non perse tempo nel prendere un secondo drink e avvicinarsi lentamente al loro tavolo, mantenendo il contatto visivo durante l'avanzamento. Si leccò le labbra e si sporse in avanti offrendo a entrambi i ragazzi una vista spettacolare proprio sul davanti del suo top.
"Vi dispiace se mi unisco?"
I sorrisi sui loro volti mentre accettavano in silenzio le dicevano che non erano con, o aspettavano, amiche e quindi lei adagiò il suo corpo snello sulla sedia e cominciò ad ingannarli. Non era difficile. In effetti, un paio di drink e un paio di balli quasi espliciti più tardi e i ragazzi lo avrebbero avuto così duro da non riuscire a nasconderlo e Giulia non avrebbe avuto alcun problema a condurli fuori con la promessa di episodi carnali. E sì, quando lanciò la doppia notizia bomba su dove sarebbe successo e che voleva entrambi allo stesso tempo, c'era un briciolo di dubbio, ma solo un briciolo.

Il viaggio in auto fu veloce e divertente, i ragazzi si divertivano a palpeggiare liberamente il corpo disponibile di Giulia seduto accanto all'autista. Quando giunsero a destinazione, i ragazzi smisero di scherzare e guardarono dal finestrino il luogo che la donna aveva scelto per il sesso. Forse titubanti, provarono a suggerire che sarebbe stato meglio farlo lì in auto, ma quando Giulia scese dall'auto e si incamminò mostrando il culo voglioso di penetrazione dura, i due si liberarono di ogni dubbio e si mossero a seguire la figura che li precedeva.
Le fioche lucine davano agli eventi una bizzarra sfumatura arancione mentre Giulia si toglieva i suoi magri vestiti per rivelare il suo corpo nudo ai due. Alla vista del suo seno sodo e della sua fica stretta e rasata, le preoccupazioni per l'ambiente circostante furono immediatamente dimenticate. Cadde in ginocchio davanti a loro e le ci vollero pochi secondi per aprire le loro cerniere e tenere i loro cazzi empi tra le mani. Si concentrò e cercò di ignorare l'enormità e la perversione di ciò che stava effettivamente facendo lì. Questa era la sua sfida. Avrebbe potuto incontrare l'uomo che la sfidava a questi eventi dissoluti solo se fosse riuscita a soddisfare ogni sua richiesta e non poteva fallire ora, non dopo tutto quello che aveva fatto. Questa era la penultima sfida, glielo aveva detto ma si aspettava anche che lei si tirasse indietro, senza dubbio.
Le sue mani masturbavano abilmente i cazzi turgidi finché non furono lucidi dei loro stessi succhi. Poi la sua lingua aggiunse la propria umidità e poté letteralmente vedere le palle piene. La domanda su chi avrebbe preso quale dei buchi bagnati era rimasta senza una risposta, ma nessuno dei due sembrava preoccuparsene, dunque Giulia prese il comando. Ordinò a uno di mettersi dietro di lei e di metterlo nel culo, poi liberò dai pantaloni quello che aveva davanti a se e prese la maggior parte del suo cazzo in bocca in un colpo solo. Quello si tolse la maglietta per restare nudo mentre torreggiava sopra di lei tenendole la testa e pompando il cazzo in bocca con vigore, guardando il suo amico nella strana luce sollevare i fianchi di Giulia e allargare le cosce da dietro. Mentre il cazzo entrava e usciva dal culo, Giulia quasi soffocava mentre l'altro cazzo penetrava nella gola e le palle rimbalzavano sul mento. Era stata con due ragazzi prima, ma questa volta era così perverso che riusciva a malapena a controllarsi e a lasciare che i ragazzi facessero del suo corpo ciò che volevano. E volevano scopare e venire.

Quindi eccola lì, Giulia, il pollo allo spiedo, infilzata sui cazzi duri di entrambi i giovani, con le mani e le ginocchia sull'erba umida che si reggeva mentre veniva vigorosamente scopata ad entrambe le estremità. Non aveva nemmeno provato a parlare (avere la bocca piena non l'avrebbe comunque aiutata) o a comunicare, si era concentrata solo sulla sensazione di essere trattata come niente più di un pezzo di carne da usare per questi torelli finché non avessero avuto abbastanza. Entrambi grugnivano e gemevano come animali mentre la scopavano da entrambe le parti, la loro concentrazione era immensa, volevano che durasse il più a lungo possibile. All'insaputa di tutti loro, l'uomo che aveva sfidato Giulia a fare ciò si era sistemato poco distante nell'oscurità che dominava il luogo, ed era stato lì per un paio d'ore prima del loro arrivo. Osservava e sentiva delicatamente il rigonfiamento nei suoi pantaloni mentre aspettava con ansia l'ultima prova.
Nonostante i loro migliori sforzi di resistere ancora un po', entrambi i ragazzi si avvicinarono all'orgasmo, non potevano trattenerlo ancora a lungo e gli sforzi della bocca e del culo di Giulia spingevano verso il traguardo. Con un grugnito e una spinta sentì il cazzo nella sua bocca esplodere e lo sperma scorrere giù per la gola. Subito dopo aver sentito quella sensazione, sentì qualcosa di simile nel profondo del suo orifizio anale.
Dopo aver saziato la loro lussuria, l'atteggiamento dei due uomini nei confronti di Giulia cambiò completamente. Mentre lei si leccava le labbra raccogliendo le ultime gocce di sperma, uno dei due la schiaffeggiò con il cazzo ormai mezzo moscio sul mento con disprezzo e spremette gli ultimi residui di sperma sul viso. Mentre si districavano da lei, scherzavano in modo beffardo e discutevano dei relativi meriti dei suoi buchi come se lei non fosse nemmeno lì presente.
"Com'è stata la tua sborrata? La sua bocca è fatta per ciucciare cazzi, questa stronza ha ingoiato tutto!"
"Sì, ho visto, non male. Comunque non era vergine di culo, questo è sicuro! Ne ha presa di sborra pure qua!"
Risero forte e finirono di vestirsi, per loro la notte era ancora giovane e c'era ancora altra carne da martoriare là fuori. Difficilmente risparmiarono a Giulia un saluto benevolo mentre lei era in ginocchio come stordita, con lo sperma che le colava dalle labbra e dalle chiappe. E dopo pochi minuti l'avevano già lasciata indietro e stavano uscendo dal cimitero.
"Comunque è un posto strano per farlo, deve essere una puttana davvero depravata". Fu l'ultima volta che sentì delle voci per quella notte.
Giulia aspettò un momento, finché non fu sicura che se ne fossero andati. Si sentiva così strana. Era ancora completamente nuda ma non sentiva l'aria notturna mentre si muoveva sul suo corpo. Era a malapena consapevole dello sperma che gocciolava dal suo corpo. I suoi occhi erano fissi sulla lapide della tomba sulla quale era stata appena scopata da due perfetti sconosciuti.

"Ti voglio alla sfida numero tre, il prossimo sabato sera, ad andare in discoteca vestita da piccola troia che sei. Ti sfido a rimorchiare due ragazzi, in modo del tutto casuale, sconosciuti e a fare sesso con loro, senza vincoli. Ma il trucco è, Giulia, devi portarli al cimitero ed esibirti nel tuo osceno rapporto a tre proprio di fronte alla lapide del tuo defunto padre. Dopo dovrai masturbarti, culminando proprio lì e in quel momento. Questa è la sfida, se decidi di non farlo, capirò, ma se lo fai, allora ti prometto che ce ne sarà solo un'altra prima di incontrarmi."

Fissò la lapide di suo padre e le lacrime cominciarono a formarsi nei suoi occhi ma lei le ignorò e abbassò la mano destra per trovare la sua fica come al solito unta e iniziò a muovere le dita mentre inginocchiata sulla tomba nella luce inquietante con il clitoride in fiamme per raggiungere l'apice di un caos di emozioni. Disprezzo di sé, pietà, dolore ed eccitazione, tutto in un'orribile miscela. Non sapeva nemmeno che in quel momento il suo sfidante stava registrando quello che stava facendo (e dove) con la sua videocamera portatile. Adesso era frenetica, si strofinava e accettava l'ondata di eccitazione che mandava sensazioni in tutto il suo corpo finché non esplose uno spruzzo su tutta l'erba. Con un bacio sulla mano e poi trasferito sulla pietra fredda e scura, Giulia si alzò, si vestì e si chiese quale potesse essere la sfida finale e si chiese se sarebbe mai riuscita a riprendersi dall'essere sprofondata così in basso.

"La quarta e ultima sfida che ti ho proposto, Giulia, è davvero molto semplice. Nessuna umiliazione pubblica questa volta, sarà tutto molto privato. Sabato sera lascerai la porta di casa aperta e senza chiavistello. Allora se tu vuoi accettare la mia sfida, andrai in camera tua e ti spoglierai completamente. Nella posta di venerdì riceverai un pacco con due paia di manette e due paia di polsini per caviglie, oltre a una benda appositamente progettata. Alle sette del sabato sera, con la porta lasciata come indicato e tu nuda, applicherai le manette ad ogni angolo del tuo letto, prima metterai le manette alle caviglie, poi posizionerai la benda sugli occhi in modo che non si possa vedere nulla, infine infilerai i polsi nelle manette. Non preoccuparti, ho la chiave. Questa è la sfida, l'ultima. Una volta giunto da te inizierà il vero divertimento."

Giulia era rimasta lì per quindici minuti, sembravano ore. Le facevano male le braccia, erano troppo tese. La sua mente correva. Era stato un terribile errore? Oppure stava per vivere la più grande esperienza sessuale della sua vita? C'era rumore al piano di sotto?!
Essere trattenuta in quel modo e completamente al buio, come consentito da questa ingegnosa benda, sembrava intensificare i sensi di Giulia oltre il livello normale. Sì, era sicura che fosse un rumore proveniente dal piano di sotto. E se non fosse stato lui? E se fosse stato un intruso e l'avesse trovata indifesa così? Mio Dio, cosa stava facendo?
Ma se fosse stato lui?
Rimase lì tesa, aspettando i successivi cinque minuti, osando a malapena respirare. Il suo corpo era teso, teso e sensibile a ogni corrente d'aria che lo attraversava e la sua fica era sempre e unicamente bagnata, così bagnata e disperata da essere toccata ma ovviamente non poteva avvicinarsi. E sempre in un angolo della sua mente c'era la paura realissima che non sarebbe venuto nessuno, che sarebbe stata lasciata così e la prospettiva di venire sorpresa in quello stato da chi avrebbe denunciato la sua assenza non era molto allettante.

Passarono dieci minuti e poi sicuramente uno scricchiolio dal piano di sotto e poi sicuramente il rumore della sua porta d'ingresso che veniva chiusa e bloccata. Giulia si preparò e trattenne il respiro ancora una volta.
Trascorsero ancora altri dieci minuti senza alcun evento. Nessun altro suono o senso la raggiunse mentre giaceva lì immobile. Senza dubbio, pensò, il suo uomo misterioso stava controllando la casa. Ma la sua mente non poteva fare a meno di chiedersi se lui stesse già frugando nei suoi cassetti al piano di sotto, pronto a prenderla in giro. E poi sentì un dito toccarle la coscia.
Lei quasi saltò fuori dalla pelle per la paura. Non lo aveva affatto sentito entrare nella stanza. Il tocco si spostò rapidamente sul suo sesso bagnato e lo esplorò a lungo, massaggiando le labbra, sondando rudemente l'interno e uscendone completamente viscido dei succhi. Senza che lei lo vedesse, il dito le venne poi avvicinato al naso in modo che potesse respirare il suo denso aroma di sesso. Era come essere un passo indietro per Giulia, non appena si era resa conto di cosa stava annusando, l'odore le fu portato via e sentì l'uomo alzarsi sul letto e poi posizionare le gambe nude a cavalcioni ai lati del suo stomaco. Uno stomaco che in quel momento era pieno di farfalle. Cosa diavolo stava permettendo che accadesse?
Poteva sentire il suo cazzo duro schiaffeggiare i seni e sapeva che doveva essere nudo sopra di lei, il suo corpo tremava per il brivido e l'anticipazione. Il cazzo sepolto nella carne del suo seno per prepararsi a una spagnola, usando le mani per spingere verso l'interno i seni visto che erano distesi dalla posizione delle braccia. Il suono dello strofinamento era sommesso ed eccitante. Era il sudore avuto dalla paura per l'attesa a generarlo.
E prima che se ne rendesse conto, Giulia percepì la punta del cazzo alle labbra. Senza un attimo di esitazione aprì la bocca e lo lasciò entrare.
Giulia dovette domandarsi se fosse davvero questo l'uomo che l'aveva sfidata nell'ultima settimana.
Poteva fare poco più che restare sdraiata lì e cercare di gestire il pompino. Non poteva muoversi per alterare l'angolo di entrata o qualcosa del genere e quella restrizione la spaventava e la eccitava allo stesso tempo. Si sentiva claustrofobica, con la testa intrappolata com'era tra le cosce e le braccia ai lati mentre lui continuava a spingere nella bocca ansimante e sbavante. Ma proprio mentre stava iniziando ad accogliere completamente quel mostro in bocca, si rese conto che una sorpresa ancora più grande fece la sua comparsa: una lingua che le lambiva improvvisamente la fica.
Il suo corpo sussultò alla realizzazione che qualcun altro era lì. Doveva essere così perché il tizio che le scopava la faccia era rivolto in avanti, senza dubbio, e a meno che non fosse un contorsionista non c'era nessun modo fisico in cui potesse leccarle anche la fica. Sentì mani morbide sul basso ventre, le dita che aprivano le labbra vaginali per dare un maggiore accesso alla lingua. Dalla morbidezza delle mani e dalle guance (che erano premute contro l'interno delle cosce) doveva esserci una donna laggiù, pensò. Non che avesse troppo tempo per pensare, con la testa che veniva scossa su e giù ad ogni spinta vigorosa del cazzo duro nella sua bocca. La lingua della donna sondava in profondità la fica e Giulia rimase colpita dalla straordinaria sensazione di essere leccata mentre veniva scopata in gola. Poi il cazzo le venne strappato dalla bocca e lei riuscì finalmente a riprendere fiato (anche se con le guance e il mento schiaffeggiati dal cazzo duro mentre il tizio continuava a restare a cavalcioni sul suo viso). Quando quello si fermò e si voltò in modo da guardare l'intrusa, Giulia poté sentire il cazzo duro appoggiato sul suo petto, le palle pesanti sul mento e il culo peloso scendere fino alla sua bocca. Capì subito che aveva il coraggio di leccargli il buco del culo ed era pronta per la sfida. Ancora.
Mentre le natiche del culo dello sfidante inghiottivano il viso di Giulia, questa spinse fuori la lingua e cominciò a leccare avidamente, prima le pelose natiche e procedendo verso il basso finché la punta della lingua non incontrò il buco del culo increspato. Si sentiva così malata nel fare una cosa del genere a quello che poteva essere chiunque al mondo, almeno lui sembrava essere in ottima forma, non troppo grasso o pesante mentre sedeva sulla sua faccia. Oh Dio, voleva così tanto vergognarsi di quello che stava facendo, ma non lo fece, si limitò a scopare con la lingua il buco del culo del suo uomo misterioso e si divertì anche con la testa esperta che le era tra le cosce.

E poi entrambe le attività si interruppero bruscamente. Il culo si sollevò dal suo viso, la lingua rimossa dalla sua fica fradicia. Lei rimase delusa, ma solo per un momento perché divenne subito evidente che stavano semplicemente cambiando posto e questa volta invece che una lingua era il cazzo che lei aveva preso in bocca ad entrare nella fica. Emise un sussulto di piacere ma fu subito soffocato quando una fica bagnata e rasata discese sul suo viso, chiedendo di essere mangiata.
Giulia si godeva il grosso cazzo che la penetrava con poca foga, ma con il giusto ritmo, mentre allo stesso tempo succhiava il clitoride della complice. Era deliziosamente un'azione assai dissoluta e sperava allo stesso modo di vedere e non vedere mai la coppia con cui la stava compiendo. E poi ebbe la fica inondata di sperma caldo, lui era venuto dentro, non aveva protezione, lei era una troia così depravata, non c'erano limiti ai suoi desideri sessuali. In perfetta sincronizzazione, la fica sopra di lei le esplose in bocca. Il sapore denso del liquido femminile la invase mentre la donna finalmente emetteva uno strillo di estasi sopra di lei.
Ma tutto ciò che Giulia voleva sapere era se sarebbe riuscita a venire? Era pronta a farsi esplodere quando finalmente le fu tolta la benda e si ritrovò a fissare negli occhi prima il suo fratellastro Paolo e poi sua sorellastra Lisa. Entrambi da parte di madre. "Ancora un'ultima sfida. Riuscirai prima a venire, o prima a seppellirti?"
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 8.0
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per 5 gradi di sfida :

Altri Racconti Erotici in Prime Esperienze:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni