Racconti Erotici > Prime Esperienze > Quella volta dal Dentista.
Prime Esperienze

Quella volta dal Dentista.


di Membro VIP di Annunci69.it marcello6969
28.03.2024    |    13.843    |    2 9.3
"Ero sicuro che la scorsa volta mi avesse visto, ma non pensavo aprisse il discorso cosi a freddo..."
Ero solito andare dal mio dentista di fiducia, quello che era stato della mia famiglia prima di me, e che ora seguiva il percorso annuale della mia prevenzione dentale.
Arrivai puntuale all'appuntamento per iniziare la cura che mi avrebbe portato di li a poche settimane ad avere una nuova capsula dentale.
Notai subito, appena entrato, che lo studio aveva subito un leggero cambiamento. In sala d'attesa era stato sostituito il divano rosso, con uno nuovo di pelle e le pareti erano bianche splendenti.
- Si accomodi, prego!- mi disse Matilde, l'assistente del dentista. Matilde lavorava in quello studio da tempo. Era una donna molto giovanile, non più di 45 anni. Bionda, occhi chiari e un corpo sicuramente ben curato. L'abito verde che indossava lasciava intravedere un seno non abbondante ma tonico.
- Per oggi faremo solo qualche piccola operazione, dovrà tornare prossima settimana per prendere l'impronta!- mi disse il dottore. E cosi fù!
La volta successiva mentre ero in attesa che il dentista preparasse la pasta dell'impronta provai a scambiare due parole con Matilde, seduta sempre al mio fianco, - Oggi fà veramente caldo!- le dissi. Ma nel parlare, cadde l'aspira-saliva dalla mia bocca. Matilde si avvicino per raccoglierlo. Notai, nell'abbassarsi, che portava un bellissimo perizoma. Avevo in effetti un bel culo e piegandosi in avanti, me lo aveva involontariamente mostrato. Non feci molto per non farmi beccare. Mi trovo con la testa girata e gli occhi che fissavano quel bel panorama. Sorrise in un mix di imbarazzo e orgoglio.
Dopo una settimana tornai per mettere la capsula definitiva sopra al dente. Arrivai come sempre puntuale. Camicia bianca e jeans con un paio di sneackers blu.
Matilde mi fece accomodare e mi disse che il dottore era uscito per un imprevisto e che avrei dovuto aspettare una ventina di minuti , al massimo mezz'ora. Mi misi seduto sul divano di pelle e mi accorsi che Matilde stava sistemando delle riviste in sala.
-Spero non mi farà male- dissi per attaccare bottone.
- Ma no, stai tranquillo!- ribattè lei.
- Vedo che oggi sei rosso per il sole.- sorrise, rivolgendosi al mio colorito del viso.
- Si, un pò di mare nel weekend- le dissi.
- Almeno non diventerai rosso per colpa del mio lato B!-.
Ero sicuro che la scorsa volta mi avesse visto, ma non pensavo aprisse il discorso cosi a freddo.
- No..ehm...veramente ...ehm- avevo la bocca secca e impastata.
- Non devi imbarazzarti, è una cosa normale. E a me fa molto piacere, quando un ragazzo carino lo nota!-
Rimasi in silenzio per qualche secondo....giusto il tempo di abbozzare una risposta. Sentii il cazzo crescere nelle mutande. Ero eccitato e in quella situazione decisi di provare a giocare le mie carte.
- Difficile non notarlo...e ora che mi hai detto che ti fà piacere lo guardo più volentieri- dissi in preda all'eccitazione.
Matilde lascio le riviste sul tavolo e si avvicino verso di me.
- Beh cosi lo vedi meglio....- si posizionò davanti a me, ancora seduto sul divano e abbassò i pantaloni.Rimasi sorpreso, senza parole. Aveva un culo perfetto, tondo e sodo. Un perizoma nero di pizzo spariva dolcemente tra le natiche. Non resistetti e iniziai a toccarlo con una mano e poi con due. Matilde non fece una piega. Sembrava piacerle molto. Poi iniziai a baciarlo e a leccarlo. Misi la lingua tra le natiche e comincia a mordere il perizoma. Sapeva di un mix tra profumo di ammorbidente e profumo di umori della sua fica . Lei ansimava in segno di piacere.
- E se arriva il dottore?- chiesi fermandomi....- Non arriva...mi ha chiesto di chiamarti per spostare l'appuntamento, ma non l'ho fatto, volevo vederti- mi disse con uno sguardo misto tra eccitazione e cattiveria.
Si girò verso di me, si inginocchio e mi sbottonò i pantaloni. Mi tolse in un solo colpo jeans e mutande....la camicia la lasciò , sbottonandola tutta. Mi afferrò il cazzo, ormai duro e bagnato e cominciò con un meraviglioso pompino. Succhiò con avidità la cappella, per passare poi sull'asta e infine succhiò le palle. La spogliai anche io, mettendola nuda sul divano. Aveva una fica liscia, depilata perfettamente. Due piedi curatissimi smaltati dello stesso colore delle mani. Viola lilla per la precisione.
Spalancò le gambe e iniziai a leccarle la fica, alternando con baci e leccate delle gambe e dei piedi. Ansimava e godeva ad ogni colpo di lingua. Era fradicia. Dopo diversi minuti mi bloccò, apri il cassetto della scrivania e prese un preservativo.
- Scopami!- Non me lo feci dire due volte. La scopai su quel divano che ormai era diventato un mix tra sudore e umori. Ricordo che venne... Ho ancora in testa i suoi urli di piacere.
Ma non ero ancora sazio...volevo il suo culo. Iniziai a leccarlo e poi ad infilare un dito...Poi piano piano ad appoggiare il cazzo. - Fai piano, non lo faccio spesso anche se lo adoro!- Entrai delicatamente . Dopo un paio di gemiti di dolore, inizio a godere....Pompai allora più forte fino a farla venire di nuovo. Ero anche io sull'orlo del piacere.
Sfilai il preservativo e cominciai a schizzarle sul viso, sul seno, quasi a voler marcare il territorio. Qualche schizzo finì anche sul divano. Si passò il dito sul seno e sul viso, come a voler raccogliere il mio seme ancora caldo. Lo portò alla bocca e lo leccò. - Hai uno sperma buonissimo, ha un buon sapore!-

Ci rivestimmo e andai via. Quando chiusi la porta dello studio ero un mix tra eccitazione e sorpresa.

Ogni volta che torno in quello Studio osservo il divano e mi chiedo se io sia stato l'unico ad averlo usato per altri motivi.
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.3
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Quella volta dal Dentista.:

Altri Racconti Erotici in Prime Esperienze:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni