Racconti Erotici > Gay & Bisex > come ho virato di bordo
Gay & Bisex

come ho virato di bordo


di renatino18
24.10.2008    |    39.115    |    0 6.4
"Stavamo rapiti a guardare un distinto signore 50enne che appoggiato al cofano della sua lussuosa spider, i pantaloni e i boxer calati sui piedi, esibendo un..."
Come ho virato di bordo

Avevo già raggiunto i 16 anni ero un ragazzetto che ne dimostrava alcuni di meno, biondino, gracilino, ma molto, molto carino, ..vivevamo a Viareggio, mio padre, marittimo, era più che altro una fotografia, anche quando era a terra la famiglia era l’ultimo dei suoi pensieri..mi madre, una donna ancora giovane ed avvenente lavorava di giorno alla cassa di un supermercato e di notte, soprattutto d’estate, in una discoteca con mansioni molto, molto varie….capitava spesso che nei pomeriggi liberi mi desse i soldi per il gelato e per il cinema e mi dicesse di star fuori fino a tardi…. E riceveva uomini, diversi uno dall’altro…lo so perché assieme al mio amico del cuore la spiavamo…d’inverno la scuola ed il dopo scuola ci prendevano quasi tutto il tempo, ma quando veniva l’estate, essendo di fatto liberi fino all’alba, scappavamo di corsa nella famosa pineta…altro che cinema a luci rosse!! bisognava fare grande attenzione a non farsi sorprendere da quelli che spiavamo, ma soprattutto dalle gang di ragazzotti che spadroneggiavano in pineta dedicandosi a tutti i più loschi traffici, dalla vendita degli stupefacenti a quella del tabacchi, dal gioco al sesso, di tutte le età e di tutti i generi..noti o appositamente costruiti..se si tiene presente inoltre che la pineta era battuta dai soldati neri dell’us army di camp david a livorno e da tutti i più accaniti cercatori di perversioni, uomini e donne, provenienti da ogni dove, capirete che in estate la pineta diveniva veramente sodoma e gomorra a tutte le ore e non solo di notte..…in quell’ambiente noi ragazzetti allo stato brado andavamo a cercare di cavarci tutte le nostre più astruse curiosità e a cercare di fare le nostre prime esperienze…lì si trovavano le prostitute meno giovani e meno belle che erano ovviamente le meno care, che concedevano tutto e di più pur di batter cassa… lì ho visto distinti anziani farsi trombare da aitanti maschietti, lesbiche sedurre donne e ragazze, marchette giovanissime concedere i loro culetti e le loro boccuccie ai più arrapati gay..lì ho visto i soldati negri letteralmente sfondare i malcapitati, maschi o femmine, adulti o giovani, non importava, sui quali riuscivano a piazzare i loro enormi neri cazzi…e ho visto una delle bande catturare un soldato di colore in permesso e, per vendetta, trasformarlo in soli tre giorni in un trans passivo e sempre in calore..tutto ciò che vedevamo era motivo di eccitazione e seghe… a casa con il mio amico, un ragazzone grande e grosso ma un po’ ritardato, riprovavamo tutto dando sfogo ai nostri più sfrenati impulsi ..nonostante fosse più grosso e più forte di me si lasciava docilmente inculare o mi spampinava con vero affetto, io generalmente lo segavo, a volte gli rendevo il piacere spompinandolo, ma tutte le volte lo invidiavo perché aveva una nerchia da grande, mentre il mio era ancora un pisellino…tutto sembrava andare per il meglio quando una sera incappammo in un errore….stavamo rapiti a guardare un distinto signore 50enne che appoggiato al cofano della sua lussuosa spider, i pantaloni e i boxer calati sui piedi, esibendo un morbido culo da vera troia, si faceva inculare freneticamente da un trans mulatto dal cazzo veramente grosso, era conosciuto in loco come “il toro”, che gli dove oltre tutto costare un occhio della testa, quando ci sentimmo afferrare da due ragazzoni, li riconoscemmo, erano noti in città, come capi della più temuta banda della pineta…ci gurdarono e ci imposero il massimo silenzio, dovevamo lasciare che “il toro” finisse d sfondare il povero industrialotto, per poi alleggerirlo di tutto, compreso i documenti che gli avrebbero restituito in cambio di un altro sostanzioso esborso di denaro….poi avrebbero pensato a noi..certo dopo aver incassato la tangente dal trans, solo il 50% per cento di quanto guadagnato, per la loro protezione….terminato il loro duro lavoro ci portarono ad un chiosco abusivo nel profondo della pineta, dove un motore diesel, ovviamente americano . erogava un po’ di corrente e quindi luce, attorno ai tavoli a mangiare cocomero e a bere c’erano due o tre frocioni, un trans, ed un quartetto di negri che si tenevano stretta una povera coppietta, lì dicevano una sposina col timido maritino in viaggio di nozze….stavano appunto contrattando l’affitto per un paio d’ore del la stanzetta annessa al chiosco per potersi divertire..lei sembrava molto incerta e spaventata, lui era letteralmente atterrito e presentava già qualche ecchimosi. evidentemente era stato “convinto” con le buone maniere…certo non provavano più a sottrarsi..non ci voleva molta fantasia, all’uscita dopo le ore di uso della camera una figa,due bocche e due culetti sarebbero stati sfondati e brutalizzati…e il più delle volte chi veniva più posseduto e sfondato era proprio il povero maschietto…dopo che gli inquilini erano entrati in “stanza”, fra un urletto e un gemito della povera coppietta, cominciò il mio interrogatorio: per prima cosa invitarono il mio compagnuccio ad eclissarsi , dato che non destava desideri in nessuno e non sembrava poter essere fonte di possibile attività lucrosa, con la minaccia di consegnarlo ai neri se si fosse lasciato scappare parola…iniziò la mia valutazione, i frocioni proposero di mettermi nudo, ansiosi di bearsi delle mie acerbe grazie, ma i due capi vollero sapere da me la mia vera età ed avuto coferma che avevo superato i 16 anni e che quindi , consenziente,avrei potuto vendere il mio corpo senza complicazioni legali, vollero sapere di che fossi figlio, avuto conferma di chi era mia madre, ed uno di loro mi confermò ridendomi in faccia di conoscerla bene, molto bene, mi svestirono tutti assieme vincendo le mie povere resistenze, mi fecero girare davanti e ditri, piegarmi a lla pecorinae nudo..io univo ad una paura generiica una eccitazione crescente, aumentata dal fatto che il vecchio gestore aveva aperto parzialmente la tenda che chiudeva la stanza internae potevamo vedere, oltre che ascoltare , la totale disponibilità alle voglie dei quattro porci sia della ragazza che del maschitto, cheanzi, smbrava particolarmente …aperto….come fui nudo riscossi an apprezzamento estetico entusiasta, marco, uno dei capi, mi disse che il mio culo, a parte il pregio della ancora intatta verginità, era sicuramente più attraente di quello della mia stessa maadre.., lìaltro, andrea, apprezzava invece moltissimo il mio visetto da angelo e la bocca da troia, mix che a suo dire mi rendeva irresistibile…presto molte mani presero a nassaggiarmi e a toccarmi uno dei frocioni, un passivo totale, addirittura mi prese in boccail pistolino che si era ormai indurito..e nonostante le mie disperate ed accorate preghiere di essere lasciato andare, che non li avrei mai più disturbati, che ero ancora piccolo…che avevo tanta paura..,,i capi decisero che sarebbe stata loro cura deflorarmi, poi che il trans mi avrebbe dovuto rifinire e che poi sarei stato piazzato ad alto prezzo a certi ricconi che adoravano portarsi a letto ragazzetti carini e disponibili..non avrei dovuto in assoluto cercare di frgarli perché seno mi avrebbero punito terribilmente…confesso, ero atterrito ed eccitato, incerto se tentare di scappare, cosa per altro difficile o lasciarmi andare..d’altra parte le lingue che ormai si insinuavano dentro di me, le mani particolarmente abili a toccare le zone calde, i cazzoni che mi si strusciavano addosso, l’alcol che mi avevano costretto a bere, mi avevano ormai tolto ogni volontà…mi sarei lasciato andare per non essere troppo maltrattato..poi avrei sempre potuto sottrarmi dalla loro tutela…così speravo che fosse o così volevo illudermi che potesse andare…d’altronde, a 16 anni,nudo, arrapato, in balia di elementi tanto più esperti e decisi, cosa avrei potuto fare….potevo solo cedere….intanto i sei uscirono dal capanno, i 4 maschi soddisfatti si rimettevano a posto le nerchie nei pantaloni, la ragazza piangeva, diceva che le avevano fatto male, soprattutto al culo, che la avevano sicuramente ingravidata e pateticamente cercava appoggio nel suo ometto che camminava a gambe larghe larghe, lasciando scolare dal buco del culo spanato all’inverosimile sborra e ed escrementi che i pantaloncini semi strappati non potevano certo nascondere, squassato da conati di vomito nel tentativo di liberarsi degli schizzi di sperma che gli avevano scaricato in gola costringendolo ad ingoiare…poverini, facevano tanta pena…. il frocione passivo si staccò dl mio pistolino e si offrì di accompagnarli al loro albergo con la sua macchina…sperava di unire l’utile al dilettevole, di farsi ciò che restava dell’uomo e di alleggerirli di ogni loro avere…a questo punto toccava a me, il dado era tratto, io mi sentivo sollevato, forse veramente la mia vita sarebbe cambiata..in meglio, speravo…marco ed andrea , assieme a luisito, il,giovane trans mulatto, entrarono con me totalmente nudo nella stanzetta che odorava ancora di sudore e sborra e si divisero i compiti, marco mi avrebbe deflorato con dolcezza, senza slabbrarmi troppo, ma facendomi acquisire quella abilità necessaria farmi rendere bene, andrea si sarebbe dedicato alla mia boccuccia, che era la sua vera grande passione, insegnandomi tutto sull’arte sopraffina di fare pompini con l’ingoio e il buon trans mulatto mi avrebbe testato le capacità come maschietto insegnandomi in ogni modo come far impazzire i vecchi porci…..in posizione a pecorina, accarezzato, baciato leccato, spompinato, , io avevo cessato ogni forma di difesa, mi concedevo a loro senza limiti, il grande cazzo di marco si strusciava sul mio buchetto, lo eccitava,mentre la pomata dilatante che mi aveva precedentemente messa infilandomi dentro progressivamente fino a tre dita faceva il suo lavoro…quando la cappella puntò deciso il mio buchetto potè entrare come se non fossi neanche vergine..scivolò dentro m, mi riempì, il massaggio che mi faceva alla prostata cominciava a darmi un piacere che non avevo neanche pensato possibile, reagii spingendomi contro di lui, cercando di farmi veramente riempire, lui entusiasta mi prese per le anche e cominciò a pomparmi senza più trattenersi, sentivo la sua grande cappella sprofondare in me dilatandomi in modo incredibile, mentre i suoi grossi coglioni arrivavano a schiacciarsi contro le mie morbide chiappette…non potevo urlargli di sbattermi sempre più a fondo solo perchè severamente impegnato a spompinare il cazzone di andrea, che pretendeva molto, mi aveva già sverginato le tonsille e pretendeva che lo leccassi e lo succhiassi contemporaneamente…inoltre tenendomi stretto per la testa riusciva anche a scoparmi in bocca, nella mia tenera e tumida boccuccia…inoltre luisito, il giovane trans mi stava portando rapidamente anche all’orgasmo segandomi dolcemente e titillandomi i capezzolini che reagivano molto bene…indurendosi ed allungandosi…. Venimmo praticamente tutti assieme, io mi trovai riempito il pancino e lo stomaco da due sborrate veramenti notevoli, mentre il mio seme veniva bevuto con affetto da luisito……Marcò riassunse il tutto ordinandomi di passare il successivo pomeriggio da luisito che mi avrebbe spiegato a fondo il mio nuovo mestiere..perchè questa era in sostanza la mia nuova vita…e mi confermò che a suo giudizio ero una perfetta creatura di piacere e che le mie prestazioni erano già di gran lunga superiori a quelle di mia madre…. Vietandomi di frequentare la pineta per cadere preda di qualcuno malintenzionato, inoltre, appena terminato l’istruzione di luisito, poche ore al massimo, dovevo tenermi pronto ad andare dai clienti che lui mi avrebbe procurato… ……[email protected]
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 6.4
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per come ho virato di bordo:

Altri Racconti Erotici in Gay & Bisex:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni