Racconti Erotici > incesto > Scambista con mio figlio (seconda parte)
incesto

Scambista con mio figlio (seconda parte)


di Membro VIP di Annunci69.it marcosala
12.03.2017    |    40.567    |    6 9.5
"” “Sai, lo facciamo spesso, tutti e tre sul divano, magari in cam con qualcuna o guardando un porno, ci seghiamo e vediamo chi viene per primo o chi ne fa..."

Dopo ciò che successe a Rovigno, io e mio figlio diventammo amanti e complici in piena regola. Ogni momento era buono per fare sesso, anche se dovevamo stare molto attenti a non far sospettare nulla a mia figlia che, come tutte le donne, è in possesso di un sesto senso. Nei miei viaggi di lavoro ormai non potevo non passare da Milano, dove studiava Marco, e fermarmi per passare la notte con lui. Siccome viveva con dei compagni di università, mi raggiungeva all’hotel dove solitamente alloggiavo. A volte lo facevamo anche in macchina come due fidanzatini alle prime armi, cosa che, ricordandomi i miei primi approcci al sesso, mi eccitava da morire. Ovviamente quando uscivamo per andare a cena o a bere qualcosa il nostro atteggiamento era irreprensibile, salvo toccarci e giocare sotto il tavolo, la paura che qualcuno che ci conoscesse avesse potuto vederci era massima. Infatti una di queste sere fummo visti da dei suoi compagni di corso, tra gli altri due suoi coinquilini. Lui, in un primo momento, non rivelò che fossi la mamma e si crogiolò nel piacere quando gli fecero i complimenti per la conquista, anche con commenti molto hard. Questo me lo rivelò qualche giorno dopo nei nostri colloqui serali via skype. “Mamma, alcuni miei amici ti hanno vista con me.” “Amore, forse non volevi mostrarti in mia compagnia?” “No, no tutt’altro, sapessi cosa hanno detto di te!” “E cosa hanno detto?” “In un primo momento non sapendo che tu fossi mia mamma hanno esagerato nei commenti.” “Amore e ti ha dato fastidio?” “No anzi la cosa mi eccitava un sacco.” “Ah, il mio bel porcellino.” E mentre mi parlava, inquadrato dalla web-cam dalla vita in su, vedevo dei movimenti ritmici del suo braccio destro. Capii che si stava masturbando. Allora perfidamente continuai. “E cosa ti hanno detto precisamente?” “Uffi, dai mamma!” “Su, non fare il vergognoso, so che ti farebbe piacere raccontarmelo.” “E va bene, mi hanno detto che sei una bella milfona, che devi essere anche una bella porca e che ti scoperebbero molto volentieri.” L’idea di essere desiderata anche dai compagni di mio figlio cominciò ad eccitarmi ed anche io, senza darlo a vedere, mi infilai una mano nelle mutandine. “Poi cosa ti hanno detto?” “Mi hanno chiesto se non ti avevo mai spiata mentre facevi sesso.” Conoscendo mio figlio potevo immaginare la sua risposta positiva. L’idea che mio figlio raccontasse delle mie performance sessuali ai suoi amici aumentò la mia eccitazione, al che ruppi gli induci e dissi a Marco: “Amore, perché non abbassi la cam? So cosa stai facendo sai, e lo sto facendo anche io.” Mio figlio non si fece ripetere la cosa due volte, abbasso la cam e vidi che si stava masturbando come avevo sospettato. Il suo pisello già in erezione era quasi pronto a schizzare. Subito ricambiai l’attenzione, mi tolsi la T-shirt e posizionandomi in modo che anche lui potesse vedermi meglio, cominciai a masturbarmi davanti a lui massaggiandomi le tette. Ormai eravamo tutti e due all’acme del piacere, non parlavamo più, si sentivano solo gemiti di piacere fino a quando Marco emise una sorta di grugnito accompagnato da un imperioso schizzo che arrivò fino alla tastiera del pc. Subito lo seguii anche io con un orgasmo intenso ed accompagnato da un’abbondante emissione di umori vaginali. Dopo qualche minuto di relax accompagnato da paroline dolci e d’amore mio figlio mi disse: “Mamma posso farti una confidenza?” “Certo amore, lo sai che tra di noi non ci sono problemi di sorta.” “Mamma, mi piacerebbe vederti fare l’amore con i miei coinquilini.” Accidenti, mi sarei aspettata di tutto ma non che mio figlio fosse anche cuckold! Decisamente questa sua rivelazione mi aveva sconcertata ma poi, sapevano o no che io ero sua mamma? Lui vedendo il mio imbarazzo aggiunse: “Si, ma solo se fa piacere anche a te.” Oddio, a me avrebbe fatto piacere sicuramente, solo l’idea di provocare in loro del desiderio qualche decina di minuti prima mi aveva eccitata, ma farlo veramente, e magari davanti a mio figlio mi lasciava perplessa. Cercai di prendere tempo. “Amore non saprei, ci dovrei pensare, poi non è che certe cose si possono fare a comando, magari se si crea l’atmosfera giusta.” Insomma non avevo chiuso completamente la porta, avevo lasciato uno spiraglio aperto. Da quella sera i nostri giochi in web-cam su skype divennero molto frequenti, che io fossi a casa o in giro per hotel per ragioni di lavoro, avendo sempre con me il mio portatile, non mancavamo di vederci e giocare. Una sera, ricordo che ero in Liguria, mentre stavo lavorando al pc, mi arrivava il suo solito messaggio su whatsupp. Era quasi mezzanotte, lui sa che sono un animale notturno e quindi, a quell’ora, non c’era pericolo di svegliarmi. #Ciao mamma che fai?# #Ciao amore, stavo lavorando mentre guardavo la tv, e tu dove sei? Sei in giro o a casa?# #Si sono a casa, a nessuno andava di uscire quindi siamo rimasti in casa a cazzeggiare.# Come detto Marco vive con altri due ragazzi universitari come lui, ognuno ha ovviamente la propria camera mentre condividono salotto e cucina.. #Mamma ti chiamo su skype.# Detto fatto mi arrivò la sua chiamata. Risposi e lo vidi seduto sul letto, in camera sua, e come al solito con addosso la sola T-shirt. “Mamma pensavo di trovarti nuda.” “Si, conoscendo le vostre abitudini sarebbe stato facile che tu fossi in salotto insieme ai tuoi amici, e magari avresti avuto piacere che mi vedessero nuda.” “Si, tanto anche loro sono sempre mezzi nudi, così avreste approfondito la vostra conoscenza.” Mi disse ridendo. “In casa qui siamo sempre tutti smutandati.” Poi mi disse: “Guarda mamma, mi sono appena depilato.” E alzandosi mi mostrò il petto e soprattutto il pube ed il pisello completamente glabri. Ed io ridendo: “Amore se ti mostri in questa guisa mi fai venire voglia.” Sonora risata di entrambi. “Mamma ti ho chiamata apposta, ho di nuovo voglia di farmi una sega, magari guardandoti mentre ti tocchi.” Ed io: “Come di nuovo?” “Si, ci siamo appena fatti una sega di gruppo guardando in cam una che ti assomigliava un sacco,” “Cosa? Una sega di gruppo? Cosa vorresti dire? Spiegami.” “Sai, lo facciamo spesso, tutti e tre sul divano, magari in cam con qualcuna o guardando un porno, ci seghiamo e vediamo chi viene per primo o chi ne fa di più. Se vuoi vado di là con il pc e lo facciamo davanti a te.” “Maddai scemo, smettila, mi conoscono, che figura faremmo?” E lui: “Potesti metterti una mascherina.” “Si, e pensi che non si accorgerebbero? Poi in ogni caso vedrebbero il mio il nick di skype.” Dissi cercando di chiudere l’argomento, anche perché questa idea di farlo davanti a tutti e tre mi aveva turbata ed un pochino eccitata. Intanto Marco, dopo essersi messo in ginocchio in favore delle web-cam, aveva iniziato a masturbarsi mostrandomi il suo pisello turgido e depilato. “Accidenti Marco, sei proprio un porcellino, mi stai facendo eccitare.” Così dicendo alzai la maglietta che usavo come pigiama, mi tolsi le mutandine ed iniziai a toccarmi le tette masturbandomi. In quel momento sentii la porta della sua camera aprirsi ed una voce che diceva: “E bravo il nostro Marco, ti stai segando ancora con qualche porcona tua amica? Dai faccela vedere.” Spaventata chiusi subito il collegamento e mi misi off-line affinché non potesse richiamarmi. Dopo qualche secondo mi arrivò un suo messaggio su whatsupp: #Scusa mamma, era Paolo, a momenti ci beccava ahahah#. Ed io: #Scemo, ora dormi#. Ormai tardi decisi di chiudere il pc ed andare a letto. Dopo una mezzoretta sentii il telefono squillare. Nel dormiveglia guardo il numero, era Marco. Rispondo. “Mamma, sei arrabbiata?” “No, amore, ma non mi vanno queste improvvisate.” “Dai, non prendertela volevano solo scherzare. Sai ho il cazzo ancora durissimo, ho voglia di te, tu cosa stai facendo? Ti sei toccata?” “No, stavo per addormentarmi.” “Mamma come sei abbigliata ora?” “Amore lo sai che dormo solo con la T-shirt, e stasera, dopo che ci siamo visti, non ho rimesso neanche le mutandine.” “Oh, si mamma..” Ed iniziò a dirmi cosa mi avrebbe fatto se fosse stato lì con me. Mentre parlava sentivo che si stava masturbando. Io ascoltavo in silenzio, eccitata dalle sue parole e soprattutto dai suoi gemiti. Un gemito più forte, quasi un rantolo, mi fece capire che aveva goduto. “Amore hai sborrato?” “Si mamma, ti voglio bene.” Così dicendo chiudemmo la comunicazione. In me era rimasta però l’eccitazione e la voglia, allora preso il mio fedele dildo iniziai a masturbarmi con vigore, inserendo perversamente nelle mie fantasie non solo Marco ma anche i suoi due coinquilini. La mattina dopo mi sveglia di buon ora, la fantasia della sera prima ancora mi girava per la testa, resistetti alla voglia di masturbarmi di nuovo, mi aspettava un’intensa giornata di lavoro. Doccia, trucco e parrucco, colazione in hotel e via, in macchina, destinazione Varese, appuntamento con un cliente per il primo pomeriggio. Appena in macchina mi squilla il cellulare. Era il cliente di Varese, causa un impegno doveva rimandare l’appuntamento oppure spostarlo in mattinata. Guardai l’orologio e gli dissi che sarei potuta arrivare verso fine mattina, allora ok per le 11.00 mi confermò il cliente. Mentre stavo viaggiando realizzai che così avrei avuto libero il pomeriggio ed anche la serata. Varese e Milano sono solo a mezzora di strada, allora mandai subito un messaggio a Marco che nel frattempo era in università. #Amore, sono a Varese, se oggi sei libero possiamo stare insieme.# Dopo una mezzoretta mi arriva una sua chiamata. “Ciao mamma, che bella sorpresa.” “Si amore, ho anticipato un appuntamento, se sei libero possiamo passare insieme il pomeriggio, magari fare un po’ di shopping.” “Ok mamma, ci sentiamo più tardi. Ti voglio bene.” L’idea di passare un pomeriggio e la serata con mio figlio mi aveva resa molto felice. Sbrigate le questioni di lavoro, arrivai a Milano nel primo pomeriggio, prenotai al solito hotel, lasciai l’auto nel loro parcheggio, e subito in camera per una doccia veloce. Settembre era quasi alla fine, l’estate sembrava non volesse ancora lasciarci, la giornata era ancora calda, decisi di vestirmi in modo sobrio e comodo. Indossai una gonna a tubo appena sopra il ginocchio e una camicetta, ai piedi un paio di sandali con tacco non troppo alto, comodi per passeggiare. Le gambe ed il décolleté ancora abbronzati erano evidenziati da un velo di olio per il corpo che mi spalmavo dopo ogni doccia. Appena pronta chiamai Marco, ci mettemmo d’accordo nel trovarci in un bar di via Buenos Aires, conosciuto da entrambi, distante poche fermate di metrò dal mio hotel. Arrivai prima io, mi sedetti ed ordinai un caffè. Dopo pochi minuti lo vidi arrivare, un tuffo al cuore mi prese, sembravo una ragazzina al suo primo appuntamento. “Ciao Mamma.” Mi disse baciandomi sulle guance.“Ciao amore.” Quindi si sedette al tavolino con me. Dopo innumerevoli reciproci complimenti decidemmo di fare un giro per negozi per lo shopping, a lui serviva qualcosa di abbigliamento intimo, boxer e calzini prima di tutto, poi se avessimo trovato qualcosa di carino l’avremmo acquistato. Camminavamo abbracciati come due fidanzatini, ad un certo punto sento la sua mano scivolarmi sul fondoschiena. “Amore cosa cerchi?” Sapevo che voleva appurare se portassi o no l’intimo. Con un sorrisetto complice allora gli dissi: “C’è, non preoccuparti, piccolo ma c’è. Un perizomino micro come piace a te. E non continuare a guardare il culo a tua madre!” Gli dissi a mo di rimprovero ma ridendo. “Mamma, non smetterò mai di guardarti.” Mi rispose anche lui sorridendo. Il pomeriggio di shopping procedeva bene, dopo aver acquistato per lui ciò che gli serviva passammo davanti ad un negozio di intimo femminile. “Dai mamma entriamo, comprati qualcosa di bello per te.” Così dicendo mi trascinò letteralmente all’interno del negozio. Dopo aver curiosato un po’, la sua attenzione fu attratta da un body completamente trasparente. “Mamma, compralo, con questo sarai una bomba sexy.” Allora Marco chiamò la commessa che mi procurò la taglia giusta per me. “Signora se lo prova per favore indossi con mutandine.” Entrata nel camerino mi preparai alla prova. Accidenti, era veramente sexy, nero trasparente, sgambatissimo, i capezzoli si vedevano chiaramente sotto il sottile tessuto, ero quasi eccitata nell’indossarlo. Dopo essermi rimirata nello specchio, aprii la tenda per mostrarmi anche a Marco. “Amore come mi sta?” Gli dissi facendo un giro su me stessa mostrandogli anche la parte dietro. “Sono senza parole.” Fu la sua risposta, ma il complimento migliore fu nel vedere il bozzo che gli era formato nei pantaloni. La commessa che era nei paraggi vedendomi mi disse: “Complimenti, le sta molto bene. Ha veramente dei gusti peperini il suo ragazzo.” Aggiungendo alla frase un sorrisino impudente. Ringraziai per il complimento mi cambiai gli consegnai il body per il pacchetto. “Se vuole abbiamo anche perizoma e reggiseno uguali.” Ci disse esponendo sul banco la merce. Probabilmente aveva capito con chi aveva a che fare. Marco li prese in mano e subito disse: “Dai acquista anche questi.” La commessa sorrise soddisfatta, prese i capi della mia taglia e impacchettò anche quelli. Tra me e me pensai che sarebbe stato carino acquistare anche qualcosa di sexy per Marco, allora chiesi alla commessa se avessero dei capi intimi sexy anche per uomini, magari un perizoma leopardato. “Ahimè leopardati non ne abbiamo ma se vuole ne abbiamo di altri colori”. Andò quindi a rovistare in magazzino ed apparve con una serie di perizomi neri e bianchi, tipo brasiliani. La mia attenzione cadde su uno nero; “Dai Marco provalo, togliti pure i boxer tanto lo acquistiamo sicuramente.” Lo indossò e, mamma mia, rimasi impressionata dall’effetto che gli faceva. Forse complice una piccola eccitazione da parte sua che gli provava una leggera erezione, riempiva pienamente la tasca del perizoma, tanto che anche la commessa si lasciò andare in un inequivocabile: “Complimenti!”. Fatto confezionare l’ultimo pacchettino, prendemmo le nostre borse ed uscimmo dal negozio. Mentre camminavamo Marco mi disse: “Sai mamma, il body che hai acquistato è bellissimo, ma si sarebbe piaciuto acquistarti qualcosa tipo perizoma o body che quando lo indossi ti lascia la fica scoperta, ma non ne ho visti e non osavo chiedere.” “Amore per quel tipo di abbigliamento bisogna andare nei sexy-shop.” “Se vuoi qui dietro, in via Melzo ce n’è uno, ti va di andare a farci un giro?” Detto fatto arrivammo al sexy-shop. Appena entrati fummo accolti da una procace commessa. “Buongiorno, cosa desiderate?” Ed io di rimando: “Cercavamo il reparto della lingerie sexy.” Un’occhiata veloce e subito trovammo ciò che cercavamo. Mentre passeggiavamo tra gli scaffali, ci imbattemmo nello scaffale dei giocattoli per darsi piacere, in particolare dai plug-in anali. La nostra attenzione cadde su uno con una sorta di coda di cavallo, dopo averci ricamato su con battute e fantasie lo acquistammo insieme al body. Uscimmo che ormai erano le 18.00 passate. “Amore ora andiamo da te così ti cambi.” “Cambiarmi?” “Si Marco lo sai che quando esci con me mi piace che ti vesti in modo decente, jeans e felpe usale di giorno in università, alla sera preferirei vederti con una bella camicia.” “Va bene, intanto do un colpo di telefono ai mie coinquilini in modo che possano riceverti con un abbigliamento decente.” “Questa cosa un giorno o l’altro me la devi spiegare.” Gli dico sorridendo. “Mamma non c’è niente da spiegare, in casa ci piace essere comodi, ma dimmi che programmi hai per questa sera?” “Semplice, usciamo a cena poi se vuoi vieni da me in hotel.” “Altro che se voglio, ho una voglia matta di leccarti e toccarti. Sono tre settimane che mi sego e basta guardandoti su skype.” “Wwaao.. Ottimo, ma quando ti cambi, mettiti il perizoma che abbiamo appena acquistato.” Arrivammo mentre i ragazzi stavano preparando la cena. Dopo i soliti convenevoli, mi accomodai sul divano in attesa che Marco si cambiasse. Un suo coinquilino garbatamente venne a farmi compagnia ed iniziammo a parlare del più e del meno, dell’università, delle famiglie, delle fidanzatine e altro. Mentre parlavamo vedo Marco che esce dalla camera nudo con l’accappatoio in mano per andare in doccia. Ovviamente mi venne naturale rimproverarlo. “Ma Marco che modo è di presentarsi ai tuoi amici.” “Non si preoccupi per noi signora, qui è normale.” “Si.. si.. lo immagino, chissà cosa combinate voi tre su questo divano. ” Dalla cucina sentii il terzo del gruppo ridere sommessamente. “Si, qualche volta portiamo qualche ragazza a casa, ma solo perché qui siamo sicuri, in macchina al giorno d’oggi è rischioso e pericoloso.” “Si, va bene, ci credo, ma vedo anche il naso che vi sta crescendo, miei tre pinocchietti.” Dissi chiudendo il discorso che ormai stava prendendo una piega particolare. Nel mentre vidi Marco che usciva dal bagno con l’accappatoio slacciato lasciando intravedere la sua bella proboscide. “Dai sbrigati, vai a vestirti che è tardi.” E lì mi venne un’idea che non so ancora adesso se buona o pessima. “Ragazzi, peccato che avete già preparato da mangiare, altrimenti potevate venire a cena con noi, ovviamente miei ospiti” Subito il ragazzo in cucina prese la palla al balzo e replicò: “Se non diamo fastidio verremmo molto volentieri, la cena di stasera potremmo riscaldarla domani.” “Ok, allora andatevi a cambiare anche voi, intanto avviso Marco.” Aprii la porta, mio figlio era ancora nudo, si stava asciugando i capelli, dopo averlo rimirato per un attimo dall’uscio della camera, lo avvisai del cambio di programma. Ritornai in salotto e mi sedetti ad aspettarli sul divano. Tra me e me sorridevo pensando alle scene ed alle sborrate che avrà visto quel divano in questi anni, da parte di quei tre sciagurati. Finalmente tutti pronti si esce, Marco propose un pub lì vicino con cucina austriaca e con musica dal vivo. Lasciai le borse dello shopping in casa con l’intento di riprenderle dopo, prima di tornare in hotel, nella speranza di non dimenticarmele, c’erano cose che sarebbe stato meglio gli altri ragazzi non vedessero. Arrivammo al pub a piedi in pochi minuti. Ci assegnarono un tavolo d’angolo un poco rialzato proprio a favore del palchetto dove alcuni suonatori stavano montando gli strumenti. Marco si sedette a capotavola nel lato corto ed io sul lato lungo contro il muro con Paolo alla mia destra e Matteo alla mia sinistra. Io ordinai una Viennese con patate, i ragazzi ognuno delle cose diverse ma, ovviamente, birra per tutti. La serata scorreva senza problemi, la birra fresca aumentava la nostra euforia tanto che da i soliti discorsi di circostanza non so come, arrivai a chiedere loro della famosa sega in compagnia. Ovviamente imbarazzati i ragazzi cercarono di rispondere alla mia domanda. “Signora Paola, in casa siamo sempre mezzi nudi per comodità, poi se ci capita di vedere qualcosa di eccitante in internet non è possibile nascondere la nostra eccitazione quando si in quella guisa.” “Si, vi capisco e non mi scandalizzo. Ve lo ha detto Marco che frequentiamo spiagge per nudisti?” “Ehmm.. si, e ci ha anche mostrato delle vostre foto.” “Ops.. che faccio adesso devo arrossire?” “No, signora Paola, tutt’altro, devo dire che fa una bella, anzi una splendida figura anche nuda.” “Grazie del complimento ma non chiamatemi signora Paola, chiamatemi Paola e basta, mi fate sentire più vecchia del dovuto.” “Ma che dice signora… ma che dici Paola, magari potessimo avere una donna interessante come te.” Risposero quasi all’unisono i due ragazzi. Le luci si abbassarono e la band iniziò a suonare. Approfittai per andare al bagno, le birre avevano iniziato la loro azione diuretica. Al ritorno i ragazzi stavano ballando e venni tirata in mezzo. Dopo un po’ ritornammo al tavolo e i discorsi divennero sempre più piccanti, cosa che non mi dispiaceva anzi. Marco ad un certo punto disse: “Ragazzi avete visto cosa mi ha regalato oggi la mamma?” Così dicendo abbassa un poco i pantaloni e mostra il perizoma nero comprato nel pomeriggio. Paolo invece quasi dispiaciuto disse: “Accidenti, io non ho niente da mostrarvi perché questa sera non porto le mutande.” Così dicendo e ridendo fragorosamente si slacciò i pantaloni ed aprendo la patta mostrò il suo pisello ed il pube tutti depilati. A quel punto buttandola sul ridere dico: “Matteo, ora mi manca solo il tuo e stasera ho visto il pisello a tutti.” Cogliendo la palla al balzo anche lui si slacciò i pantaloni e mi mostrò le sue intimità. Meno dotato degli altri ma anche lui tutto depilato, forse è una moda tra questi ragazzi. Capendo che ormai erano lanciati li esortai a stare calmi, la serata era ancora lunga. Mentre Marco si allontanò per andare a prendere ancora delle birre Paolo, con un ardore insospettato mi chiese: “Paola, tu invece cosa indossi? Mutandine o perizoma?” La mia risposta fu secca: “Perizoma nero.” “Perché non ce lo fai vedere?” “Dai ragazzi non posso.” Dissi ridendo. Nel frattempo stava ritornando Marco che vedendoci ridere ci chiese cosa avessimo combinato. E Matteo intervenne: “No, niente di particolare. Abbiano chiesto a tua mamma che intimo indossasse, ci ha risposto che porta un perizomino nero e, alla nostra richiesta di mostrarcelo, ci ha risposto che non era possibile. Ma lei ha visto i nostri. Non vale.” Un po’ scocciata dall’insistenza mi alzai per andare in bagno un’altra volta. Mentre ero accovacciata a fare pipì mi venne un’idea balzana. Prima di ricompormi mi sfilai il perizoma e lo infilai in borsa, e tornai al tavolo. “Paola ci devi scusare se abbiamo insistito ma sai, siamo tutti un po’ brilli.” Dissero i due ragazzi. “Non c’è problema, scusati entrambi, anzi ho un regalino per voi.” Così dicendo estrassi il perizoma dalla borsa e lo misi sul tavolo. “Eccolo il mio perizoma, vi piace?” Subito Paolo lo prese tra le mani ed iniziò ad annusarlo. “Mmmm… proprio mini, e che buon odore.” Matteo glielo rubò letteralmente dalle mani ed anche lui iniziò a toccarlo ed annusarlo. “Accidenti, proprio mini.” “Tenetevelo se volete ve lo lascio come ricordo.” Ormai l’ora era tarda, svuotati i bicchieri ci accingiamo a lasciare il locale. Prima di alzarci dal tavolo, visto che il locale era vicino al loro appartamentino, chiesi a Marco se velocemente fosse andato a casa a recuperarmi le borse dello shopping, per poi accompagnarmi all’hotel e restare con me per la notte. “Si Marco, non preoccuparti, rimaniamo noi a far compagnia a tua mamma fino al tuo ritorno.” Disse allora Paolo. Mentre Marco ormai era già uscito io mi fermai a pagare il conto. Nella calca sentii una mano che mi palpava il culo. Mi girai e vidi che era Paolo, sicuramente il più sfacciato e intraprendente. Con uno sguardo gli feci capire che in quel momento non era il caso. Appena fuori dal locale mi accesi una sigaretta, nell’attesa ci mettemmo un po’ in disparte, dietro un SUV parcheggiato nei pressi. Paolo e Matteo continuavano a scrutarmi, si leggeva loro sguardi l’eccitazione che provavano nei miei confronti. Paolo ad un certo punto si tolse da tasca il perizoma e porgendomelo mi disse: “Veramente io avrei voluto vederlo indossato.” “Volete che me lo rimetta?” Subito annuirono. Allora spenta la sigaretta e nascosta nell’ombra del SUV, mi alzai la gonna fino ai fianchi mostrando la mia patatina depilata ai due ragazzi e indossai nuovamente il perizoma. Sempre tenendo la gonna alzata feci un giro su me stessa. “Allora vi piace indossato? Come mi sta?” Alla fine del giro, quando mi ritrovai di nuovo di fronte a loro, erano già con i pantaloni abbassati fino alle ginocchia intenti a masturbarsi. Essere oggetto del desiderio di quei ragazzi mi gratificava e, per riconoscenza, iniziai anche io ad accarezzarmi davanti a loro. Infilavo e toglievo la mano dal perizoma, quindi me lo tolsi di nuovo mostrando loro, in tutto il suo splendore, la mia patatina depilata ormai rorida di umori. Passavo il perizoma ormai pregno del mio succo sotto i loro nasi facendogli sentire il mio odore. I ragazzi erano eccitatissimi tanto che in pochi minuti sborrarono copiosamente dandomi l’idea di quello che potevano essere le famose seghe di gruppo. Senza che loro chiedessero niente, presi dei fazzolettini e iniziai a ripulirgli il cazzo, accompagnando il lavoro finito con un bacio sulla cappella. Appena ricomposti arrivò Marco con le borse, e da lì a poco il taxi per riaccompagnarci in hotel. Ci salutammo con un bacio sulle labbra, Paolo ovviamente cerco di infilarci la lingua, poi subito sul taxi e via verso l’albergo. Lungo il tragitto, in taxi, pensavo a ciò che era accaduto poche decine di minuti prima e se fosse stato il caso di dirlo a Marco. Decisi di dirglielo, lui come risposta mi si avvicinò e mi baciò profondamente aggiungendo: “Mamma sei grande, la prossima volta sarai tu l’oggetto della nostra sega di gruppo in web-cam.” Finalmente arrivammo all’hotel, ero bagnatissima, essendo senza perizoma sentivo i miei umori vaginali colarmi lungo le cosce. Un salto alla reception per ritirare la chiave e lasciare il documento di Marco per la registrazione e subito in camera. Già in ascensore le nostre mani iniziarono ad esplorare i nostri sessi, sentivo il suo cazzo già durissimo. Appena in camera ci spogliammo velocemente lasciando tutti i vestiti per terra e, senza nessun preliminare, mio figlio mi buttò sul letto e cominciò subito a scoparmi con vigore. Io, già eccitata dagli eventi della serata, arrivai all’orgasmo in men che non si dica. Dopo aver goduto mi staccai da lui e gli presi in bocca il cazzo. Volevo gustare il suo seme caldo. Iniziai a spampinarlo con vigore finché non esplose tutto il suo liquido nella mia bocca. Lo deglutii voracemente senza nemmeno perderne una goccia. Ancora con la bocca sporca mi avvicinai al viso di Marco e lo baciai profondamente aggiungendo: “Ecco, senti il sapore del tuo seme.” Ci baciammo con foga per qualche minuto, poi iniziò a penetrare con le dita tutti i miei pertugi e mentre lo faceva mi parlava. “Allora dimmi, ti piaciuto fare la porca con i miei amici?” E mentre me lo diceva sentivo il suo pisello ricominciava a gonfiarsi. “Si amore, mi è piaciuto. E a te piace avere una mamma porca come me?” La risposta me la diede il suo cazzo che si rizzò in un attimo. Dalla nostra eccitazione si vedeva che non ne avevamo abbastanza. “Dopo il mio sapore ora voglio gustare il tuo, mamma.” Così dicendo infilò la testa tra le mie cosce ed iniziò a leccarmi e succhiarmi il clitoride. Ad un certo punto si fermò, lo vidi rovistare tra le borse ed estrasse il plug-in anale comprato nel pomeriggio. Non gli chiesi che intenzioni avesse, mi abbandonai passivamente a lui. Subito riprese il lavoro di bocca con grande maestria, gli umori mi colavano fino al buchino lubrificandolo, Marco allora con un colpo secco ci infilò il plug-in impalandomi. La mia eccitazione aumentò e con pochi colpi di lingua venni una seconda volta con una emissione abbondante del mio succo vaginale. Marco si rialzo dal “fiero pasto” e mi baciò. “Ora tocca a te sentire il tuo sapore.” Mentre mi baciava sentivo il suo pisello duro contro il mio ventre. Avevo voglia ancora del suo sapore, lo feci stendere sulla schiena e mi chinai su di lui ed iniziai di nuovo a spompinarlo. Ormai la stanza era impregnata dei nostri odori, l’odore del sesso ci eccitava ancora di più. Continuai a succhiarglielo finché non mi fece capire che aveva ancora voglia di penetrarmi. Mi mise alla pecorina ed ancora con il plug-in nel culetto iniziò a scoparmi con forza. Ora mi ritrovavo impalata in entrambi i buchi. Il piacere era al culmine, ancora due colpi ed arrivai all’orgasmo, accompagnando le violente contrazioni con dei sordi grugniti di piacere. “Adesso voglio il tuo culo.” Mi disse in modo imperioso. Mi estrasse il plug-in e, con un colpo secco, mi penetrò violentemente con il suo cazzone. Emisi un urlo per il dolore improvviso, poi il dolore scomparve ed iniziai di nuovo a provare piacere. Ero eccitatissima, pur avendo già praticato sesso anale, era la prima volta con mio figlio. Sentivo il suo ritmo aumentare, segno che stava per godere finché non sentii un fiume di sborra calda inondare il mio ventre. Immediatamente ebbi il terzo orgasmo della serata. Stanchi e spossati ci addormentammo abbracciati e rimanemmo così tutta la notte. Al mattino mi risvegliai con Marco al mio fianco nudo che ancora stava dormendo. Cominciai ad accarezzarlo dolcemente su petto, il suo corpo tutto depilato e muscoloso mi eccitava. Scesi fino al suo sesso che, dopo poche carezze, diede subito segni di risveglio. Mi chinai su di lui e con la lingua iniziai a leccargli la cappella, in un attimo fu al massimo del turgore. Lo infilai tutto in bocca fino ad avere dei conati di vomito. Lo volevo tutto per me, cominciai il solito va e vieni massaggiandogli bene con le labbra il glande, vedevo la sua schiena inarcarsi fino a quando lo sentii esplodermi in bocca un copioso getto caldo. Deglutii tutto il suo succo senza perderne neanche una goccia, ripulii con la lingua le poche gocce perse e rimasi a baciarlo e ad accarezzarlo come fosse un feticcio. La giornata stava per cominciare, decidemmo di fare la doccia insieme. Iniziammo ad insaponarci a vicenda non tralasciando le nostre zone intime e la forza della gioventù fece si che, sotto la doccia, subito gli ritornò il pisello duro. Le mie voglie, non ancora sopite nonostante la serata di fuoco, si rifecero vive. “Amore, prendimi qui sotto la doccia.” “Si mamma, faccio tutto quello che vuoi.” E senza aggiungere altro mi girai appoggiandomi con le mani alle piastrelle offrendo il mio culetto a Marco. Lui dopo aver spruzzato dell’altro bagno schiuma sulle mani, inizio a lubrificarmi il buchino, facendomi capire chiaramente le sue intenzioni, quindi con un colpo secco, mi penetrò nuovamente come la sera prima il lato B. Grazie all’abbondante lubrificazione non ebbi nessun dolore, solo piacere che aumentò gradatamente e sfociò in un intenso orgasmo quando sentii il seme caldo di mio figlio inondarmi nuovamente il ventre. Questo risveglio particolare aveva messo ad entrambi molta fame. Dopo aver terminata lo toilette e preparate le borse, facemmo un’abbondante colazione in hotel e poi via per assolvere i nostri doveri. Io verso casa e Marco all’università con l’accordo di rivederci per un saluto alla sera su skype, magari anche con i suoi coinquilini.
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.5
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Scambista con mio figlio (seconda parte):

Altri Racconti Erotici in incesto:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni