Racconti Erotici > Gay & Bisex > a cena dal mio prof. a base di cazzo e piscio
Gay & Bisex

a cena dal mio prof. a base di cazzo e piscio


di pirlino
01.04.2024    |    10.340    |    15 9.8
"Chiunque abbia preso il messaggio ha scritto il nome sbagliato, quindi quando ho risposto alla chiamata non ero sicuro a chi stavo chiamando..."
Durante il mio primo anno di universita' ho seguito un corso di Storia dell'arte rinascimentale. Il professore era un uomo molto interessante che presentava la materia in un modo che dava davvero vita all'arte. Era anche molto disponibile e amichevole. Ricordo di averlo visitato nel suo ufficio, parlando prima del corso e poi, dopo ripetute visite, parlavamo di molte altre cose. Mi chiedeva anche della mia vita privata piu' di una volta. Ha mostrato un sincero interesse per me.
Una volta ricordo che mi chiese se avevo una ragazza. Uscivo con qualcuno, ma non gli detto che era un ragazzo, pero' gliel'ho fatto capire, al che non ha detto altro a riguardo. Diversi giorni dopo ho ricevuto un suo messaggio dalla segreteria. Chiunque abbia preso il messaggio ha scritto il nome sbagliato, quindi quando ho risposto alla chiamata non ero sicuro a chi stavo chiamando. Quando mi ha chiarito che era il professore di storia dell'arte, beh, all'inizio sono rimasto sorpreso.
Mi chiedevo perche' voleva parlarmi e per cosa. Poi ha detto che voleva invitarmi a cena. Eccomi qui, un ingenuo diciannovenne invitato da un docente. Ero curioso. Era un uomo simpatico ed anche ben messo. Quindi gli ho detto si.
Mi da' l'indirizzo e mi chiede di essere da lui per il sabato sera,
Viveva in una parte della città dove c'erano queste vecchie case davvero belle e grandi, molto eleganti e costose, credo.
Quando sono arrivato, ricordo di essermi seduto con lui sul divano del soggiorno. Stavamo parlando della sua lezione e di altre cose normali, quando all'improvviso si è avvicinato e mi ha messo la mano sulla coscia. Ricordo che rimasi sorpreso e saltai in piedi, non sicuro di cosa stesse succedendo.
Dopo lo shock iniziale, è stato davvero gentile e ha continuato a parlarmi, calmandomi. Mi sono seduto di nuovo e poi lui mi ha detto la cosa più strana, cogliendomi alla sprovvista. Ha detto: "la bellezza non ha sesso".
Che cosa insolita e interessante da dire. Continuò a parlare, ma davvero non stavo ascoltando quello che diceva. Stavo cercando di elaborare questo suo commento, strano e curioso. Mi resi conto poi che mi stava facendo un complimento. Era sincero ed esprimeva semplicemente la sua opinione. Dopotutto "era" un professore di storia dell'arte, quindi deve sapere di cosa sta parlando, giusto?
Poi l'ho guardato e ancora senza sentire bene cosa stesse dicendo mi sono incuriosito. Cominciai a capire dove doveva aver pensato che stavo flirtando con lui, con le mie ripetute visite e le nostre conversazioni amichevoli. Mi piaceva l'uomo. Mi piaceva parlare con lui. Era interessante e divertente e mi ha fatto ridere tanto oltre che pensare.
Più ci pensavo, più diventavo curioso a vedere dove voleva arrivare, di certo non lo avrei fermato.
Deve averlo notato. Ha smesso di parlare. Ha sorriso e ha chiesto se stavo ancora bene?
Gli ho detto che stavo bene. Mi mise di nuovo la mano sulla coscia. Questa volta non mi sono alzato.
Abbassai lo sguardo sulla sua mano. Alzai lo sguardo verso i suoi occhi. Gli ho lasciato lasciare la mano sulla mia coscia.
La bellezza non ha sesso, ho pensato. Ha percepito il cambiamento nel mio comportamento.
Si è avvicinato e mi ha dato un dolce bacio sulle labbra. Stavo ancora elaborando il commento "la bellezza non ha sesso", e ora un bacio? Ciò mi ha fatto venire un brivido lungo la schiena. Ho chiuso gli occhi. Lo prese come un segnale incoraggiante. Ho fatto un respiro profondo. Mi baciò di nuovo, sempre dolcemente, ma questa volta un po' più a lungo...
È stato piuttosto eccitante. Stavo ancora elaborando tutto questo, ma stavo anche seguendo il flusso. Ancora curiosità e ora qualcos'altro. La sua mano sulla mia coscia. Il suo bacio sulle mie labbra. Ho sentito un movimento all'inguine. In realtà mi stavo eccitando. Voglio dire, stavo diventando duro e mi chiedevo se se ne fosse accorto.
Evidentemente lo aveva fatto. Ha spostato la mano sulla mia coscia in modo che le sue dita sfiorassero appena la punta del mio cazzo attraverso i jeans. I miei occhi erano ancora chiusi mentre gli permettevo di continuare a baciarmi sulle labbra. Ho ricambiato il suo bacio.
Mi ha toccato le labbra con la lingua. Solo un po. Stuzzicare, testare, esplorare un po' alla volta. Era molto gentile e mi permetteva di adattarmi a quello che stava succedendo. I nostri corpi si erano spostati un po' così che eravamo parzialmente uno di fronte all'altro sul divano.
Si tirò indietro dal bacio. Ho aperto gli occhi. Lui sorrise. Si è avvicinato e mi ha baciato di nuovo. Questa volta ero più un partecipante ed entusiasta. Questo mi stava davvero eccitando. Essere baciato da un uomo che pensava che fossi, beh, bello. Il bacio divenne più appassionato. Stavo lasciando che fosse lui a prendere l'iniziativa. Lo seguivo, arrendevole, sottomesso. Non pensavo davvero a niente di tutto questo, era semplicemente il modo in cui stavo reagendo alla situazione. Mi sembrava una cosa naturale da fare.
Spostò la mano dalla mia gamba sotto la maglietta. La sensazione delle sue dita fresche sul mio stomaco caldo mi fece correre un piccolo brivido lungo la schiena. Mi è piaciuto. Lo ha notato.
Mentre continuava a baciarmi iniziò ad esplorare il mio stomaco e il mio petto con la mano. Alla fine si staccò di nuovo e mi sollevò semplicemente la maglietta sopra la testa. Usando entrambe le mani, sollevando lentamente la mia maglietta, lasciando che le sue mani indugiassero sulla mia pelle, sui miei capezzoli. Glielo permisi volentieri.
Avevo 19 anni. Probabilmente lui aveva più del doppio della mia età. Notò anche la mia crescente eccitazione sotto la vita. Stava conducendo lui il gioco. Avevo semplicemente il pilota automatico; Stavo seguendo il suo gioco.
Guardò il mio petto nudo. I miei muscoli tesi, ben definiti ma non grandi. Potevo vedere qualcosa nei suoi occhi ed ero soddisfatto di ciò che vedevo, sapendo che lo era anche lui. Chiusi di nuovo gli occhi mentre lasciavo che le sue mani vagassero sulla mia pelle nuda. Esplorare, toccare, pizzicare. Si è avvicinato e mi ha baciato i capezzoli.
Questo mi fece correre un altro brivido lungo la schiena. Ho sentito i miei capezzoli diventare duri e oh, così sensibili. Li colpì con la lingua. Li baciò. Li ha anche succhiati, mentre io mi rilassavo e gli permettevo di giocare con il mio torso nudo.
Mi sentivo molto rilassato, molto eccitato, molto eccitato. I miei capezzoli erano duri come gomme da matita, il mio cazzo era teso nei pantaloni, cominciavo a respirare un po' più velocemente. Ha capito tutto. Potevo dire che si stava godendo quello che vedeva e faceva con me. Fece una pausa per un momento. Ho aperto gli occhi e l'ho guardato.
Mi ha detto di alzarmi. Ho obbedito. Si è allungato e mi ha slacciato la cintura, mi ha guardato e mi ha detto di togliermi i pantaloni. Era come se fossi in trance. Non lo ero, o almeno non pensavo di esserlo. Era più come se avessi il pilota automatico. Ho abbassato i pantaloni, mi sono reso conto che le mie scarpe erano ancora addosso, quindi ho usato la punta di un piede per staccare la scarpa dall'altro e ho fatto lo stesso con l'altro piede. Poi mi sono abbassato, ho preso i pantaloni, li ho piegati e li ho appoggiati sul bracciolo del divano. Alzai timidamente le spalle e sorrisi.
Guardò la mia biancheria intima, poi i miei occhi. Senza dover dire nulla, sapevo cosa voleva e ho abbassato i miei slip.
Non mi sentivo davvero in imbarazzo. Sapevo di avere un corpo molto sexy. Potevo vedere l'apprezzamento nella sua espressione. Da parte sua c'era qualcosa di più che semplice lussuria o eccitazione. Sembrava davvero che stesse apprezzando la forma umana, la semplice bellezza del mio corpo nudo. La bellezza non ha sesso.
Avevo ancora il pilota automatico, ma sentivo anche di avere il controllo totale della situazione. Avevo la sensazione che non solo apprezzasse il mio corpo, la forma umana, ma che mi rispettasse, non come oggetto da desiderare ma come estensione di sé, del suo essere. Sembrava che fossimo in uno stato trascendentale. Eravamo più di due individui separati. In questo momento, era come se in qualche modo ci stessimo fondendo in un'unica esistenza.
È stata un'esperienza piuttosto strana. Una che non avevo mai avuto prima. Ero nel soggiorno della casa del mio professore di storia dell'arte al college. Ero nudo. Ero eccitato. Stavo aspettando. Ero disposto a tutto ora.
Era completamente arrapato. Lo eravamo entrambi. Potevo vedere che era eccitato quanto me. L'unica differenza era che io ero completamente nudo, in piedi di fronte a lui, mentre lui era completamente vestito e mi guardava seduto sul divano. Stava valutando la situazione, apprezzando la forma d'arte, assorbendo tutto con il suo sguardo.
Avanzò fino al bordo del divano. Si mise in ginocchio. Allungò le mani attorno alle mie natiche e mi attirò più vicino a lui. Potevo sentire il suo respiro sulla mia pelle, sul mio cazzo. Si è avvicinato e mi ha baciato la punta del cazzo. Ha mosso la lingua e ha leccato la punta. Il mio cazzo era ora eretto e duro. Ciò mi fece correre ancora un altro brivido lungo la schiena. La mia pelle formicolava. Il mio cazzo si stava contraendo. C'era un velo di sudore sulla mia fronte. Il mio corpo era teso per l'attesa. Ero paralizzato. Aprì la bocca. Si sporse di più e lentamente inghiottì il mio cazzo. Mettendolo in bocca. Si tirò indietro e ripeté il processo. Succhiando il mio cazzo nella sua bocca. Muovendosi avanti e indietro. Lentamente, prendendosi il suo tempo. Avanti e indietro. I miei occhi erano ancora chiusi. La mia testa si inclinò all'indietro. La mia bocca era aperta. Il mio respiro stava diventando più rapido. La sua bocca era umida e calda.
Il mio cazzo era duro e pulsante. Dentro e fuori. Sentii il suo naso contro il mio stomaco.
Abbassai lo sguardo. Aveva tutto il mio cazzo in profondità nella sua bocca e serpeggiava lungo la sua gola.
Le mie ginocchia stavano diventando deboli. Ho messo le mani sulla sua testa per sostenermi.
Mi ha tenuto nel profondo della sua gola per qualche istante. Tirato indietro in modo che solo la punta del mio cazzo pulsante fosse sulle sue labbra. Si avvicinò di nuovo, succhiandomi profondamente nella sua gola. Fece alcuni movimenti con la gola. Era come se mi stesse massaggiando il cazzo con la gola. Sapevo che non avrei potuto resistere ancora a lungo. Lo ha notato dalla presa delle mie mani sulla sua testa, dal mio respiro irregolare, dal mio cazzo che si gonfiava di dimensioni, mi ha tenuto fermo con le mani sulle mie natiche. Tenendomi stretto.
Ho iniziato ad avere spasmi. Il mio corpo ha iniziato a fare movimenti convulsi. Ho iniziato a sparare sperma nella bocca e nella gola del mio professore universitario. Ha continuato a succhiare e ora ingoiava tutto quello che gli stavo dando. E questo era molto. Non credo di aver mai eiaculato così tanto in vita mia. Ho lasciato andare. Feci un lungo respiro.
Il mio cazzo ormai esaurito e moscio gli è scivolato fuori dalla bocca. Sono crollato sul pavimento. Ero stordito.
Non ero mai stato così in alto in vita mia. Non ricordo esattamente cosa accadde dopo. So che c'è stato del movimento. Stavo guardando il soffitto e ho notato cose nella stanza di cui prima non ero a conoscenza. Poi mi resi conto che avevo un cuscino sotto la testa. Ero ancora sdraiato nudo sul tappeto del soggiorno. C'erano anche uno o due cuscini sotto la schiena. I miei fianchi erano sollevati in aria. Le mie braccia e le mie gambe erano divaricate.
Gli stavo lasciando prendere di nuovo il comando. Lo seguivo, arrendevole, sottomesso. Non pensavo davvero a niente di tutto questo, era semplicemente il modo in cui stavo reagendo alla situazione. Mi sembrava una cosa naturale da fare.
Poi ho notato che anche il mio professore universitario era nudo. Era in piedi sopra di me. Guardandomi dall'alto in basso. Un sorriso di apprezzamento sul suo volto. Per qualche ragione mi sentivo totalmente a mio agio e confortato dal suo sguardo gentile e riconoscente. Ho anche notato che aveva un cazzo molto grande. Più grande del mio. Ho anche notato che il mio cazzo ora rispondeva di nuovo. A 19 anni non ci vuole molto per diventare di nuovo duro e anche per avere più di un organismo in un breve periodo di tempo, come stavo per scoprire.
Non avevamo parlato molto. Non avevamo davvero bisogno di dire nulla. Era già stato detto e scontato. Eravamo sulla stessa lunghezza d'onda. Si inginocchiò. Mi ha sollevato le gambe. Poi ha fatto qualcosa di totalmente inaspettato. Voglio dire, non sapevo davvero cosa aspettarmi, ma avevo un'idea di cosa stava per succedere. A questo punto ero "all in".
Quello che ha fatto è stato mettere il mio alluce nella sua bocca.
Iniziò a succhiarlo delicatamente. Solo un succhiare lento e sensuale che mi ha quasi fatto impazzire. Voglio dire, quella era l'ultima cosa che mi sarei aspettato che facesse in questa situazione. Io sdraiato nudo sulla schiena, al centro del suo soggiorno, con un cuscino sotto i fianchi e le gambe sollevate in aria, e un'erezione furiosa. Totalmente aperto.
Totalmente disponibile. Totalmente sottomesso. Non so se ero pronto, ma ero totalmente disposto ad essere chiavato.
E poi eccolo qui a succhiarmi l'alluce. Questo mi ha davvero eccitato. Voglio dire, quasi quanto vederlo succhiarmi il cazzo per la prima volta. E la serata era lungi dall'essere finita.
Dopo la piacevole sorpresa di avermi succhiato i piedi, il mio professore universitario ha messo le mie gambe sulle sue spalle, ha spostato le sue mani lungo le mie gambe e ha iniziato a massaggiarmi le natiche. Le mie chiappe piccole e sode. Aveva della lozione o del lubrificante; Non ero sicuro di cosa fosse, a parte il fatto che mi sentivo bene quando ne versò un po' sul mio culo e lo lasciò gocciolare sul mio buco del culo. Ne ha strofinato un po' sulle mani e sulle dita e ha continuato a massaggiarmi attorno alla piccola apertura. Ha iniziato a giocare con il mio culo come aveva fatto prima con lo stomaco e il petto. Ha aggiunto altro lubrificante mentre inserisce lentamente il dito nel mio sedere. Ha delicatamente sondato, spinto e giocato mentre mi toccava. Si stava prendendo il suo tempo per aprirmi e prepararmi per quello che sarebbe successo dopo. Sapevo di cosa si trattava, ed avevo una buona idea di cosa aspettarmi.
Stavo semplicemente seguendo il flusso. Con il pilota automatico. Cercando di rilassarti, di essere compiacente, aperto e sottomesso. Lasciando che lui prendesse il controllo e mi guidasse. Ora ero di nuovo duro come la roccia. Il mio cazzo era in totale eccitazione. Era rigido e fermo. Ho notato che pulsava un po'.
Questo massaggio, diteggiatura, esplorazione e gioco andarono avanti per molto tempo. Mi stava cullando di nuovo in quello stato di trance. Avevo gli occhi chiusi, respiravo, cominciavo di nuovo a sudare un po'. Mi sentivo rilassato e sciolto.
Senza che nemmeno mi rendessi conto di quello che stava facendo, aveva messo la punta del suo cazzo durissimo davanti al mio ingresso e prima ancora che io sapessi cosa stava facendo si era spinto dentro di me.
Ho aperto gli occhi e allo stesso tempo ho lasciato uscire un sussulto. Mi stava guardando con quel bel sorriso sul viso.
I nostri occhi si incrociarono. Le mie gambe erano sulle sue spalle. Le sue mani erano sui miei fianchi sollevati.
Il suo cazzo era dentro di me. Continuando a osservarmi, iniziò a muovere lentamente il suo cazzo dentro e fuori. Potevo sentire che mi stavo aprendo a lui. Potevo sentire l'attrito. Potevo sentire il lubrificante. Potevo sentire il pulsare del cazzo.
Stringevo i muscoli del sedere, non di proposito, ma solo per la stimolazione. Emise un lieve gemito indicando che era stata una mossa molto carina da parte mia. Continuò a spingere dentro e fuori lentamente. Il suo cazzo era liscio e scivolava facilmente nel mio buco del culo molto stretto. Dentro e fuori. Andando sempre più in profondità.
Aumentando gradualmente il ritmo. Il suo cazzo scivola dentro di me, indietreggia e va ancora più in profondità dentro di me. Era un'esperienza diversa da quelle che avevo avuto prima. Voglio dire, succhiare le dita dei piedi è stato sorprendente ed erotico, ma era sensuale in un modo difficile da descrivere. Lo sentii strofinarsi contro la mia prostata e sentii il mio cazzo irrigidirsi ancora più di prima. Stavo iniziando ad ansimare. Muovevo i fianchi all'unisono con le sue spinte. Adesso si muoveva a un ritmo più veloce. Lo stavo abbinando, colpo dopo colpo con i miei fianchi. Adesso gemevo, ansimavo, sudavo. Le mie mani stavano affondando nel tappeto. Ho iniziato a sgroppare. Iniziò a grugnire.
Mi sono lasciato scappare un "Mio dio"
Ha iniziato a sbattermi forte. Il suo bacino sbatteva contro il mio. Entrambi emettevamo piccoli versi animaleschi. Dentro e fuori, sbatti, colpisci, grugnisci, gemiti.
Si irrigidì. Il mio cazzo cominciò a spruzzarmi sperma sullo stomaco, sul petto, alcuni raggiungendo anche il mio viso e le labbra. Il suo cazzo ha iniziato a sparare un sacco di sperma dentro di me. Ancora e ancora e ancora, ne ho contato otto.
Il tempo sembrava essersi fermato. Mi ha abbassato le gambe ed è crollato sul mio corpo nudo, sudato e inzuppato di sperma. Si è sdraiato sopra di me, entrambi ansimanti.
Si è avvicinato e mi ha baciato in bocca, assaporando lo sperma che mi avevo spruzzato in bocca. Interrompe il bacio per leccarmi le labbra e si appoggia indietro per un bacio ancora più profondo. Le nostre lingue si incontrano e si uniscono nell'accoppiamento. Stavo pensando: "La bellezza non ha sesso". Alla fine ho passato la notte con lui dopo aver cenato.
Lasciando che mi scopi ancora durante la notte e ancora la mattina. Mi ha scopato anche sotto la doccia.
La settimana dopo sono ritornato da lui e dopo cena mi chiavato di nuovo sul divano.
La serata era ben lontana dall'essere finita, ma per il momento eravamo seduti lì in silenzio, crogiolandoci nel bagliore del nostro intenso accoppiamento.
Dopo essere scesi da quell'euforia erotica, ci siamo presi una pausa per prendere qualcosa da bere. Avevamo bisogno innanzitutto di acqua per ricostituire i nostri corpi prosciugati. Avevamo anche bisogno di riposarci per il turno successivo. Sapevamo entrambi che avevamo appena iniziato.
Ho chiesto se avesse della birra in bottiglia. Ha detto sì e mi ha portato fuori sul suo terrazzo privato. Eravamo ancora entrambi nudi, era sera presto e faceva ancora caldo e la privacy offerta dal suo terrazzo ci permetteva di fare praticamente tutto ciò che volevamo purché non facessimo molto rumore. Per me andava bene. Mi piace stare nudo e all'aria aperta. Volevo fare un gioco sporco per lui. Ho aperto una bottiglia di birra, ne ho bevuto un sorso, poi mi guardò mentre mi mettevo a pecora. Poi mi sono infilato la bottiglia di birra nel culo e me ne sono versato dentro l'intero contenuto. Lo guardai. Non sembrava scioccato. Sembrava curioso e mi ha sorriso quando i nostri occhi si sono incontrati. Poi mi sono sdraiato sulla schiena mentre lasciavo che la birra si stabilizzasse e risalisse lungo il colon. Il mio prof. era seduto su una sedia e beveva la sua birra mentre mi guardava farmi un clistere di birra.
Gli ho detto che mi piaceva l'effetto piacevole e istantaneo che la birra mi dava quando veniva incanalata nel mio corpo.
Il sole stava tramontando mentre osservavamo e ascoltavamo gli uccelli dietro la sua residenza cittadina. Questo mi ha dato tempo perché la birra facesse il suo lavoro. Dopo un po' gli dissi di dover andare in bagno, e se avesse un tubo nella doccia che potevo usare. Me lo ha mostrato e mi ha detto di prendermi tutto il tempo di cui avevo bisogno.
Adoro la sensazione di farmi un clistere e soprattutto un clistere di birra. Molto erotico ed eccitante. Il prof. ha notato che il mio cazzo era di nuovo duro come la roccia mentre evacuavo e mi docciavo il retto. Continuò a bere birra, riempiendosi la vescica in previsione di ciò che sarebbe successo. È stato allora che ha deciso di partecipare e quando mi è capitato di aprire gli occhi ho notato che era lì in piedi. Ormai stava bevendo da molto tempo e la sua vescica era piuttosto piena, e avendo capito che era la cosa giusta da fare, si è avvicinato a me, si è messo ai miei piedi e ha iniziato a pisciarmi addosso, mi ha fatto inginocchiare e ha continuato a pisciare sul mio corpo e sulla mia accogliente bocca aperta. La sua vescica era piena quindi aveva un sacco di pipì da condividere con me. Mi ha inzuppato i capelli, la faccia, mi ha pisciato in bocca, e ha continuato lungo il mio corpo e poi su, puntando tutta la pipì rimasta nella mia bocca.
Quando ebbe finito, ero completamente inzuppato dalla testa ai piedi e ne presi una buona porzione in bocca, inghiottendone la maggior parte. A questo punto mi chiedevo se anche a lui piacerebbe essere il ricevente qualche volta.
Totalmente fradicio, mi sono sdraiato sulla schiena. Si mise a cavalcioni del mio corpo e si inginocchiò in modo che i nostri cazzi si toccassero. Il mio corpo era bagnato e tutto lucido dopo la sua doccia di piscio. Si sporse per darmi un bacio lungo e appassionato. Ha appoggiato il suo corpo sudato sopra il mio corpo coperto di piscio. Da un cazzo all'altro. Stomaco a stomaco. Petto contro petto. Fece scivolare il suo corpo sopra il mio.
Poi fece scivolare il suo corpo verso i miei piedi. Lasciando che le sue labbra e la sua bocca si facessero strada dalla mia bocca al collo, al petto, fermandosi su ciascun capezzolo per un incantesimo. Poi ha continuato a baciarmi lungo il petto, fino allo stomaco e al cazzo, poi si è fermato di nuovo e ha preso in bocca il mio cazzo ancora duro come la roccia. Ha passato qualche minuto a succhiare lentamente il mio cazzo e a leccare tutta la sua pipì rimasta. Ha rilasciato il mio cazzo e mi ha sorriso. Poi si sedette sulle ginocchia. Alzai le gambe, spingendole contro il petto con i piedi sopra la testa. Mi ha rivolto uno sguardo apprezzato al sedere, si è allungato per prendere un po' di lubrificante con una mano mentre mi teneva le gambe con l'altro braccio. Lo ha spruzzato sul mio buco del culo increspato. Ha lavorato intorno e dentro di me con le sue dita. Inserito qualche dito in più. Poi si è posizionato ed è entrato nel mio culo con il suo cazzo duro in un movimento lento e continuo. Ha toccato il fondo dentro di me. Mi chinai di nuovo e mi baciò le labbra. Scopandomi lentamente solo per un breve periodo.
Poi ritirò il suo cazzo. Mi ha fatto girare, quindi ora ero sulle mani e sulle ginocchia. Ha tirato fuori un cuscino e lo ha messo sotto la mia parte centrale e mi ha fatto sistemare sullo stomaco con il sedere in aria. Si è chinato e mi ha baciato il culo. Ha inserito la lingua e ha iniziato a leccarmi profondamente. Agita la lingua, succhia con la bocca.
Poi si è lubrificato di nuovo le dita e la mano e ha iniziato a giocare con il mio buco del culo. Inserendo alcune dita. Giocare con me. Aprendomi un po' di più ogni volta. Inserendo più dita, espandendole per aprire ancora di più il mio buco. Ha spruzzato altro lubrificante direttamente nel mio buco del culo parzialmente aperto. Lo fece girare ancora un po' e formò un cono con le dita. Li ha spinti dentro di me, aprendomi ancora di più. Poi ci ha rimesso il cazzo fino alle palle.
Rimase dentro di me a quella profondità per un po'. Non avevo mai sperimentato un cazzo cosi' largo così profondamente dentro di me. Stavo ansimando. Stavo tremando. Stavo gemendo. Stavo sudando. Mi stavo stringendo.
Poi è successo, il suo cazzo è uscito dal mio buco. Il mio buco e' rimasto aperto. Non aspettò più di un secondo prima di sferrarlo di nuovo dentro. Questo mi ha quasi portato oltre il limite. Si tirò fuori e mi colpì ancora dentro... e ancora... e ancora... e ancora... Tirò fuori il cazzo un'ultima volta, o almeno pensavo che fosse.
I miei occhi erano chiusi e ruotati indietro nella mia testa. Ansimavo e sudavo. Gemevo piano di piacere. Ero a bocca aperta per l'aria fresca esterna, finché non ho sentito qualcosa di diverso nell'apertura del mio buco. Aveva una consistenza diversa da quella del suo cazzo, ed era più grande. Più largo. Per prima cosa aveva spruzzato altro lubrificante dentro e intorno al mio buco.
Non so che giocattolo sessuale fosse. Non mi importava davvero a questo punto. Ero completamente disponibile a permettergli di fare quello che voleva... Ha spinto il giocattolo lubrificato dentro di me, allargando ancora di più il mio buco già spalancato. Ho già detto che questo giocattolo era più grande del suo cazzo? Più largo. In effetti non sapevo se sarebbe riuscito a farlo entrare fino in fondo. Ha continuato a stuzzicare e spingere, permettendomi di adattarmi e allargarmi. Sempre più. Oh, Dio, cosa mi stava succedendo. Dolore e piacere allo stesso tempo. Così intenso che ansimavo come un cane.
E poi la parte più grande è scivolata dentro come se appartenesse a lì. Il mio sfintere si strinse attorno alla base più stretta. I miei occhi erano spalancati. Stavo guardando la sua espressione sorpresa. Stavo ancora ansimando. Potevo sentire le mie viscere tese fino a un limite che non potevo immaginare. Potevo sentire la consistenza del giocattolo che toccava le pareti del mio colon.
Entrambi siamo rimasti congelati in quella posizione per diversi minuti, permettendo al mio corpo di adattarsi. Permetti al mio respiro di riacquistare una parvenza di normalità. Permettendomi di ritrovare un certo senso di compostezza.
L'ho guardato. Lui mi guardò. Stavamo entrambi pensando, come diavolo faremo a tirarmi fuori quella cosa. Poi ci siamo lasciati entrambi e abbiamo iniziato a ridere. Almeno ho riso solo finché non ne ho potuto più. Il mio culo si contrae e si rilassa ad ogni risata. Che spettacolo deve essere stato. Tirato fuori il giocattolo sentivo l'aria fresca entrare nel mio buco del culo. Il prof mi ha rimesso il suo cazzo dentro e dopo solo 4/5 spinte mi ha sborrato un ultima volta nelle visceri.
Il resto del semestre trascorsi molto più tempo sia a casa che nell'ufficio chiuso a chiave del mio professore.
E abbiamo fatto tante altre "cene" insieme. La bellezza non ha sesso!
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.8
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per a cena dal mio prof. a base di cazzo e piscio:

Altri Racconti Erotici in Gay & Bisex:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni