Racconti Erotici > Gay & Bisex > una serata con 2 uomini 2° cap.
Gay & Bisex

una serata con 2 uomini 2° cap.


di pirlino
29.03.2024    |    6.907    |    5 8.8
"Ho avuto un'erezione che ha notato..."
Questo racconto e' il continuo del mio precedente." una serata con due uomini" L'occasione per restare da solo con Benito senza la presenza di Daniele e' arrivata quando mi ha chiesto di andare con lui alla sua casa al mare. Sarei stato via per un totale di quattro notti. Quattro notti da solo con Ben. Ero eccitato al massimo. Ho finito le cose da fare e sono andato al molo. Ho visto l'auto sportiva di Ben. Pochi minuti dopo correva verso di me. Mi bacio' e mi passò il braccio intorno alle spalle. "Sei in anticipo." "Andiamo dai. Abbiamo un po' di tempo da ammazzare."
Ben ed io abbiamo fatto un giro per i negozi, dove mi comprò una giacca nuova e due camicie. Gli ho detto di non farlo, ma ha insistito affinché avessi delle cose carine da indossare, dato che saremmo usciti a cena abbastanza spesso. Un'ora dopo eravamo sul traghetto a osservare le onde. Finora Ben non aveva detto nulla di quello che era successo l'ultima volta che ero andato a trovarlo a casa loro. Poi cominciò a piovere e ci rifugiammo all' interno. Mi ha chiesto del mio studio e di tutti i ragazzi con cui uscivo. "Non esco con nessuno." " Per me sei bellissimo, sei tutto quello che voglio."
Sono arrossito. Dal modo in cui mi guardava, potevo ben dire che era cotto di me. Ero eccitato dall'attesa, ma nessuno di noi ha detto o fatto nulla. Una volta scesi dal traghetto, eravamo a pochi Km. dalla sua casa al mare.
Entrammo in casa e lui andò di stanza in stanza accendendo il riscaldamento. "Fa un po' freddo. Ci vorrà qualche ora per riscaldarsi. A volte di notte dobbiamo usare anche il caminetto."
Mi sono tolto la giacca. La sua mano si spostò lungo la mia schiena e mi strinse il sedere. "Dovremo tenerci al caldo per un po'." "Sicuro." dissi sognante. Mi condusse in camera da letto. Ha iniziato a baciarmi "Staremo più caldi sotto le coperte."
La camera da letto era in qualche modo ancora più fredda della stanza principale. Mi sono spogliato, sollevai le lenzuola e saltai dentro solo per sentire le coperte gelide. "Gesù, sbrigati, il letto è ghiacciato."
Ben finì di togliersi i vestiti, saltò sul letto e ci coprì entrambi con le coperte, coprendo anche la testa. Entrava abbastanza luce da poterlo vedere e sentii il suo corpo caldo lungo tutto il mio, ci siamo abbracciati, tremando e strofinandoci l'uno contro l'altro. Dopo solo pochi minuti non avevo piu' freddo. Ero totalmente duro e mi contorcevo contro la sua pelle. Si è messo dietro di me e ho sentito il suo grosso cazzo spingersi tra le cosce.
Si scaldò contro di me e mi baciò ovunque potesse, anche brevemente sulle labbra, ma era più interessato al resto di me. Ero sopra di lui faccia a faccia con i nostri cazzi uno contro l'altro, poi sotto. Ero girato a faccia in giù, poi mi ha baciato le spalle e ha strofinato la sua asta contro il mio sedere. Dopo un po' cominciai ad avere caldo e ci tirammo le coperte fino al collo. Ben sembrava non avere fretta ed era contento di spostarmi da una posizione all'altra mentre si divertiva con le sue mani e la sua bocca sul mio corpo. Ero in uno stato agitato e gemevo ogni volta che lui leccava o prendeva il mio cazzo in bocca. Alla fine, l'ho tenuto fermo e lui mi ha dato quello che volevo. Due mesi di attesa e due giorni di preparazione gli esplosero in bocca. Ha tenuto il mio cazzo in bocca mentre sborravo. Con la canna vuota non mi sono trattenuto e ho gridato mentre spingevo i fianchi contro la sua testa. Mosse la lingua e deglutì. Dopo, mi sono rannicchiato attorno a lui.
Ben presto ricominciò a muoversi e mi ritrovai con la testa tra le sue gambe cercando di prendergli tutto il cazzo in bocca. Fino a quel momento era stato gentile, ma alla fine mi prese per i capelli e mi diede una spinta. Mi ero esercitato a rilassare la mascella mentre tenevo il cazzo in bocca. Cercò di scivolare dentro e fuori da me lentamente, ma c'era tensione nel suo corpo. Dopo aver lottato per tenere il controllo, agitò selvaggiamente i fianchi. Grugnì e il suo cazzo si fletté nella mia bocca. Ho ingoiato le sue abbondanti iniezioni di sperma senza versarne una goccia. Mi sono avvicinato per sdraiarmi accanto a lui e in pochi minuti i suoi occhi erano chiusi e respirava regolarmente. Dormimmo per un oretta. Il cielo si schiarì e cominciò a fare caldo per l'inizio di novembre, e camminammo lungo la spiaggia.
Percorremmo un sentiero e arrivammo dove c'era un'altra spiaggia nascosta da una scogliera rocciosa. "Ti porterò qui d'estate. Possiamo venire qui, nuotare e stare da soli." Era bello stare con Benito. Mi sono sentito lusingato dalla sua attenzione. Trascorremmo il resto del pomeriggio a casa sua, sulle sedie a sdraio di legno sul patio. Ha parlato del suo passato, e mi ha detto che stava con Daniele da due anni, ma ognuno di loro aveva via libera con altri uomini.
Nel tardo pomeriggio tornammo in città e lui mi portò fuori a cena. Stravedeva per me. Mi ha comprato due birre ma lui si è astenuto dall'alcool. Mi ha ascoltato parlare dei miei amici, dei miei studi e di mia madre. Tanta attenzione da parte di un uomo più anziano era lusinghiero per me. So che per lui ero solo un oggetto del desiderio, ma mi ha fatto sentire bene. Siamo andati a fare la spesa per alcune provviste e poi siamo tornati a casa.
Quando siamo tornati a casa ha fatto la doccia e poi mi ha chiesto di fare la doccia. Mi guardò mentre facevo la doccia. Mi ha strofinato la schiena e le natiche, mi ha lavato e sciacquato l'interno del culo. Sapevo cosa stava arrivando. Ho avuto un'erezione in previsione di cio'. Ci mettemmo sul letto, lasciammo cadere gli asciugamani e cominciammo a rotolarci. Mi ha posizionato sopra di lui e ci siamo dimenati. Mi baciò il collo e le spalle mentre il suo cazzo duro si strofinava contro la pelle delle mie gambe. Anche il mio cazzo era premuto contro di lui. Ho provato a baciarlo sulla bocca, ma lui si voltava o si riposizionava. Per molto tempo abbiamo giocato in questo modo. Gli ho baciato il cazzo per un po', ma lui mi ha fermato quando ho fatto per mettermelo in bocca. Mi ha fatto sdraiare e mi ha baciato sul petto e sullo stomaco, fino alle cosce e alle palle. Con le sue mani e la sua bocca, ha baciato, sentito e goduto il mio corpo. Mi ha girato su un fianco e poi sullo stomaco. Poi ha premuto il viso contro il mio sedere. Le sue mani sollevarono i miei fianchi finché non fui in ginocchio. Cominciò a leccarmi l'ano. Piangevo e gemevo mentre i minuti passavano. I muscoli più profondi si contraevano e si rilassavano in attesa. Si fermò e si inginocchiò dietro di me. Prese un asciugamano e me lo spinse tra le gambe in modo che fosse steso sotto la pancia. "Non mi farai male, vero?" Ho chiesto. "Non questa volta."
Sentii il suo dito che mi strofinava con una sostanza viscida e appiccicosa. Poi la sua testa grassa premette contro di me. Ha spinto contro il mio ano ed è scivolato dentro. Potevo sentire la sostanza scivolare sulla sua asta mentre spingeva dentro di me. Ho sentito una pienezza sgradevole, ma nessuna ruvidità." "Che cos'è?" "È lubrificante. Come ci si sente?"
"Va tutto bene. Mi sento un po' allargato." "Cerca solo di rilassarti. Dimmi quando è troppo."
Si tirò indietro e sentii il suo dito mettere altro lubrificante sul mio ano. Poi il suo cazzo era dentro. Mi ha aperto facilmente e ha spinto più in profondità dell'ultima volta. Gemevo in modo incontrollabile. C'era pressione ma all'improvviso c'era piacere. "Oh Dio Ben, cosa hai fatto?" "Ti piace? Ho centrato il punto. Resta fermo per un momento." Appoggiò le mani sui miei fianchi e si dondolò dolcemente. Ogni movimento provocava una forte sensazione. Ho sentito il mio cazzo gonfiarsi. Non era eretto, sembrava gonfio. La sborra è gocciolata sull'asciugamano. Continuò a muoversi e sentii il suo pube entrare in contatto con il mio sedere. Era completamente dentro di me. Ho provato a rilassarmi ma la sua grossa asta dentro di me era un po' dolorosa. Mentre muoveva la sua asta ancora e ancora, la pressione e il piacere diminuirono. Mi sentivo incredibilmente pieno e aperto. "Sei ok?" Chiese. "Sì. Continua."
Scivolò indietro di qualche centimetro e poi completamente dentro di me molto lentamente per minuti. Spostai le braccia e la testa di tanto in tanto cercando di rilassare il sedere mentre lui si dondolava dentro di me. Ho girato la testa per vedere le sue mani su di me e il suo corpo che ondeggiava nel mio. La sensazione di poter avere un orgasmo svanì. Ho semplicemente premuto la faccia contro un cuscino e ho sopportato. Il ritmo delle sue spinte aumentò. Dopo molto tempo, si stava spingendo dentro di me con forza e velocità. I suoi fianchi mi schiaffeggiavano e sentii le sue palle rimbalzare dolcemente contro di me. Il mio uccello si era ammorbidito e dondolava con le sue spinte. Ben mi afferrava i fianchi e mi tirava verso di lui. Ha detto cose come "Dammi questo culo stretto". e "Prendilo! Prendilo!" Stava spingendo così forte dentro di me; Speravo finisse presto. Lo sentii irrigidirsi e il suo respiro divenne affannoso. Quando arrivò, grugnì così forte che avrebbe svegliato tutta la casa se ci fosse stato qualcun altro. Ha avuto uno spasmo dentro di me ripetutamente emettendo suoni gutturali. Ben mi schizzò proprio nel retto. Rimase completamente fermo in me e sentii la pressione diminuire. Si tirò fuori con un movimento lungo e lento. Liberandomi da lui, mi sdraiai di lato sul letto.
Era sdraiato dietro di me respirando affannosamente. Mi metto la mano sul culo. Era doloroso. Ero sicuro che il mio ano non fosse più chiuso ermeticamente. Ben si mise a sedere e guardò l'asciugamano. "Non sei venuto." "Dovevo?"
"Alcuni ragazzi lo fanno." Ben lasciò la stanza per pulirsi. Ho sentito scorrere la doccia. Quando è tornato, sono andato in bagno per rimuovere il lubrificante dalle mie chiappe. Sono tornato a letto. Mi ha baciato. "Vuoi che ti chiavi di nuovo?"
Mi sentivo dolorante e molto strano laggiù. "No. No. Non adesso.". "Stai bene?"
"Mi fa un poco male il culo, ma mi è piaciuto. Sapevi davvero cosa stavi facendo. L'hai fatto spesso con altri giovincelli?"
" No. Sei il mio primo." Non sapevo se credergli. "Non sei mai stato con un altro ragazzo giovane come me?".
"No. Non l'ho mai fatto con nessuno giovane come te." Poi fece una pausa. "Ho fatto delle cose con un ragazzo poco piu' grande di te, ma non quello che abbiamo fatto io e te" Poi tacque. Non ha fornito ulteriori dettagli ed io non ho insistito.
Il giorno dopo mi sono svegliato e ho guardato Ben dormire. Ho pensato a cosa potremmo fare nei prossimi tre giorni. Sarebbe doloroso la prossima volta? Oppure mi abituerò al suo spessore? Mi piaceva avere il suo cazzo dentro di me.
Dopo colazione uscì senza di me per fare dei lavori in paese e per prendere la legna per il camino. Quando tornò, accese un fuoco e poi lavorò in cucina svuotando il frigorifero e gli scaffali da tutte le cose che non voleva conservare durante l'inverno. Dopo pranzo si è seduto sul divano con me e ho provato a baciarlo, ma lui ha detto: "Non adesso. Stasera. Ho una sorpresa per te".
Siamo tornati al porto, abbiamo camminato lungo la pittoresca strada principale e abbiamo cenato. Ritornammo a casa e passammo la sera rilassandoci.
Più tardi abbiamo fatto la doccia insieme. Mi sono eccitato lavando il suo corpo mentre mi baciava il collo e le spalle. Mi ha spinto contro le piastrelle e ha premuto la sua erezione nel mio culo. Pensavo che mi avrebbe scopato proprio sotto la doccia e potevo dire che era tentato, ma non me lo ha spinto dentro. Mi ha pulito di nuovo con il sapone in profondita', quando sono andato in camera da letto ho notato che sul letto c'era un capo di abbigliamento. Era lingerie rosa. Era tutto un pezzo e mi stava abbastanza bene. Ho deciso di indossarlo, ma mi sono messo sopra i pantaloncini e una maglietta. Quando uscii, Ben mi guardò e rimase un po' deluso. "Visto cosa ho lasciato sul letto?" "L'ho visto."
Si sedette sul divano e io stavo di fronte a lui sbottonandomi la camicia. Quando si aprì abbastanza da rivelare il materiale rosa sottostante, si sedette eccitato e mi abbracciò. Cominciò freneticamente a sbottonarmi la camicia e ad abbassarmi i pantaloncini. Baciò ogni parte esposta di me mentre mi spogliava fino alla lingerie. Era in delirio. Sono finito sul divano con lui sopra di me. Mi ha baciato sulla bocca. Non come le volte precedenti, ma come un adolescente affamato.
Giocavamo sul divano. Fece scorrere le sue mani lungo la pelle della mia schiena e delle mie gambe e mi diede piccoli baci. Si mise dietro di me e premette la sua faccia contro il mio sedere. Potevo sentire il materiale che veniva spostato da parte e il suo viso premuto tra le chiappette. Ero piegato sul bordo del divano mentre mi leccava. Muoveva la lingua e mi baciava le chiappe ed il buco del culo.
Si alzò, mi prese per mano e mi condusse in camera da letto. Mi ha posizionato a quattro zampe e mi ha messo del lubrificante su buco e poi sul suo cazzo. Mi sono preparato per una lunga scopata. I suoi movimenti furono dolci e lenti per molto tempo e provai quella grande sensazione. Impulsi di sentimenti dall'interno. Il mio cazzo era gonfio e tenero. Si tirò fuori e mi fece togliere la lingerie e farmi sdraiare sulla schiena. Mi ha sostenuto le gambe, in modo che i miei talloni puntassero al soffitto, ed è entrato di nuovo in me. Ho guardato il mio cazzo gonfio muoversi con le sue spinte mentre una fuoriuscita di liquido cremoso usciva dal mio cazzo. Mi ha chiavato dall'alto per un po', poi si è tirato fuori e si è disteso. Gli sono strisciato sopra e ho riportato la sua erezione nel mio culo. Si girò dentro di me mentre lo guardavo dall'alto. Mise la mano sulla mia asta e disse "bel pisello". Abbassai lo sguardo sul suo viso contorto mentre i suoi fianchi sussultavano e il suo cazzo scivolava dentro di me.
Alla fine mi è tornato alle spalle e ha iniziato a scoparmi seriamente. Mi sono sentito di nuovo aperto dalle sue forti spinte. Non era doloroso come il giorno prima, solo fastidioso. Spinsi la faccia contro il materasso e sopportai finché lui finalmente grugnì e tremò dentro di me. Si è tenuto stretto dentro di me mentre ha sperimentato alcune scosse di assestamento, poi è scivolato fuori lentamente. Dopo essersi ripulito, è tornato, si è messo sotto le lenzuola e si è rilassato contro di me con gli occhi chiusi.
Rimasi sdraiato accanto a lui pensando a tutto quello che era successo in questi due giorni. Il suo respiro stava diventando ritmico. Ho sentito lo scricchiolio della ghiaia. Qualcuno si era fermato nel vialetto. Ho sentito una porta aprirsi e poi chiudersi sbattendo. Ho scosso Ben. "Svegliati. Qualcuno sta scendendo dal vialetto."
Si mise a sedere. Poi mi guardò. "Va tutto bene. Stai zitto e vestiti."
Ben si alzò dal letto, si mise velocemente i pantaloni e cominciò a mettersi la maglietta mentre la porta d'ingresso della casa si apriva, si precipitò alla porta della camera da letto, mi diede un'ultima occhiata e poi se ne andò. Mi sono seduto sul letto, mi sono vestito e ho ascoltato. " Ciao, tutto bene?" Era la voce di un uomo.
Parlarono ancora per un po'. Ho sentito l'uomo muoversi. Ben è venuto in camera da letto e mi ha detto di uscire. Uscii e guardai l'uomo in piedi accanto al caminetto. Era alto, barbuto, sulla 50/60ina e indossava una giacca mimetica. Si avvicinò a me e mi prese la mano. "Ciao amico. Il mio nome è Tommaso. Qual è il tuo?" Gliel'ho detto.
"Questo è un mio carissimo amico" spiegò Ben. " stara' con noi per due giorni." "Tommaso, questo e un ragazzo che abita nel mio palazzo. L'ho portato con me per aiutarmi a pulire la casa." Dopo un lungo silenzio aggiunse. "Faceva un po' freddo, quindi lo lasciavo dormire nella stanza più calda."
"Comunque. Devo alzarmi prima delle 5 per andare a caccia Ci vediamo domani pomeriggio." Prese le valigie e andò nella seconda camera da letto. "Ho quasi perso l'ultimo traghetto." Poi chiuse la porta.
Ben mi fece cenno di seguirlo in camera da letto. "Tommaso sarà qui a caccia per i prossimi due giorni. Penso che ti piacera' avere la sua compagnia, l' ho fatto venire per farti una sorpresa.". Andai nella stanza di Ben e mi infilai sotto le coperte con lui. Gli ho messo il braccio sopra e mi sono sdraiato sulla sua schiena. In pochi minuti era sveglio e si voltò verso di me e ha iniziato a baciarmi il collo. Ben presto mi stava abbassando le mutande. Ci siamo mossi intorno al letto mentre baciava il mio corpo. Ho raggiunto la sua biancheria intima. Si sentiva più grande che mai, ma non così duro. Gli ho tolto le mutande e gli sono salito sopra. La mia erezione premeva contro il suo stomaco mentre ci baciavamo. Mi fece rotolare sulla pancia e premette la sua asta lungo l'interno delle mie natiche. Lo sentivo diventare sempre più rigido. Pensavo che avrebbe potuto prendere il lubrificante, ma mi ha lasciato andare. È scivolato giù dal letto, mi ha girato e ha preso il mio cazzo in bocca. Eravamo sdraiati su un fianco mentre muoveva lentamente la bocca avanti e indietro. Quando ha smesso di muoversi, ho mosso i fianchi mentre mi leccava. Non mi ha messo fretta. La luce iniziò lentamente ad illuminare la camera da letto mentre ci dondolavamo avanti e indietro come in trance. Rotolai sulla schiena e lui si posizionò sopra di me. Allungò la mano e vagò con una mano e appoggiò l'altra mano sotto di me, stringendomi a coppa le natiche e ogni tanto stringendole insieme. Quando mi sono avvicinato al momento di venire ho iniziato a muovere i fianchi più velocemente, spingendo il cazzo in profondità nella sua bocca. Mi afferrò con entrambe le mani e si alzò e si abbassò mentre spingevo. Ho urlato. Il mio corpo ebbe uno spasmo, poi mi sono accasciato e ho dormito fino a tardi.
Quando mi svegliai mi ha portato fuori a fare colazione e siamo usciti per fare spesa. C'erano due fagiani appesi ai ganci sulla veranda, ma Tommaso tornò solo dopo cena.
Tommaso ha trascorso le ore successive con noi. Bevve lentamente un paio di birre, era divertente e piacevole avere intorno. Mi ha parlato molto. Tommaso somigliava molto al suo amico. Avevano corpi simili, ma dove Ben era forte e ben definito, Tommaso era un po' più grande. A giudicare dalla grandezza delle braccia sembrava qualcuno abituato al lavoro fisico. C'era una certa virilità in lui nel modo in cui parlava e si comportava. Poi e' andato a letto. Benito rivolgendosi a me
"Sono semplicemente felice di averti tutto per me." Potevo vedere nei suoi occhi esattamente quello che voleva. Mi sono diretto verso la camera da letto e lui mi ha seguito, mi ha abbracciato da dietro e ha iniziato a baciarmi il collo. "Ho aspettato tutto il giorno per questo."
Restammo accanto al letto, spogliandoci lentamente a vicenda. Ha colto ogni occasione per baciarmi mentre diverse parti del mio corpo erano esposte. Dopo che fui nudo, mi sedetti sul letto e lentamente abbassai le sue mutande finché la sua asta non balzò fuori e mi colpì. Non appena ci ho messo le labbra sopra, ha gemuto. "Oh sì. Fallo per un po'."
Rimase di fronte a me mentre muovevo la faccia avanti e indietro, fermandomi solo per dare un colpetto con la lingua lungo la sua asta quando la teneva in bocca o sulla sua fessura quando mi tiravo indietro. Poi è salito sul letto e ci siamo messi a terra l'uno contro l'altro. Mi ha tenuto a faccia in giù e mi ha baciato dal collo alle gambe. Mi sollevò i fianchi. Per alcuni minuti ha usato la lingua sul mio ano, poi ha preso il lubrificante e ho sentito che veniva premuto dentro di me. Mi ha spinto facilmente il lubrificante, prima un dito e poi due. Mosse le sue dita dentro di me finché non gemetti. Ho avuto di nuovo quella sensazione di raggiungere l'orgasmo. Ho guardato tra le mie gambe. Ero meno che semi-eretto ma sentivo quella sensazione emozionante. "Come va? Pensi che ti farà venire?". "Non credo, ho bisogno di cazzo."
Si riposizionò e sentii la sua asta separarmi le chiappe e farsi strada nel mio retto. Lo spostò di qualche centimetro e lo tenne dentro facendo piccoli movimenti. "Che ne dici di questo?" "Si Questo è buono.". Per un po' ho amato quella sensazione, ma poi gli ho chiesto di andare più a fondo. Mi ha subito riempito. Mentre mi scopava lentamente, continuava a chiedermi se mi stavo avvicinando. Gli ho mentito e ho detto che era fantastico, che volevo che mi scopasse. Mi sono lamentato e ho fatto dei suoni per incoraggiarlo e presto è diventato frenetico. Il letto scricchiolava e le mie natiche emettevano un leggero schiaffo mentre i suoi fianchi sbattevano contro di me. Respirava affannosamente e sapevo che non poteva fermarsi. Appoggiai la faccia sul materasso e aspettai che si accontentasse. Mi sentivo teso per il suo spessore.
Il letto continuava a fare rumore. Continuava a farlo scivolare qualche centimetro dentro di me. Le sue mani erano rilassate sui miei fianchi, ma di tanto in tanto mi tirava indietro. Ha smesso di muoversi e mi ha chiesto di dondolarmi contro di lui. Scivolai avanti e indietro sul materasso spinto e tirato da lui. Ogni volta le mie guance premevano contro i suoi fianchi. Continuava a incoraggiarmi. "Oh sì." Vorrei rockeggiare ancora qualche volta, poi "Cazzo sì". Ho guardato in basso. Avevo di nuovo gocciolato sulle lenzuola. Avevo quella sensazione nelle palle di un quasi orgasmo che non arrivava mai del tutto a compimento. Ho esagerato con i miei gemiti. Ben iniziò di nuovo a spingermi dentro e la sua presa salda sui miei fianchi mi tenne ferma mentre spingeva completamente dentro di me ancora e ancora. Il suo respiro stava diventando irregolare e potevo sentire le sue gambe irrigidirsi contro le mie.
Alzai lo sguardo e vidi che la porta era socchiusa. Tommaso era lì a guardare. Dalla sua angolazione poteva vedere me ma non Ben dietro di me. Il movimento di Ben mi ha costretto a vacillare. Non avevo alcun controllo, mi trattenne con la sua presa d'acciaio. Stava spingendo selvaggiamente. "Prendilo. Avanti. Sto per venire. Ti sborrerò dentro. Vaffanculo." Poi mi tirò indietro i fianchi con forza, mi spinse contro, rabbrividì e venne. Dal modo in cui si muoveva sembrava che mi avesse spruzzato addosso quattro volte. Ogni volta che grugniva, dapprima forte e poi sempre più piano dopo il quarto colpo, si scuoteva dentro di me con una serie di colpi brevi e serrati, poi si caricava su di me e crollavamo con lui ancora nel mio culo. Alzai lo sguardo verso la porta e Tommaso mi guardò, poi si allontanò. Ben lo segui' fuori. dalla camera
All'improvviso ho avuto paura che diventassero violenti. Tommaso era più grande. Mi sono infilato un fazzoletto nel culo e ho iniziato a mettermi le mutande. Mi sono messo i pantaloncini e sono andato alla porta con la maglietta in mano. Tom era seduto sul divano; Ben era in piedi vicino a lui. "Vieni fuori, ragazzo." ha detto Tommaso. "Andrà tutto bene."
Cominciai ad abbottonarmi la camicia e mi avvicinai a loro. "Va bene, avvicinati." Tommaso iniziò a slacciarsi i pantaloni.
"Cosa sta succedendo?" Parlavo così piano che non ero sicuro che mi sentissero.
Tommaso si abbassò la cerniera dei pantaloni e cominciò a toglierseli. Si sedette sul divano. Aveva un lungo cazzo che spuntava dallo spesso stomaco. Si sollevò e poi si incurvò verso il basso sotto il peso della testa carnosa. Si stava togliendo la maglietta. Aveva un petto peloso. I suoi peli si assottigliavano verso lo stomaco e poi continuavano fino all'inguine." Vieni piccolo, questo e' per te. Non vengo da cinque giorni. Non ti ci vorranno più di dieci minuti." tese la mano nella mia direzione. "Andiamo, forza."
Quando ho fatto un passo avanti, mi ha afferrato il braccio e poi mi ha costretto a inginocchiarmi proprio davanti alla sua erezione. Da quell'angolazione sembrava ancora più grande. Da vicino potevo vedere le sue palle sotto il pube. Aveva il pelo lungo la parte inferiore dell'asta che si assottigliava verso l'anello rossastro di pelle sotto la testa svasata. C'era un odore di muschio e di piscio. Ho dato un'ultima occhiata a Ben, sperando che mettesse fine a tutto questo, ma quando non ha detto nulla, sono andato avanti e ho messo le mie labbra sul cazzo di Tommaso. Lo sentivo indurirsi. L'ho leccato lentamente finché non è stato completamente dritto. Sembrava così grande. Feci scivolare le labbra verso il basso fino a riempirmi la bocca. Ho mosso la lingua fino al fondo dell'asta. Dalla punta usciva un leggero sapore di piscio stantio.
"Oh Dio. Non stai facendo quasi nulla e già mi sento bene.."
Volevo finirlo velocemente, quindi ho abbassato la bocca su di lui finché non ho sentito il suo pube sul mento, e ancora non riuscivo a farlo sborrare. Mi sono allungato in avanti e ho avvolto la mano attorno alla base della sua asta. Dalla parte superiore della mia mano alla sua punta c'era una distanza gestibile, quindi ho iniziato a muovermi su e giù, facendo scorrere la lingua in alto e succhiando in basso. Ho fatto scivolare leggermente la mano in alto, così ci ho messo sopra un po' di saliva e poi l'ho fatta scivolare di nuovo alla base della sua asta. "Va bene. Continua così sei proprio bravo."
Mi muovevo su e giù, con la mano e la bocca che lavoravano insieme. Dopo solo pochi minuti le sue gambe si irrigidirono. Ho avuto l'idea di usare l'altra mano per massaggiargli le palle. Tenendomi in equilibrio contro le sue gambe, ho premuto le mie dita sul suo pube fino a strofinare la carne rugosa che copriva le sue palline grandi quanto un uovo di anatra.
La sua mano mi tirò via il braccio. "Cosa stai facendo? Non toccarmi lì. Usa la lingua." Poi tirò la sua asta verso lo stomaco e inclinò i fianchi, abbassai la bocca, tirai fuori la lingua e la mossi finché non bagnò la superficie del suo sacco. Gli ho leccato le palle e il suo forte aroma mi ha riempito le narici. Tommaso ha riposizionato le gambe in modo da avere un accesso ancora migliore. Usai la lingua e le labbra su di lui mentre emetteva piccoli suoni di approvazione. Ho provato a leccarlo e a prenderne uno in bocca, ma ho scoperto che i peli pubici erano troppi. Sollevai la testa e riportai la sua asta nella mia bocca.
Mi stavo godendo la sensazione unica del cazzo di Tommaso. Mentre mi muovevo su e giù, ho fatto scivolare il palmo verso l'alto per bagnarlo. Continuavo a muovere la testa a tempo con le mani, tenendo le labbra strette sulla sua asta. Allungò una mano e me la mise attorno al collo. Mentre mi muovevo su e giù, mi strofinò delicatamente il collo e l'orecchio. Ero confuso dall'apparente affetto. "Succhialo." ha sussurrato. Quando fu nella profondità della mia bocca più profonda che potessi sopportare, lo risucchiai finché le mie guance non cedettero. "Succhialo." Ha ripetuto. Quindi, la prossima volta ho succhiato più forte. "Succhialo." Disse con un tono più frenetico. Ho iniziato a muovere la testa e le mani più velocemente e a succhiare continuamente. Alzai lo sguardo e vidi il suo stomaco e il suo petto muoversi con il respiro affannoso.
Emise un suono gutturale mentre io restavo fermo e sentivo il suo cazzo pulsare. Mi ha sparato in bocca un flusso costante che mi ha riempito immediatamente la bocca. Il suo corpo si sollevò mentre un altro ruscello mi investì e il suo cazzo mi sussultò in bocca. Il suo sperma deve aver bloccato qualcosa, perché non potevo respirare attraverso il naso. Continuava a sussultare e schizzare. Lo sperma cadeva dalla mia bocca sul suo pube. Non potevo ingoiare tutto il suo sperma dal sapore saporito. Ho soffocato con il suo cazzo ancora in bocca. Quando il suo corpo smise di muoversi e il suo ultimo gemito finì, mi alzai e corsi in bagno. Ero bagnato dal suo sperma dal naso al mento. Ho fatto scorrere l'acqua, ho sputato, ho fatto i gargarismi, ho sputato e mi sono lavato la faccia più e più volte finché non ho perso l'ultimo sapore. Ho tossito un paio di volte e mi sono messo un dito in bocca per rimuovere un pube . Ho guardato in basso. I miei pantaloncini erano tesi da un'erezione massiva.
Sono uscito e lui si stava tirando su i pantaloni. Ben era seduto in cucina rivolto verso di lui. Tommaso si diresse in bagno. "Sei stato un bravo ragazzo, ma voglio anche il tuo culo." Mi sono seduto sul divano. Ben era seduto di fronte a me.
Alla fine Tommaso uscì dal bagno. "Stasera puoi anche dormire nel suo letto, ragazzo. Non ci sono più segreti." Poi un po' più forte disse: "Ben, assicuratevi di essere entrambi qui domani sera." Mi sono avvicinato a Ben. "Di cosa sta parlando?"
"Stasera è stato solo l'inizio." ha detto. "Vorrà fare di più domani."
Mi sono messo a letto e sono rimasto lì confuso. Ben rimase in silenzio. Dopo molto tempo, ho deciso che dovevo saperlo. "Cosa sta succedendo? Qual è la storia tra te e Tommaso?" Ben si voltò verso di me e si avvicinò. "Quando avevo la tua età, avevo un amico di nome Adam con cui ci facevamo seghe a vicenda. E poi abbiamo fatto dei pompini. Ogni volta che andavo a casa sua, o lui veniva a casa mia, ci facevamo a vicenda. Poi ci inculavamo a vicenda, ma piaceva piu' a lui essere inculato. "Che cosa c'entra Tommaso? Cosa c'entra questo con lui?" Un giorno ci ha scoperti
Dopo che Adam se n'era andato, si è confrontato con me. Mi ha chiamato femminuccia. Ho negato, ma ci aveva spiato per tutto il tempo. Non potevo lasciare che lo dicesse a nessuno. Mia madre, mio nonno. Dovevo tenere Tommaso tranquillo. Lo avrebbe detto a mia madre finché non mi fossi inginocchiato e mi fossi offerto di fargli un pompino. lui si appoggiò a un albero, e io gliel'ho succhiato. E poi il giorno dopo. E il giorno dopo. Ogni giorno insisteva. Mancavano cinque settimane all'estate. Un giorno eravamo sulla spiaggia vicino alle scogliere, e lui disse che era stanco di pompini. Mi ha fatto mettere in ginocchio, mi ha tirato giù il costume da bagno e mi ha scopato. Da allora in poi tutti i giorni."
Ho pensato all'assurdità della cosa. "Perché non l'hai fatto smettere? Hai minacciato di dirlo ai tuoi genitori."
"Sì, ma a me piaceva prenderlo in culo, esattamente come ora piace a te. Saremmo finiti entrambi nei guai, ma per me sarebbe stato peggio."
Ho pensato a quello che Tommaso aveva detto prima: Domani mi avrebbe scopato con quel cazzo lungo. Era surreale.
Ci ho pensato per un po'. Ho chiesto a Ben cosa aspettarmi domani.
"A Tommaso piaceva chiavarmi finché non lo soddisfacevo in un modo o nell'altro. Può essere affettuoso e generoso ma ti avverto che a lui piace anche pisciare nel culo subito dopo averci sborrato dentro. E' un vero porco. Deve essere lui al comando. Domani comunque ti divertirai."
Ho pensato a Ben che mi scopava mentre Tommaso guardava. L'odore muschiato di Tommaso. Il suo lungo cazzo. Il modo in cui mi ha schizzato in bocca. Non ero ancora venuto tutta la notte e ora ero furioso. Mi sono rannicchiata e ho strofinato la mia erezione contro di lui. All'inizio sembrava disinteressato, ma presto gli ho abbassato la testa e ho iniziato a spingerglielo in bocca. Con l'immagine di Tommaso che mi guardava attraverso la porta della camera da letto mentre Ben mi scopava il culo, mi sono lasciato andare e sono venuto.
Il giorno dopo mi sono svegliato da solo a letto. Ben non voleva parlare di quello che era successo la notte prima. Siamo usciti a pranzo, abbiamo camminato e pulito la casa sulla spiaggia. Abbiamo sistemato le sedie a sdraio nella tettoia e tolto le tendine dalle finestre. Era una giornata normale e Ben non aveva parlato di quello che era successo la sera prima. Tommaso non c'era, ma dopo essere tornati da una passeggiata abbiamo notato un altro fagiano sulla veranda.
Ben ed io abbiamo preparato la cena. Continuavo a pensare a quello che aveva detto Tommaso. Ho chiesto "Faremo quello che Tommaso vuole fare stasera?". "È solo una notte. Poi non dovrai vederlo più, e poi credo che ti piacera'".
Tommaso è tornato. Si sedette accanto a me sul divano. "Ehi ragazzo. Ti ho pensato oggi. Non è colpa tua se Benito ha permesso di farmi venire. Ieri sera è stata fantastica, ma stasera puoi starne fuori se vuoi."
Ho guardato Ben. Aveva un'espressione sorpresa. "Va bene, lo voglio." Ho detto.
"Grande." Tommaso ha sorriso "Dammi solo qualche minuto." Ha fatto la doccia, si è cambiato ed è uscito.
È stato un momento molto imbarazzante quando noi tre siamo andati in camera da letto. Tommaso non ha detto nulla e Ben era semplicemente in piedi accanto al letto, quindi ho deciso di togliermi la maglietta. Poi Ben era in piedi accanto a me aiutandomi a togliermi i pantaloni e poi anche le mani di Tommaso erano su di me. Mi passò le mani sulla pelle e mi sentii spinto di nuovo sul letto mentre mi toglievano i calzini. Adesso ero completamente nudo ed entrambi si stavano togliendo le magliette. Ero al centro dell'attenzione. Due paia di mani mi hanno toccato e sono stato premuto contro l'una e poi contro l'altra. Tommaso ha fatto scorrere le dita lungo il buco del culo e ha commentato. "Ha un culetto fantastico." Tommaso mi ha sollevato sulle sue ginocchia e il suo lungo cazzo è uscito tra le mie cosce. Ben mi ha tirato di lato. La mia faccia scivolò lungo il suo stomaco e misi la bocca sul suo cazzo. Tommaso si spostò di lato, mentre ero occupato con Ben, sentii la sua mano sulla mia schiena. Tommaso mi stava guardando mentre alzavo e abbassavo la testa e succhiavo il cazzo di Ben. Mi sono fermato e ho guardato Tommaso aspettandomi che mi spostasse o magari mi aiutasse, ma lui mi ha semplicemente abbassato la testa in modo che Ben mi riempisse di nuovo la bocca. Nei minuti successivi Ben si è rilassato e io ho messo su uno spettacolo per Tommaso. Ben gemette e Lui commentò "Sei piuttosto bravo con lui.". Ero in ginocchio con il cazzo di Ben ancora in bocca e ho sentito Tommaso spingersi in avanti finché la sua barba non mi ha sfiorato il sedere. Mentre mi concentravo nel muovere la testa su e giù, Tommaso ha premuto la sua bocca nel mio culo e poi ha allungato la sua lingua. Mi leccò il buco mentre cercavo di concentrarmi sul cazzo di Ben. Mi chiedevo perché Tommaso non volesse succhiarmi il cazzo, ma per lui andava bene dare un colpetto forte con la lingua contro il mio ano. Con quattro mani che mi accarezzavano il corpo e il grosso cazzo di Ben in bocca mentre Tommaso mi leccava il buco del culo. Ero tentato di afferrare la mia asta e strattonarla, ma sapevo che sarebbe stato meglio se avessi aspettato.

Tommaso ha staccato la faccia dal mio culo, si è alzato sul letto e mi ha tirato verso il suo inguine. Sollevai la sua asta verso l'alto e abbassai la bocca su di essa. Lui si appoggiò alla testiera e io fui riposizionato di nuovo fino a trovarmi con le mani e le ginocchia tra le sue gambe aperte. Ben si spostò e Tommaso lo guidò verso il suo cazzo. Ora eravamo entrambi tra le sue gambe. Mi ha staccato la testa dalla sua asta e ha spostato il cazzo verso la faccia di Ben che abbassò la bocca e cominciò a muoversi su e giù. Le sue guance si spostarono verso l'interno mentre succhiava. Ben si è fermato e ci ha guidato entrambi verso il suo cazzo con le mani dietro la nostra testa. Per i prossimi minuti, gli abbiamo leccato l'asta e la corona.. Ben scalò la marcia finché non fu dietro di me. Ho sentito che mi veniva aggiunto del lubrificante al culo, si mise in ginocchio dietro di me e premette la sua erezione contro di me. Le mani di Tommaso erano sulle mie spalle e mi guidavano su e giù sul suo cazzo. Ora Ben ha iniziato a muoversi lentamente dentro di me, solo pochi centimetri. Si tirò fuori, spostò il suo corpo e poi si spinse di nuovo dentro di me.
Ero bloccato tra loro. Tommaso tenne il suo cazzo nella mia bocca mentre Ben si premeva contro di me da dietro. Avevo quattro mani su di me, che afferravano e strofinavano.
Con solo una breve pausa, Ben riprese a colpire mentre Tommaso spostava le gambe da sotto di me e si inginocchiava accanto alla testata del letto. Mise la mano sulla sua asta e la diresse nella mia bocca. Adesso entrambi erano in ginocchio e si spostavano dentro e fuori da me. Se mi allontanavo da Tommaso, premevo contro Ben finché non era completamente dentro. Mi spingevano in modo caotico, a volte tirandosi indietro allo stesso tempo o spingendosi in avanti. Mantenevano ritmi diversi. Entrambi erano piegati su di me e mi toccavano con le braccia e le gambe, il calore dei loro corpi, l'attrito e il movimento stavano aumentando. Volevo che Tommaso finisse nella mia bocca, quindi ho provato come meglio potevo, con tutti gli spintoni, ad usare la lingua su di lui.
Hanno approfittato della mia posizione per molto tempo. Ero tenuto fermo dai loro cazzi e dalle loro mani. Ero quasi sospeso tra loro, tenuto fermo dalle loro aste e dalle loro mani.
Quando entrambi si spinsero in avanti contemporaneamente, il cazzo di Tom mi entrò in bocca mentre le palle di Ben mi schiaffeggiavano le chiappe. Anche se ero abituato così come ero, provavo una certa emozione nel provare entrambi allo stesso tempo. Le spinte di Ben stavano diventando sempre più forti e veloci. Mi ha tirato forte il fianco e la spalla e ha iniziato a pomparmi sperma nel culo emettendo una lunga serie di grugniti. Tommaso mi tenne i capelli e si tirò indietro un po' lasciandomi respirare mentre Rick gemeva e mi sbatteva contro il sedere. "Vai, cazzo, Ben." ha detto Tommaso.
Dopo che i fianchi di Ben smisero di sussultare, si tirò fuori lentamente da me. Ho appoggiato la faccia contro l'inguine di Tommaso. Ogni pensiero di finire Tom fu dimenticato mentre la mia mascella e il mio sedere finalmente riposavano.
"Voglio un po' di culo." disse Tommaso alzandosi dal letto e mettendosi dietro di me.
Ho mantenuto la mia posizione. Mi sono rassegnato a sperimentare Tommaso nel profondo di me. Penso che una parte di me volesse sentire un lungo cazzo scivolare dentro, Tommaso mi penetro' il culo in solo colpo aiutato anche dalla sborra di Ben. Mi scopo' con duri colpi per una decina di minuti, e poi mi sborro' dentro, ma non usci', lo sentivo ancora pulsare nel mio retto e dopo pochi secondi dalla sborrata, fui invaso da un flusso di caldo piscio che mi arrivo' fino in pancia.
Tommaso si raddrizzò. Entrambi rimanemmo immobili come una statua per qualche secondo. Il peso di Tommaso mi spinse sul letto. La stanza rimase silenziosa, si sentiva solo il rumore dei nostri respiri. Poi scivolò all'indietro finché non usci' fuori dal mio buco di culo. Si alzò dal letto e lasciò la stanza. Tommaso è rimasto in bagno per un po', poi lo abbiamo sentito preparare la sua. valigia Ci ha detto che sarebbe partito per prendere l'ultimo traghetto. Ho ascoltato l'auto di Tommaso allontanarsi sul sentiero di ghiaia. Finalmente se n'era andato. Ben scese dal letto e tolse il lenzuolo di sopra. Lasciò la stanza. Io sono corso in bagno con il culo ben chiuso per liberarmi di tutta la sborra ed il piscio che cominciava a colare fuori Sono tornato sul divano. Ben e io non abbiamo parlato di quello che è successo a letto.
Abbiamo parlato finché non ne ha più voluto. Rimasi sdraiato accanto a lui offrendogli compagnia silenziosa finché non mi addormentai.
Nella luce del primo mattino mi sono svegliato e ho iniziato a pensare a quello che era successo. Afferrai Ben premendo il mio corpo contro il suo. Si voltò verso di me e fece scorrere languidamente le sue mani sulla mia pelle. Ho messo la mano nelle sue mutande. Era a malapena eretto. Ho avuto un'erezione che ha notato. Dopo un po' era ovvio che doveva accontentarmi. Si spostò giù e ci mise sopra la bocca. Sdraiato su un fianco ho spostato pigramente i fianchi facendo scivolare il cazzo nella sua bocca mentre lui usava lentamente le labbra e la lingua. Dopo un po' si fermò e si spostò sul letto. Si allontanò da me e posò il sedere di fronte alla mia erezione. Gliel'ho fatto scivolare tra le guance. Ho premuto finché non sono stato contro il suo ano. Mi sono imbattuto in lui testando la sua apertura. Si allontanò. Si allungò verso il comodino. L'ho sentito mettere il lubrificante sul mio culo, voleva scoparmi di nuovo.
Mi sono spostato un po', ma ha detto. "Non muoverti!". Si e' messo di dietro e mi ha penetrato, fino a sborrarmi dentro.
Poi sono stato io a chiedergli di pisciarmi in culo, volevo provare di nuovo il piacere di avere piscio caldo nella mia pancia.
Abbiamo passato la giornata a scopare, Sono stati 4 fantastici giorni. Poi siamo tornati a casa e abbiamo continuato a vederci con Daniele, ma non gli abbiamo mai detto della nostra scappatella.
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 8.8
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per una serata con 2 uomini 2° cap.:

Altri Racconti Erotici in Gay & Bisex:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni