Racconti Erotici > Prime Esperienze > Il regalo di anniversario parte 2ª
Prime Esperienze

Il regalo di anniversario parte 2ª


di Membro VIP di Annunci69.it Fantasieinracconti
09.03.2024    |    721    |    2 9.8
"Andrea si china su di me e mi bacia per non essere troppo invadente..."
Avevano bussato alla porta. Sergio mi disse:
“Vai ad aprire nuda! É molto più eccitante così”.
Fino a pochi minuti fa pensavo di fare il classico weekend di anniversario ed ora sono nuda e sto andando ad aprire la porta ad uno che nemmeno conosco, ma del quale conosco benissimo le intenzioni.
Apro la porta con la mano sinistra e mi chiudo a riccio per non far vedere le mie parti intime, la destra sulla vagina ed il braccio sinistro per coprire il seno.
Già, come se servisse coprirmi per non far capire che sono nuda.
Entra Andrea, un bel moro alto circa un metro e ottanta che mi squadra dalla testa ai piedi.
“Ciao” dico imbarazzatissima
“Ciao, incantato di conoscerti,sei bellissima” dice lui.
Nella mia testa risuona: “sono nuda,sono nuda,sono nuda”, la cosa mi imbarazza molto, ma mi eccita allo stesso modo.
Lui mi squadra e senza far trapelare il benché minimo segno di imbarazzo mi allunga la mano destra per presentarsi.
“Ovvio” penso io “lo fa apposta per farmi togliere la mano”
Allungo la mano e mentre sto pensando di ricoprirmi lui mi ferma e mi toglie anche il braccio dal seno con decisione.
Nel frattempo dicendo qualcosa, ma non lo capisco, sono già abbastanza sbronza, sono già in estasi e sono completamente nuda davanti ad uno sconosciuto.

Per darmi forza si avvicina Sergio completamente nudo con tre calici in mano.
Andrea decide quindi di spogliarsi anche esso prima di brindare.
Inizia dalla camicia e mi chiede di dargli una mano.
Lo accontento e ne approfitto per toccare quel bel corpo.
Lui si sfila la camicia mentre io gli slaccio la cintura.
Mi inginocchio davanti a lui per sfilargli i pantaloni.
Poi lui prende un calice dalle mani di Sergio, me lo passa e prende il suo.
Con l’altra mano invita mio marito a posizionarsi davanti a me e fa in modo che il cazzo di mio marito sia a pochi cm dal mio viso.

Io sorseggio un po’ di Champagne e prendo in bocca il cazzo di Sergio, gli do una pompata e poi lo estraggo “ Cin cin” dico alzando il calice tra le mani.
Mi rendo conto di essere felicemente ubriaca.

Mi avvento di nuovo sul cazzo di mio marito Sergio, ma vorrei succhiare quello di Andrea decisamente più grande di quello di mio marito.
Proprio Stefano si sposta e mi gira la testa verso il cazzo di Andrea.
Cerco quanta più saliva possibile per lubrificarlo perché altrimenti non mi entrerebbe in bocca.
Lo lecco cercando di bagnarlo e poi lnizio ad ingoiarlo.
Nel frattempo anche Sergio si è avvicinato per farmi prendere in bocca anche il suo.
Io però ho un altro sogno nel cassetto, quello di vedere mio marito succhiare un altro cazzo e so che anche a lui piacerebbe molto.

Gli faccio segno di abbassarsi per baciarlo e fargli assaporare il gusto del cazzo.
Lui si abbassa mi bacia e si mette in ginocchio. Andrea ci stupisce tutti e tirando la testa di mio marito gli mette il cazzo in bocca.
Sergio spalanca la bocca ed inizia a fargli un pompino da vero esperto.
Già! Da vero esperto
. Mi sa che qualcuno qui ha già avuto esperienze, e non solo quella che mi aveva confessato con un suo amico d’infanzia.
Sergio mi invita a condividere il cazzo di Andrea.
Lo lecchiamo sul fianco e le nostre lingue si intrecciano proprio sulla sua cappella.
Ci alterniamo ad ingoiarlo, lui lo fa scivolare quasi completamente in gola io fatico un po di più, ma sta diventando una competizione ed io non mi lascerò certo battere da mio marito. Allargo al massimo la bocca e gli faccio vedere cos’è un deepthroat.
Andrea mi toglie il cazzo dalla gola per non venire.
È ancora presto.
Oltre ad aver capito che tra i due c’è già una certa intesa e che mio marito aveva già avuto rapporti con altri uomini, quello che mi lascia stupita é la mia tranquillità nel gestire una situazione del genere.
“spostiamoci sul letto. Ho voglia di prendere i vostri cazzi” dico con decisione.

Mi avvio verso la camera. Non ricordavo di aver lasciato accesa Alexa con musica romantica. “Bello!” Penso io.
Nel frattempo sto cercando di capire quale posizione adottare.
Se mi sedessi non sarei per nulla eccitante, se mi mettessi alla pecorina risulterei troppo precoce.
Sto pensando troppo!
Tutto dovrebbe svolgersi in maniera naturale ed invece mille rapidi pensieri mi avvolgono.
Per coinvolgere entrambi gli uomini decido di mettermi sul letto trasversalmente in posizione supina.
Quasi automaticamente mio marito si china tra le mie gambe aperte e Andrea viene alle mie spalle.
Proprio quello che volevo facessero.

Sento la lingua di mio marito che si fa strada nella mia figa iniziando un movimento rotatorio tra le mie labbra ed il mio clitoride.
Inizio a godere e sono davvero vicina all’orgasmo.
Andrea si china su di me e mi bacia per non essere troppo invadente.
Io prendo il suo cazzo con la mano e me lo porto alla bocca.
Sto godendo da morire!
Sergio mi sta leccando la figa in maniera irresistibile.
Tolgo un attimo il cazzo dalla bocca solo per dire “Oddio, si si! Mamma mia che bello!”.
Vorrei anche urlare “Sto venendo!!”, ma non ho il coraggio e mi limito a gemere durante l’orgasmo. Ingoio il cazzo di Andrea cercando di controllare la foga per non fargli male, ma non ci riesco e lo sto veramente devastando con i morsi.

Sergio sta leccando i miei umori. In questo momento la mia figa é molto più sensibile e lui lo sa e gode nel farmi un po’ male, come del resto anch’io quando lo faccio venire con un pompino non gli mollo il cazzo per fargli provare dolore.

Mentre continuo a leccare ed ingoiare il cazzo di Andrea sento che Sergio stacca la lingua dalla mia figa e poco dopo sento la punta del cazzo che si appoggia ed inizia penetrare.

Fino ad ora avevo solo immaginato questo momento, ma ero ben lontana dalla realtà.
Il gusto e l’odore di un’altro, il cazzo durissimo di Sergio che mi sta penetrando e sembra più grande del solito, la paura che loro possano fare di me quel che vogliono, il terrore che i nostri amici e conoscenti possano scoprire in qualche modo quel che è accaduto, sono particolari che non possono essere immaginati, ma in questo momento voglio solo godere e spero vivamente di prendere entrambi i cazzi.

La posizione supina è molto naturale per ricevere il pene di Sergio, ma non riesco a trovare la posizione comoda per succhiare il cazzo di Andrea.
Decido perciò di girarmi e mettermi a carponi. Non ho nemmeno il tempo di girarmi che Andrea si è già piazzato con il suo arnese davanti alla mia faccia. Mi prende la testa e mi infila la verga in bocca tirandomi la testa, ha iniziato a muoversi avanti ed indietro decidendo lui il ritmo.
Nel frattempo sento mio marito che si china e mi sta leccando l’orifizio per lubrificarlo. So già dove vorrà arrivare, ma non mi preoccupa. Conosco bene il suo modo di operare, si prenderà tutto il tempo e non mi penetrerà prima di averlo preparato per bene affinché non mi faccia male.
Andrea invece usa molta più foga con la mia bocca.
Faccio fatica e soffro un po’, ma è un gioco di ruoli tra dominatore e dominata.

Dietro di me sento qualcosa penetrare nel mio orifizio. Non c’è bisogno che io mi giri, so già cos’è.
L’enorme lingua di Sergio si sta facendo spazio nel mio buco, entra ed esce come un piccolo cazzettino.
Già! Sergio sa usare la lingua come nessun altro uomo che abbia conosciuto.
Mi scopa davanti e dietro provocandomi spesso l’orgasmo.
Preferisco quando la usa dietro.
Mi fa impazzire quando lo fa perché so che quando smette mi infila col suo bel cazzo.

Si sta staccando, questione di pochi attimi e sento il suo arnese che piano piano si appoggia ed entra quasi senza sforzo.
Adoro quando mi penetra davanti, ma quando mi scopa dietro perdo il lume della ragione.
Devo usare tutto il mio self control per non squirtare, mi vergognerei troppo a farlo davanti ad Andrea.
Anni di sforzi per riuscire a squirtare ed ora è difficile non farlo.
Devo per forza togliermi da quella posizione.

Tolgo il giochino ad entrambi i miei partner.

Sento Sergio che mi dice: "non vuoi fare vedere ad Andrea che bella figa che hai? Forza bimba!”
Sergio invita Andrea a posizionarsi supino.
Poi mi guarda con un cenno ed un sorriso.

Guardo il grosso cazzo di Andrea pronto per me.
Mi porto sopra di lui e lascio che la sua verga mi scivoli dentro.
Comincio a muovermi su e giù lasciando andare dei gemiti molto rumorosi che per fortuna sono coperti in parte dalla musica di sottofondo.
Sento le mani di Sergio sulle mie chiappe e capisco che il mio sogno si sta avverando……Continua
E.S
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.8
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Il regalo di anniversario parte 2ª:

Altri Racconti Erotici in Prime Esperienze:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni