Racconti Erotici > tradimenti > La scoperta.....delle corna
tradimenti

La scoperta.....delle corna


di Dan_I
25.07.2012    |    35.485    |    1 9.4
"Mi baciò e mi disse di andare a letto che voleva parlarmi..."
Premessa

Mia moglie ha oggi 43 anni, non molto alta, un seno piccolo ma molto bello, un viso carino con due bellissimi occhi verdi ed un sedere che non si dimentica.
Mi resi conto dopo pochi mesi che l’avevo conosciuta che quando a letto, dopo fatto l’amore, ci si raccontava le nostre vite precedenti, sia per lei sia per me era di grande eccitazione raccontare il sesso con i compagni precedenti.
Fu lì che, immaginandomela con un altro uomo, il tarlo cominciò a rodere.
Ci si sposò, due figli, il sesso fra noi era bellissimo ma cominciava a perdere quella carica che è normale nei primi anni di vita insieme.
Provai allora a buttar lì qualche battuta ma lei, Antonella, chiudeva la conversazione dicendomi che ero il solito porco.
Antonella lavora in una società di consulenza ed è normale che mensilmente passi qualche giornata fuori casa. Tre anni fa’ stava lavorando su un progetto a Firenze e per puro caso mi accorsi che nel trolley che usava per le sue trasferte c’era della biancheria intima che non avevo mai visto ma, soprattutto, che non aveva mai mostrato di gradire.
Non ci feci particolarmente caso, aspettando di vederla indossare questi capi in una prossima occasione.


La scoperta

Piano piano mi accorsi di alcuni cambiamenti. Quando facevamo l’amore si inumidiva la mano con la saliva per segarmi o inumidiva direttamente il mio attrezzo prima di prenderlo in bocca. Voleva che la leccassi dopo che le ero venuto dentro, insomma, stava cambiando così come nelle cose quotidiane, usando il messanger del blackberry anche in momenti dove in passato lo spegneva per dedicarsi alla famiglia.

Una sera, dopo averla portata fuori a cena e sistemato i figli dai nonni, si bevve parecchio e sulla strada del ritorno le proposti di fare una cosa diversa dal solito. La portai in un motel elegante che c’è vicino a Linate, con vasca con idromassaggio e ci si immerse con due calici.
Cominciai a toccarla chiedendole perché non si fosse mai messa l’intimo che avevo visto un giorno in valigia. La vidi imbarazzarsi cercando di inventarsi una scusa e capii immediatamente che avevo le corna.
La accarezzai bisbigliandole nell’orecchio che ero certo che avesse esaudito il mio desiderio di rinnovare quei racconti che quando ci eravamo appena conosciuti mi facevano tanto eccitare.
Mi baciò e mi disse di andare a letto che voleva parlarmi. Mi asciugai cercando il suo sguardo, ma non mi guardava negli occhi, e giunti a letto mi pregò di spegnere la luce. Tenendola abbracciata, con una forte erezione, cominciai a toccarla ed era un lago….mi cominciò a dire che mi amava ma che una sera uno dei partner della società di consulenza, cinquant’anni perfettamente portati e da poco separato, l’aveva portata fuori a cena. Un locale per coppiette, dopo una giornata di lavoro, lei con una gonna appena sopra il ginocchio ed una camicetta che aveva un bottone di troppo slacciato, lui che si rivelava sotto una luce che Antonella non aveva mai considerato e che la colpiva parecchio. Silvio, il nome del partner, era un uomo bello, simpatico e pieno di carisma.
La serata fu’ di quelle dove parli di tutto e che finisci per credere di conoscerti da sempre, una di quelle occasioni in cui si crea quell’intimità spontanea di due persone che stanno bene insieme. Rientrando, calata ormai la notte, la temperatura era scesa e lui, accorgendosi dei brividi di Antonella, le aveva messo la mano sulla spalla stringendola a sé per riscaldarla durante il breve tragitto.
Stanze attigue, scendono dall’ascensore e Antonella che è un po’ confusa accetta il suo invito a bere insieme un ultimo drink.
Avevo gli occhi chiusi durante questo breve racconto e mi stavo immaginando la scena mentre nel frattempo le ero salito sopra e l’avevo penetrata, un po’ per l’eccitazione ed un po’ per riappropriarmi di quel corpo che sapevo essere stato penetrato da un altro uomo.
Antonella continuò il racconto dicendomi che una volta dentro tutto si svolse in modo naturale, si baciarono, si toccarono ovunque e una volta nudi finirono sul letto.
Le chiesi se in quel momento le fossi venuto in mente ma la risposta fu una fitta al mio stomaco: “no amore mio, avevo solo voglia di farmi scopare da Silvio”.
Mi disse che lui le prese la testa e gliela spinse verso il suo uccello in erezione. La domanda che qualsiasi marito fa’ alla moglie che gli ha fatto le corna è: ce l’ha più grande del mio? E la risposta fu un’altra fitta allo stomaco: “amore, non puoi capire, 20 cm tutti e anche un diametro tale che ho fatto fatica a prenderglielo in bocca”.
Il pompino si trasformò in un 69 e poi arrivò il momento in cui lui si staccò da lei. In una penombra che metteva in evidenza due corpi sudati e desiderosi di unirsi, Silvio puntò il suo uccello sulla figa di Antonella fino a penetrarla fino in fondo. “Stavo per svenire dal piacere” mi dice Antonella, che nel frattempo era fradicia tanto che il mio uccello, di dimensioni assolutamente normali, quasi ci nuotava dentro nell’andare su e giù. Avevo il cuore a mille e la tempestai di domande, di quelle stupide e di cui sapevo già la risposta.
La più bella scopata della sua vita, così l’ha definita.
Silvio, dopo averle procurato tre orgasmi intensissimi, lo tirò fuori e le spruzzò violenti fiotti di liquido in bocca, sulla faccia e sui capelli.
Si addormentarono così, sfatti, fino al mattino.
In quel momento le venni dentro senza che Antonella fosse ancora venuta…..mi prese la testa e spingendomela verso il basso mi disse “vai giù, leccami e fammi venire e pensa che dentro ma la mia figa ci sia la sborra di Silvio”.
Fu così che scoprii di essere cornuto. Uno strano stato d’animo e tante domande ancora da porle per capire se la storia era continuata, se era solo sesso. Senza parlare ci rivestimmo e tornammo a casa.
Di solito nei motel ci si va’ con l’amante. Io ci sono andato con mia moglie per scoprire che l’amante ce l’aveva lei.

Antonella capì che aldilà dello sconcerto iniziale io mi ero molto eccitato a sapere che era andata veramente con un altro uomo.
Quella sera tornammo a casa ed io continuavo ad avere davanti agli occhi l'immagine di lei con Silvio.....eccitato da un lato ma anche molto spaventato dall'altro. Per due giorni Antonella mi coccolò e poi, finalmente, parlammo.
Lei mi rassicurò che con Silvio era stato solo sesso , molto bello ma solo sesso.
Io mi tranquillizzai e riuscii a vedere la parte interessante della trasgressione, dimenticando pian piano la gelosia negativa....ma le sorprese non erano finite.
Infatti lì per lì non le avevo chiesto se era stata una vola sola......ed in effetti non era stata una volta sola. Mi raccontò che Silvio scopava molto bene e che quando ce n'era l'occasione lo facevano.....era diventato insomma quello che oggi chiamano uno "scopamico".
Le chiesi quando era stata l'ultima volta e lei, candidamente, mi disse che l'avevano fatto a Roma tre giorni prima e che sicuramente sarebbero di nuovo stati insieme nelle prossime due settimane perchè avevano un lavoro da fare insieme a Livorno.
Mi era diventato duro come il marmo......lei se ne accorse e cominciò a toccarmi.....le chiesi di raccontarmi i dettagli e lei si distese vicino a me e sussurandomi le cose nell'orecchio mi fece venire segandomi.
Fu in quell'occasione che le dissi che mi sarebbe piaciuto guardarla mentre scopava con SIlvio.
Lei sorrise, mi disse che non sarebbe stata a suo agio e che sicuramente Silvio non avrebbe capito. Mi disse anche che Silvio mentre la scopava le chiedeva come ero io a letto e che lei gli diceva che lui era il migliore in assoluto, che io non ce l'avevo grosso come il suo.....e questo lo inorgogliva molto.
Quando partì per Livorno il mio stato d'animo lo puoi immaginare....sapevo che mia moglie sarebbe andata a lavorare.....ma che la sera nella camera d'albergo sarebbe stata la donna di un altro.
La sera mi chiamò dall'albergo.....io ero a casa in uno stato d'ansia ed eccitazione.
Le chiesi quali programmi avesse e lei mi risposte che sarebbero andati a cena e poi avrebbero bevuto qualcosa insieme. Le chiesi come era vestita.....un vestito sobrio scuro....gonna poco sopra il ginocchio.....augoreggenti e tacco alto.....biancheria intima.....poca......
Mi stavo eccitando.....lei lo capì e mi chiese se mi stavo toccando....."si certo....mi piacerebbe almeno sentirti....." e lei mi disse di chiamarla per un saluto della buona notte verso le 23.....e che magari non avrebbe chiuso la telefonata.......facendo solo finta di interromperla.......

segue
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.4
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per La scoperta.....delle corna:

Altri Racconti Erotici in tradimenti:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni