Racconti Erotici > tradimenti > terzo episodio
tradimenti

terzo episodio


di exploratore2007
10.02.2024    |    4.578    |    1 9.6
"Anche sul posto di lavoro le sue cose andavano bene..."
(3) Un nuovo inizio
Le cose andavano avanti sempre meglio. Ora che tutti sapevamo, una normalità reale e non apparante ci
fece star bene tutti. Il mercoledì la mia lunga al lavoro diventava smania, impazienza di tornare a casa e
abbracciare mia moglie, baciarla, leccarla, cercare la traccia del passaggio di suo cugino dentro di lei. Non ci
fu bisogno di parlarne, Paola mi aspettava con ancora addosso l’odore di maschio e soprattutto l’odore di
sperma che P****** le lasciava addosso. Il mio ruolo di cornuto mi si cuciva lentamente addosso,
consapevole ormai che sarei sempre stato l’unico amore di mia moglie ma che non sarei più stato il solo
che godeva del suo corpo della sua voglia quasi selvaggia di sesso, di cazzo. Una domenica sera, mentre mi
preparava il pranzo da portare al lavoro si girò e guardandomi negli occhi” amore perché mercoledì non
prendi un giorno di riposo?” “Scusami sorcia ma non viene P******?” risposi mentre stavo sparecchiando
la tavola. Si avvicino mi prese le mani e guardandomi negli occhi “desidero che ci sia anche tu, sei mio
marito il mio uomo il mio amore, mi piacerebbe farlo anche con te, insieme a te, tu che ne pensi?” In fondo
non desideravo altro. Il cugino non solo sapeva, ma aveva accettato subito la proposta di mia moglie. Paola
era sempre più felice e decisa. Anche sul posto di lavoro le sue cose andavano bene. Era affabile e
volenterosa con tutti. Insomma una Donna con la D maiuscola che tutti gli uomini avrebbero desiderato
avere accanto. Presi un giorno di riposo, la mattina passò velocemente un poco di spesa al supermercato e
poi di corsa a casa. Eravamo eccitati tutti e due e Paola mi tenne calmo, non voleva che venissi come un
“coniglio”, cosi mi apostrofò ridendo. La bimba si addormento e come al solito avevamo almeno un paio
d’ore da trascorrere trasgredendo. Paola andò in bagno per preparasi, usci con il solo vestitino rosa e fiori
che portava per casa, si volto e mi fece vedere il suo culo nudo e profumato. P****** arrivò puntualissimo.
Mi saluto cordialmente, poi si avvicino a Paola. Le prese il viso tra le mani e la bacio profondamente, poi le
mise una mano sotto il vestito e le palpeggiò il culo, con l’altra la prese per mano e cominciarono a salire le
scale. “Vieni Nicola, oggi lo spettacolo è per te” cosi lui sorridendo. Appena in camera da letto, Paola si
inginocchio davanti a lui, con un movimento chiaramente abituale, slaccio i pantaloni e fece uscire dalle
mutande il cazzo di P******. Si era enorme, non avevo visto male. Almeno 26 cm di lunghezza e la
larghezza mi sembrava una bomboletta della barba. Paola lo fece sparire dentro la bocca, sbocchinandolo
per bene e leccando avidamente la cappella rossa e turgida. P****** mi chiamo dicendo di avvicinarmi e di
spogliarmi, ero ormai completamente nelle loro mani, ma la cosa non mi dispiaceva affatto. Rimasi
completamente nudo e il mio cazzetto semi moscio rendeva ancora più chiaro il motivo per cui mia moglie
desiderasse un cazzo, un cazzo vero. Spompino anche me, cercavo di trattenermi ma ero troppo eccitato.
Mi tolsi chiedendo scusa a mia moglie. Volevo resistere per vedere, per godere della loro scopata, per
vedere mia moglie godere tra le braccia di un altro uomo. Si ero un cornuto nato. Mi guardarono tutti e due
e sorridendo “siediti Nicola, lui, siediti amore mio lei” Lo feci, la poltroncina della nostra camera da letto mi
accolse. Continuavo a toccarmi mentre loro ormai...P****** le stava leccando la fica, Paola a gambe aperta
mugolava di piacere, “si, si, si come mi piace, leccala tutta scopami con la lingua porco”. Era la prima volta
in tutto. Vedevo mia moglie offrirsi ad un altro uomo e usare parole e frasi che con me mai aveva usato. Mi
eccitai ancora di più. Si alzo dalla sua fica e con il cazzo già bello duro prese con le mani i polpacci di Paola
le divarico ancora di più le gambe e con un colpo solo gli entro dentro. Paola emise un gemito, dolore misto
a piacere, P****** comincio a pomparla come un animale, le dava dei colpi cosi forti che sembrava stesse
per aprirla in due. Ero inebriato da tale vista. Mi moglie si inarcava per prendersi una razione maggiore di
quel cazzo e lui che non cedeva di un millimetro con i suoi colpi. Il mio cazzetto stava reagendo, era duro.
Girò Paola, la vista di mia moglie a pecora fu inebriante il suo culo esposto era meraviglioso, e la sua figa
che già grondava umori di piacere. P****** le infilò il cazzo nella fica, le mani arpionavano il sedere, dopo
pochi colpi incomincio a stuzzicare la fica, Paola era in visibilio dal piacere. Continuarono cosi per un bel
pezzo e i colpi che Paola subiva erano tanti e decisi. Godeva, godeva come non avevo mai visto godere mia​
moglie. Fu in un attimo, le scivolo fuori e con un colpo deciso che fece inarcare la schiena di mia moglie, le
infilo quel cazzone nel culo. P****** le tappò la bocca per non farla urlare. Paola chinò la testa e dopo poco
cominciò una danza con il sedere che accompagnava la monta anale. Una puttana, mia moglie era una
puttana ... io ero in piedi e pur rapito estasiato da quella scena mi stavo segando come un ossesso ... venni
nella mia mano. P****** usci dal buco del culo aperto di mia moglie e gli riempi la bocca di calda sborra,
Paola bevve tutto e continuò a ripulire per bene la cappella grossa e paonazza. P****** si alzo dal letto mi
passò vicino ridendo “hai visto anche tu hai goduto” e andò in bagno a farsi un bidèt lasciando la porta
aperta. Io mi avvicinai a mia moglie, allargò le braccia, mi accolse con un sorriso splendido, mi bacio e mi
sussurro “ti amo dolcissimo uomo, complice della mia vita, cornuto per amore”. Chiusi gli occhi e le nostre
lingue si unirono in un bacio senza fine. Il sapore di P****** mi arrivò dritto in testa. Ti amo mia dolcissima
signora.
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.6
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per terzo episodio:

Altri Racconti Erotici in tradimenti:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni