Racconti Erotici > trio > Quello strano piacere... (2a parte)
trio

Quello strano piacere... (2a parte)


di Membro VIP di Annunci69.it amoletettone
02.04.2010    |    26.827    |    1 8.0
"Io a questo punto sono davvero molto eccitato e comincio a toccarmi il cazzo che mi sta diventando duro nei pantaloni..."
Gianluca a cena era piacevolmente rilassato e di buon umore , chissà perchè... Rideva, scherzava e spesso lanciava occhiatine piccanti alla scollatura di Anna, non risparmiando nemmeno quanche battutina maliziosa quasi non contento dello spettacolino a cui aveva assistito nel pomeriggio.
Io pensavo e ripensavo a quella scena, a Gianluca che si segava guardandola sotto la doccia. Ma volevo di piu, volevo che questo gioco continuasse e che anche io avessi la mia parte, anche io volevo superare la soglia della loro intimità, anche io volevo fare qualcosa di proibito, anche io volevo vedere Federica.

Così la sera stessa parlai con Gianluca
io:- Allora, ancora scovolto?
Gianluca: - Cristian, è stata una cosa che volevo da un pò e che davvero non m'aspettavo. mi ha eccitato tantissimo
io: - anche a me. l'idea di mostrare la propria ragazza, qualcosa di tuo, di fare ciò che mai avresti pensato di fare: mi arrapa da matti.
Gianluca: - hai ragione, dovremmo rifarlo! e sorride divertito. Io allora rincaro la dose
- Beh, magari questa volta alla rovescia.
- Cosa?! vuoi vedere Federica
Cristian risponde con aria dubbiosa: - e poi non saprei come, la doccia in bagno non lascia vedere niente dalla porta, poi lei si cambia in camera sempre con le finestre chiuse, non saprei proprio. Io allora lo interrompo: - Gianluca, magari vi potrei sbirciare stanotte mentre siete a letto no?" lui rosso in viso ma scommetto gia mezzo duro nelle mutande: - eh forse, non saprei se si riesce a fare.
io:- Gianlu, basta che lasci un pò la finestra aperta e le tende non del tutto chiuse
Gianluca ancora un pò titubante , fa un cenno d'assenso e mi da appuntamento a più tardi.

Ormai non sto piu nella pelle ,Anna esausta mi da la buonanotte, io fumo nervosamente la mia sigaretta in terrazza aspettando che Gianluca metta apposto le sue cose e mi prepari la scena.
Dalla terrazza vedo la luce a pian terreno spegnersi , allora col cuore a mille scendo la scala a chiocciola che da sul giardino e , con fare molto attento aggiro la siepe per mettermi in prospettiva della finestra della camera da letto di Gianluca e Federica, cercando nell'oscurità di trovare la posizione migliore. Mi apposto per benino, già immagino Federica in camicia da notte che si sveste per mettersi a letto. L'idea gia me lo fa un pò rizzare, ma quello che i miei occhi vedranno, andrà al di là delle mie perverse previsioni:
Si accende una luce fioca all'interno della stanza, forse un lumetto su un comodino; dall'agitare delle tende per via del vento intravedo Federica, all'impiedi ai bordi del letto: indossa una vestaglia molto leggera, quasi da far intravedere cosa ci sia sotto e per dare il colpo di grazia alla mia eccitazione un paio di scarpe con tacco a spillo altissimo. Gianluca è a letto, a torso nudo solo con gli slip, ha gli occhi fissi su qul meraviglioso corpo che ha la sua compagna ma di tanto in tanto, di sfuggita, getta lo sguardo verso la finestra mezza aperta: sa che sono fuori e che mi sto godendo la scena.
Federica si slaccia la vestaglia e la lascia cadere ai suoi piedi, in un attimo vedo il suo culo che è a dir poco un capolavoro. sodo alto , senza un filo di cellulite, il perizoma nero che lo rivestiva non faceva altro che esaltarne le forme perfette e quei tacchi alti slanciavano le gambe in un'apoteosi di fascino e irresistibile sensualità.
Federica sembra in vena, pare voglia giocare con il suo lui fremente dall'altro lato del letto. Prima lo respinge ad un suo approcciarsi, poi pare voglia improvvisare uno spogliarello: lo fa rimettere comodo schiena alla spalliera e comincia a slacciarsi il reggiseno, lo sfila molto lentamente, quasi voglia sentire dentro di se l'eccitazione che prova Gianluca a guardarla. Le lascia libere , due tette sode , non molto grandi ma con due capezzoli belli dritti che fanno capolino. Io a questo punto sono davvero molto eccitato e comincio a toccarmi il cazzo che mi sta diventando duro nei pantaloni. Gianluca fa lo stesso, anzi se lo tira fuori e gia mezzo eretto comincia a menarselo dolcemente godendosi lo spettacolo che gli sta offrendo la sua compagna e sapendo che io da fuori mi sto gustando tutto.
Federica prosegue, si gira e si piega a novanta, mettendo in bella mostra il suo sedere a un palmo dal naso di Gianluca. Poi sempre da piegata unisce le gambe e si tira giù il perizoma. Non so come abbia fatto Gianluca a rimanere immobile davanti a quella figa completamente rasata, sicuramente gia bagnata e dall'odore oscenamente eccitante. Lei sale sul letto, non permette ancora di farsi toccare , si sfila una scarpa, passa il suo piedino sulla cappella di gianluca che ha un sobbalzo. Federica accenna una risatina e un sorrisetto, si sta divertendo... continua nella sua azione, passa le dita dei piedi sul glande scoperto di Gianluca , poi scende lungo l'asta e gli sfiora delicatamente le palle. E' in piedi sul letto, con le braccia sui fianchi e vede sotto i suoi piedi fremere il suo uomo con aria da vera dominatrice.
Io da fuori comincio a segarmelo ma non in maniera convulsa, ho voglia di far durare la mia eccitazione e godermi per bene questo momento.
Federica finalmente, si china sul suo uomo e comincia a baciarlo appasionatamente, le loro lingue si incrociano e si cercano frementemente. Lei gli sfila i boxer e cominciano un meraviglioso sessantanove: lui gliela lecca tenendole le mani salde sul culo e lei comincia a segarlo e a intervalli, concede al suo prepuzio una intensa leccatina.
La visuale adesso è perfetta, Federica sta spompinando il suo lui proprio di fronte la finestra. La verga di Gianluca ormai e in tiro in tutti i suoi centimetri e lei non si fa pregare troppo a inghiottirgli quella maestosa cappella. A un certo punto mi si gela il sangue nelle vene: con il cazzo in bocca Federica guarda verso la finestra, in maniera insistente, come se cercasse di scorgere qualcuno. Che mi avesse visto? o meglio che si aspettase la mia presenza? Non credo che Gianluca fosse arrivato a tanto, non ne era neanche lui pienamente convinto! E se invece ci avesse sentito parlottare poco prima?
Un turbine di idee mi girano per la testa a cui non riesco a dare una risposta ma Federica continua il suo pompino, continua il suo su e giu con la mano su quell'asta di carne venosa e manda occhiate verso il giardino, come se stesse aspettando che qualcuno si mostrasse.
Cambia posizione, comincia a cavalcarlo furiosamente, i suoi gemiti sono eccitantissimi e si sentono fin fuori la camera. Si ferma, si gira da le spalle a Gianluca che ora è steso e comincia a saltargli sul cazzo, si regge piantando le mani sul materasso. Vedo perfettamente Fede di faccia, ha un viso da maiala stravisato dall'eccitazione, saltella sul cazzone del fidanzato che appare e scompare nella sua figa fradicia. Ma continua a guardare fuori, continua a cercarmi con lo sguardo. So che se non mi muovo non potrà vedermi mai, ma la situazione mi eccita all'inverosimile , voglio sapere se lei sa che la sto guardando e vuole vedermi. Con quell'incoscienza e coraggio che si ha solo in certe situazioni, faccio un passo avanti tanto da farmi intravedere dalla penombra che la luce della stanza crea all'esterno del giardino. Federica continua a scopare, mi vede, mi sorride, si porta le mani sulle tette, si pizzica i capezzoli e mi fissa il cazzo mentre mi sego. Rimaniamo per qualche secondo così, a fissarci a vicenda , io ormai me lo meno furiosamente e sono vicino a un fortissimo orgasmo.
Federica lascia uscire il cazzo dall figa, pianta la sua fregna in faccia al suo compagno e comincia a segarlo in maniera decisa appoggiando delicatamente la sua lingua sul glande. Gianluca comincia ad ansimare, sta per venire. Fede continua il lavoro, alza gli occhi e mi guarda, io non sono indietreggiato, sono ancora visibile ai suoi occhi e ho il cazzo duro in bellavista quasi sul davanzale della finestra.
Lei me lo fissa, aumenta il ritmo con la mano, vuole farmi vedere come fa venire il suo Gianluca. Io da parte mia non sento di poter resistere per molto. Quasi contemporanemente vedo che Gianluca tra mille gemiti sborra sulle lebbra e sulla lingua di Federica, che continua a leccarlo fino a fargli cacciare l'ultima goccia. Io in quel momento chiudo gli occhi e sborro animalescamente, faccio fatica non emettere alcun rumore. Gli spruzzi di sperma sono belli densi e potenti che finiscono sull' erba del giardino. Federica mi sorride con la bocca imbrattata di sborra e si gode gli ultimi istanti del mio orgasmo.

Con lo sperma che le scorre sulle guance e sul mento, si alza, avanza nuda e bellissima verso la finestra, si ferma un secondo mi sorride con sguardo complice e divertito, si passa la lingua sulle labbra come a volersi pulire e in un secondo abbassa la tapparella e cala il sipario.

- Se vi è piaciuto questo racconto, critiche suggerimenti e consigli la mia mail è [email protected]

o aggiungetemi su facebook: Cristian Raccontoeros
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 8.0
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Quello strano piacere... (2a parte):

Altri Racconti Erotici in trio:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni