Racconti Erotici > Prime Esperienze > Un romantico perverso - Parte 1
Prime Esperienze

Un romantico perverso - Parte 1


di Membro VIP di Annunci69.it amoletettone
09.07.2013    |    9.011    |    0 8.6
"Ci abbracciammo teneramente x qualche secondo..."
Mi infilai la maglia e il jeans in fretta e furia. Avevo saputo del falò troppo tardi e dovevo sbrigarmi a tornare a casa , docciarmi ed essere di nuovo in spiaggia per la serata. Ci sarebbe stata anche Manuela , cosi mi avevano detto le amiche , venute al bar dove lavoravo x invitarmi e questo è bastato per farmi volare a casa lasciando di punto in bianco il posto di lavoro mezzora prima...
Manuela l'avevo conosciuta da qualche giorno. Era in vacanza con le amiche e spesso e volentieri veniva al bar del lido. Mi colpì subito per la dolcezza del suo sguardo , per quel viso angelico e x quel fisichetto da far girare la testa. Si, era prosperosa , adoro le ragazze cosi ma questo passava in secondo piano rispetto al resto : ai suoi modi di fare tanto gentili ed educati , alla dolcezza dei suoi sguardi , alla bellezza dei suoi occhi che pareva mi parlassero e mi dicessero quanto fossero felici di vedermi ogni mattina che veniva in spiaggia.
Per forza di cose , x l'orario lavorativo , non potevo ritagliarmi molte ore libere da passare in spiaggia con loro e conoscerle meglio . Conoscere meglio soprattutto Manuela . Ci limitavamo a scambi di sguardi fugaci ...che si alternavano da quelli dolci da piccioncini teneramente invaghiti che non avevano il coraggio di dirselo, a quelli sfuggenti lungo i nostri corpi che arditamente desideravamo con passione.
Fui un lampo in doccia , vedevo dalla finestra già il caos sulla litoranea che si riempiva di gente per il falò del 16 di agosto... t-shirt , jeans con sotto il costume per il tradizionale bagno di mezzanotte e su in motorino alla volta del lido. Scesi in spiaggia , salutai subito qualche amico e già cercavo fra la folla la comitiva di Manuela. "eccoli" dissi sottovoce mentre le vidi sedersi a un lato del falò.... proprio vicino ai ragazzi con la chitarra. Presi tre birre e mi avvicinai a loro. "sera ragazze" esordii salutandole affettuosamente....erano felici di vedermi a quanto pare...offrii da bere e scambiammo 4 chiacchiere parlando del più e del meno. La serata scorreva piacevolmente ,tra skerzi risate e canzoni . Io e Manuela ci guardavamo spesso e volentieri negli occhi abbasandoli poi forse per vergogna o forse per paura di essere scoperti. Finalmente le altre due amiche a un certo punto si alzarono e dissero che si sarebbero dirette al bar x qualche cocktail. Chiesero a me e manu di seguirle ma io risposi che ero apposto cosi e sperai dal profondo del mio cuore che anche Manuela rispondesse lo stesso. Cosi fu.
Rimanemmo a chiacchierare da soli... lontani qualche metro dagli altri ragazzi , nella penombra , accarezzati da quei colori che solo un fuoco acceso di notte in spiaggia può dare . Lei era bellissima , i suoi occhi luccicavano e si incollavano ai miei ora molto più di prima...i suoi capelli erano mossi dal vento di tanto in tanto....non so come abbia fatto a restistere e a non baciarla subito. Mi disse che sarebbe partita il giorno dopo... e che quindi quella sarebbe stata l'ultima sera...sorridendo le accarezzai il viso come x rincuorarla visto il broncio che aveva messo su. Ci abbracciammo teneramente x qualche secondo...le sussurrai all'orecchio di non pensarci e di viversi questa serata , poi le nostre mani come calamite si strinsero le une alle altre. Col cuore a mille feci scivolare la mia guancia sulla sua x poi finire nel trovare la sua bocca. Ci baciammo prima teneramente per qualche istante.... per poi schiudere le nostre labbra e lasciarci andare ad un bacio languido e appassionato. Rimanemmo incollati x piu di qualche secondo... il fiato corto da parte sua mi faceva capire quanto fosse desiderato quel bacio e quanto fossimo presi in quell'istante che tanto avevo desiderato e sognato. La musica in sottofondo , le luci , l'odore del mare e il fruscio delle onde fecero di quel momento un qualcosa di assolutamente perfetto che mai avrei sognato potesse accadere.
Ci riprendemmo dallo shock e ci sorridemmo divertiti... la presi per mano e la tirai su allontanandoci dalla calca.Temevo che le sue amiche ci vedessero... "ma dove mi porti ??!?! " diceva lei ridacchiando mentre tenendola per mano facemmo qualche metro di corsa sul bagnasciuga guadagnando un po di pace e discrezione ... :-"ma sei matto? e ora che tornano le mie amiche e non mi vedono??" mi disse lei trafelata e divertita. "beh... meglio cosi avremo un po più di tempo e pace per noi no?'" risposi":-"perchè che intenzioni hai?" mi disse lei con sguardo divertito e malizioso. Non risposi , ci baciammo ancora una volta stretti come due tenaglie... "ascolta... conosco un posto dove possiamo stare davvero tranquilli e al riparo da tutti..." le dissi mentre le nostre mani già si fondevano sui nostri corpi..." vuoi andarci?" le sussurrai mentre le stringevo i fianchi . Le sue mani divennero sempre piu audaci e scesero pericolosamente sul basso ventre :-" ok...andiamo" mi disse all'orecchio e insieme ci spostammo nella parte posteriore del lido vicino alle cabine .
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 8.6
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Un romantico perverso - Parte 1:

Altri Racconti Erotici in Prime Esperienze:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni