Racconti Erotici > Gay & Bisex > Un uomo, due vite - gli inizi
Gay & Bisex

Un uomo, due vite - gli inizi


di Membro VIP di Annunci69.it Cpcuriosa60
21.02.2024    |    3.729    |    9 9.2
"Nel delirio della febbre stabilmente alta per giorni, mi vidi scacciato dalla famiglia e dal lavoro e la paura non passò per settimane..."
Per te, amico mio.
Un regalo, in ritardo lo so, per il tuo Compleanno importante.
Ci si trova, tu sai dove e quando.
Con affetto, Loretta
............................................................................................................

Ci stiamo baciando, le sue mani sono strette al mio viso, la sua lingua esplora la mia bocca con desiderio crescente.
D’improvviso si blocca, guardando dietro le mie spalle, gli occhi spalancati per la sorpresa.
Mi fermo a mia volta e giro la testa per capire che cosa sta turbando il mio Amore.
E la vedo, dietro di noi, d’improvviso su quella spiaggia deserta.
Il suo volto è la maschera del dolore e…mi sveglio.
Nella penombra della stanza la vedo dormire tranquilla.
Un incubo, sempre lo stesso da anni, noi due in posti diversi, ma dove pensiamo di essere nascosti al mondo: Lei ci trova e il segreto non è più tale.
Vorrei chiedere a Freud il significato di questi sogni ma so già la risposta: tu vuoi esser scoperto, finalmente e dover decidere con chi stare, con lei o col tuo Amore.
Lei, che ancora baci con gentilezza, che dopo tanti anni ti stupisce per la sua dolcezza e per la sua mente sopraffina.
Lei, con cui sei cresciuto e che ti ha donato la sua giovinezza.
Lei, il nido sicuro, al riparo dalla tempesta.
Ed invece tu ami la tempesta, ti lasci trascinare nel suo vortice da troppo tempo.
E’ tutto vero, caro il mio Freud.
Io adoro la donna sdraiata al mio fianco, non potrei vivere lontano da lei ma per sentirmi vivo ho bisogno del brivido che solo un’altra bocca mi sa dare.
Forse l’ho sempre saputo nel fondo del mio cuore che non avrebbe potuto bastare la vita “normale” di tutti.
Non ricordo quando il desiderio di trasgredire si è insinuato dentro di me, forse quando mi sono innamorato di nuovo.
Lei era giovane, bella e provocante e sapeva di esserlo, giocando con il desiderio, nemmeno tanto nascosto, di tutti i maschi che lavoravano in azienda.
Mi stuzzicava, o almeno pensavo che lo facesse solo con me.
Dimenticai la donna che mi aspettava a casa, che scaldava il mio corpo e il mio cuore quando ritornavo al mattino stanco e infreddolito dopo il turno di notte.
Vivevo invece per gli attimi rubati nello stanzino degli spogliatoi, dove scopavamo a volte, sempre con la paura di venire scoperti.
Oppure era quella la vera fiamma che accendeva le nostre voglie, magari in una camera d’albergo non avremmo goduto.
Finchè un giorno lei mi disse che se ne andava, si sposava col fidanzato di sempre che le aveva già trovato lavoro nella sua città.
Adesso so che lei mi aveva usato solo per spegnere la sua voglia di cazzo, sicura che io, uomo sposato, non avrei mai raccontato a nessuno di quanto era calda e sfrontata.
Di quando avevamo bloccato l’ascensore per fare sesso, cinque minuti bollenti prima che qualcuno chiamasse i pompieri.
Oppure di quella volta in cui l’avevo portata con me nella rimessa dei furgoni per farmi fare un pompino prima di entrare in servizio.
Soffrii e non poco, ma dovetti rassegnarmi.
Mi consolai col pensiero di ritornare ad essere il marito fedele.
Riscoprii la dolcezza del mio nido privato, giurando di non lasciarlo mai più.
Parole, illusioni, ipocrisia.
Galeotta fu la notte e chi ci lavorò.
Successe ancora e fu nuovo per me.
La vedevo esercitare il più antico mestiere del mondo in un viale dietro la stazione.
I suoi seni erano esposti agli sguardi di chi passava frettoloso per prendere il treno oppure agli occhi curiosi di coloro che avrebbero voluto appartarsi con quella creatura.
Lo sapevo certo che era un trans, il viale era per loro, le donne vere lavoravano nella via parallela.
Una notte presi coraggio e mi fermai.
“Che vuoi, tesoro, ti sei perso?”
“No, volevo solo dirti che sei bella”
“Ma grazie! Se vuoi favorire…”
“No, grazie a te. Sono sposato, volevo davvero farti i miei complimenti”
Lei sorrise, chissà perché le risultai simpatico tanto che mi invitò a fermarmi ancora nei giorni successivi.
Scoprii che era colta, spiritosa e amante dei film impegnati.
Colsi l’occasione per invitarla ad un cineforum e lei accettò.
Ricordo quei pomeriggi e i film di registi d’avanguardia.
Lei arrivava vestita come una donna di classe e si immergeva nel film e nella discussione che seguiva.
Nella mia mente però rimarrà per sempre il momento in cui, seminascosta dal buio della sala, mi baciò, sorprendendomi.
Solo qualche tempo prima avrei probabilmente distolto con disgusto la mia bocca ma invece risposi con trasporto e sentii pian piano risvegliarsi il mio uccello.
Lei allungò una mano e me lo toccò, sussurrandomi “Lo sapevo, sei come tutti, solo più paziente”
Non capii se fosse più forte la sua delusione nello scoprimi, in fondo, uguale agli altri oppure il suo piacere per avermi stuzzicato i sensi.
In ogni caso, il pompino che mi riservò fu il migliore mai donatomi, un misto di dolcezza e vigore maschile.
E la strizzata alle palle che agevolò il mio orgasmo poteva essere data solo da un maschio, per la maestria con cui venne praticata.
Di volta in volta i nostri momenti nell’anonimato del cinema si fecero più audaci e durante uno di questi incontri sentii anche le sue dita esplorare il mio culo.
L’eccitazione del momento non mi fece reagire quindi lei lo prese come un gesto di gradimento ed infatti la lasciai giocare con la parte più nascosta di me.
E la più sensibile, scoprii.
Per me lei era una femmina che mi stuzzicava e mi soddisfava, sottraendosi a qualsiasi mio tentativo di esplorare la sua intimità.
Solo un giorno mentre mi baciava avvertii il lieve pizzico della barba che non aveva del tutto rasato.
Mi bloccai ed un ombra oscurò per qualche tempo il nostro rapporto .
Ci pensavo la sera nel letto con lei a fianco, così dolce, femminile, morbida.
Ero diventato un pervertito, un omossessuale?
A quei pensieri reagivo facendo l’amore più spesso, per mettere alla prova la mia virilità più “normale”.
Ma poi tornavo al cinema, nell’ultima fila dove l’altra creatura mi aspettava.
Finchè lei sparì, senza che io ne sapessi più nulla.
Non la rividi al cinema e invano la cercai sul viale.
Non conoscevo nessuno a cui chiedere notizie certe ed anche questa volta pian piano guarii dalla smania di lei.
Ormai però qualcosa in me era cambiato per sempre.
Iniziai a guardare gli altri maschi con occhi diversi.
Cercai l'occasione per capire meglio me stesso e ci riuscii, senza troppa fatica.
Nella grande azienda dove lavoravo le chiacchiere a sfondo sessuale giravano veloci e ben presto potei avvicinarmi ad un collega gay dichiarato.
Trovai il modo di essere con lui negli spogliatoi dove chi svolgeva i lavori più pesanti poteva fare la doccia prima di andarsene a casa.
Non so con che coraggio rimasi fuori dalla doccia con l’asciugamano allacciato sui fianchi attendendo che mi lasciasse il posto.
Solo la voglia di farmi toccare da lui mi fece cadere “per sbaglio” il telo che mi copriva, mostrando solo ai suoi occhi il mio cazzo eretto.
Lui abbassò gli occhi, poi fissò i miei e, controllando svelto che fossimo soli, mi spinse nella doccia.
Fu veloce, esperto, implacabile mentre mi succhiava l’uccello.
Lo lasciai fare ed compii un altro passo verso la mia dannazione.
Solo il giorno successivo capii di aver sfiorato il licenziamento ed il disonore e ne fui talmente scosso che mi ammalai.
Nel delirio della febbre stabilmente alta per giorni, mi vidi scacciato dalla famiglia e dal lavoro e la paura non passò per settimane.
Mi sentivo sporco, indegno di dormire con lei.
Lui non mi cercò, forse aveva chiesto di me e saputo che avevo famiglia.
"Un altro che mi ha usato" si sarà detto.
O forse non gli ero piaciuto, chissà, lui era giovane, curato, prestante, io un marito voglioso, come tanti.
Riuscii quasi a dimenticare, quasi.
Poi scoprii gli incontri in cam…




Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.2
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Un uomo, due vite - gli inizi:

Altri Racconti Erotici in Gay & Bisex:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni