Racconti Erotici > Scambio di Coppia > Signori si nasce
Scambio di Coppia

Signori si nasce


di Membro VIP di Annunci69.it Cpcuriosa60
28.02.2024    |    4.975    |    9 9.8
""Certo che lo sa, vi assicuro"..."
E’ notte, piove, l’acqua scorre nelle grondaie ed invece di rintanarmi sotto al piumone rileggo quella domanda, postami nella chat aperta con lui:
“Mi spieghi che qualità hanno o devono avere i Signori di cui parli”
Non è nemmeno una domanda, mi accorgo.
Sembra un test d’esame “il candidato esponga il concetto ……”
Mi chiedo se è curioso, o sta preparando una tesi su “Le donne queste sconosciute” oppure se sta cazzeggiando con me.
Ci penso, mi rendo conto che nemmeno io so definire esattamente chi sia il "Signore" che cerco, sono sicura solamente che ne frequento uno da anni (sorrido...)
Gli avevo confidato, di sfuggita, il mio assoluto disinteresse verso i maschi il cui mondo gira tutto intorno al loro uccello (non ti curar di lor…)
Allora, l’uomo ideale è forse un eunuco?
Ridacchio, tra me, pensando al mio Uomo che dorme vicino, lo immagino liscio come un Ken in carne ed ossa.
Mmm, no, non andrebbe…
Per avere conferma allungo la mano e lo tocco, senza svegliarlo.
Ragiono un po’ con me stessa
“C’è tutto, tranquilla.
E, Loretta, puoi fare di meglio, pensa a quando il flash di un ricordo ti fa provare quel brivido particolare, che parte da “lei” e risale fino alla gola.
Cosa rimane da un incontro di tanto eccitante da farti sorridere al solo pensiero?
Quand’è che sei certa di aver incontrato un Signore?”
Ripenso a quella volta, al centro termale con le mie amiche del cuore.
Forse un consulto tra donne potrebbe aiutarmi.
........................
Adele festeggiava sessant’anni, era dicembre e nella piscina esterna non c’era nessuno, tranne noi.
Con la sola testa fuori dall’acqua ci godevamo le bolle dell’idromassaggio, languide per aver forse ecceduto nella permanenza in acqua.
Non avevamo voglia di tornare a casa, ci stavamo, in fondo divertendo.
Mimma era pensierosa, le chiedemmo il perché.
“Ho deciso di iscrivermi ad un sito di incontri” ci confidò.
“Beh, non sembri molto convinta” le dissi “pare che ti stiano condannando a morte”
“Sì, sfotti, tu che un uomo lo hai e sei contenta sicuramente del sesso della domenica mattina”
“Scusami, cosa vuoi dire?” ribattei
“Dai, non mi dire che dopo tutti questi anni non fate sesso solo la domenica, quando potete stare a letto un po’ di più.
Immagino, una leccatina lui, una ciucciatina tu, quattro colpetti e vai…”
Non la ritenni degna di una risposta, convinta lei, convinti tutti.
In questi casi, io taccio e penso “Se tu sapessi…”
“Io invece sono in astinenza di orgasmi da non so quanto, forse due anni, da quando lui se n’è andato.
A dire il vero ho scopato ma nessuno si è mai preoccupato di me, del mio piacere.
Voglio recuperare e con gli interessi”
“E che uomo cercheresti?” chiede Adele.
“Giovane, lo voglio giovane.
Massimo quarant’anni.
Non troppo giovane da essere ancora solo irruento, no, ma un poco inesperto, quello sì.
Un maritino infedele, un ragazzetto un po' timido, insomma qualcuno che faccia sesso senza impegno, ma con classe e attenzione per me.
Sarebbe bello insegnargli a farmi godere, riuscire ad avere il suo interesse.
Lo chiamerei ”al bisogno" per due coccole, e una scopata solo se ne ho voglia e poi via, scio'...."
Determinata non c’è che dire.
Rimaniamo un po’ in silenzio, finchè Adele si apre con noi.
“Sito d’incontri, anche no.
A me piace il vecchio sistema, lasciarmi corteggiare e concedermi se ne vale la pena.
Nei locali da ballo si rimorchia ancora, ci vado con le mie colleghe ogni tanto e non torno mai a casa da sola.
Mi piacciono i bravi ballerini, quelli che m’invitano quando mi vedono danzare con un’altra, giusto per passare il tempo.
Di solito sono in gruppo anche loro, eleganti, curati, si allacciano con me in un tango o in un valzer lento.
Cercano subito il contatto fisico, io mi lascio guidare.
Quasi per sbaglio mi fanno sentire la loro erezione, mentre le mani scendono dal dorso ai fianchi e ….
più giù.
Di solito dopo un paio di balli mi chiedono di uscire a fumare una sigaretta insieme.
Io non fumo ma li accompagno.
Conoscono tutte le zone buie del parcheggio per permetterci una prima conoscenza ed impazziscono quando mi trovano già bagnata.
Do loro il colpo di grazia quando rivelo che vivo da sola, alcuni scappano, la maggior parte resta ma solo qualcuno coglie l’attimo.
Ma quasi nessuno si rivela un buon amante, come dicevi tu Mimma, per molti l’obiettivo è scopare, “forte” come si vantano dopo, col risultato che io non provo nulla se non il fastidio del letto che cigola.
E sì, hai ragione, alla fine, via, via, “Sei venuto, bene e allora vai…”
Spietate, le mie amiche, forse troppo deluse da uomini sbagliati.
Voglio farle ridere.
“Allora io mi iscrivo ad un sito di scambisti” esclamo e loro ridono di gusto, pensando di conoscermi bene.
“Ah, sì dai.
Raccontaci, vorrei proprio vederti.
E cosa scriveresti nel tuo profilo?
Milf sessantenne cerca toy boy?”
“Un Signore, cercherei.
In coppia chiaramente, il gioco sarebbe a quattro, nessuno escluso.”
Le lasciai ridere e sempre in ammollo tra le bolle, finsi di inventare un incontro, come se non conoscessi il “gioco” da dentro.
“Ivo mi farebbe delle fotografie, è bravo.
Ci divertiremmo un sacco (loro risero) ci ecciteremmo a vederle sul web.
Aspetteremmo i contatti, immagino scrivano gli uomini e le donne stiano nell’ombra.
Dal primo messaggio, rifletterei su quello che leggo, cercherei di capire se ne valga la pena.
Sarebbe gentile, educato, avrebbe tempo, più avanti, per dirmi che mi farebbe.
Chiederebbe conferma che fossi io alla tastiera, lo rassicurerei ma tra le righe gli direi che Ivo c’è sempre.
Mi presenterebbe, magari per prima, la sua compagna di giochi ed azzarderebbe che staremmo bene insieme.
Un sogno di molti, le nostre bocche incollate, la danza delle mani sui corpi morbidi e lisci.
Dal vivo sarebbe più timido, lei invece sfrontata, perché ci saremmo già sentite al telefono, scoprendoci simili e ugualmente curiose.
Avremmo già pensato, noi donne, di giocare e lasciarli a guardare, con il respiro lieve in attesa di un nostro invito.
Li chiameremmo sul letto e si dedicherebbero a noi, senza fretta, sentendoci già bagnate e forse, già vogliose di loro.
Lui verrebbe da me, mi bacerebbe e leccherebbe, guardando certo la sua donna sfiorata da mani ancora sconosciute.
Lo vedrei sorridere eccitato, un attimo, poi si abbasserebbe tra le mie cosce.
Mi bacerebbe, di nuovo, mi direbbe in un sussurro una frase gentile, ancora non oserebbe raccontarmi la sua voglia.
Non riuscirei a toccargli il cazzo, tantomeno baciarlo.
Non vorrebbe venire, mi direbbe, gli piacerebbe troppo quello che staremmo facendo.
Ecco il vero Signore che emerge, vuole il mio piacere, vedere il mio viso mentre godo per le sue dita che mi frugano esperte.
Mi chiede, mi ascolta, tra un gemito e l’altro, ancora allontana le mie mani dal suo uccello.
A volte gli prendo i capelli, lui ride, o affondo le dita nelle spalle, devo tenerle impegnate.
E si nega, se gli chiedo di più, “non adesso” mi dice, lui sa cosa è meglio.
Accende il mio desiderio ma al primo incontro lo sazia solo con le sue dita.
Gli chiederei “e tu?” e, lui, “non fa nulla ho già goduto sentendoti".
Oppure d'improvviso lo vedrei abbandonare il mio corpo, afferrarsi e segarsi, infilandolo nella mia bocca, con un impeto nuovo.
Si scuserebbe "sai la voglia era tanta" e non gli direi di quanta ancora ne avrei io.
E una volta vestiti, andrebbe da lei, vedendola soddisfatta.
L'avremmo sentita di certo godere più volte.
Ci guarderemmo noi quattro porcelli, stupiti per quanto lo siamo"
Le amiche mi ascoltarono, in silenzio, finchè Mimma sbottò:
“Cazzo, ma quanti film porno vi sparate la sera?
Ma dove le hai imparate ‘ste cose?
Ma Ivo lo sa quanto sei porca, scusami, sai…”
Risero ancora ed io con loro.
"Certo che lo sa, vi assicuro"
..................
Ed ora qui nel mio letto, col rumore della pioggia in sottofondo, mi stringo al mio Signore e stavolta lo sveglio.
E no, amiche mie, non è domenica.


Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.8
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Signori si nasce:

Altri Racconti Erotici in Scambio di Coppia:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni