Racconti Erotici > Gay & Bisex > Una giornata in Brussa
Gay & Bisex

Una giornata in Brussa


di freddy15
13.04.2015    |    19.317    |    10 9.6
"Ci siamo salutati e scambiati i numeri di cellulare per contattarci nel caso di altre gite in Brussa o per altri incontri..."
Da tempo sentivo parlare della Brussa, una spiaggia e una pineta naturali nella zona di Caorle in Veneto.
In molti forum a sfondo sessuale si consiglia questo posto per incontri e per fare del naturismo e la cosa mi ha incuriosito e con la speranza di fare qualche piacevole incontro ho deciso di provare ad andarci.

Venerdì scorso ero a casa dal lavoro e solo così ho deciso, vista la bella giornata di andare.
Arrivato al parcheggio della spiaggia ho lasciato l'auto e preso uno zainetto con asciugamano, acqua e preservativi mi sono avviato verso il mare. Per arrivarci bisogna attraversare una bella pineta. Avevo letto che arrivati alla spiaggia bisognava andare avanti sulla destra per un po' fino a trovare dei "recinti" fatti con materiali portati dal mare tipo tronchi tavole ecc. e da li iniziava la zona dei naturisti e dei bsx/gay. La spiaggia è bella lunga e ho camminato per una decina di minuti prima di trovare i primi "rifugi" e dopo un po' ho notato qua e la qualche uomo nudo che prendeva il sole vicino alle dune. Al mio passaggio quasi tutti mi guardavano e seguivano con lo sguardo, la cosa mi ha subito eccitato e ho scelto un posto non troppo lontano dai tipi, ho steso l'asciugamano e mi sono spogliato. Mi stavo ancora preparando quando ho notato del movimento dietro alla duna e un tipo che mi osservava accarezzandosi il pacco sotto al costume. Ho subito deciso di giocare e dopo essermi tolto i pantaloni e la maglietta mi sono girato con il culo verso il tipo e piegandomi leggermente in avanti ho fatto scendere lentamente il costume fino a togliermelo poi fingendo di sistemare l'asciugamano mi sono abbassato alla pecorina e poi mi sono disteso mentre con uno sguardo osservavo l'effetto del mio show. Il tipo doveva avere gradito parecchio lo spettacolo visto che aveva il cazzo in mano e si stava segando lentamente! Ho subito pensato che la fama del posto era ben riposta.

Comunque mi sono messo a godermi il sole sulla pelle fantasticando già sui possibili risvolti di quella giornata. Dopo cinque minuti, mentre ero disteso ad occhi chiusi a fantasticare sento una voce: "bella giornata vero? Ci voleva un po' di sole.". Ho aperto gli occhi e accovacciato davanti a me vedo un uomo sulla cinquantina, abbronzato e nudo, il suo cazzo era a non più di 30 centimetri dalla mia faccia. Resto un attimo perplesso per la visione ma subito mi riprendo e rispondo: "si proprio una bella giornata, e anche una bella vista direi.". Il tipo sorride e allungando la mano mi dice: "io sono Piero ti va se mi metto qui con te?". Mi presento anch'io e gli dico di accomodarsi e mi metto seduto per lasciare un po' di asciugamano per Piero che subito si è accomodato. Nel sedersi, non so se volontariamente o no, Piero mi ha fatto passare il cazzo a pochi centimetri dal viso tanto che ne ho sentito quasi l'odore, e mi sono reso conto che il mio era già bello duro! Seduti a fianco Piero mi ha chiesto se era la prima volta che venivo lì visto che non mi aveva mai visto e che avevo messo in agitazione parecchia gente al mio passaggio. Gli ho spiegato che era la prima volta e che avevo conosciuto il posto nel forum del sito Annunci69. Piero poi mi ha chiesto cosa cercavo e gli ho spiegato che ero un bsx passivo e che...non ho fatto tempo a finire la frase che mi aveva preso la mano e portata sul suo sesso. Abbiamo iniziato ad accarezzarci e poi lui mi ha detto di seguirlo.

Mi ha accompagnato dietro le dune al limitare della pineta e mi ha fatto inginocchiare. Ho iniziato a succhiargli il cazzo che lentamente ha cominciato a prendere consistenza rivelandosi in tutta la sua lunghezza e grossezza. Era un bel cazzo, circonciso con una cappella bella grossa. Lo succhiavo avidamente con le mani di Piero sulla testa ad accompagnare i miei movimenti. Dopo un po' mi ha tolto il cazzo dalla bocca per spingermi la testa un po' più giù per farsi leccare le palle, depilate, grosse e durissime. Io ero estasiato e continuavo a leccare e succhiare le palle alternandole con il cazzo durissimo. Ero così preso ed eccitato che non mi ero accorto che altri due tipi si erano avvicinati e si stavano segando gustandosi lo spettacolo, fino a quando Piero mi ha detto di girarmi.
Mi sono alzato e appoggiando le mani ad un pino, mi sono messo alla pecorina pronto a ricevere quel cazzone, e solo allora ho visto i due porci con i cazzi in mano. La cosa mi ha eccitato ancor di più. Piero nel frattempo ha iniziato a leccarmi il buco e a provarlo con un dito prima e con due poi. Si è infilato il preservativo e mi ha appoggiato la cappella gonfia al buco e lentamente ha iniziato a penetrarmi. Sentivo lo sfintere fare resistenza e la cappella spingere sempre di più fino a che il culo ha ceduto e di colpo mi è entrato dentro facendomi emettere un mugolio di piacere. Piero ha iniziato a scoparmi piano e il mio culo si adattava velocemente alla misura del suo cazzo avvolgendolo dolcemente e rilassandosi sempre di più. Piero mi scopava e io godevo, il tipo sulla mia sinistra allora si è avvicinato mettendomi il cazzo davanti alla bocca. Perso nell'eccitazione non ci ho pensato su molto, ho aperto la bocca e ho iniziato a succhiargli il cazzo avidamente. Ora sentivo i colpi decisi di Piero e le sue palle sbattermi sulle chiappe segno che era entrato tutto. Ci sapeva fare, alternava veloci penetrazioni e colpi lenti ma molto decisi che mi facevano gemere di piacere. Mentre mi inculava mi diceva che ero una gran troia, mi chiedeva quanto mi piaceva il cazzo ma io non potevo rispondere perché ero impegnato a spompinare uno sconosciuto.
Ero così eccitato che non mi sono quasi reso conto che cominciavo a sborrare, ad ogni colpo affondato con vigore un piccolo schizzo di sborra mi usciva dal cazzo semi duro e il godimento aumentava. Ero veramente partito tanto che non mi sono reso conto che il tipo che stavo spompinando mi aveva chiesto se poteva venire e ho continuato a succhiare fino a sentire un forte schizzo di sborra innondarmi la bocca, ho continuato a succhiare facendo colare fuori dalla bocca la sborra, molto densa del tipo che godeva soddisfatto del mio pompino. A quel punto Piero si è fermato, ha sfilato il cazzo dal buco del mio culo e mi ha detto di stare fermo così. Avevo la bocca impastata di sborra e le gambe che mi tremavano ma sono rimasto in quella posizione finché Piero ha preso il posto del tipo appena spompinato e tolto il preservativo mi ha messo il cazzo in bocca per godere anche lui. Appena ho cominciato il nuovo pompino ho sentito due mani appoggiarsi ai miei fianchi e un altro cazzo appoggiarsi al mio buco e scivolare dentro senza difficoltà pompando subito velocemente. Ho pensato che il tipo appena spompinato avesse deciso di servirsi ancora della troia di turno (io), ma girandomi lo ho visto qualche metro più in la che si accarezzava il cazzo soddisfatto. Ho capito che era un altro. Il cazzo di Piero mi scopava la bocca e un altro sconosciuto mi stava inculando. Era incredibile! Ma godevo da matti e non volevo crearmi problemi ma solo divertirmi! Dopo poco Piero ha accelerato i movimenti scopandomi in bocca e mi ha preso la testa tra le mani ed è esploso in un orgasmo costringendomi ad ingoiare la sborra per non soffocare. Subito dopo anche chi era dietro è arrivato all'orgasmo venendo con gli ultimi colpi affondati violentemente e facendomi godere menandomi il cazzo con una mano.

Sfinito mi sono inginocchiato per prendere fiato. Dopo un paio di minuti per riprendermi mi sono alzato e girato, i miei tre "amici" erano la soddisfatti che mi guardavano. Abbiamo fatto un paio di battute e si sono congratulati per la mia performance e i due sconosciuti mi hanno salutato e se ne sono andati. Rimasti soli io e Piero siamo tornati alla spiaggia e Piero mi ha chiesto sorridendo: " Allora? Cosa ne dici della Brussa?". La mia risposta è stata che non avrei immaginato andasse così bene! Ci siamo distesi a prendere il sole e Piero sorprendendomi un po' dopo qualche minuto mi ha detto: "sei proprio fantastico, non avevo mai conosciuto uno caldo come te. Non ti sei risparmiato e ho visto come sborravi mentre ti scopavo." E poi ha continuato ridendo "Sei proprio una bella troia lo sai? Per fortuna che la giornata è ancora lunga perché mi dispiacerebbe finirla così.". Gli ho risposto che mi era piaciuto molto ma che avevo le gambe doloranti dalla tensione e dallo sforzo per cui dopo dovevamo trovare una posizione più rilassata se gli andava. Piero ha risposto con una risata "Vedi che sei proprio una troia, non dici mai di no!"

La giornata è passata piacevole prendendo il sole, chiaccherando e con un altro pompino fatto a Piero li sull'asciugamano nel pomeriggio.
Ci siamo salutati e scambiati i numeri di cellulare per contattarci nel caso di altre gite in Brussa o per altri incontri. Sono tornato a casa soddisfatto e in doccia mentre mi lavavo ho sentito il buco bello aperto dopo le due inculate, mi sono eccitato e segato ripensando a quell'esperienza e fantasticando di tornarci presto in Brussa!!

Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.6
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Una giornata in Brussa:

Altri Racconti Erotici in Gay & Bisex:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni