Racconti Erotici > tradimenti > Una Prof In Calore (Parte III)
tradimenti

Una Prof In Calore (Parte III)


di rodubi
04.02.2016    |    31.400    |    1 7.8
"Ma, nell’attraversare, la macchina le si para davanti!! Erano i tre balordi, i tre delinquentucci dell’istituto..."
Questa storia è scritta a quattro mani, quelle del sottoscritto “Rodubi”e di “Francy”, lettrice di alcuni miei racconti. Francy è l’ ispiratrice ed ideatrice di una serie di racconti che vedranno come protagonista una giovane e bella professoressa alla presa di una attività non proprio esattamente “Scolastica”. Naturalmente potrete inviare i vs commenti sulla storia, sia al sottoscritto che a Francy, questa è la sua email; [email protected].

Ci vollero alcuni giorni prima che la prof ritrovasse quella serenità e conduzione di vita normale dopo quella traumatica, ma eccitante, erotica esperienza. La sera a letto, spesso con gli occhi spalancati verso il soffitto, fissandolo riguardava tutto ciò che il suo corpo aveva subito, ripensava alle umiliazioni, alle corna messe ripetutamente al suo fidanzato ma, ma non poteva negare a se stessa che tutto ciò che le era capitato le era tremendamente piaciuto ed al solo pensiero la sua figa si riempiva, quasi scoppiava di caldi umori!! Si sentiva Troia dentro, se da un lato tutto ciò la eccitava sino a farla bagnare le lenzuola del letto, dall’altro non poteva nascondere a se stessa il timore di incontrare i tre balordi e di essere in pratica oramai oggetto, anzi ostaggio erotico di una piccola band di assatanati sessuali.
Mentre era a letto a fissare il soffitto, guardando e riguardandosi quelle scene erotiche nella sua mente, spesso la mano scivolava tra le cosce, a sollevare il perizoma a mo di segarsi la figa, lentamente, lentamente, la mano scivolava sotto la felpa che pian piano apriva per il calore e accarezzandosi le zizze, stuzzicandosi i capezzoli, accarezzava e accarezzava il suo corpo, provando piacere, poi irrefrenabile, pazza dalla voglia di essere scopata, lentamente apriva il comodino, tirava fuori il suo dildo di 26 cm e pian piano lo portava sul clito, lo strusciava, incominciava a stimolare le labbra roventi, carnose, umide della figa.
Incominciava una lenta penetrazione, pian piano, il dildo entrava, entrava, sempre più dentro, sempre più, l’altra mano strizzava i seni,i capezzoli, accarezzava le autoreggenti che spesso, anche a letto, indossava come le famose gocce di profumo che usava mettere la bella e sensuale Marilyn prima di andare a letto. Durante quelle masturbate, diventate sempre più frequenti, spesso accendeva e poi lasciava accanto a se il cellulare, la tentazione di chiamare il suo lui mentre si menava la figa e pensava a quelle corna che aveva messo, a quei cazzi che aveva succhiato, a quel culo che le avevano rotto, era una libidine assoluta, una goduria, un orgasmo continuo e meraviglioso, un sentirsi troia al 100%!!
Il dildo avanzava sempre più, le labbra erano sempre più bagnate, le mani aggrappate ai suoi capezzoli turgidi e duri, tanto da farle male, immaginava di essere tra quei bastardi, immaginava i loro cazzi, di essere chiavata in ogni buco del suo corpo, immaginava ed in cuor suo non cedeva il momento di assaporare anche il loro sperma, di succhiarne ed ingoiarne la sborra, tanta sborra!
Mentre il soffitto restava immobile, la sua mente era squarciata da quelle scene, il dildo ormai giunto nello stomaco la faceva saltare a letto, inarcare la schiena dal piacere, abbracciava a se uno, due cuscini ed immaginava che fosse quei bastardi a scoparsela, immaginava che se la stavano pompando uno davanti l altro dietro nel culo, una doppia penetrazione, una delle cose che più gradiva! Mentre si masturbava immaginava di avere tra i suoi piedini uno di quei cazzi a segarlo, a farlo arrivare, immaginava come farlo godere avviluppato tra le sue calze sexy e piene di sborra.
Quella notte era arrivata, le sue labbra erano ormai inzuppate, il dildo aveva fatto l’ingresso anche nel buco del suo culo con una goduria enorme, eccezionale, sentirsi penetrare contemporaneamente era forse quello che più si aspettava dai tre bastardi. Un incontro che tardava ad arrivare, che temeva per le circostanze, il luogo e per come l’avessero trattata. Ma era più forte di lei, in anima sua, nella sua fessa non aspettava altro che quel momento!!
L’indomani, al risveglio, la Prof fatta la doccia, si veste di tutto punto, calze blu autoreggenti, perizoma da paura in tinta, reggiseno completamente di velo blu a retina, si vedevano anche i capezzoli, tutto insomma, sopra una bella camicetta, ma essendo troppo sexy, aveva pensato bene di coprirla con un foulard. Era bella, sexy, arrapante, voleva esserlo, in cuor suo, nella sua figa sperava che un giorno o l'altro avesse fatto quel brutto ma elettrizzante incontro con i tre bastardi che avevano le sue foto e che le avrebbero fatto culo e figa!!!
Prende la borsa, scende e si avvia sculettando come sapeva fare, tanto da attirare sguardi e commenti dei passanti, verso la metro. A poche centinaia di metri dall’istituto nota che una macchina la segue, di tanto intanto le suona il clacson, ma lei pensa il solito cretino e non si gira, continua a camminare. Ma, nell’attraversare, la macchina le si para davanti!! Erano i tre balordi, i tre delinquentucci dell’istituto.
Cerca di evitare l’auto, ma di tutta risposta uno dei tre scende dall’auto e, presa sotto braccio:
Salve prof!! Dobbiamo offrirle un bel cannolo ripieno di panna, salga in macchina!
Prof: Non ci penso neanche, lasciatemi stare altrimenti mi metto a urlare.
Ma uno di loro le mostra dal finestrino un pacchetto di volantini a colori!! Era ritratta lei in tutta la sua bellezza, con la figa a tutto campo mente si faceva scopare dal “Fotografo!”
Professoressa, desidera che lanciamo in strada sotto la scuola questi volantini??
Capisce tutto, è ostaggio di quei tre, sale in macchina e mentre si siede dalla sua figa fuoriesce già un primo fiotto di umori, si stava già bagnando la zoccola al pensiero di quello che di li a poco le doveva capitare.
Stretta dietro tra i due balordi, la prof incomincia a fare domande;
Prof: dove volete portarmi, vi prego fatemi scendere, vi state cacciando in un brutto guaio, ferma questa cazzo di macchina!!
Ma di tutta risposta uno dei due accanto a lei la rassicurava, mentre l’altro già faceva scivolare la sua mano sulla coscia della prof.
Prof: tieni le mani a posto, stronzo, stai fermo, ferma la macchina e fammi scendere!!
Ma anche l’altro cominciava a tastarla a palparla, la sua mano si era infilata dentro la gonna dietro, e le stava scivolando velocemente sul culo, la mano le era sulla pacca, il dito pian piano le stava arrivando nel culo,
Prof: smettetela, cazzo, lasciatemi stare, vi prego!!
Ma ancora, una mano oltre la coscia e sotto la minigonna era arrivata alla figa, scostato il filo del perizoma il dito le era arrivato nella figa, nelle labbra, tra la peluria piena di umori della sua fessa, tutta bagnata, super eccitata, si stava tradendo! La fessa era già un lago!
Carlo; zoccola, puttana, ma se sei bagnata fradicia, troia, ti sta piacendo essere palpeggiata!! Senti questo!
Il dito va a cercare il clitoride, lo trova, struscia e struscia su quel bel bottoncino della figa calda, bagnata, l’altro dito le era nel culo e incominciava a penetrarla, la mano sotto la camicetta era arrivata ai capezzoli, duri come il marmo!! In quella situazione non si era mai trovata, ma sperava nella sua figa che non finisse mai!!
La prof un po ansimava dall’irresistibile piacere, ma un po cercava di resistere!
Prof:
Basta, basta, basta vi prego, lasciatemi, lasciatemi stare!! Vi denuncio!!
Ma di tutta risposta quello che guidava le lancia in faccia il mazzetto di volantini con le foto porno della sua scopata con il fotografo. Ora è lei in macchina piena di mani addosso con tutte intorno le foto che la ritraggono nuda che si fa schiattare la fessa, per lei una goduria senza fine.
La macchina abbandona la città e si dirige in aperta campagna.
E’ una situazione che aveva sempre sperato accadesse, che aveva sognato proprio la sera precedente, ma che un po le faceva paura, erano tre cazzi!! Tre cazzi che doveva ricevere nella figa, probabilmente nel culo, in bocca!! Pensava a quanta sborra le avessero scaricato quei tre, tanto che nemmeno il suo fidanzato sarebbe riuscito a penetrarla per la tanta sborra depositatale in figa!! Carlo le stava sfondando il culo con il dito e la cosa la faceva godere,ma non voleva venire, non voleva arrivare, non voleva andare già in orgasmo, per quello stava già assaporando il momento!!
Arrivano in un casolare abbandonato ma che già conoscevano, dove avevano già portato tutto l’occorrente. Coperte, fari, telecamere… prima di farla scendere i due balordi se la baciano entrambi e la sollevano quasi di peso mettendole le mani sul culo. Quello che guidava e non aveva potuto godere di nulla, prima di aprire lo sportello dell’auto, tira giù la cerniera e caccia fuori un cazzo bello, sodo, di marmo.
Ettore:
Ok prof, incominciamo da questo, io non ho potuto godere delle sue attenzioni, ma il mio uccello si è incazzato!! Dai troia, incomincia con farmi un bel bocchino, mi raccomando, anche le palle devi leccarmi!!
Prof:Vi pregooo, basta, basta, lasciatemi andare!!!
Incomincia a piangere, ma è tutta scena, lei desiderava questa situazione dal omento in cui le avevano detto i nomi di chi sapeva tutto!!
Ettore;
Mo basta, bucchina, fammi sto pompino!!
E di tutta risposta le ficca il cazzo in gola!!
Prof: Off,,ommm, nnoooo, ti preg…ummm
Ettore accompagna il movimento premendole la testa sul cazzo, cazzo che le penetra sino all’ugola!!lei gode, gode e si bagna la figa come una dannata, come una puttana in una gang bang!!
Succhia avidamente, la sua mano aggancia il cazzo è tanto grosso che quasi non lo tiene in mano, mentre lo sta spompinando la fanno inginocchiare, ora è a bordo macchina inginocchiata e mentre spompina voracemente quel cazzo, nota che anche gli altri due hanno tirato fuori i loro cazzi e le sono a tiro di labbra!!
Dai prof, ingoia anche questi, zoccola, metti in bocca anche questi e spompina!!
Lei umiliata ed ubbidiente, a turno e a ripetizione con tre cazzi enormi davanti a se infila a ripetizione quei cazzi uno dopo l’altro. Mentre godono come dannati le strappano la camicetta ed esce con quel sexy reggiseno trasparente blu!
Carlo:
Uauu sei uno schianto di troia guarda sta zoccola i capezzoli, guarda che figa!! Ooo, uumm si continua siii brava la lingua sulla spaccata brava, ora che ti arriviamo in bocca preparati che ti affoghiamo di sperma!!
Lei gode ed ingoia quei cazzi, tre non le erano mai capitati da sbocchinare!! uno ed uno ed un altro, uno dopo l’altro, che troia in ginocchio mezza nuda con tre cazzi in gola!!
Carlo:
Ummm che zoccola che sei, ragazzi io sto arrivando e voi?
Dai spruzzala sulle tette, su dai!!
ooohh..arrivvooo..
uno di loro le spruzza lo sperma in bocca, lei si ritrae un po visto il getto enorme e violento, la sborra le arriva in faccia, nei capelli, le cola sulle tette, è ancora più sexy. Gli altri due stanno per arrivare, lei lo intuisce, prende con le due mani i loro cazzi e a fatica li mette in gola tutti e due!! Vuole provare ad essere sparata di sborra contemporaneamente con due cazzi in gola, è una goduria senza fine, un orgasmo!
OOohh..ssiiiiii,, che zoccolallllaaaa!!
Le sparano contemporaneamente lo sperma in gola, per lei è una goduria inimmaginabile, mai fatta una cosa del genere, lo sperma le fuoriesce dalle labbra, le cola sul mento è piena zeppa in gola. Quasi soffoca!
E’ strabagnata, è ostaggio di quei tre balordi. Si tolgono i pantaloni, la fanno alzare, lei gli implora di lasciarla di smetterla li. Ma di tutta risposta la fanno mettere davanti al cofano della macchina, la sborra le cola dalla bocca!!
Ettore, avanti zoccola, togli il reggiseno!!
Senza fiatare e forse anche in modo sexy lo slaccia, escono due aureole rosso fuoco con al centro due capezzoli incredibili, sodi, duri, due zizze meravigliose che ondeggiano ad ogni suo movimento!
Bene zoccola, ora facciamo così, togli il perizoma, tanto è fradicio e facci federe la figa!
Un grosso riflettore acceso verso di lei nel buoi di quel casolare, le illumina una figa eccezionale, carnosa, rosso fuoco, bagnata fradicia.
In pratica è rimasta solo con le calze blu autoreggenti sporche di sperma!!! Quasi distesa sul cofano del’auto in attesa di essere chiavata a turno da quei tre balordi.
Umm quanto sei bona, Puttana ora mentre noi ti scopiamo sul cofano, fai a Carlo una bella massaggiata al cazzo con i tuoi piedini!! Ci hanno detto che ci sai fare! Dai Carlo distenditi a terra sotto i suoi piedi e fatti fare un pompino al cazzo con i suoi piedini sexy!!
Prof.NO vi prego!
Ma di tutta risposta riceve uno schiaffo!!
Non devi più fiatare capito troia!!
La stendono quasi del tutto sul cofano, in due la leccano dappertutto, collo, tette, la baciano, affondano la loro faccia sulla fessa e la slinguano a più non posso, per lei è una goduria immensa, un piacere unico!!
Uno dei due le mette le dita dentro la fessa e gliela lecca contemporaneamente, l’altro la bacia in bocca le zizze, le braccia, le massaggia le zizze come un massaggio, si sono attrezzati, hanno anche olio profumato che le spalmano sui seni, sul corpo a renderla ancora più liscia, penetrane, arrapante, eccitante! Lei avverte il profumo di quell’olio, è inebriante, eccitante, gode di quel massaggio che non aveva immaginato e calcolato con la sua mente erotica!!
Sentirsi quell’olio profumato e sentirsi massaggiata è ancora più arrapante, se ne accorge Carlo che mentre la slinguava nella fessa riceve in bocca un fiotto di umori!!
I suoi piedini intanto cercano e trovano il cazzo del terzo, Paolo, che si fa massaggiare dai sui piedi il cazzo ancora colante di sborra. Ora sono in tre a toccarla, palparla a slinguarla a baciarla.
Lei gode, gode come una prof in calore come una puttana !!
Lavora con i suoi piedini, ma intanto Ettore che la slinguava non resiste, le allarga la fessa e pian piano incomincia a penetrarla con il cazzo!
Se lo aspettava, capisce che ora il gioco si fa “Duro”!! Sente arrivare un cazzo enorme nella fessa, sente aprire quelle labbra rosso fuoco da un cazzo enorme, un calore la pervade, sente le mani sulle zizze ed incomincia a essere sbattuta come una zoccola da quel cazzo, l’altro sale sul cofano e le mette il cazzo in bocca, ora è con uno che se la sta chiavando nella fessa, ha un cazzo in bocca e sente il cazzo tra i piedi che è diventato duro, ma duro, sente anche l’altro sul cofano, ha di nuovo due cazzi in bocca e uno nella figa che la sta sfondando, la macchina ondeggia, ma è ben ancorata, come è ben arrapata lei in tutta quella situazione! Sta godendo come una troia!!
Prof:
oohh..ummm che cazzi sti stronzi, che cazzi duri, bastardi..uummm, ohh, che zoccola che sono che puttana che mi avete fatto diventare!! Luridi bastardi, oohhh, ummmm
Se la sta chiavando sempre più sempre più
Ettore: ooohh…siiii tieni sta cazza di sborrraa siiii
Le spara fiotti di sborra nella fessa, lei gode, gode come una ossessa. Nemmeno il tempo di uscire con il cazzo che uno dei due sul cofano la fa alzare.
Vieni puttana!!
La portano sul sedile di dietro,
prof. Cosa volete farmi ancora!!
La mettono a pecora, le allargano il culo, incomincia la penetrazione anale, quella che lei preferisce
Prof. Oooh,,,noooo vi prego, il culo nooo!!!
Ma il cazzo le sta spaccando il culo pian piano. Ma non è finita, sul sedile le si para di sotto, l’altro!!
Vieni zoccola, una doppia penetrazione fessa e culo ti farà bene!!
Lei è gasata al massimo, a letto a casa spesso aveva sparato per tante volte due dildo in contemporanea uno nella fessa, l’altro nel culo, immaginando che fossero due cazzi!! Ora stava vivendo la realtà!!
Se la stanno chiavando di santa ragione, lei salta sul cazzo e sente un dolore atroce nel culo con l’altro cazzo,ma è bellissimo, che troia, che puttana!!
Prof:
Ooohh..sssiii, cosiiii, siii, ora mi dovete rompere, chiavatemi, scopatemi bastardi di merda!!
Pensa al suo cornuto che troverà per giorni sborra di quei tre nella fica e gode, gode alle corna che gli sta mettendo!!
Se la stanno scopando di santa ragione, le arrivano in figa, nel culo
Prof. Ooohh….uummmsiiii
Ettore: prendi zoccola, gustati la sborraaaa
Carlo: Ummm puttana!!.
Con figa e culo dolorante si accascia su di loro, le esce sborra ovunque, ma, ma improvvisamente sente prendere i suoi capelli da un'altra mano!!! Si gira, guarda atterrita, erano il fotografo e Luca!!
Ciao prof, ben trovata!!
Ora ci siamo anche noi e Laky anche stavolta ha scattato ottime foto. Tra poco ci divertiamo anche noi, ma tranquilla, abbiamo portato anche un bel lettone!!! Ti faremo stare comoda, non hai idea di quali e quante sorprese abbiamo per te!!! Ah prof, dimenticavo, ti piacciono i contadini?? No perché questa terra che ci ospita è di un contadino che dobbiamo pagare! Oh scusa, che devi pagare, indovina come!!???
La prof sempre più atterrita e avvolta da quel piacevole incubo erotico, non ha nemmeno il tempo per pensare che la fanno alzare, le aprono una porta, è tutto bui pesto, non si vede nulla, un senso di timore e paura l’ assale, ma improvvisamente si accende un grosso e luminoso proiettore che spara la luce su di un letto bianco, rotondo, tutt’intorno il buio più totale, il fotografo aveva ben organizzato quell’effetto!
Su prof, vai sul letto, diamo inizio al servizio fotografico e non solo!!!
Prof:
Bastardi, ora basta, lasciatemi andare, vi siete divertiti abbastanza!!!
Ma di tutta risposta uno di loro, la solleva letteralmente mettendole anche le mani in mezzo alle cosce e la scaraventa sul letto. Prende una benda nera e le copre gli occhi!!
Lei è super eccitata, sembra di essere al centro di un film, in cuor suo già pregusta tutti quei cazzi che di li a poco avrebbe succhiato e ricevuto nella carne, compreso quello del contadino!! Arrapante la situazione, quasi avrebbe voluto che in un angolo buoi di quella stanza vi fosse li ad assistere, magari incatenato, anche il suo cornuto.!
Laky:
Ok, prof ora incomincia ad assumere atteggiamenti sexy, apri le cosce, mostra la fessa, le calze autoreggenti tienile non devi toglierle, sei uno schianto!!
Ma di tutta risposta, invece che aprire le cosce, le chiude!!
Splacchh!!
Uno schiaffo molto forte le arriva in faccia, con una tirata di capelli!! Era uno dei tre delinquenti
Ettore:
Stammi a sentire Troia!! Forse non hai capito!! Fai tutto quello che diciamo, se no ritorni a pezzi dal cornuto!!
Sentita quella frase, decide di collaborare, anzi quella frase serve al suo inconscio quasi per giustificare quell’ essere così zoccola in quella situazione che da li a poco si sarebbe creata!!
Allarga le cosce, a mò di sfida allarga anche le labbra della fessa da cui fuoriesce sborra dei tre!! Sotto la luce uno spettacolo nello spettacolo!!
Carlo:
Brava puttana, quanto sei troia!!
Si agita sul letto la prof, come una pornostar, si masturba, si mette la mano in bocca!! Li provoca!
prof:
Stronzi ma dove siete, bastardi avete paura di chiavarmi!! Fatevi avanti fatemi vedere quello che cazzo sapete fare!!
Incomincia a sentire la presenza sul letto dei bastardi, bendata, alla cieca incomincia a trovare i cazzi dei bastardi, tutti di marmo, ne prende uno, due, tocca le palle, ne mette uno in bocca, lo toglie, ne prende un altro, sente le mani addosso, non riesce a contarle, la toccano ovunque, sente mani sulle e nella fessa, sul culo, sente un cazzo dietro il buco del culo, e una lingua che le sta slinguando la figa, i suoi ormoni sono a mille, quanto vorrebbe il suo cornuto che assistesse a tutto questo!!
La sua bocca è piena di cazzi, di palle, è al centro di una gang bang, solo lei con cinque cazzi che a turno le stanno strusciando addosso, in bocca, improvvisamente sente che un cazzo, enorme sta per penetrarla nel culo, è enorme, come è enorme!! Sente lo sfintere allargarsi, sente le pareti delle pacche allargarsi, vorrebbe urlare, ma sta godendo, godendo come una zoccola, come una prof in calore, in questo momento a due cazzi in bocca uno nel culo e sente che un altro lesta da sotto per aprirle la fessa, ci si siede sopra, agevola addirittura quello di dietro allargandosi lei stessa con le mani il culo, aprendo le pacche il più possibile, e gode,gode, che troia!!
Prof:
ooouuummm, uummm siiii, stracciatemi il culoo, stronzi bastardi, uumm che cazzi, che cazzi che avete brutti bastardiii !
Incomincia una doppia penetrazione e come una cavalla, incomincia ad agitarsi, se li sta scopando, se li sta divorando quei cazzi, sta godendo, entrambi i buchi sono pieni dei suoi umori e sta godendo con un cazzo dritto enorme nel culo ed un altro dritto nella fessa!! Sente ancora la faccia e le lingua di un altro che se la sta baciando sulle zizze, sul culo, le sta accarezzando le cosce e avendo ancra le calze ad ogni leccata di cosce è un brivido nella schiena e nella fessa!!
Improvvisamente ettore dice:
Ett: dai togliamole la benda, la zoccola si sta comportando da vera maiala…si merita un premio!!
Le strappano la benda, in un primo momento è accecata da quella luce sul letto, ma poi incomincia a distinguere volti e ..cazzi!! e con sua sorpresa si accorge che il cazzo che aveva nel culo era “Nero”!!! si era il contadino!!, una “Montagna Nera”, un uomo di colore, una montagna di muscoli che se la stava pompando a tutto gas!! La cosa la eccita ancor di più, da morire, vede tutti quei bastardi attaccatale come ad una Lupa in calore, tutti a leccarla a toccarla, si sente una Dea del Sesso!! Una Cagna da stuprare!! Si sente al centro di un orgia, sta godendo!!
Prof:
ooohh…siii.anche un bastardo nero…che cazzo che hai, figlio di puttana, spaccami l culo, daiii, fammmi veder come mi apri il culo!!
Nemmeno il tempo di parlare che Laky, con la macchina fotografica in mano le spara il suo cazzo in bocca e l’accompagna con la mano sui capelli a segargli il cazzo, lei scopa, scopa e gode , carlo ad un certo punto le mette in mano il cellulare, lei intuisce, mentre si sta dimenando e godendo, guardando negli ochhi quei bastardi clicca il numero del suo fidanzato!!
Chiama il fidanzato::
Prof:
Tesoro, amore, come stai, stasera ci vediamo?? ooohh, amoree…uumm…ssiii, sai ho voglia di te, di essere scopata da te!!
Sto, sto con una mia amica…sii..ci stiamo, ci stiamo divertendo, a giocherellare!! ci vediamo stasera …oohh….tesoro…ti amo!!!
Mentre glielo dice mette il cell tra il cazzo che la sta scopando nella fessa e le labbra piene di sborra e umori!! Sono le più belle corna che gli mette, ha quasi il cell nella fessa con il cazzo di un altro mentre il ragazzo è ancora al telefono!!!!

Quel contadino nel culo la sta facendo venire come nessun altro, la sta letteralmente aprendo in due il culo, prova dolore, ma gode, gode, goderee!!
Incominciano ad arrivare i fiotti di sperma, nel culo, nella fessa, i bastardi una volta scaricato lo sperma, fanno spazio agli i altri per penetrarla, e a loro volta le scaricano sborra in quantità, uno le arriva in bocca, quasi si strozza, lei con la coda dell’occhio vede il cazzo nero che le ha appena aperto il culo, si fionda a ripulirlo, è una goduria, solo che è così enorme che a stento le entra in gola, sta godendo, sta godendo come una prof in calore
Forse sa pure che Laky, il fotografo, la sta filmando e fotografando, ma ormai non se ne fotte, lei vuole essere solo fottuta!! E’ oggetto di quei bastardi.
Ettore incomincia anche a prenderla a schiaffi sul culo, gode ancor di più, il nero stremato si accascia vicino al letto, lei lo nota, si sposta verso di lui, con le calze sexy e piene di sperma prende tra i suoi piedi quel cazzo ed incomincia a segarlo, mentre un altro da dietro le sta entrando anche lui nel culo, ormai la strada è aperta e lei quasi non lo sente più, ma lui da dietro le mette le mani sulle zizze, le strizza i capezzoli, lei gode, gode da morire!!
Oramai tutti le hanno sparato sborra ovunque, il suo corpo nudo e splendido sotto quel riflettore brilla della sborra di tutti
Prof: uummm che cazzii..bastardi…bastardi di merda!!!
Incomincia a piangere, non sa nemmeno lei se per gli orgasmi vissuti o per essere stata violentata da cinque anzi sei cazzi.
Ettore: Che troia, che zoccola, sei una gran puttana, complimenti!!
Mentre lo dice si accascia su di lei e la bacia ovunque, intanto il cazzo nero che mai aveva mollato tra i piedi è ritornato su!!! Il nero la guarda, lei scosta stizzosa gli altri e dice:
Prof:
bastardi, ora voglio lui, solo lui!! questo maledetto bastardo nero!!!
Nella sua mente scorrono le immagini viste su di un gran bel sito “Annunci69” di una donna che si era fatta chiavare da un enorme “Montagna Nera”!! Vuole anche lei emularla, e vuole dentro la sua fessa quella montagna di muscoli!!
Il nero incomincia a penetrarla entra che è una favola, la fessa è piena di sborra, incomincia a chiavarsela, un cazzo enorme, gli altri assistono a quella chiavata in silenzio, si sente solo il rumore delle palle di quel bestione che la sta letteralmente scopando sin nell’utero e naturalemente le sue urla incrdibili di goduria che squarciano quel silenzio della campagna!!
Prof:OOoooohh, ssiiii,,cazzooo,, che cazzooo enormme,siiii, goodoo,,dammi sto cazzoo,, chiavami, scopamiii, figlio di puttana!.
Il nero scopa che è una favola, era da poco arrivato e continua a scoparla come un forsennato, laky fotografa e tutti godono di quella zoccola che si sta facendo sbattere da quella bestia nera, il cazzo entra ed sce velocemente e…
EEccooolooooo…fiotti di sborra escono talmente in gran quantità da quel cazzo che è uno spettacolo vedere fuoriuscire la sborra dalla figa a velocità della pompata!!
Prof::Ooooohhh, siiiii, bastardiii, lui siiii che sa chiavareeee!! SSSiii!!!sssii!
Alla fine,anche lei esausta, stanca, si ritrova con i cazzi a portata di bocca, li lecca, ripulisce, il letto è pieno di sborra, si ritrova sazia di sborra, piange, piange ancora, la lasciano li sul letto sotto il riflettore, si allontanano a bere una rinfrancate birra. Piangendo pensa al suo ragazzo, ai sensi di colpa nei suoi confronti e a chissà ancora quali situazioni le prepareranno quei deliziosi bastardi.
[email protected]
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 7.8
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Una Prof In Calore (Parte III):

Altri Racconti Erotici in tradimenti:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni