Racconti Erotici > tradimenti > Il Debito...di mia Cognata !!
tradimenti

Il Debito...di mia Cognata !!


di rodubi
23.01.2009    |    157.350    |    4 9.5
"Stavo venendo in bagno ad asciugare il mio lago… A quelle parole le ho dato un bacio appassionato in bocca..."

Il Debito di mia Cognata

Mia cognata Lucia, sorella di mia moglie, è una bellissima ragazza, alta, mora, capelli lisci, labbra carnose, pelle vellutata e di carnagione un po scura, come se fosse sempre abbronzata, un paio di gambe da far invidia ad una modella, un seno meraviglioso, una 4 credo, seni belli sodi e tosti, quasi sembra esserci passata la mano del chirurgo plastico. Ha un culo da sogno, culo che sembra un’albicocca di quelle con la spaccata a rientrare, sempre ben truccata, preparata, veste con abiti aderenti per mettere in mostra le curve paraboliche che si ritrova!… insomma è una gnocca che scoperesti da mattina a sera!!. Il marito al contrario e un tipo tarchiato, un po goffo, grassoccio, con modi e linguaggio spesso non proprio di classe. Hanno due figlie, ma purtroppo non assomigliano affatto alla mamma!. Sapevo già che nella loro famglia le cose non andavano al meglio, troppe tensioni tra lei ed il marito..lei che ha 40 anni si è evoluta e migliorata nel tempo, lui invece si è trascurato e anche invecchiato precocemente. Ultimamente e sempre più spesso litigano di brutto anche in presenza di figlie e familiari. Purtroppo una delle cause dei loro litigi è legata alla loro situazione economica, ultimamente purtroppo le cose sono peggiorate e sono in serie difficoltà. Nel perido natalizio erano venuti a casa mia per i consueti auguri di natale, e con loro, vi erano anche i genitori di lei, i miei suoceri. Dopo un po di chiacchiere varie, la discussione prende la piega delle loro difficoltà economiche, io ero nel salone intento a leggere il giornale, ma sentivo perfettamente mia cognata litigare con il marito perché, per colpa sua, era costretta a chiedere dei soldi in prestito ai suoi genitori. Tre, quattro mila euro per riuscire a far fronte alle spese più urgenti e pressanti. La discussione si trascina nel salone, mia cognata si siede difronte a me e gl altri sui divani accanto. Mio malgrado dovetti ascoltare, ancheun po imbarazzato, tutte le accuse mosse al marito e il tira e molla con lacrime al seguito che mia cognata fece trapelare da quello splendido viso perché i suoi genitori non erano nelle condizioni di prestarle tutta la cifra, ma solo una parte, di più non potevano! Va bene disse mia cognata, vuol dire che proverò con una finanziaria! Notai però che durante la discussione mia cognata, seduta sul divano difronte a me apriva e richiudeva le gambe in modo strano, inconsueto, allargandole per bene e richiudendole molto ma molto lentamente, lasciandomi intravedere ogni ben di dio. Indossava una gonna blue scuro che le arrivava poco sopra le ginocchia, calze bianche a rete, scarpe con tacchi vertiginosi, una camicetta bianca con sulle spalle un golf panna. Apriva e chiudeva ripetutamente le gambe, un po per gli scatti d’ira, ma probabilmente anche perché aveva notatao che il mio sguardo spesso e volentieri si posava li, in mezzo a quelle cosce meravigliose e mi lasciava intravedere lo slip tanga nero che indossava. Tanto ero imbarazzato che vi confesso ad un certo punto mi sono alzato e sono andato in bagno, sia perché il cazzo incominciava a gonfiarsi..e sotto la tuta cresceva visibilmente…sia per non destare l’attenzione degli altri che partecipavano alla discussione. Inaspettatamente mentre stavo per uscire dal bagno, mi ritrovo mia cognata sulla porta con gli occhi ancora un pò lucidi…e mi dice…
Scusami, ho creato un casino a casa tua…non capiterà più…
niente le dico, non preoccuparti, anzi fammi sapere….se hai bisogno di qualcosa, nei limiti delle mie possibilità…
Nel frattempo che le parlavo, mia cognata mi guardava il pacco tra le gambe ancora rigonfio e mi teneva la mano, cosa che mi faceva ancora più indurire il cazzo!
Di tutta risposta alla mia frase, mia cognata riacquistava il suo splendido sorriso e mi dice….
Davvero?…davvero posso contare su di te?..
Si certo rispondo…e di tutta risposta mi molla un bacio sulla guancia e mi sussurra all’orecchio…ne possiamo riparlare non in presenza degli altri?, mi da fastidio!
Certo rispondo, quando vuoi.
Sabato pomeriggio passo a prenderti con l’auto della società dove lavoro, facciamo un giro e così ne discutiamo, ti va?
Va bene…OK.!.
Sabato pomeriggio mi telefona al cellulare e mi da l’appuntamento, invento una scusa per mia moglie e al luogo ed ora concordata arriva puntuale, salgo in macchina e mentre lei riparte a gran velocità, noto subito il suo abbgliamento!!
Una gonna bianca di quelle elasticizzate che, complice il sedile dell’auto, lasciava vedere quelle splendide gambe avvolte in calze nere a rete piccola piccola, sopra indossava una camicetta color panna che lasciava intravedere il reggiseno, dello stesso colore, con i capezzoli che quasi bucavano la stoffa. Sopra le spalle un pulloverino che si adagiava tra collo ed i fianchi.
Ben truccata, capelli neri sciolti lisci che ondeggiavano ad ogni movimento del suo capo, un rossetto bello lucido pieno di brillantini che le donava molto.
Una volta partiti ad un certo punto dice…
Grazie per essere venuto, sei la mia unica speranza…però scusami, ma vorrei andare a discutere del prestito e della sua restituzione in un luogo isolato, sai la macchina ha le scritte della società e potrebbe passare qualche persona che mi conosce. Ho detto in ditta che andavo a casa per una questione urgente, devo rientrare tra un ora, vuoi guidare tu?…tu conosci le strade meglio di me!!.
Va bene dico, fema l’auto!
Scendo per prendere il suo posto, ma quando apro la porta lato guida, lei sgancia la cintura e passa dall’altro lato senza scendere, aprendo vertiginosamente le gambe per scavalcare il cambio, la gonna sale su! Vengono fuori le calze autoreggenti ed un tanga (o meglio un filo interdentale!) che le segava appena appena la fica completamente depilata!! A quella visione il cazzo è incominciato ad andare in ebollizione, le sorrido e le dico…
Cavolo!!! Sei proprio una cognatina splendida, sei da calendario sexi…..bellissima!!
E lei…dai smettila …non farmi troppi complimenti potrei crederci! Se ne è salita la gonna! Sai che mi piace vestire sexi…
Mi metto al volante e prendo una strada secondaria, fatta altre volte !!!
Nel frattempo, approfittando che ero alla guida, aveva tirato fuori il trucco e si era un po sistemata, soprattutto aveva messo la cintura di sicurezza proprio tra le zizze in modo da lasciar quasi mezzo reggiseno fuori dalla camicetta!.
Confesso che tra le zizze e le cosce che le spuntavano da quella straminigonna…è stato alquanto difficile non fare incidenti!!!!
Giunti nella una stradina isolata, lei mi invita a parcheggiare in una specie di anfratto.. e mi dice..
Ok….parcheggia li…qui di sicuro nessuno noterà l’auto…
sgancia la cintura e si gira verso di me mettendo una gamba sotto l’altra lasciando intravedere la banda della calza autoreggente, si sistema i capelli portando ripetutamente le mani verso l’alto lasciandomi intravedere gran parte del seno bello e sodo….
comincia a raccontarmi dei guai e delle litigate con il marito che non sopporta più e addirittura mi confida che lo avrebbe già lasciato se non avesse due figlie!.
Mi dice anche che spesso il marito gioca a carte e perde delle piccole somme che nell’insieme fanno numero e incidono non poco sulla già difficile situazione economica in cui si ritrovano.
Gli occhi le ridiventano lucidi…prendo il mio falzoletto e glielo porgo, ma lei invece mi prende le mani e mi dice …
Dai ti prego asciugami tu, ho il trucco e non vedo dove si scioglie…
Questo mi da la possibilità di avvicinarmi enormemente a lei, al suo viso, ne sento il calore… il mio cazzo è già bello e tosto…l’asciugo delicatamente gli occhi e mi appoggio con l’altra mia mano sulla gamba ripiegata e del tutto scoperta, non dice nulla, anzi di tutta risposta allarga ancor di più le gambe e si lascia andare in un pianto a dirotto abbracciandomi e mettendo il suo viso accanto al mio..quasi guancia a guancia.
Da quella posizione riesco a vedere parte del culo con il tanga che le fuoriesce dalla gonna dalla pate superiore e la sua gamba destra completamente scoperta …
Nell’abbraccio sento tutta la potenza e la compattezza di quelle zizze meravigliose che premono sul mio petto…
Abbracciati le sussurro all’orecchio…
Dai Lucia non fare così ..conosco già la vostra situazione, se sono venuto a questo appuntamento è perché voglio aiutarti …
Nel frattempo la stringo forte e godo di quella posizione e del contatto con i suoi seni …del suo corpo…scendo con una mano lentamente e gliela appoggio sul culo, giocherellando un po con la parte superiore del suo tanga….
Sempre in maniera sussurrata le dico..Lucia, i soldi te li presto ma non deve saperlo nessuno! deve essere un segreto tra me te….
E lei di tutta risposta si scosta da me, mi guarda negli occhi e mi dice
…grazie, sei un grande!..ma come faccio a restituirteli se non dico niente a nessuno, a mio marito…ai miei genitori…dovrò farmeli prestare da qualcun altro per ridarli a te?
non preoccuparti Lucia… per restituirmeli c’è tempo e troveremo di comune accordo il modo….
Nel frattempo con la mano che avevo sul culo, tiro e ritiro leggermente il tanga segandola proprio nella fessa…avverto che lo gradisce perché di tanto in tanto emette qualche piccolo sospiro…le poggio anche l’altra mano sulla gamba e le tocco la banda della calza autoreggente svivolando nell’interno della coscia…anche qui non dice nulla, mi sarei aspettato una reazione negativa…insisto! Le massaggio lentamente la coscia, la calza e la pella mi fanno arrapare…
Tu si che sei un gran cognato…sai invidio mia sorella, so che andate d’amore e d’accordo, magari t’avessi sposata io….
Dai rispondo…continuando ad accarezzarle la coscia, Lucia tutto si risolverà, ora asciugati le lacrime…
Grazie cognatino per il conforto….
e di tutta risposta mi molla un bacio appassionato sulle labbra!!
La stringo forte a me e contemporaneamente le poso pesantemente la mano sul culo…
Staccate le labbra ..le dico Lucia..
tu mi sei sempre piaciuta, non so se hai notato, anche la discussione che hai avuto a casa mia la settimana scorsa, mi sono alzato dal salone perché vedendoti aprire e chiudere le cosce mi avevi fatto eccitare il cazzo e sono dovuto andare in bagno…
Lo so, mi dice, ho notato come mi guardavi e come guardavi in mezzo alle cosce…ti posso confessare una cosa??…
Dimmi Lucia..
L’ho fatto apposta…ho capito che ti andava di guardarmi e…scoparmi…sai mi sono bagnata tutta anche io…i…i.. tuoi sguardi mi hanno fatto eccitare tutta, avvertivo che mi avresti voluto spogliare e scopare tutta…mi sono eccitata da morire.. stavo venendo in bagno ad asciugare il mio lago…
A quelle parole le ho dato un bacio appassionato in bocca....lei ha risposto mettendomi subito la lingua in bocca…le nostre lingue si cercavano, si arrovellavano…le tiravo forte il tanga da dietro al culo..le piaceva…gemeva…
ormai eravamo andati…!!!!
Ho incominciato a toccarle le zizze, a sbottonarle la camicetta…mentre sotto la cappella del cazzo quasi scoppiava…
Lei ha detto…
dai spogliami …è un pezzo che volevo scopare con te…mi sei sempre piaciuto..ed a giudicare dal pacco che avevi in bagno a casa tua, devi avere un cazzo enorme qua sotto….e so che ti piaccio da morire!
Nemmeno il tempo di finire la frase che me la ritrovo ad aprirmi la cerniera dei pantaloni e a fottere il mio cazzo nella sua bocca carnosa..
aspetta le dico, almeno abbassiamo i sediolini…
.Ok?.. fatto!
si distende alla meglio e comincia a farmi un pompino meraviglioso…la sua bocca è speciale…è carnosa ..ha delle labbra a pompinara….sembra quasi che abbia la fessa al posto della bocca…lo scappella, lo lecca, passa e ripassa la lingua sulla spaccata del cazzo…scende sino alle palle…le succhia…
uhhmmmmm…cosiiii..hai una bocca da pompinara…siii fammi un bel bocchino…ohh…..sei espertissima a quanto vedo….ohhhh….siiii…uhmmmm…..
nel frattempo, anche se a fatica, le strappo il reggiseno.. tocco con le mani le zizze, i capezzoli sono chiodi….lei imperterrita continua a spompinarmi il cazzo…si infila in gola anche l’inizio delle palle…quasi rimette
era così arrapata che si vede non scopava con il marito da tempo!!
Le tocco e ritocco i capezzoli, le prendo la testa per i capelli e l’accompagno nel movimento del bocchino …del pompino..
Lei gode…
Lucia..non c’è la faccio piuuuu.. sto per arrivare…ti sborro in bocca….
Si cognatino dai …dai sborrami in bocca dai…voglio la tua sborra…il tuo sperma..ummmm che cazzo che hai,….uhmmm non mi sbagliavo…
hai capito mia sorella che cazzo si è scelta…uummmm dai..sborrami in gola…daii…
Nemmeno il tempo di finire la frase che le avevo scaricato una quantità di sborra calda in gola…
Uuhhmmm…che buona la sborra del mio cognatino….uuhhmm…ottima…..aspetta…
me lo ripulisco tutto…
Ancora con la sborra che le colava dalla bocca, sale su strusciandomi le zizze sul petto e mi mette la lingua in bocca passandomi la mia sborra….
Ummmm..le dico… hai ragione è proprio saporita….ridiamo entrambi …e ci baciamo appassionatamente.
Si mette accanto a me sdraiata a giocherellare con il mio cazzo in mano..e mi dice…
Splendido il mio cognatino…hai capito…di la verità…ti sono sempre piaciuta..vero?
Da morire...figurati che ogni volta che vieni a casa sogno di incularti…sei da sballo…
Ora cognatino vogliamo parlare del prestito?…
Certo…quanto ti serve? Mi servono duemila euro….ma ti ripeto non so come poterteli restituire…
Lucia…o hai capito e fai finta di non aver capito…o forse veramente non lo hai ancora capito..!!
Cosa?
Lucia me li restituirai così…facendoti scopare da me!! Come??
Se ti va così bene…se no..non se ne fa nulla….!!
La sua faccia sulle preime un po rattristata…ma poi…
E va bene…ci sto!!.tanto con quello stronzo di mio marito non ci sto più a letto da na vita…e tu te la cavi niente male!!!.ma come facciamo a quantificare??
Come facciamo? Le dico…
Lucia, ne più ne meno come si fa con le puttane….non ti offendere…fa parte del gioco…mettiamo un tariffario…un tariffario?…si! ad esempio, una chiavata normale 200€, una inculata 300€…un pompino…100€..e così via….
Cognatino ma ti rendi conto di quello che stai dicendo???
Si certo, ad esempio con il pompino che mi hai magnificamente fatto, ti sei già scalata il conto…
Dai Lucia..ho voglia di proseguire, duemila euro son tanti da restituire…ci stai???
Cosa vorresti dire cognatino?….Voglio il tuo culo!! Cossaaa???
Non sai da quanto sogno di mettertelo nel culo, hai un culo spettacolare, bellissimo….
Ma sei matto?….il culo non l’ho mai dato …nemmeno a mio marito…!!!!
Vorresti dire che sei vergine nel culo?!
Si….hai capito…ho paura, li fa male…..male da morire…
Senti, se ti fai inculare ..dai 2000€ ti scalo in un colpo solo 400€..ti va?…
400€ per il mio culo?..non sapevo valesse tanto….e va bene..! però non ti pare di star approfittando un po troppo della tua cognatina??
No…rispondo…infilandole a sorpresa le dita della mia mano nella fica bagatissima….
Ahhhhh….ummmhh…no che fai…no..dai…aspetta..parliamon…ahhh..siii…ummmmhh…
Lucia finiscila sei un lago qua sotto…vedi? solo con il discorso del culo, del prestito, delle tariffe, della puttana… ti sei eccitata e bagnata come il “mar tirreno”…finiscila di fare la commedia…tu sei una bella Troia…una zoccola, una Puttana ed così che vuoi essere trattata…non mentire…!!!
Si…Siiii…è vero…è vero…daiii…trattami da puttana…dai…pagami, pagami come si fa una troia…daiii…siiii…continua con la mano…dai mi eccita tanto…leccami la fica..daiii.daii…non ce la facci più!!
Avevo ormai tutta la mano dentro la fica….e le sgrillettavo il clitoride provocandole ripetuti orgasmi, la vedevo inarcare il bacino e la schiena…ripetutamente….
Senti Lucia ora sai che facciamo?
…ummhh..noo…dimmi…oohhh….come mi fai godere..dimmelo…sono la tua troia…la tua puttana…dai…come vuoi scoparmi…
Ti scopi il cambio della macchina mentre io ti inculo….vedrai è fantastico….
Il cambio dell’auto?..
Si vieni qui….le sfilo la mano dalla fessa.bagnatissima…i suoi umori le avevano begnato persino la banda delle calze autoreggenti….
Ecco girati, metti la faccia verso il parabrezza…cosi!mamma che culo che hai…sei splendida…
Grazie cognato…mio marito non me lo dice che sono mesi!!!
Che Stronzo!…poggia ora le mani, una sullo sterzo, e l’altra sul porta oggetti…così!
lascia scivolare lentamente dentro la fessa la mazza del cambio….cosi.brava…cosa dici…?
Ummmh….oooohhh….ahhha…siii…godooooo..che bello…ahhha….
Lentamente Lucia..lentamente..
Mio dio che CULO che hai!!!!
Ti piace davvero così tanto il mio culo?? Lucia..ha volte l’ho sognato, ora ti prego lascia fare a me…rilassati ci penso io al buco del tuo culo…dai non aver paura..tu scopati il cambio e godi….
Uuummmhh…ne hai di sorprese eh cognatino…ummmm…ohhh….
Saliva e scendeva sul cambio che era un piacere…la fessa bagnatissima l’agevolava..e tutta la situazione la eccitava da morire…
Con la lingua l’insalivavo quel buco da favola….
Mentre la zoccola godeva ..eccome se godeva giocando con l’asta del cambio nella fessa
Ti prego cognatino…fai piano…fai piano ho paura….
Con la mano prendo gli umori della fessa e li passo e ripasso sul buco del culo….
Dapprima le metto un dito …ahhhhh….ohhh…
Calma Lucia..calma…
piano…ti prego….
Poi lentamente due dita, le allargo leggermente l’ingresso dello sfintere….
Troia…vedo che incominci a godere…ehh?
Si..ora va meglio…ohhh….siii…ma ho paura del tuo cazzo …come farà a entrare li..ummm…è..ohh…è…enorme…
Non aver paura…
Nel frattempo la mia adorabile cognatina incominciava a godere anche di culo…cercava con il culo le mie dita…spingeva il culo verso di me…cercava le dita …
capii che era pronta ….e..
Ecco Lucia ora ti inculo…
Siii daiii…sta mazza del cambio è eccitante…ma ora ti voglio dentro …daii…vienimi dentro il culo…ohhh…perché non ti ho chiesto il prestito prima…daaiii…daii…inculami…dai….spaccami il culo …sborrrami dentro…siiii…..fammi godere come una troia…dai sono la tua puttana a pagamento…dai…inculami…siiii…uummmhhh
Con la cappella del cazzo gonfia all’inverosimile… punto il buco del culo…incomincio a entrare lentamente…
Era davvero ancora vergine nel culo…la via era alquanto stretta…ma…
Con l’altra mano le sgrilletto il clitoride velocemente ….
Lentamente avanzo con il cazzo il quel paradiso.. me lo sento avvolto dalla carne…
Incomincio a muovermi dapprima lentamente…avanti e indietro..avanti e indietro..prima lentamente…lentamente….poi più velocemente…i tessuti del culo incominciano a cedere….li sento aprire al mio passaggio..la troia gode come un ossessa…..
Me la inculo sempre più velocemente per un buon quarto d’ora …il cazzo era venuto da poco con il pompino e dunque!!
….sentivo il cazzo scoppiare….la troia si stava divorando la mazza del cambio ormai inzuppata….e quando poteva si toccava le zizzee..si sgrillettava….era in exstasi
Mamma che troia che sei…puttana….dopo ti pago…puttana che non sei altro…godiiii è …adesso godi con il cazzo nel culo è!!
…..facevi la troia,…non lo volevi!!
Uuuhhmmmm sii…hai ragione…cosa mi sono persa…ma meglio il cazzo tuo che quello di mio marito…così con le corna fatte è più eccitante…
voglio essere la tua puttana preferita…la tua zoccola…inculami..inculami….siiiii….
Mentre lo diceva portava le mani nei capelli e se li stringeva a formare la coda….
Bella la mia troia…fai la cavalla….ehhh…vieni che ti spacco il culo…
Da dietro le prendevo le zizze…le faceco ruotare…le premevo…
Madonna che zizze che hai Lucì.….la prossima volta mi fai una spagnola!!!
Ti faccio tutto quello che vuoi cognatino…ma ricordati..sesso e soldi..ohh…ahhh ..siiiii…
Eccooolooooo….un getto di sborra caldo nel culo….a seguire anche un altro….
siiii….che troia che sei…cognatina…..mi sa che ti presterò un casino di soldi….
Ohhh…siii…così uniamo l’utile al dilettevole…!!!
Ahhhhh….ahhhh…ohhhh….sento il caore della tua sborra nel culo…ummmhhh..che bello…mi hai completamente riempita!!
E tu hai bagnato tutta la mazza del cambio!!!
Ci accasciammo entrambi esamini sui sedili…con ancora il cazzo nel suo culo….
Il cazzo non voleva saperne di ammosciarsi…sarà stata l’effetto della grande eccitazione, della situazione….
Ci baciammo e ci toccammo dappertutto ancora un po…poi ci rivestimmo e ritornammo in città,
mi riaccompagnò li dove mi aveva preso…e durante il tragitto lasciai guidare lei…io naturalmente…le sgrillettavo la fessa..con suo sommo piacere….sentivo la sborra arrivare dal buco del culo sino avanti nella fessa…e lei godeva e rideva…
me la sarei scopata ancora ma doveva tornare in uffico….il permesso era di un ora sola!
Le dissi..
Allora Lucia…mi raccomando il ns segreto….questi sono 1000 euro …il resto alla prossima volta… guarda che se fai i conti sei già in debito con il mo cazzo…e di parecchio…dunque preparati!!
Grazie cognatino…non preoccuparti non ho mai pagato debiti così piacevolmente, non ti bacio perché potrebbero vederci….
Ma nell’andar via mi mise una mano sul cazzo ancora gonfio e disse…
Ciao amore mio…da oggi in poi ci vedremo spesso….sono diventata la tua puttana preferita!!

[email protected]
Disclaimer! Tutti i diritti riservati all'autore del racconto - Fatti e persone sono puramente frutto della fantasia dell'autore. Annunci69.it non è responsabile dei contenuti in esso scritti ed è contro ogni tipo di violenza!
Vi invitiamo comunque a segnalarci i racconti che pensate non debbano essere pubblicati, sarà nostra premura riesaminare questo racconto.
Votazione dei Lettori: 9.5
Ti è piaciuto??? SI NO


Commenti per Il Debito...di mia Cognata !! :

Altri Racconti Erotici in tradimenti:



Sex Extra


® Annunci69.it è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati e vietate le riproduzioni senza esplicito consenso.

Condizioni del Servizio. | Privacy. | Regolamento della Community | Segnalazioni